Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

XXIII edizione di "Rumori Mediterranei"
Reggio Calabria, Martone, Roccella Jonica - 25/30 agosto 2003
di
Enzo Fugaldi
foto di Gianmichele Taormina

Perennemente in movimento, come in cerca di nuove identità, il Festival calabrese, alla sua 23a edizione, incentrata sul tema de "Il trillo del diavolo", ha scelto di ampliare ulteriormente il dialogo fra il jazz, le altre musiche e le altre arti, ed anche di "estendersi" sul territorio, aggiungendo alla ormai consueta anteprima a Martone una serata inaugurale a Reggio Calabria.

Uri CaineLe anteprime
L
a sera del 25 agosto la spettacolare arena reggina sullo Stretto ha ospitato una breve esibizione in solo di Uri Caine, iniziata al buio e senza amplificazione per problemi tecnici. Il pianista ha entusiasmato il foltissimo pubblico presente dimostrando una profonda conoscenza e rispetto per la tradizione, davvero sorprendenti in un musicista il cui nome è legato peraltro a progetti piuttosto avanzati. Da
Honeysuckle Rose a Cheek To Cheek, passando per All Blues e New York, New York, per concludere con un bis dedicato a 'Round Midnight, Caine si è mosso con vigore e disinvoltura tra bebop e stride, George Garzone - Mike Mainieriinfarcendo gli standard di numerose citazioni a volte ironiche, a volte divertenti e strampalate, a volte con un significato profondo legato all'11 settembre, come la Give Peace A Chance di John Lennon interpolata al brano dedicato alla "Grande mela".

Martone, piccolo paesino in collina a pochi chilometri da Roccella, è il paese di origine di George Garzone. Qui, la sera del 26 agosto, il tenorsassofonista italoamericano si è esibito con l'accompagnamento di Mike Mainieri al vibrafono, in un breve concerto tra composizioni originali e standards, tra cui un pregevole Soul Eyes di Mal Waldron. Danilo Rea - Ada MontellanicoMa la serata era iniziata tra le suadenti atmosfere create dalla voce di Ada Montellanico, che con presenza scenica e professionalità, sostenuta in maniera impareggiabile dal pianoforte di Danilo Rea, ha spaziato fra ballad americane (For All We Know e How I Can I Turn To), brani dei Beatles come Blackbird – con un curioso inserimento di Bye Bye Blackbird – e canzoni italiane, da Ma l'amore no ai brani di Luigi Tenco, che si dimostrano davvero adatti ad un'interpretazione jazzistica.

I pomeriggi all'Auditorium
I
l Festival è stato aperto, all'Auditorium comunale di Roccella, il 27 agosto, dall'inaugurazione di una mostra del noto fotografo Roberto Masotti, sostenuta da una sorta di colonna sonora creata per l'occasione dal sassofonista e poeta Gianmaria TestaVittorino Curci e dal contrabbassista Marco Valente. L'incontro-scontro tra la parola e la musica è stato quindi celebrato estemporaneamente da Danilo Rea al pianoforte e Gianluca Petrella al trombone, che hanno fatto da sfondo ad una lettura di brani dalla sceneggiatura del film Accattone, effettuata dall'attore Valerio Mastrandrea, pienamente a suo agio nel rendere la struggente "poesia degli ultimi" pasoliniana.

Il pomeriggio seguente il cantautore Gianmaria Testa ha impegnato le sue notevoli capacità recitative leggendo un poema di Anna Achmatova dedicato alla repressione stalinista, con il sostegno delle note di un compositore contemporaneo australiano eseguite con intensità da un ispiratissimo Mario Brunello al violoncello. Con l'accompagnamento dello stesso, su una breve composizione di Giovanni Sollima, Testa ha anche letto un breve testo della poetessa Wyslava Zimbroska, ed ha cantato alcune delle sue canzoni più note, come Dentro la tasca di un qualunque mattino e Comete, per concludere con la traduzione in italiano de Il disertore di Boris Vian.

Il 29 è stata la volta dello studio preparatorio per "Danzando Lolita". Nei due angoli anteriori del palcoscenico, Stefano Benni seduto alle prese con il testo di Nabokov, e Paolo Damiani con il contrabbasso. Nei due angoli in fondo, Achille Succi, sax alto e clarinetto, e Alessandro Gwis, pianoforte e tastiere. Tutto il palcoscenico rimane libero per le coreografie di Sosta Palmizi. E scatta la magia, l'interazione tra i linguaggi. Benni fa uso della propria voce registrata, affidandole le riflessioni di Humbert, e legge invece i brani più "narrativi", selezionando tutti i momenti essenziali del romanzo. Le musiche originali di Paolo Damiani, insieme ad alcuni brani d'epoca, danno forza al testo, ma senza restare in secondo piano. E poi c'è l'altro Humbert, mosso – danzato - magnificamente da Giorgio Rossi, attorniato da ben tre Lolite, che usa un registro ironico, a tratti comico, incarnando coreograficamente il protagonista.

L'alchimia non si ripete nell'ultimo incontro pomeridiano, dove gli artisti scelgono semplicemente di non interagire: per primo di esibisce l'attore Danilo De Summa, con il monologo teatrale DRAK… Diavolo o drago?, Gianluigi Trovesi - Beppe Carusoseguito poi sulla scena da un inedito trio, composto da Riccardo Fassi al pianoforte e tastiere, dal "manipolatore elettronico" J.A. Deane e da Tyshawn Sorey alla batteria, che improvvisano un breve ed intenso set.

Le serate al Teatro al Castello
I
l compito di aprire la parte principale del festival, la sera del 27 agosto, è toccato all'ottetto di Gianluigi Trovesi, costituito dal leader al sax alto e clarinetti, Beppe Caruso al trombone, Massimo Greco alla tromba, Marco Remondini al violoncello, Roberto Bonati al contrabbasso, Marco Micheli al basso elettrico, Fulvio Maras alle percussioni ed effetti elettronici e Vittorio Marinoni alla batteria. Il concerto, commentato dalle immagini video di Cristina Catalani e da una spiritosa e "diabolica" marionetta animata da Giorgio Gabrielli, si è basato sulle musiche del recente disco
Fugace inciso per l'ECM. Splendida la ritmica, composta da cinque elementi, con un ruolo significativo assegnato al violoncello, Marc Ribotbrevi e pregnanti gli assoli dei fiati, con la consueta e coinvolgente sarabanda di ritmi e temi diversi tra jazz, musica barocca e musica popolare. Un breve intermezzo, di appena tre brani, Somewhere, My Foolish Things ed un tema folk americano suonati con una tecnica strepitosa e ispirazione da Marc Ribot su una splendida Gibson acustica d'annata, per arrivare all'evento clou della serata, una nuova "conduction" di Butch MorrisButch Morris, con il nostro Riccardo Fassi al pianoforte, il giovanissimo ma incisivo Tyshawn Sorey alla batteria ed una sorta di "supervisione elettronica" di J.A. Deane, alla testa di una grande orchestra, selezionata per l'occasione, costituita da 24 elementi, tra ottoni, archi e corde. La musica, ardua e impegnativa per il pubblico, ha preso corpo con l'ingresso di Marc Ribot in qualità di ospite, inseritosi perfettamente nella compagine, sapientemente manovrata dal consueto campionario di gesti di Morris, che porta i musicisti a muoversi su di un terreno accidentato e rischioso, ma di grande fascino, in cui il direttore usa l'orchestra come uno strumento su cui improvvisare.

Il 28 ancora tre concerti. La serata è aperta da Uri Caine, che entusiasma il pubblico proponendo un repertorio che ricalca solo in parte quello di poche sere prima a Reggio Calabria (Honeysuckle Rose e New York, New York), affrontato con la consueta travolgente tecnica pianistica. La tentazione (diabolica, ovviamente) di restare aderente al tema del Festival, suonando Tartini, viene abilmente allontanata dal celebre violoncellista classico Mario Brunello, alla sua seconda esperienza a Roccella. Qui esegue invece mirabilmente il Concerto rotondo di Giovanni Sollima, avvalendosi nell'adagio centrale dell'accompagnamento di Uri Caine al piano. Si tratta di una composizione di grande difficoltà strumentale, che prevede nel primo e nell'ultimo movimento un impegnativo utilizzo degli armonici ed un uso non ortodosso della mano sinistra. Mingus Big Band - Horn SectionLa Mingus Big Band, diretta da Alex Foster, ha concluso la serata infiammando il pubblico con un concerto trascinante ed intenso. Se si può discutere a non finire sul senso di una riproposta "filologica" delle stupende e numerose partiture di Mingus, non ci si può nascondere che l'impatto della Mingus Big Band, per la qualità dei solisti e degli arrangiamenti, e per la commovente dedizione dimostrata al grande contrabbassista scomparso, coinvolgono anche il più smaliziato ascoltatore. Aperto da So Long Eric, introdotto dall'efficacissimo contrabbasso di Boris Kozlov - Wayne EscoffreyBoris Kozlov, in cui si sono distinti il trombonista Conrad Herwig ed il trombettista Eddie Henderson, il concerto è proseguito con Baby Take a Chance With Me cantata da Frank Lacy, Don't Let It Happen Here, con il testo recitato da un intenso John Stubblefield, e la ballad Diane, con uno ottimo assolo del trombettista Kenny Rampton. Per finire, la lunga composizione Cumbia And Jazz Fusion, dominata da un solo al tenore di John Stubblefield.

Il 29, presentata come "Avventura elettroacustica per cantanti, solisti jazz, orchestra e demiurgo tecnologico", La tempesta, omaggio al testo shakespeariano di Massimo Nunzi, su libretto di Filippo Tuena. L'ambiziosa opera, coprodotta da "Rumori mediterranei", dall'AMIT e dal Comune di Roma, ha per protagonisti il clarinetto basso di Il Diavolo - Gianluigi TrovesiGianluigi Trovesi (Prospero), il trombettista e vocalist francese Médéric Collignon (Ariel), il trombone di Gianluca Petrella (Calibano), il contrabbasso di Paolo Damiani (Antonio), le voci di Ada Montellanico (Miranda) e Niccolò Fabi (Ferdinando), il theremin, le percussioni ed il live electronics di Gaudi, che incarna gli Spiriti dell'aria, ed un'orchestra di 14 elementi tra fiati e archi. Nunzi, compositore, trombettista e arrangiatore, non è nuovo ad esperienze orchestrali, non solo in ambiente jazzistico. Ed ha avuto un ruolo importante anche nell'ultimo disco di Niccolò Fabi, La cura del tempo, ed in quello di Ada Montellanico, Suoni modulanti. Da qui la decisione di coinvolgere queste due voci nel progetto. Ovviamente la voce della Montellanico si dimostra più incisiva nell'interpretare i temi composti da Nunzi, ma anche Fabi non sfigura, dimostrando un sincero interesse per mondi musicali ben lontani dai suoi, che aveva invece proposto nel concerto a Reggio Calabria nella serata di apertura del Festival. La musica, commentata da una videoproiezione che ha il compito di introdurre i tredici movimenti, si muove tra jazz e canzone, in una sintesi di vari stili che lascia grande spazio ai solisti, in particolare a Trovesi, e alle voci, dando un ruolo fondamentale a Gaudi, onnipresente "demiurgo" elettronico, che sovrasta fisicamente l'ensemble con il suo ingombrante armamentario. Non resta che auspicare che l'opera possa venire replicata altrove, magari dopo la pubblicazione di una testimonianza discografica. La serata è conclusa da un incontro tra George Garzone, Mike Mainieri, alcuni jazzisti italiani e dei musicisti folk calabresi, impreziosita da un bell'intervento alla tromba, in un solo brano, di Eddie Henderson.

La serata finale è iniziata con l'ensemble di musica contemporanea "Sentieri selvaggi", diretto da Carlo Boccadoro, con la voce di Moni Ovadia. Dopo le composizioni Hume! di Paolo Coggiola e L'uomo armato, nella versione di Filippo del Corno, Ovadia ha recitato Wichita Vortex Sutra, poema pacifista di Allen Ginsberg, su una versione arrangiata per ensemble del celebre omonimo brano scritto originariamente per piano solo da Philip Glass. Segue un brano per pianoforte e ensemble di Carlo Boccadoro, ispirato all'orrore del "Tuskegee experiment", cui già Don Byron aveva dedicato un disco, intitolato Bad Blood. Il concerto si chiude con una versione breve di Jesus Blood Never Failed Me Yet, del britannico Gavin Bryars, curiosa composizione costruita su di un loop realizzato utilizzando una nenia religiosa registrata dalla voce di un barbone alla stazione di Londra, che viene come adagiata lievemente su di un cuscino armonico che la sorregge, per poi scomparire. Qui la voce che accompagna il loop, che nella versione su cd era quella di Tom Waits, era ovviamente quella di Moni Ovadia. Ha chiuso il Festival la musica della senegalese Orchestra Baobab, la mitica orchestra del Baobab Club di Dakar, riunitasi con alcuni dei musicisti della formazione originaria, come l'ottimo chitarrista Barthelemy Attiso, che ha trascinato il pubblico coinvolgendolo in trascinanti canti e danze della tradizione africana, con grande spazio anche ai ritmi afro-cubani.


..:: Le altre foto del Festival (Gianmichele Taormina) ::..
              
Marc RibotConrad Herwig - Earl McIntyre (Mingus Big Band)
Gianluigi TrovesiUri Caine - Mario Brunello
Ada MontellanicoAda Montellanico
Ada MontellanicoAda Montellanico
Ada MontellanicoAda Montellanico
Ada MontellanicoAda Montellanico
Ada MontellanicoAda MontellanicoAda Montellanico
Mike Mainieri - George GarzoneMike Mainieri - George Garzone
George GarzoneMike Mainieri - George Garzone
Gianluigi TrovesiButch Morris
         





Articoli correlati:
17/03/2013

Remebering Butch Morris... : "Si adirava avendone motivo, su una nota fuori posto, su di un passaggio forse irregolare che nessuno, nemmeno i loro interpreti, riuscivano ad individuare concretamente, cercando di comprenderne il perchè." (Giammichele Taormina)

05/12/2010

Paolo Fresu e Bojan Z: "La loro tavolozza di colori è essenziale...sono ben addentro all'arte del duo, una pratica che in campo jazzistico ha dato frutti innumerevoli e preziosi." (Vincenzo Fugaldi)

05/09/2010

Roccella Jazz Festival 30a Edizione: "Trent'anni e non sentirli. Rumori Mediterranei oggi è patrimonio di una intera comunit? che aspetta i giorni del festival con tale entusiasmo e partecipazione, da far pensare a pochi altri riscontri". La soave e leggera Nicole Mitchell con il suo Indigo Trio, l'anteprima del film di Maresco su Tony Scott, la brillantezza del duo Pieranunzi & Baron, il flamenco di Diego Amador, il travolgente Roy Hargrove, il circo di Mirko Guerini, la classe di Steve Khun con Ravi Coltrane, il grande incontro di Salvatore Bonafede con Eddie Gomez e Billy Hart, l'avvincente Quartetto Trionfale di Fresu e Trovesi...il tutto sotto l'attenta, non convenzionale ma vincente direzione artistica di Paolo Damiani (Gianluca Diana, Vittorio Pio)

05/09/2010

Intervista a Paolo Damiani direttore artistico del festival di Roccella Jonica: "Oggi è necessario immaginare nuovi sviluppi di linguaggi, che non si accontentino di celebrare la maestria tecnica ma piuttosto cerchino di inventare inedite ipotesi narrative. Musiche future capaci di rischiare e commuovere." (Vittorio Pio)

31/05/2010

Intervista a Jean-Luc Ponty: "Negli Stati Uniti, durante gli anni '70, è stato davvero entusiasmante, perchè c'era molta sperimentazione: era lo spirito del tempo. Avveniva nella società, con i movimenti per cambiarla, ed era lo stesso nell'arte e nella musica. Erano gli artisti a tracciare la strada, mentre oggi sono gli uomini d'affari a decidere ogni cosa. Tutti, nei programmi radio, i dj, le case discografiche, specialmente in America, erano veri appassionati di musica, molto spesso musicisti loro stessi, così noi eravamo totalmente liberi di esplorare, di sperimentare, e infatti le novità erano molto apprezzate..." (di Vincenzo Fugaldi)

12/10/2008

Roccella Jazz Festival 2008, "Terremoti": "In un sud che stenta sempre più a organizzare eventi jazzistici di rilievo, conforta vedere come i "Rumori mediterranei", alla ventottesima edizione, si rinforzino, raggiungendo numeri davvero ragguardevoli: 11 giorni di durata e 34 concerti, dislocati fra 9 comuni della provincia di Reggio Calabria, oltre alla consueta copiosa attività seminariale." (Enzo Fugaldi)

21/01/2006

Intervista a John Patitucci: "...Secondo me, Jaco Pastorius ha dato un grosso contribuito come compositore. Era "normalmente grande" come musicista, ma ritengo che il suo modo di comporre fosse bello, la sua musica mi toccava, profondamente..." (Antonio Terzo)

25/10/2005

Pietro Tonolo al festival di Roccella Ionica. Le avverse condizioni meteorologiche non hanno compromesso la qualità della performance del quartetto anche se costretto in una location di fortuna. (Antonio Terzo)

23/10/2005

Venticinquesima edizione di "Rumori Mediterranei", il festival diretto da Paolo Damiani a Roccella Jonica che si caratterizza sempre più per riuscire a coniugare le musiche, le arti di popoli e culture diversi. (Enzo Fugaldi)

24/10/2004

Roccella Ionica 2004, XXIV Edizione di Romori Mediterranei. "Intitolata "Monsters" e dedicata a Steve Lacy. I mostri evocati dal festival calabrese erano tali nel senso dell'unicità, della stranezza, della prodigiosità, e hanno fatto la propria comparsa tra le pieghe dei ben 18 concerti tenutisi nei sette giorni di durata della manifestazione." (Enzo Fugaldi).







Invia un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 12.888 volte
Data pubblicazione: 21/09/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti