Jazzitalia - Live: Vicenza Jazz New Conversations 2022
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�


Vicenza Jazz New Conversations 2022

direzione artistica di Riccardo Brazzale
di Vincenzo Fugaldi

Vicenza Jazz New Conversation - Bill Frisell TrioVicenza Jazz New Conversation - Carmen CastaldiVicenza Jazz New Conversation - David BoatoVicenza Jazz New Conversation - Eichin ShirinovVicenza Jazz New Conversation - Joe LovanoVicenza Jazz New Conversation - Joe LovanoVicenza Jazz New Conversation - Joe Lovano
Vicenza Jazz New Conversation - Joe LovanoVicenza Jazz New Conversation - Joe LovanoVicenza Jazz New Conversation - Joe LovanoVicenza Jazz New Conversation - Kenny WollesenVicenza Jazz New Conversation - Life On Art String QuartetVicenza Jazz New Conversation - Maria Vicentini - Salvatore Maiore
Vicenza Jazz New Conversation - Marilyn Crispell - Joe LovanoVicenza Jazz New Conversation - Riccardo BrazzaleVicenza Jazz New Conversation - Roni KaspiVicenza Jazz New Conversation - Tony SherrVicenza Jazz New Conversation - Tony Sherr - Bill FrisellVicenza Jazz New Conversation - Trio TapestryVicenza Jazz New Conversation - Trio Tapestry
Vicenza Jazz New Conversation - Yaniv TaubenhouseVicenza Jazz New Conversation - Avishai CohenVicenza Jazz New Conversation - Avishai Cohen TrioVicenza Jazz New Conversation - Bill FrisellVicenza Jazz New Conversation - Bill FrisellVicenza Jazz New Conversation - Bill Frisell Trio
click sulle foto per ingrandire

Chi scrive ha seguito tre giornate centrali dello storico festival vicentino, che in occasione del centenario della nascita del contrabbassista di Nogales aveva per tema "Mingus Fingus, cent'anni di emozioni".

Nel tardo pomeriggio del 14 maggio, in una sala interna di Palazzo Thiene, la contrabbassista Federica Michisanti ha presentato il suo nuovo progetto commissionatole dall'associazione mantovana 4'33", denominato "Life on Art String Quartet". Contrabbasso (la leader), violoncello (Salvatore Maiore), viola (Maria Vicentini) e violino (Eloisa Manera), per un programma di composizioni originali di evidente matrice cameristico-novecentesca, con alcuni inserti improvvisativi, che ha mostrato un aspetto particolarmente austero del mondo musicale della giovane ma già solidamente affermata musicista.

La serata al Teatro Olimpico è iniziata con l'esibizione del giovane pianista israeliano Yaniv Taubenhouse, di stanza a New York da una decina d'anni, che ha eseguito, esibendo una evidente formazione classica nel tocco, ma senza presentare rilevanti dinamiche jazzistiche, alcune sue composizioni, uno standard (Brother, can you spare a dime?) e una nota canzone di Lennon-McCartney, I will.



Forte era l'attesa per il "Trio Tapestry" di Joe Lovano, con Marilyn Crispell al pianoforte e Carmen Castaldi alla batteria. Costituitosi nel 2019, con all'attivo due dischi per l'Ecm («Trio Tapestry» e «Garden of Expression»), il gruppo ha raggiunto dal vivo una maturità esemplare che per certi versi lo fa accostare al mitico trio degli anni Ottanta del secolo scorso con Bill Frisell e Paul Motian. Il concerto vicentino è stato di rara intensità, e la combinazione alchemica fra i tre ha raggiunto livelli davvero considerevoli. Il drumming di Castaldi è creativo e ricorda quello del citato Motian, il pianoforte della Crispell libero ma ricco di aspetti melodici e romantici, mentre il sassofono tenore (e, a tratti, il tárogató e i gong) di Lovano risultava particolarmente ispirato, con il suo suono e il fraseggio intensi e immediatamente riconoscibili, in totale empatia con gli altri componenti. Anche nei momenti in cui non emetteva suoni, Lovano era comunque presente nella musica, muovendosi sul palco quasi con passi di danza, avvicinandosi agli altri come a commentare i loro suoni con i movimenti del corpo, mostrando di "sentire" lo svolgimento musicale con un coinvolgimento totale. Tante composizioni originali del repertorio del trio, e bis sulle note di West of the Moon, a chiusura del concerto di una delle più valide realtà del jazz internazionale odierno.

Due eventi hanno dato inizio alla giornata del 15 maggio. Il primo era dedicato alla presentazione del volume a fumetti Mingus, di Flavio Massarutto e Squaz, curata da Riccardo Brazzale, che ha in proposito intervistato il giornalista e scrittore Massarutto, autore della sceneggiatura del libro. Alla presentazione è seguito un appropriato intervento musicale di due strumenti ad arco, Salvatore Maiore al violoncello e Maria Vicentini alla viola, con arrangiamenti di notissime composizioni mingusiane. Altro adeguato intervento musicale, stavolta dedicato a Chet Baker, con un trio composto da David Boato in sostituzione del previsto Fulvio Sigurtà alla tromba, Dario Carnovale al pianoforte e Lorenzo Conte al contrabbasso, ha commentato la lettura di brani di un volume dello scrittore e documentarista Éric Sarner dedicato a Baker, affidata all'autore medesimo.

La serata al Teatro Olimpico era dedicata a un altro attesissimo concerto: il trio di Bill Frisell con Tony Scherr al contrabbasso e Kenny Wollesen alla batteria. Un set giocato su un collaudato interplay, con un avvio decisamente jazzistico (la sua amatissima ballad The day of Wine and Roses, trattata con tocco delicato e swingante, Misterioso di Monk), per poi spostarsi su una delle sue più suggestive composizioni, Strange Meeting e su diverse altre, in un flusso sonoro ininterrotto, condotto dai tre con assoluta complicità, che si è concluso con la celeberrima canzone di Burt Bacharach dal titolo quanto mai storicamente opportuno What the World Needs Now is Love, in una esecuzione lieve e delicata. Grandi sorrisi, abbracci, un'evidente gioia di stare sul palco dell'Olimpico, fino a un richiestissimo bis sulle note di We Shall Overcome, eseguito con una coda strepitosa. Bill Frisell, sorridente, garbato eterno ragazzo di settantun anni, fisico leggero e maglietta a righe, continua a raccontarci, con il suo suono unico e perfetto, la sua America, quella che tutti amiamo.

Nell'ultima serata, al Teatro Comunale, si è esibito il trio del contrabbassista Avishai Cohen, con Eichin Shirinov al pianoforte e Roni Kaspi alla batteria. I tre hanno presentato i brani del nuovo album del leader, «Shifting Sands». Le composizioni eseguite, che presentavano strutture molto simili con ostinati armonici, ponevano al centro il ruolo del leader, che faceva gran sfoggio di tecnica, valorizzando il dinamico accompagnamento della giovanissima batterista, alla quale sono stati riservati anche due lunghi e muscolari assolo su dei riff di pianoforte e contrabbasso. Richiamato sul palco dalle richieste di bis, Cohen ha cantato in solo, altra sua passione, Sometimes I Feel Like a Motherless child accompagnandosi al pianoforte e Alfonsina y el mar accompagnandosi al contrabbasso. Infine il trio è tornato sul palco per eseguire due brani noti del repertorio del contrabbassista.







Articoli correlati:
30/10/2021

: "Quattro concerti di altissimo valore per il festival vicentino diretto da Riccardo Brazzale" (Vincenzo Fugaldi)

09/05/2021

Arctic Riff (Marcin Wasilewski Trio & Joe Lovano)- Alceste Ayroldi

01/01/2020

Roma (Enrico Rava e Joe Lovano)- Alceste Ayroldi

19/12/2019

Bergamo Jazz: Maria Pia De Vito firma l'edizione del 2020 con un cartellone che rende la manifestazione tra le migliori per respiro e profondità a livello europeo

01/06/2019

Vicenza Jazz New Conversations: "Il festival vicentino, diretto da Riccardo Brazzale, porta il jazz, oltre che nei luoghi consueti, in una quantità di locali cittadini, colmando la città di suoni e colori." (Vincenzo Fugaldi)

15/08/2018

Fano Jazz By The Sea - XXVI Edizione: "Articolato in nove intense giornate, diamo il resoconto della settima, con i tre concerti di Francesco Bearzatti in solitaria; Bill Frisell col quartetto e Giovanni Guidi col trio Drive!" (Aldo Gianolio)

11/08/2018

Bill Frisell Quartet: "La chitarra stregonesca di Bill Frisell, la voce di Petra Haden e un meraviglioso team ritmico (Thomas Morgan - Rudy Royston) sono i protagonisti del concerto d'apertura della quindicesima edizione del festival Gezmataz." (Andrea Gaggero)

30/09/2017

Seconda Edizione del Festival JAZZMI: JAZZMI al Blue Note Milano con Stacey Kent, Al di Meola, Mike Stern & Dave Weckl Band, Joe Lovano Classic Quartet, Maria Gadu', Kneebody

09/08/2017

Joe Lovano Plays John Coltrane: A Palermo il sassofonista americano, accompagnato dal trio di Salvatore Bonafede, eseguirà alcune delle composizioni più memorabili di Coltrane. Lo spettacolo sarà introdotto dal regista Franco Maresco.

27/08/2016

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei XXXVI: ""Sisong. Una canzone per Siso" il titolo dell'edizione 2016 dello storico festival calabrese, il primo senza la presenza del senatore Sisinio Zito, fondatore del festival deceduto dopo lunga malattia il 6 luglio scorso." (Vincenzo Fugaldi)

31/05/2015

Vicenza Jazz New Conversations - XX Edizione: "Venti anni di passione e consapevolezza per un festival al servizio della città e dei tanti artisti che gravitano nel suo comprensorio, con una partecipazione mai registrata in precedenza." (Vittorio Pio)

14/12/2014

Joe Lovano & Dave Douglas Sound Prints: "...una coppia perfetta per condurre per mano il pubblico in un percorso di immagini sonore in cui la figura di Wayne Shorter è sempre e costantemente palapabile." (Nina Molica Franco)

02/03/2014

Evan (Antonio Faraò American 4tet)- Alceste Ayroldi

13/01/2014

Antonio Faraò American Quartet: "Faraò è l'artefice di invenzioni armoniche e melodiche di pregevole eleganza, i suoi brani, caratterizzati da uno swing permeante, lasciano arguire una ricerca volta al contemporaneo senza mai perdere di vista una personalità e coerenza ben definita." (Viviana Falcioni)

11/12/2013

Jim Hall (1930 - 2013): "Listening is still the key" - Jim Hall

20/10/2013

Quattro chiacchiere con...Attilio Berni: Una collezione di sax unica al mondo: ogni strumento vintage è "vittima" della propria evoluzione ed è plasmato dall'alito vitale insufflato al suo interno da chi lo ha posseduto. (Alceste Ayroldi)

30/09/2013

Cross Culture (Joe Lovano Us Five)- Vincenzo Fugaldi

12/08/2013

Vicenza Jazz New Conversations (IIa parte): l'Orchestra del Teatro Olimpico con Enrico Pieranunzi e Pedro Javier Gonzales, la Mike Stern/Bill Evans Band per la XVIII Edizione di Vicenza Jazz New Conversations intitolata "Nel fuoco dei mari dell'Ovest. West Coast and the Spanish Tinge" (Giovanni Greto)

14/07/2013

Henry Threadgill & Zooid: "...una musica liquida e coinvolgente, un concerto emozionante." (Nicola Barin)

22/12/2012

Time (Jakob Bro) - Alceste Ayroldi

26/08/2012

Umbria Jazz 2012 #1: Chick Corea, Stefano Bollani, Herbie Hancock, John Scofield, Joe Lovano, Esperanza Spalding, Al Jarreau, Paolo Fresu...(Pierfrancesco Falbo)

22/07/2012

Franco d'Andrea Sextet in "Monk e la Macchina del Tempo" e il trio di piano composto da Kenny Barron, Mulgrew Miller e Dado Moroni in "3 Monkish Pianos. (Gabriele Prevato)

16/07/2011

XV Edizione del New Conversations Vicenza Jazz: Uri Caine Ensemble rivisita Mahler, Hiromi Uehara omaggia Gershwin e la James Farm di Joshua Redman & C. trasmette groove ed energia (Gabriele Prevato)

13/02/2011

Joe Lovano "US Five" al Village Vanguard di New York: "Lovano presenta con Esperanza Spalding e il suo quintet un progetto interamente dedicato alla musica del grande Parker: come scrivere qualcos'altro sul bebop considerato dai più "muffa" o con un sentito trito e ritrito." (Marco Losavio)

07/02/2011

Lagrimas Mexicanas (Vinicius Cantuaria & Bill Frisell)- Enzo Fugaldi

22/08/2010

L'alta qualità del trio Swallow - Talmor - Nussbaum, l'infaticabile Charles Lloyd col suo New Quartet, l'attesissimo duo Chick Corea - Stefano Bollani, l'Aznavour visto dal soprano Cristina Zavalloni e il country rarefatto del Bill Frisell trio al Verona Jazz 2010 (Giovanni Greto)

07/08/2010

Brad Mehldau, Bill Frisell, Joe Henry in Song Conversation: Festival Schlossfestspiele di Ludwigsburger: "Giusto con qualche indicazione di massima, data la coscienza della straordinaria duttilità dei primattori che si erano già sfiorati vicendevolmente in carriera, il magnifico triumvirato si è trovato appena il giorno prima per riordinare le idee in un soundcheck lungo e appassionante. Sebbene le aspettative createsi fossero ben alte, il risultato finale è stato assolutamente clamoroso lungo la triplice serie di duetti che ne ha animato la serie." (Vittorio Pio)

16/01/2010

Umbria Jazz Winter 2009: "Dedicata essenzialmente alla chitarra, la diciassettesima edizione di Umbria Jazz Winter ha consegnato agli archivi numeri da record e una sentita dedica a Gianni Basso...atmosfera come sempre unica nella deliziosa cittadina etrusca...una eccellente qualità artistica, che ha avuto nei concerti del quartetto guidato da Jim Hall e Bill Frisell, nel duo fra John Scofield e Larry Goldings e, quindi, nel quintetto accreditato a Kurt Elling, alcuni momenti di pura estasi." (Vittorio Pio)

06/12/2009

Eventi in Jazz 2009: la perla d'autunno. "Una manifestazione che è cresciuta nel tempo soprattutto dal punto di vista qualitativo e che è riuscita ad uscire dai confini del territorio, diventando una tradizione da non perdere e una rassegna che per costanza, qualità e importanza dei musicisti invitati, si piazza tra i più interessanti festival europei." (Alessandro Carabelli)

28/10/2009

Mostly Coltrane (Steve Kuhn Trio with Joe Lovano) - Dario Gentili

04/10/2009

John Patitucci, Joe Lovano e Brian Blade ospiti alla festa di compleanno del Direttore Artistico Todd Barkan al Dizzy's Club "Coca-Cola" di New York. (Roberta E. Zlokower)

17/08/2009

Ornette Coleman al Meltdown Jazz Festival di Londra: "Adesso che è universalmente adorato dopo anni di feroci contestazioni, Ornette Coleman sfoggia i suoi settantanove anni portati con invidiabile leggerezza, poggiandosi su nuovi entusiasmi. Con il suo fare ieratico e apparentemente distaccato da ogni cosa terrena, in virtù della piena consapevolezza del suo essere. Mr.Coleman forse non sperimenta più come un tempo, ma il suo carisma rimane intatto e nei momenti di grazia, sentirlo suonare sfiora l'incanto." (Vittorio Pio)

26/07/2009

Jazz di tutte le misure, dal trio di Mehldau alla Brussels Jazz Orchestra, dagli storici Randy Weston e McCoy Tyner ai giovani Aka Moon, Yaron Herman e Christian Scott, dal tributo a Nina Simone fino alla miscela jazz-classica di Nathalie Loriers con la tromba di Bert Joris e gli archi dello String Quartet, e ancora George Benson e Richard Galliano: il belga Gent Jazz Festival convince dalla prima all'ultima nota, confermandosi una realt� attenta alla musica jazz propriamente intesa. (Antonio Terzo)

18/08/2008

McCoy Tyner - Joe Lovano Quartet all'Auditorium Parco della Musica di Roma: "Il maestro ha prosciugato il suo stile, sottraendo quanto di superfluo e ridondante potesse apparire negli anni giovanili, arrivando ad una forma espressiva in cui la sensazione di "potenza" è comunque presente, non declamata, ma sottintesa, accennata, stemperata in una sensibilità lirica affinata nel tempo." (Roberto Biasco)

13/08/2008

The Big Gundown (John Zorn)

15/06/2008

A New Conversations - Vicenza Jazz 2008 si distingue, tra gli altri, Ariel, un pianista di soli dieci anni: "Se si ascolta e si guarda allo stesso tempo, puo' prevalere a volte la tenerezza e lo stupore per le capacita' tecniche di un bambino. Ma se si chiudono gli occhi si capisce che non c'e' alcuna differenza con un pianista maturo. Padronanza ritmica, gradevolezza melodica, capacita' improvvisativa e soprattutto di scrittura..." (Giovanni Greto)

03/01/2008

Umbria Jazz Winter #15, l'anno del Jazz Made in Italy: "Oltre 60 concerti a pagamento e circa 50 ad ingresso libero, 12 mila le presenze paganti, 165 mila euro gli incassi ai botteghini, 65 mila le presenze complessive, 180 artisti, 80 persone di staff, 25 tecnici, 50 unità di servizio e 210 le persone direttamente impegnate nella organizzazione del festival..." (Marcello Migliosi)

28/10/2007

Sotto la consueta direzione artistica di Paolo Damiani, si è tenuta la XXVII edizione di Roccella Jazz Festival 2007, intitolata "Al tempo che farà": "...un'edizione di "Rumori mediterranei" che certo resterà fra le migliori dell'intera storia del festival" (Enzo Fugaldi)

14/10/2007

Pescara Jazz 2007: "Giunto alla 35^ edizione, e in ottima salute, il Festival pescarese ha proposto cinque eccellenti formazioni, con i loro accattivanti progetti, e due gustosi fuori programma: il concerto della splendida Nathalie Cole (quasi un antipasto al luculliano pranzo che Pescara Jazz ha offerto al suo pubblico), e la bella iniziativa del Jazz in Città (una passerella dei migliori gruppi dell'area metropolitana pescarese)." (Dino Plasmati)

31/07/2007

Vicenza Jazz 2007: Andrea Bacchetti in "Omaggio a Ravel e de Falla", Irio De Paula con Fabrizio Bosso, Abdullah Ibrahim in "Senzo - Ancestor", la Egea Orchestra e il "Malian Project" di Dee Dee Bridgewater. (Giovanni Greto)

14/07/2007

Vicenza Jazz festival 2007, IIa Parte: William Parker Octet, Anthony Braxton - William Parker Duo e "Una Notte con il Jazz Tedesco" (Giovanni Greto)

30/06/2007

Guinga - Mirabassi Duo e Carla Bley & The Lost Chords find Paolo Fresu aprono la XII^ edizione di delle "New Conversations" di Vicenza Jazz 2007. (Giovanni Greto)

14/03/2007

I Bass Desires a Etnafest: "Grande musica grazie alla statura musicale dei componenti del gruppo ... ma rimane qualche piccola perplessità in chi credeva nella possibilità di ascoltare qualcosa di più della somma di quattro grandi protagonisti del jazz che si incontrano per il gusto di suonare insieme." (Enzo Fugaldi)

17/11/2006

For the time being (Salvatore Bonafede)

19/10/2006

Il Festival Jazz di Stoccolma 2006: "La potenza dell'organizzazione ha la possibilità e la pretesa di far arrivare sull'isola nomi enormi della musica contemporanea che se vengono letti ad elenco potrebbero rappresentare la storia di un festival, non il cartellone di una sua edizione..." (Alessandro Armando)

10/09/2006

Gezmataz 2006: Frisell, Weinstein, Tindiglia, Petrella, Matt Renzi, Bearzatti ... dieci giorni di workshop intensi ed entusiasmanti oltre a concerti di pregio che hanno visto anche l'interazione degli allievi ...

04/09/2006

Un grande concerto alla Carnegie Hall in onore di Toots Thielemans con Herbie Hancock, Oscar Castro-Neves, Eliane Elias, Ivan Lins, Joe Lovano, Paquito D'Rivera...(Roberta E. Zlokower)

27/08/2006

It's mostly residual (Cuong Vu Trio + Bill Frisell)

10/08/2006

"Hicks Time", Memorial Celebration in onore di John Hicks a New York, presso la St. Peter Church: "John Hicks, il musicista, e John Hicks, l'uomo, mancheranno molto alla comunità jazz internazionale..." (Roberta Zlokower)

11/03/2006

Hank Jones e Joe Lovano in "Joyous Encounter" per Aperitivo in Concerto: "Da una parte 60 anni di storia ‘vissuta' - dall'altra la conoscenza e capacità di esprimere quei 60 anni non vissuti con estrema duttilità e naturalezza in quanto facenti parte della propria cultura..." (Patrizio Gianquintieri)

10/08/2005

I Have The Room Above Her (Paul Motian Trio)





Video:
NPR Live at the Village Vanguard Webcast: Joe Lovano - January 12
On January 12th, celebrate the release of Joe Lovano's new Blue Note Recording, "Bird Songs" with a live webcast from the Village Va...
inserito il 09/12/2010  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 5242
Joe Lovano - Bird Songs
Joe Lovano's new Blue Note recording, "Bird Songs," an exploration of the music of Charlie Parker featuring Us Five, drops January 1...
inserito il 09/12/2010  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 5844
Paul Motian Quintet with Lee Konitz / Joe Lovano = North Sea Jazz Festival
Paul Motian Quintet North Sea Jazz festival === Lee Konitz, Joe Lovano, Bill Frisell, Marc Johnson...
inserito il 03/03/2010  da freeavantgardevideos - visualizzazioni: 3969
JIM HALL & BILL FRISEL "Owed to Freddie Green" w/ SCOTT COLLEY JOEY BARON - Umbria Jazz Winter #17
JIM HALL - BILL FRISELL QUARTET, feat. SCOTT COLLEY & JOEY BARON in "Owed to Freddie Green", tratto dall'album Hemispheres . Il titolo d...
inserito il 31/12/2009  da nickingos - visualizzazioni: 5049
Michael Brecker, David Liebman, Joe Lovano - 1999
http://www.jazzvideoguy.tv presents the Saxophone Summit LIve at Birdland, December 18, 1999., , Michael Brecker, David Liebman, Joe Lovano - Saxophon...
inserito il 19/02/2009  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 4326
Paul Motian Quintet ~ How Deep Is The Ocean
July 8, 1995 Umbria Jazz Festival, Italy, Paul Motian-Drums, Marc Johnson-Bass,, Lee Konitz-Alto Sax, Joe Lovano-Tenor Sax, Bill Frisell-Guitar...
inserito il 26/05/2008  da bathoshue - visualizzazioni: 3747
Bill Frisell ~ Ron Carter
Available @ www.Bill Frisell.com ~ July 1, 2002 Montreal, Quebec, with Greg Liesz, Billy Drewes,, Curtis Fowlkes, Ron Miles,, David Piltch, Matt Cham...
inserito il 29/04/2008  da bathoshue - visualizzazioni: 3552
John Hicks with Joe Lovano Nonet
from the Joe Lovano Nonet: The Paris Concert - New Morning...
inserito il 20/01/2007  da JazzVideoGuy - visualizzazioni: 3291
Broadway Music - How Deep Is the Ocean
Paul Motian's Broadway Music Band performing "How Deep Is the Ocean" in Pori, Finland in 1995. The band members are Lee Konitz (alto sax), J...
inserito il 26/11/2006  da migmarfin - visualizzazioni: 3341


Inserisci un commento


© 2000 - 2022 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


Questa pagina è stata visitata 213 volte
Data pubblicazione: 26/06/2022

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti