Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


XVII Festival Internazionale "Time in Jazz"
Berchidda 11-15 Agosto 2004
di
Fabio Pibiri
Foto: Roberto Cifarelli

Carlo Actis Dato - photo by Roberto Cifarelli

"La Follia", questo era il titolo di quest'anno, follia intesa come imprevedibilità del processo creativo che sta alla base di qualsiasi arte, non solo quella musicale. Ed infatti oltre ad un'immersione totale nel mondo della musica "Jazz", ci si è potuti "tuffare" in varie manifestazioni d'arte contemporanea, che andavano dalla videoproiezione alla fotografia e via discorrendo. Tutti i giorni, dalla mattina fino a notte fonda, si poteva assistere ad un concerto imperdibile.

Paolo Fresu, Uri Caine - photo by Roberto CifarelliUri Caine ha inaugurato il festival con "From Station to Station", svoltosi nell'inconsueto scenario di due stazioni ferroviarie. Mentre il pianista si esibiva all'esterno della stazione di Berchidda, è arrivato un treno che ha trasportato il pubblico-passeggero alla successiva fermata di Oschiri dove già era arrivato Caine che continuava a suonare. Uno splendido inizio, giusto per stare in tema di Follia! Il nostro ha proposto, rielaborati con fervida inventiva, brani come Night in Tunisia, Kind Of Blue e non poteva mancare una originale versione di Take the 'A' Train, ogni tanto accompagnato da un lirico Fresu al flicorno. Il pianista americano è stato protagonista di altri due spettacoli, il 12 mattina presso il santuario "San Paolo l'Eremita" nel vicino comune di Monti, si è dilettato nel decostruire e ricostruire a suo modo standard e composizioni originali, mettendo in luce il suo pianismo sempre più contemporaneo. Nel pomeriggio del 13 assieme all'amico Dave Douglas - photo by Roberto CifarelliDave Douglas, mettevano in luce il perfetto interplay, la grande capacità improvvisativa e l'incredibile originalità che da sempre li contraddistingue. Il trombettista americano era già salito sul palco la notte prima, in quartetto, col progetto "Vacation Blues", una rivisitazione delle musiche di Herbie Nichols, uno dei pianisti più sottovalutati nella storia del jazz. Ospite il grande, grandissimo trombonista Roswell Rudd. Accanto alle doti tecniche e di improvvisazione di Douglas, il sornione Rudd tira fuori tutto il suo ruvido lirismo, splendido un assolo di quasi 10 minuti dove grazie ad una sordina sconquassata produce un suono incredibile. La ritmica naturalmente superlativa, con uno straordinario Brad Jones al contrabbasso ed un brillante Barry Altshul alla batteria. Emozionante il bis in ricordo di Steve Lacy con Bye Bye di Monk.

Omar Sosa, Paolo Fresu - photo by Roberto CifarelliOmar Sosa col suo quintetto ha sviluppato la ricerca che porta avanti ormai da diversi anni, con una word music che pesca dal jazz quanto dalla musica popolare cubana, contaminata da suoni moderni grazie a varie manipolazioni elettroniche utilizzate da lui stesso. Il pianista di origini caraibiche si è esibito anche in solo, in un concerto pomeridiano che a tratti lo ha visto divertirsi a duettare con Fresu adagiato tra le frasche di un albero.

Ivo Papasov & His Wedding Band - photo by Roberto CifarelliAnche la musica balcanica non poteva mancare a Berchidda. La mattina del 13, nella chiesetta di "Santa Caterina", il clarinettista Ivo Papasov, in compagnia di Matyo Dobrev Milev al kaval e del fisarmonicista Nesho Neshev ci regalano un risveglio all'insegna della wedding music, con il pubblico entusiasta per le composizioni felicissime suonate dai tre compari. La sera Ivo Papasov & His Wedding Band hanno poi ripreso e concluso il concerto mattutino con l'aggiunta del chitarrista Ateshghan Yuseinov, Vasil Denev alle tastiere e Salif Ali alla batteria. Deliziosa la melodica voce di Maria Karafizieva, moglie del leader, unitasi al gruppo in alcuni brani. Musiche originali e popolari bulgare, macedoni e greche, forse un po' fuori luogo le sonorità prettamente rock della batteria, delle tastiere e della chitarra, che rendevano meno caratteristico l'impasto sonoro della band.

Maria Pia De Vito - photo by Roberto CifarelliDa ricordare il concerto dell'undici sera, ad Ozieri, nella splendida cornice della Basilica di Sant'Antioco di Bisarcio, Maria Pia De Vito si è unita all'Harmonices Mundi del Dir. Claudio Astronio, dove musica jazz, contemporanea e barocca si sono incontrate per dar vita ad uno spettacolo originale quanto coinvolgente.

Carlo Actis Dato - photo by Roberto CifarelliE chi meglio poteva impersonificare la follia se non Carlo Actis Dato col suo quartetto "doppio"?! Doppio perché ad accompagnare sul palco i 4 "folli" e bravissimi musicisti c'erano anche quattro bellissime pecore sarde!!! Lo "Strano Concerto Grosso per pecore piccole, grandi mungitori e gruppo continentale" si è svolto tra teatralità e gags organizzate magistralmente da Actis Dato ed i suoi fidi compagni, Piero Ponzo (sassofoni e clarinetto), Enrico Fazio (contrabbasso), Fiorenzo Sordini (batteria). I pezzi, tutti originali, parlano del meridione e dell'africa, jazz folkloristico di alto livello, con il "capo banda" superlativo sia ai sax, baritono e tenore, che al clarinetto basso.

Michel Portal - photo by Roberto CifarelliLa mattina del 14, presso il museo del vino, il quartetto Visioni Sonore ha presentato l'omonimo album di debutto, un "gustoso" aperitivo impreziosito dalla presenza dell'ospite Riccardo Luppi, apprezzato sassofonista e flautista, che al sax tenore si è prodotto in notevoli assolo di coltraniana potenza. La notte i riflettori si sono accesi su due "mostri" del jazz, Richard Galliano e Michel Portal. Il primo, in setteto, col lavoro "Piazzola Forever", Michel Portal, Paolo fresu - photo by Roberto Cifarelliha ripercorso in modo fresco ed originale composizioni del grande musicista argentino, da Oblivion, a Milonga del Angel, fino ad una stupenda Libertango. Di tutt'altre sonorità si è potuto godere ascoltando il quartetto di Portal, formato dal contrabbassista Bruno Chevillon, dal batterista Eric Echampard, e da Bojan Zulfikarpasic, al piano e tastiere. Richard Galliano - photo by Roberto CifarelliUn ininterrotto scontro-incontro di suoni e melodie, dalle più dolci e costruite fino alle più aspre ed improvvisate, tutti e quattro i componenti hanno potuto dar sfogo alla loro incontenibile inventiva, guidati con grande maestria dalla furia improvvisativa del polistrumentista leader. I due maestri francesi si sono ritrovati la mattina seguente ai piedi del monte Limbara per dar vita ad un concerto in duo dove, Vienna Art Orchestra - photo by Roberto Cifarelliimmersi in un ambiente incantato, hanno dato prova del loro affiatamento frutto di anni di collaborazione.

Per la serata finale del festival la Vienna Art Orchestra col progetto "Duke Ellington Sound of Love", Richard Galliano - photo by Roberto Cifarelliha omaggiato il "Duca" del jazz, con la proposizione di suoi pezzi più o meno famosi, tutti arrangiati sapientemente dal Maestro Mathias Ruegg. Per ogni brano un diverso componente della band diventava solista, stupenda l'esecuzione, con arrangiamenti originali, di Diminuendo e Crescendo in Blue, con i 27 corus di fila suonati dallo "straripante" sassofonista Klaus Dickbauer. Subito dopo è stata aperta la Piazza per l'inizio della festa finale col suono divertente e divertito della Tiger Dixie Band, che tra un rag-time ed un charleston è riuscita a far ballare e scatenare lo sterminato pubblico berchiddese.

Non vanno dimenticate le numerose e sempre interessantissime manifestazioni "collaterali" che hanno arricchito il festival durante questi 5 giorni di follia: dai concerti notturni al Museo del vino del giovane gruppo BooBooSeptet, alle numerose mostre video ed audio, allo spettacolo "24 Ore", che ha visto impegnati per un intero giorno di fila l'artista Alex Pinna ed il pianista Peter Waters & Allievi, fino ai pomeriggi passati per le strade del paese a seguire il jazz degli albori della coinvolgente Tiger Dixie Band. Insomma un festival veramente completo, una dolce fatica per chi ha voluto seguirlo dalla prima all'ultima nota. Ancora un "miracolo" compiuto dal Direttore artistico e grande artista Paolo Fresu, che ogni anno, grazie al suo impegno ed a quello di amici e validi collaboratori, riesce a portare il piccolo paese di Berchidda al centro dell'attenzione nazionale.

Paolo Fresu - photo by Roberto CifarelliOmar Sosa - photo by Roberto CifarelliOmar Sosa - photo by Roberto Cifarelli
Omar Sosa - photo by Roberto Cifarelli  Omar Sosa, Paolo fresu - photo by Roberto Cifarelli








Articoli correlati:
20/08/2017

Minafric (Pino Minafra)- Gianni Montano

19/06/2016

Lo sviluppo dell'organizzazione concertistica e dei festival jazz dagli anni ottanta ad oggi (prima parte): "Affaire spinoso quello della memoria concertistica e festivaliera del jazz in Italia, perchè la confusione e le gesta leggendarie la fanno da padrone..." (Alceste Ayroldi)

28/10/2013

Faces And Tales (Daniele Cavallanti & The Brotherhood Creative Trance Music Ensemble)- Marco Buttafuoco

30/11/2012

E(x)stinzione (Enten Eller Orkestra)- Gianni Montano

30/09/2012

2010 (Carlo Actis Dato)- Roberto Biasco

16/08/2012

"...una finestra aperta alle novità europee, senza preclusioni nei confronti di quanto di interessante si muove in Italia in campo jazzistico, ma anche con una doverosa attenzione al panorama statunitense." (Vincenzo Fugaldi)

13/11/2011

Open World Jazz Festival, 10a Edizione: "Grande successo per l'Open world festival di Ivrea. Il merito principale è di un'organizzazione rigorosa e puntuale, capace di allestire una rassegna di indubbio interesse, correlata da eventi collaterali, stages, presentazione di libri, performance artistiche in grado di calamitare l'attenzione non solo degli addetti ai lavori, ma anche di un pubblico intellettualmente curioso. un festival che certifica come si possa realizzare una rassegna impegnativa, senza concessioni al "gusto dominante", a musiche foriere di potenziali e possibili consensi generalizzati e ottenere risposte addirittura sorprendenti da parte del pubblico." (Gianni B. Montano)

09/10/2011

XXIV Edizione Festival Internazionale Time in Jazz: "Dopo Acqua e Aria, quest'anno è la Terra protagonista, a partire dal senso stretto come terreno su cui si cammina, si vive, si suona fino a giungere al senso lato come pianeta." (Viviana Maxia)

26/12/2010

Intervista a Viviana Maxia: "Daniela Floris e Daniela Crevena incontrano Viviana Maxia per ricordare il fotografo Roberto Aymerich: un pomeriggio di racconti, parole ed immagini." (Daniela Floris e Daniela Crevena)

26/09/2010

Aria sublime al XXIII° Time in Jazz, Ornette Coleman Quartet inaugura le notti stellari in Piazza del Popolo: "Tappa nell'isola nella road map italiana dell'Ornette Coleman Quartet. L'ottuagenario padre del free jazz mondiale ha illuminato con la sua band, la ventitreesima edizione del Time in Jazz di Berchidda, quest'anno dedicato al tema dell'Aria." (Luigi Coppola)

19/09/2009

XXII Edizione del Festival Internazionale Time in Jazz dedicata all'Acqua: "Forse, mai come stavolta, si è percepito tra i cultori del jazz e delle sue variabili una simbiosi tra musica e luoghi intesi come mondo in cui vivere. Nei giorni del festival, ogni artista, ogni singola nota, ogni messaggio ha ribadito che anche attraverso la musica si può - anzi, si deve - offrire il proprio contributo per tenere in vita nel miglior modo possibile per noi e per coloro che arriveranno, un mondo che oggi appare offeso e trascurato nelle sue risorse essenziali: tra queste l'acqua, nelle sue forme e mutazioni in parallelo con le infinite combinazioni musicali." (Viviana Maxia)

07/04/2009

Orchestra (Bolzano Creative) 2007 (Anthony Braxton + Italian Instabile Orchestra)

28/10/2007

Sotto la consueta direzione artistica di Paolo Damiani, si è tenuta la XXVII edizione di Roccella Jazz Festival 2007, intitolata "Al tempo che farà": "...un'edizione di "Rumori mediterranei" che certo resterà fra le migliori dell'intera storia del festival" (Enzo Fugaldi)

19/08/2007

Manu Dibango all'Auditorium RAI di Torino: "Manu Dibango è icona in movimento che ha intriso la sua vita e il suo suono della mondialità che la musica più di qualunque altra arte può avere e insegnare..." (Alessandro Armando)

05/02/2007

Terronia (Pino Minafra)

02/05/2006

On Tour - Live 2004 (Actis Band)

20/11/2005

Danilo Rea e Gianluca Petrella: gli Italiani di Berchidda: "...l'interpretazione jazz dei capolavori di De Andrè mette in rilievo la sensibilità musicale di Rea..." - "Senza nulla togliere al collega jazzista e ad altri artisti pure di riguardo, quale gladiatore di quest'estate jazz-festivaliera possiamo additare Gianluca Petrella..." (Antonio Terzo)

29/10/2005

A riconferma della peculiarità del Time in jazz di Berchidda, esclusiva è stata l'iniziativa realizzata sotto il nome di TEE - TrancEuropExpress con la collaborazione delle Ferrovie della Sardegna e Paolo Fresu nelle vesti di capotreno...(Antonio Terzo)

23/10/2005

Time in Jazz a Berchidda: "All'insegna dell'ampio ombrellone tematico di quest'anno, il binomio "digit@ltrance", la rassegna ha espresso tutta la trasversalità delle esperienze musicali che lo stesso Fresu ha maturato nel corso dei suoi ultimi incontri..." (Antonio Terzo)

13/02/2005

Instabile 2004 a Pisa, Avanguardie a confronto: "...L'Instabile's Festival 2004 senza l'Italian Instabile Orchestra? Potrebbe sembrare una provocatoria contraddizione ma non è così...." (Paolo Carradori)

07/11/2004

Out! (Giorgio Dini - Carlo Actis Dato)

16/05/2004

The Owner Of The River Bank (Cecil Taylor & Instabile Orchestra)





Video:
Angelique Kidjo (1) - Time in jazz 2009
Chiesa di San Michele (Berchidda), 15 agosto 2009: esibizione di Angelique Kidjo, cantante del Benin....
inserito il 15/08/2009  da Irenemail - visualizzazioni: 3254
Angelique Kidjo (3) - Time in jazz 2009
Chiesa di San Michele (Berchidda), 15 agosto 2009: esibizione di Angelique Kidjo, cantante del Benin....
inserito il 15/08/2009  da Irenemail - visualizzazioni: 3023


Invia un commento


© 2000 - 2018 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 4.787 volte
Data pubblicazione: 11/12/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti