Jazzitalia - Io C'ero: Vicenza Jazz 2010
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Vicenza Jazz 2010
Allonsanfan. il Jazz di Là delle Alpi
di Giovanni Greto

Lunedì 10 maggio
Teatro Comunale
McCoy Tyner Quartet
McCoy Tyner, piano; Gary Bartz, sax alto e sopranino; Gerald Cannon, contrabbasso; Eric "Camau" Gravatt, batteria.

Martedì 11 maggio

Teatro Olimpico
Gonzalo Rubalcaba
Gonzalo Rubalcaba, pianoforte

Roy Haynes Fountain of Youth Band
Roy Haynes, batteria; Martin Bejerano, piano; Jaleel Shaw, sax alto e soprano; David Wong, contrabbasso

Ancor più asciutto e lento nei movimenti e sempre seguito da un'ombra dietro le quinte, che appena finito il concerto lo fa sparire alla prevedibile curiosità di parte del pubblico, Tyner appare felice nel lungo set vicentino: novanta minuti, compreso un bis di solo piano. Il pubblico quasi si spella le mani dopo ogni assolo dei singoli musicisti. Tyner cerca forse di centellinare le proprie forze e suona nel tema iniziale, nelle improvvisazioni e nel tema finale. La classe è ancora cristallina. Il suono è riconoscibile alle prime note. E' sempre gustosa la percussività con la mano sinistra e il percorso talora ancora assai veloce e melodico con la destra. Soprattutto captiamo la voglia di suonare e la gioia di sentirsi ancora molto amato dagli appassionati – giovani e non – di jazz. Il set inizia con "Fly with the wind", ed il terzo pezzo è già "Walk Spirit, Talk Spirit", dalle incisioni a suo nome nel periodo postcoltraniano per la "Milestone". Traspare inoltre nelle introduzioni di piano solo una malinconia, che si accentua con il passare dell'età, unita ad un senso di riflessione sul significato della esistenza. Accanto a lui, la collaudata sezione ritmica del preciso e non invadente Gerald Cannon al contrabbasso e del metronomico Eric Gravatt alla batteria, un po' pesante, ci pare, negli assolo, con una scelta troppo frequente di inserire durante gli scambi il piatto China.

Gradita sorpresa e gioia di vederlo in forma, Gary Bartz, convincente sia al sopranino, che al contralto. Una sonorità non nasale, che spesso traspare in chi suona quest'ultimo fiato, bensì piena. Padronanza e nessun timore nell'avventurarsi verso sonorità acute. Eleganza nei suoni soffiati, a dimostrazione di un buon controllo. Il pubblico ha partecipato attentamente allo sviluppo della scaletta, felice di riascoltare classici come "Moment's notice", "Blues On The Corner" e la ellingtoniana "In A Mellow Tone". Vorrebbe un bis ulteriore, dopo quello gradevole di solo piano, ma capisce che è meglio non arrischiare pericolosi affaticamenti e lascia educatamente il confortevole Auditorium.

Melodico, malinconico fino all'ultimo respiro, Rubalcaba ha tenuto desta l'attenzione della platea del teatro Olimpico, una sala meravigliosa per i concerti acustici, come spesso sono quelli di Jazz. Doveva essere un prologo al quartetto del veterano batterista. Si è protratto per un'ora abbondante ed è stato tra quelli visti da parte di chi scrive, il concerto più bello. Rubalcaba ha saputo scardinare le nostre difese corporee, chiuse in questa società globale sempre più cupa e crudele. Ci ha fatto capire che c'è ancora qualcosa di bello nella vita terrena, in un pianeta in declino a causa dell'imperizia ed ignoranza dell'uomo. Ha eseguito diversi brani dall'andamento classicheggiante con echi della ricca tradizione del suo Paese. Esemplare, verso la fine, l'esposizione di un tema, "Besame Mucho", che purtroppo è spesso presente nelle feste da ballo, in quei tristissimi ultimi dell'anno, dove la gente si riempie la pancia di alimenti di scarso valore e sapore e si getta nella danza, prigioniera dei trenini. Un tema che tarda a farsi riconoscere, preso alla larga, quasi con pudore, ma che una volta inteso, ti entra dentro e ne capisci la bellezza. Rubalcaba inoltre ha un ritmo non comune ad altri pianisti. Si legge nelle biografie, che avesse tentennato tra il diventare batterista o pianista.

Gli anni sono passati anche per lui, ma fisicamente sembra ancora quel timido ragazzino che pare abbia sorpreso il pubblico di Montreux nel 1990 suonando con mostri sacri quali Charlie Haden e Paul Motian. Suona per oltre un'ora e mezza, concedendo una versione medio veloce di "Donna Lee" come bis, l'ultimo veterano della batteria jazz. Il pubblico lo gratifica di scroscianti applausi, brano dopo brano, solo dopo solo, stupito di come un 85enne riesca ancora a macinare swing. Certo non è più in grado di fare quegli attacchi tremebondi dopo o prima del solo di un altro strumento, si concede pause, eccede nel percuotere i piatti. Ma vederlo ancora impegnato in assolo faticosi fa ben sperare nell'allungamento – ben vissuto – dell'età. Lo circondano tre bravi giovani – il migliore è forse il pianista – attenti a correggere qualche errore o calo di tensione, perfettamente comprensibile e affettuosamente perdonabile vista l'età. Ciò che piace è ancora la sua voglia di suonare, di ideare assolo, quasi una metafora del percorso di una vita che sembra riservare, buon per lui, ancora momenti di gioia. La musica come terapia dell'esistenza che tiene lontano i malanni e, forse anche le badanti.






Articoli correlati:
23/07/2017

Umbria Jazz 2017: "...una inversione di tendenza rispetto alle ultime edizioni: meno rock e pop e più jazz e, con Shorter, abbiamo assistito ad uno dei concerti più belli della storia del festival e probabilmente una delle punte più alte della musica afro-americana (jazz e accademica) contemporanea." (Aldo Gianolio)

11/05/2017

Blue Note Jazz Festival 2017 di New York: Pat Metheny, Dr. John, Robert Glasper Experiment, The Isley Brothers, Laura Mvula e molti altri per 100 eventi in 10 differenti teatri e club

23/11/2016

Buster Williams Quartet "Something More": "Torrione sold out per una serata di jazz d'autore, profondamente americano ma portavoce di un pensiero liberale moderno." (Niccolò Lucarelli)

15/08/2016

Castroreale-Milazzo Jazz 2016: "...un feeling contagioso e intenso per il duo Sarah Jane Morris & Tony Remy e una ricchezza ritmico-melodica per il Volcan Trio di Gonzalo Rubalcaba in due siti di grande bellezza..." (Vincenzo Fugaldi)

09/08/2015

Vittoria Jazz Festival "Music & Cerasuolo Wine" 2015: "Edizione numero otto per il festival in provincia di Ragusa con grandi nomi internazionali e talenti italiani per un programma denso e calibrato..." (Vincenzo Fugaldi)

18/03/2015

Intervista con Fabio Morgera: "...quando uno come Frank Lacy ti dice 'You're Black' mentre stai suonando con lui, beh, allora puoi dire di esserci veramente dentro." (Achille Brunazzi)

01/03/2015

The Soundtrack Of Things To Come (Jaleel Shaw)- Nicola Barin

03/08/2013

Torino Jazz Festival 2013: "...coniugare il fatto artistico con il lato ricreativo. Divertire con la cultura." (Gianni Montano)

17/02/2013

Clockstopper (Kenneth Dhal Knudsen)- Alceste Ayroldi

21/10/2012

Roccella Jazz Festival, "Cose Turke": Edizione numero 32 del festival calabrese, che riprende la formula itinerante e offre come sempre uno spaccato del meglio del jazz contemporaneo. (Vincenzo Fugaldi)

08/04/2012

Roy-Alty (Roy Haynes) - Alceste Ayroldi

29/05/2011

Pursuit of radical rhapsody (Al Di Meola) - Alessandro Carabelli

12/03/2011

Gonzalo Rubalcaba piano solo: "Rubalcaba ha lasciato poco spazio ad una emotività scoperta o smaccata, non ha concesso un rilassante viaggio nel latin-jazz, o nel jazz, ma ha portato il pubblico a fare un passo ulteriore verso una sonorità evoluta eppure davvero molto, molto emozionante." (Daniela Floris)

10/10/2010

Chick Corea, Miroslav Vitous, Roy Haynes in "Now He Sings, Now He Sobs" al Festival Internazionale del Jazz della Spezia: "Magnifico interplay, a distanza di anni il trio ha confermato tutta la freschezza che si poteva apprezzare nel disco d'esordio. Il concerto è stato uno splendido crescendo...Incredibile il senso melodico che Corea riesce a dare ogni volta ai suoi assoli e la tranquillità con cui li esegue, con un perfetto timing." (Massimiliano Farinetti)

19/02/2010

In this day (E.J.Strickland)- Gianni B. Montano

14/11/2009

Richard Galliano Quartet con Gonzalo Rubalcaba, Richard Bona e Clarence Penn al Barletta Jazz Festival. "...una certa stanchezza espositiva ed un marcato accademismo, seppur dall'alto di una classe indiscutibile." (Alceste Ayroldi)

05/11/2009

Chick Corea, Roy Haynes e George Benson al Pescara Jazz Festival 2009: "Il festival pescarese compie quaranta anni tra mille affanni con un cartellone di tutto rispetto che lo rende festival "principe" dell'area centro sud, in buona compagnia con la lunga kermesse umbra, dalla quale attinge con soddisfazione. Un sodalizio empatico che vede anche dividere la presenza della band pop Simply Red, qui chiamata ad offrire una sorta di anteprima del festival abruzzese, il cui cartellone "audiotattile" si è snodato serratamente a distanza di pochi giorni."

04/08/2009

Da Umbria Jazz 2009: Guinga "Dialetto Carioca" con Gabriele Mirabassi & Lula Galvao; Gianluca Petrella Cosmic Band con Paolo Fresu: cronaca di una rivoluzione Jazz; Chick Corea & Stefano Bollani Duet; Richard Galliano Quartet Feat. Gonzalo Rubalcaba, Richard Bona, Clarence Penn (Enrico Bianchi)

26/07/2009

Jazz di tutte le misure, dal trio di Mehldau alla Brussels Jazz Orchestra, dagli storici Randy Weston e McCoy Tyner ai giovani Aka Moon, Yaron Herman e Christian Scott, dal tributo a Nina Simone fino alla miscela jazz-classica di Nathalie Loriers con la tromba di Bert Joris e gli archi dello String Quartet, e ancora George Benson e Richard Galliano: il belga Gent Jazz Festival convince dalla prima all'ultima nota, confermandosi una realt� attenta alla musica jazz propriamente intesa. (Antonio Terzo)

20/04/2009

Il McCoy Tyner Quartet e l'MGT Trio nell'ambito del Veneto Jazz Winter 2009: "...il trio chitarristico ha regalato un'impeccabile fruizione sonora, fresca e cristallina come l'acqua di una sorgente nel venerdì di Chioggia...Un gran bel concerto, in un ambiente artistico particolare. I musicisti a diretto contatto con il pubblico e mattoni e travi a vista. Un sentore di sacro." (Giovanni Greto)

04/04/2009

McCoy Tyner Quartet al Blue Note: "Stasera ci troviamo dinanzi al quartetto di uno dei più grandi pianisti di tutti i tempi...non mancano gli accordi molto marcati (questo è McCoy!) che si alternano a volate rapidissime sulle note acute del pianoforte...alla fine, sotto la luce intensa, appare molto magro, il suo viso è scavato, ha occhi dolci, ma appare molto affaticato. Il tempo è inclemente. Modifica le fattezze degli uomini, senza pietà. Ma non ce la fa a togliere l'energia ed il calore dal loro cuore." (Rossella Del Grande)

09/11/2008

The Swingin' Bassoon (Daniel Smith )

18/08/2008

McCoy Tyner - Joe Lovano Quartet all'Auditorium Parco della Musica di Roma: "Il maestro ha prosciugato il suo stile, sottraendo quanto di superfluo e ridondante potesse apparire negli anni giovanili, arrivando ad una forma espressiva in cui la sensazione di "potenza" è comunque presente, non declamata, ma sottintesa, accennata, stemperata in una sensibilità lirica affinata nel tempo." (Roberto Biasco)

04/05/2008

Da "A Love Supreme", John Coltrane, "Resolution": "Una lezione di teologia, "Resolution", un documento straordinario che ci parla in maniera inconsueta di fede. Una fede così avulsa dalla vita comune nella sua concezione occidentale, così lontana dalla quotidianità e così diffidente delle emozioni, nemica del sangue e del sudore, di un corpo che fa parte dell'uomo tanto quanto lo spirito. " (Augusto Pallocca)

27/01/2008

Gonzalo Rubalcaba Quintet al Blue Note di Tokyo: "Rubalcaba rivela sempre una tecnica invidiabile ma, col trascorrere degli anni, è riuscito a staccarsi dalla tastiera, a selezionare meno note, il che giova all'equilibrio di ogni brano." (Giovanni Greto)

17/11/2007

Blue Nights (Judy Niemack)

01/11/2007

LEZIONI (piano): Pentatoniche e accordi per quarta (Claudio Angeleri)

19/08/2007

Eric Reed Quartet al Dizzy's Club Coca-Cola Jazz di New York: "Reed è leggero, sospeso, progetta le sue frasi accentuando le linee melodiche e le lascia correre mentre queste - pure in un mood che per la sua quasi impalpabile leggerezza parrebbe poco incisivo - solcano il percorso sonoro segnandolo in modo indelebile..." (Alessandro Giamatti Fubini)

26/02/2006

Nuova Gallery con le foro di Giuseppe Arcamone

12/02/2006

McCoy Tyner Trio a Moncalieri Jazz: "Anche se nel corso degli anni Tyner ha leggermente attenuato l'aspetto percussivo del proprio stile, non può prescindere da uno stretto interplay con il batterista..." (Leonardo Schiavone)

24/09/2005

McCoy All Stars all'Estival di Lugano: "La presentazione del gruppo creava di per se' una piccola emozione ed evocava in ognuno dei presenti un senso di nostalgia e di desiderio di rivivere indelebili momenti di grande jazz..." (Bruno Gianquintieri)

09/09/2005

I Mostri Sacri: Oscar Peterson, Jim Hall e Roy Haynes infiammano l'edizione 2005 di Umbria Jazz...(Antonio Terzo)

10/08/2004

McCoy Tyner al Teano Jazz Festival: "...Tyner si conferma maestro del suono modale, riconoscibile per un tocco morbido, vellutato, ma che sa essere anche ispido, pungente...." (Claudio Lombardi)

17/07/2004

Fountain of Youth (Roy Haynes)

10/10/2003

Coltrane - Ballads (John Coltrane)

20/04/2003

McCoy Tyner al Blue Note. "...è sempre un'emozione ed una bella esperienza vedere simili musicisti a cui la storia del jazz non può non offrire adeguato spazio." (Marco Losavio)





Video:
McCoy Tyner - Walk Spirit, Talk Spirit (pt2)
McCoy Tyner - Piano Gary Bartz - Saxophone Gerald Cannon - Bass Eric Kamau Gravatt - Drums...
inserito il 22/03/2008  da poophat - visualizzazioni: 2279
McCoy Tyner - Walk Spirit, Talk Spirit (pt1)
McCoy Tyner - Piano Gary Bartz - Saxophone Gerald Cannon - Bass Eric Kamau Gravatt - Drums...
inserito il 21/03/2008  da poophat - visualizzazioni: 2259
Charlie Parker - "Moose the Mooche"
Charlie Parker (alt. sax), , Red Garland (piano), Billy Griggs (bass), Roy Haynes (drums), Live at Storyville Club, 10th March, 1953...
inserito il 29/02/2008  da caoamarelo - visualizzazioni: 2965
Al Di Meola and Gonzalo Rubalcaba jam
Al Di Meola and Gonzalo Rubalcaba having fun in the studio in Miami in 2002...thanks to Marty Cintron who captured the impromptu jam !!...
inserito il 12/03/2007  da gumbiOrtiz - visualizzazioni: 2305
Freddie Hubbard - Resolution
This is from the same video as the Blues Minor clip - in Messina, Sicily, 1987 with Elvin Jones, McCoy Tyner, Reggie Workman and Sonny Fortune. Freddi...
inserito il 11/09/2006  da eatsleeptrumpet - visualizzazioni: 2531
John Coltrane :: Alabama :: Jazz Casual
The John Coltrane Quartet (John Coltrane, McCoy Tyner, Jimmy Garrison, Elvin Jones) en 1963, el el programa de televisión Jazz Casual, interpreta...
inserito il 23/04/2006  da interplanetarymusic - visualizzazioni: 2231


Inserisci un commento


© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


COMMENTI
Inserito il 15/8/2010 alle 19.55.47 da "danilo.memoli"
Commento:
Ciao Abbey, grazie per sempre!
 


Questa pagina è stata visitata 2.201 volte
Data pubblicazione: 27/07/2010

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti