Jazzitalia - Live: JZAZ - TJF Torino Jazz Festival
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


JZAZ – TJF Torino Jazz Festival

11-19 giugno 2022
di Aldo Gianolio
foto by Carlo Mogavero

Torino Jazz FestivalTorino Jazz FestivalTorino Jazz FestivalTorino Jazz FestivalTorino Jazz Festival
Torino Jazz FestivalTorino Jazz FestivalTorino Jazz FestivalTorino Jazz FestivalTorino Jazz Festival
Torino Jazz FestivalTorino Jazz FestivalTorino Jazz FestivalTorino Jazz FestivalTorino Jazz FestivalTorino Jazz Festival
click sulle foto per ingrandire

È sotto titolato "Musica in ordine sparso", il festival jazz di Torino, acronimo "TJF", giunto alla decima edizione. Non ci sono quindi possibilità di malintesi: nel fitto programma è presente non solo jazz, ma musica nella sua accezione più ampia e omnicomprensiva, compresi reading e conversazioni fra addetti ai lavori, al punto da rendere legittima la trasformazione, nel logo della manifestazione, della parola "JAZZ" in "JZAZ", invertendo il posto delle lettere A e Z.

La rassegna diretta da Diego Borotti e Giorgio Li Calzi (qui il programma completo) s'è svolta dall'11 al 19 giugno, ma noi abbiamo potuto seguire solo tre giorni (13, 14 e 15) e non nella loro interezza, impossibilitati per ragioni logistiche (una media di cinque eventi al dì, in differenti spazi lontani l'uno dall'altro - Officine Grandi Riparazioni, Conservatorio Giuseppe Verdi, Auditorium del grattacielo Intesa Sanpaolo, Teatro Vittoria, Tempio Valdese, vari jazz club - e spesso cronologicamente concomitanti).

La sera del 13 il concerto del norvegese Ståle Storløkken all'organo nel Tempio Valdese è stato oltremodo suggestivo. Il tastierista ha cambiato totalmente genere rispetto alla sua esibizione del giorno prima con il trio Elephant 9 (ci hanno riferito essere stata una miscela esplosiva di prog, jazz e avant-rock): qui ha fatto regnare la pacatezza e la rilassatezza giocando con le due tastiere, la pedaliera e i vari registri dell'organo a canne Pinchi, opus 412, costruito nel 1996 rifacendosi agli organi barocchi tedeschi. È stata una improvvisazione totale di una cinquantina di minuti, disegnata con un alto senso della simmetria e della composizione e curando all'estremo, oltre che registri e sonorità, le dinamiche dei suoni (raggiungendo spesso il ppp).

Mercoledì 14, subito dopo la bella chiacchierata pomeridiana al Circolo dei lettori fra lo scrittore e giornalista inviato della Stampa Domenico Quirico e il conduttore radiofonico e critico musicale John Vignola, che hanno toccato a random vari temi riguardanti il rapporto fra musica e realtà sociale contemporanea, è stata la volta, all'Auditorium grattacielo Intesa Sanpaolo, della cantante Chanda Rule, accompagnata dalla Sweet Emma Band, un quintetto coeso e pimpante che ha preso il nome in onore della rinomata pianista di New Orleans "Sweet Emma" Barrett. La Rule ha interpretato work song, gospel e blues con voce potente, forte carica espressiva e groove tipicamente rhythm and blues.



La sera, alle OGR (Officine Grandi Riparazioni), c'è stata la prima data europea del tour "One Final Music Session" di Milton Nascimento, uno dei massimi esponenti della musica pop brasiliana che, in attività da cinquanta anni, ora che ne compie ottanta dà l'addio alle scene. Non è stato brioso come ai verdi anni, e anche la voce, quella profonda e melodiosa che può salire sino al falsetto morbido e corposo come il registro acuto di un bel violoncello, ne ha un po' risentito. Ma il suo personalissimo stile, raggiunto col tempo e da tempo, s'è mantenuto nella sua commovente forza espressiva attraverso sue canzoni diventate dei classici, riccamente strutturate e delineanti sfumature emotive eccezionalmente sottili.

Alle OGR nel tardo pomeriggio del giorno seguente s'è esibita la Torino Jazz Orchestra con special guest Dino Piana al trombone e il figlio Franco alla tromba in un tributo ad Armando Trovajoli attraverso felici arrangiamenti di sue composizioni più o meno celebri. Fulvio Albano, che ne è direttore istituzionale, per l'occasione s'è limitato a suonare i sassofoni, mentre a dirigere è andato Franco Piana (lui e il padre amici e collaboratori storici di Trovajoli), autore anche degli arrangiamenti. La big band, formata da strumentisti e solisti di vaglia (Andrea Tofanelli, Mirco Rubegni, Fulvio Chiara e Felice Reggio alle trombe; Luca Begonia, Stefano Calcagno, Danilo Moccia e Gianfranco Marchesi ai tromboni; Claudio Chiara, Valerio Signetto, Gianni Virone e Marco Tardito ai sassofoni e clarinetti; Fabio Gorlier al pianoforte, Aldo Zunino al contrabbasso e Adam Pache alla batteria) ha espletato un sound compatto, swingante, articolato su diversi piani, call and response fra le sezioni, linee contrappuntate, il tutto in modo eccitante ed esuberante che può diventare più riflessivo e introverso, sempre mantenendo grande ricchezza di colori. Su questo policromo impiantito s'è inserito diverse volte con eleganza e swingante souplesse il trombone a pistoni del "vecchietto" Dino Piana, fra poco novantaduenne.

Ultimo concerto da noi seguito, quello della sera, sempre alle OGR, del quartetto di uno dei maestri del contrabbasso moderno, Buster Williams, con Steve Wilson al sassofono alto e tenore, George Colligan al pianoforte e, un'altra star del jazz, Lenny White alla batteria. La musica, con la sua sonorità corposa e vibrante e la sua duttile animosità che si traduce in forme cangianti e precise, è stilisticamente e pienamente del leader, anche se sia Wilson che Colligan si prendono ampi spazi solistici. È una musica che rispecchia il suo modo di suonare il contrabbasso, generoso e al contempo umile, esatto senza sbavature ma spericolato in certi arditi passaggi, scuro e terroso ma al contempo brillante e risonante: una delle migliori odierne espressioni di post bop, o mainstream jazz che dir si voglia.







Articoli correlati:
11/09/2021

Umbria Jazz 2021: "Non è stata l'Umbria Jazz di sempre quella del 2021, ma al tempo stesso è come se lo fosse stata...pur se con tante ansie, riuscendo ad offrire alla fine un programma eccellente come da tradizione della casa." (Aldo Gianolio)

04/09/2021

Torino Jazz Festival 2021- IIa parte: "Ultime tre giornate del festival torinese, ripreso in sicurezza, riannodando i fili di programmi interrotti, rimandati, rimodulati, ripensati..." (Vincenzo Fugaldi)

25/08/2021

Torino Jazz Festival 2021: "...dal jazz più ortodosso alla musica elettronica, passando in mezzo a contaminazioni rock, folk e classica, come a testimonianza dello stato multiforme odierno del jazz." (Aldo Gianolio)

10/10/2020

Torino Jazz Festival - Ottava Edizione: "...abbiamo costruito un cartellone indirizzato principalmente al jazz mainstream con qualche puntata borderline verso musiche "altre", o comunque fortemente ibridate." (Aldo Gianolio)

25/05/2019

Torino Jazz Festival: "Il nuovo corso del Festival Jazz di Torino ha incrementato nell'edizione 2019 il grande successo dell'anno precedente, con il dodici per cento in più di presenze che sono arrivate a 25 mila in nove giorni, e diversi concerti sold out..." (Aldo Gianolio)

27/11/2016

Jazz inchiesta: Italia - Il Jazz negli anni '70 (Enrico Cogno)- Gianni Montano

23/11/2016

Buster Williams Quartet "Something More": "Torrione sold out per una serata di jazz d'autore, profondamente americano ma portavoce di un pensiero liberale moderno." (Niccolò Lucarelli)

04/06/2016

Torino Jazz Festival 2016: "...un'ampia panoramica della condizione attuale del jazz, con una enorme quantità di concerti ed eventi che si sono svolti in un gran numero di spazi del capoluogo piemontese." (Vincenzo Fugaldi)

21/05/2016

Tim Berne Snakeoil: "Un jazz per appassionati, ma che come pochi altri coglie le contaminazione fra la "musica del diavolo" e le altre esperienze artistiche." (Niccolò Lucarelli)

12/07/2015

Torino Jazz Festival 2015: "La quarta edizione del festival torinese diretto da Stefano Zenni è iniziata con l'atteso progetto "Sonic Genome" di Anthony Braxton: un percorso di otto ore all'interno delle sale del restaurato Museo Egizio." (Vincenzo Fugaldi)

01/06/2014

Torino Jazz Festival 2014: "...terza edizione, la seconda con la direzione artistica di Stefano Zenni ed è premiato ancora una volta da un lusinghiero successo di pubblico." (Gianni Montano)

03/02/2014

Seven (Dino e Franco Piana Septet)- Andrea Gaggero

03/11/2013

Il Bidone (Gianluca Petrella)- Alceste Ayroldi

03/08/2013

Torino Jazz Festival 2013: "...coniugare il fatto artistico con il lato ricreativo. Divertire con la cultura." (Gianni Montano)

08/10/2011

51a Jazz a Juan, dedicata a Miles Davis: "Bitches Brew Beyond", una Allstar band con Wallace Roney alla tromba e formata tutta da grandiosi musicisti che hanno collaborato con Davis, "Tribute To Miles" di Marcus Miller con Herbie Hancock, Wayne Shoreter, Sean Jones e Sean Rickman e l'immarcescibile trio di Keith Jarrett, Gary Peacock e Jack De Johnette. (Gabriele Prevato)

29/05/2011

Jula in Concert - Jula De Palma live al Teatro Sistina di Roma (Jula De Palma)- Pietro Scaramuzzo

26/08/2010

Buster Williams' Spanish Sun, Flamenco Rising. Il contrabbassista, insieme a Eric Reed, Adam del Monte, Mark Gross e Ignacio Berroa all'Iridium Jazz Club di New York. (Roberta E. Zlokower)

27/06/2010

Presentazione del libro di Adriano Mazzoletti "Il Jazz in Italia vol. 2: dallo swing agli anni sessanta": "...due tomi di circa 2500 pagine, 2000 nomi citati e circa 300 pagine di discografia, un'autentica Bibbia del jazz. Gli amanti del jazz come Adriano Mazzoletti sono più unici che rari nel nostro panorama musicale. Un artista, anche più che giornalista, dedito per tutta la sua vita a collezionare, archiviare, studiare, accumulare una quantità impressionante di produzioni musicali, documenti, testimonianze, aneddoti sul jazz italiano dal momento in cui le blue notes hanno cominciato a diffondersi nella penisola al tramonto della seconda guerra mondiale" (F. Ciccarelli e A. Valiante)

01/06/2010

Green Factor (Ada Rovatti)- Roberto Biasco

24/04/2010

Steppin' Out (Idea 6)- Luca Civelli

01/01/2010

Come Together (George Colligan)- Alessandro Carabelli

09/04/2009

Solace (Jamie Baum Septet )

04/02/2008

Pensiero – Omaggio a Gino Paoli (Marilena Paradisi) - include un intervista a Marilena Paradisi.

04/01/2007

Un esclusivo reportage attraverso i festival piemontesi: "E' possibile percorrere centinaia di chilometri e ascoltare note di jazz senza uscire da una sola regione del nostro paese: Il Piemonte. Attraverso piccole città, paesi che sono ricordati solo per essere parte di una periferia, paesi che fanno parte di province troppo vaste per essere nominati singolarmente, si può vivere un viaggio a tappe, piacevolmente forzate, per rispondere ad un urgenza: il jazz." (Alessandro Armando)





Video:
Enrico Rava Quintet Standards "I'll Close My Eyes" - al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in "I'll Close My Eyes" (Buddy Kaye / Billy Reid) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de&#...
inserito il 16/12/2010  da - visualizzazioni: 5111
Enrico Rava Quintet Standards "Autumn Leaves" - al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in "Autumn Leaves" (Joseph Kosma) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - SalernoEnr...
inserito il 15/12/2010  da - visualizzazioni: 4889
Enrico Rava Quintet Standards "Doxy" - al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in Doxy (Sonny Rollins) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - SalernoEnrico Rava trumpet,Din...
inserito il 05/12/2010  da - visualizzazioni: 5235
Enrico Rava Quintet Standards "Scrapple From The Apple" - Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in Scrapple From The Apple (C. Parker) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - SalernoEnrico R...
inserito il 04/12/2010  da - visualizzazioni: 5270
Enrico Rava Quintet Standards "Poinciana" - al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in "Poinciana" (Nat Simon - Buddy Bernier) excerpt, brano popolare, conosciuto in molte versioni, tra le indim...
inserito il 03/12/2010  da - visualizzazioni: 5090
The Sinner - Marcello Rosa, Dino Piana e Luca Begonia.MPG
...
inserito il 30/05/2010  da MAVICH81 - visualizzazioni: 4841
Milt Jackson - Bag's Groove
Live at Mt.Fuji Jazz Fes with Blue Note 1986,Milt Jackson :vib, Ceder Walton:p,Billy Higgins:ds,Buster Williams:b...
inserito il 11/08/2008  da cminor7add9th - visualizzazioni: 4092
Oleo - Hancock,Brecker,McFerrin-part B
1988 Oleo comp:Sonny Rollins...
inserito il 30/04/2008  da darominu - visualizzazioni: 4784
Oleo - Hancock,Brecker,McFerrin-part A
1988 Munchen Oleo comp:Sonny Rollins...
inserito il 28/04/2008  da darominu - visualizzazioni: 4890
Stefano Bollani ed Enrico Rava al Teatro Regio di Torino
Stefano Bollani ed Enrico Rava al Teatro Regio di Torino, 21 gennaio 2008...questo pezzo è troppo bello!...
inserito il 25/01/2008  da LuciaGallo89 - visualizzazioni: 2993
Stefano Bollani ed Enrico Rava al Teatro Regio di Torino
Stefano Bollani ed Enrico Rava al Teatro Regio di Torino, 21 gennaio 2008...
inserito il 25/01/2008  da LuciaGallo89 - visualizzazioni: 2666
Stefano Bollani ed Enrico Rava al Teatro Regio di Torino
Stefano Bollani ed Enrico Rava al Teatro Regio di Torino, 21 gennaio 2008...
inserito il 25/01/2008  da LuciaGallo89 - visualizzazioni: 2931


Inserisci un commento


© 2000 - 2022 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 566 volte
Data pubblicazione: 24/07/2022

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti