Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Il "Porgy and Bess" di Gil & Miles:
It Ain't Necessarily So
di Ambrogio De Palma
jazzistadannato@hotmail.com

La decima traccia è, come nel caso di Gone e Summertime, è stato uno dei brani più eseguiti da Evans nei suoi concerti pubblici con la Gil evans Orchestra, e senz'altro uno dei più riusciti di questo album.

Nella rielaborazione di questo brano, Evans, adotta una tecnica che egli ha stilizzato, facendone una delle costanti spesso presenti nella sua produzione musicale: l'Ostinato.

Vedremo come sia la struttura organizzativa della parte introduttiva che quella del movimento vero e proprio, gravitano su due cellule particolari: la prima, statica, su un ostinato; la seconda con movimento armonico o cadenzale.

La parte introduttiva è in tonalita di Si minore. Il tema viene interamente proposto dalla tromba di Davis.

Le prime sei battute si appoggiano su un ostinato formato da una guide tone line dei tre corni in unisono, a cui si sovrappongono il tremolo dei flauti contralti e un andamento sincopato del clarinetto. Nella seconda misura fa il suo ingresso un Chambers pasticcione, con una figurazione musicale tutta sua che, teoricamente, dovrebbe corrispondere a delle terzine. Una progressione melodica in crescendo, quella col senso di movimento di cui parlavamo prima, ci porta al tema vero e proprio.

Esempio 1

Miles e Gil, trasfigurano il tema gershwiniano, dividendolo in piccoli frammenti tematici e con figurazioni ritmiche consone alla tradizione jazzistica.

Possiamo notare negli esempi qui sotto come Evans modifichi il tema rispetto all' originale di Gershwin.


fig. 1 – Tema originale


fig. 2 – Tema rivisitato da Gil evans

Esempio 2

Anche qui abbiamo una parte "A" statica, dove questa frammentazione potrebbe fuorviare dando l'impressione di un Miles spento, statico e quasi privo di idee. Ma il motore che sorregge questa sezione è come in precedenza un riff in prima istanza affidato al suono dei tre corni. In ogni chorus, questa struttura si baserà sempre su questo riff, modificato nell' orchestrazione e nella sua morfologia, ma sempre presente come ogni buon ostinato.


fig. 3 – Riff di accompagnamento della sezione "A"

La parte di movimento, che definiremo "B", è quella dove paradossalmente le frasi di Miles hanno più respiro e il background orchestrale è fatto di note lunghe, ma il gioco degli anticipi e la ricchezza armonica di quegli accordi, dona loro un senso di movimento molto sentito.


fig. 4 – Sezione B del primo chorus

Esempio 3

Nel secondo chorus, il senso di movimento della parte B è data principalmente dalla pienezza armonica degli accordi.


fig. 5 – Sezione B del secondo chorus

Esempio 4

Di grande effetto lo special introdotto come sezione B a misura 89, (terzo chorus) con la prima frase terzinata e la seconda sincopata e swingata.


fig. 6 – Special

Esempio 5

Inserisci un commento

© 2001 Jazzitalia.net - Ambrogio De Palma - Sony Music - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 10.042 volte
Data pubblicazione: 12/05/2002





Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti