Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Il "Porgy and Bess" di Gil & Miles:
Summertime
di Ambrogio De Palma
jazzistadannato@hotmail.com

Scuserete se il percorso della mia analisi non sarà parallelo all'ordine delle tracce presenti sul disco ma, per vari motivi ho preferito dare la priorità ad alcuni brani rispetto ad altri.

La quinta traccia del disco è Summertime, la ninna-nanna che Clara canta all'inizio del primo atto. L'aria più conosciuta dell'opera di Gershwin e che, come per molte composizioni di questo autore, è diventata uno standard classico del jazz.

Lo stesso Gershwin la ripresenta più volte nel corso dell'opera e, per dare il massimo risalto a questa folk-song (termine usato dallo stesso Gershwin), arriva a sacrificare il materiale che precede Summertime. Questo brano è stato eseguito in tutte le salse: jazz, latin, pop, blues, folk, fusion, funky, R ‘n B, Soul. Bene o male tutti si sono cimentati con questo capolavoro della produzione gershwiniana: dalle grandi cantanti della lirica alle grandi voci e solisti del jazz, a Jimi Hendrix con Janis Joplin, a Ray Charles, ai Doors, etc.

In questa versione, Evans, non prevede alcuna introduzione, attaccando direttamente il tema dato alla tromba di Miles. Appare singolare la scelta della tonalità d'impianto in Si bemolle minore sia rispetto alla tonalità originale (Si minore) che alle tonalità solitamente adoperate dai jazzisti per eseguire Summertime (Si minore o Re minore).

Gil, pur aumentando la velocità del brano, crea una parte per Miles che mette in risalto la limpidezza e il lirismo tutto femminile di quest'aria. Fatto di frasi con ampio respiro, dove anche le pause suonano.

Il backgrond, assai semplice nella forma, è basato su un riff che si ripete ossessivamente per tutta la durata del brano, variando però timbricamente di volta in volta. Evans, nel suo Summertime, punta tutto sulla varietà degli impasti sonori: la prima presentazione del riff per terze è affidata ai corni a cui, alla sesta battuta, aggiunge una guide tone line del sax di Cannonball Adderley e all'ottava misura un'accordo dei tromboni.


Esempio audio (MP3 162KB)

Il gioco degli anticipi e dell'imprevedibilità di Gil Evans fa sì che egli non attenda l'inizio del secondo chorus per variare il timbro, ma che lo anticipi di due misure, raddoppiando i corni con un flauto e due flauti contralti. C'è da premettere che già dal primo chorus, per spezzare la monotonia di un accompagnamento ritmicamente lineare anticipa l'accordo della battuta otto.


Esempio audio (MP3 62KB)

La variante timbrica del terzo chorus sta nel trasportare la parte dei flauti all'ottava superiore. La vera novità, invece, sta in uno dei tipici espedienti evansiani: quando l'ascoltatore è ormai abituato ai cambiamenti degli impasti sonori in una ritmica costante, Gil cambia la ritmica. Nella fattispecie, alla misura 46, egli anticipa di 2/4 il disegno ritmico affidato questa volta a block chords di tutta l'orchestra (con le trombe in harmon) e dilatato nel disegno melodico.


Esempio audio (MP3 71KB)

Il quarto chorus fonde gli elementi del secondo con la parte finale del terzo, creando così un accompagnamento che varia timbricamente rispetto alla parte finale dell' episodio precedente, per poi riprenderlo.

L'ultimo chorus, il quinto, espone il riff nel timbro dei soli flauti, quasi a volerne indicare la fine del brano con la sonorità dei flauti nella regione grave. Ma pur impoverendo lo spessore sonoro dell'organico, per concludere Summertime, trova lo spazio armonico per inserire l'ultimo momento di novità: un contro-riff cadenzale del tuba, basato sull'intervallo tra la dominante e la tonica (al Si bemolle grave).


Esempio audio (MP3 36KB)

A coda del movimento con il prolunga di quattro misure con il riff in rallentando e innalzando la settima dell'accordo.


Esempio audio (MP3 211KB)

Inserisci un commento

© 2001 Jazzitalia.net - Ambrogio De Palma - Sony Music - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 25.685 volte
Data ultima modifica: 11/02/2008





Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti