Jazzitalia - Articoli: George Russell, Lydian Chromatic Concept of Tonal Organization (Leo Ravera)
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE

George Russell, Lydian Chromatic Concept of Tonal Organization
di Leo Ravera


Nel "Lydian Chromatic Concept of Tonal Organization" (1953) George Russell mette al centro del sistema tonale la scala lidia al posto della tradizionale scala maggiore. Tuttavia il Lydian Chromatic Concept non è un sistema rigido di regole ma una maniera alternativa di ragionare, per suonare ed improvvisare in modo più libero.

Premessa
Ecco le ragioni teoriche per cui George Russell mette al centro del suo sistema musicale la scala lidia.

1) Il circolo delle quinte
La scala lidia si può ricavare facilmente dal circolo delle quinte Do Sol Re La Mi Si Fa#. Mettendo in ordine queste sette note non ottengo una scala maggiore ma una scala lidia. La scala maggiore non è dunque ricavata dal circolo delle quinte, quella lidia invece sì, e questo è uno dei principali argomenti di George Russell

2) Somma di due tetracordi
Un ragionamento un po' più complicato consiste nel ricavare la scala da due tetracordi. La scala maggiore è così costruita dal tetracordo Sol La Si Do più quello Do Re Mi Fa, dove quest'ultimo ha però una certa tendenza a modulare verso la tonalità di Fa per la presenza del semitono tra Mi e Fa. La scala lidia è invece composta dal tetracordo Sol La Si Do più Do Re Mi Fa#, quindi non tende a modulare.



3) La serie delle tensioni

Nell'accordo costruito su una scala lidia tutte le tensioni 9, 11, 13 sono disponibili e consonanti, mentre nell'accordo costruito sulla scala maggiore possiamo utilizzare solo 9 e 13 in quanto la 11? è dissonante.
Vediamo qua le tensioni disponibili sulla scala maggiore (a sinistra) e quelle disponibili sulla scala lidia (a destra).



Accordo con tensioni, scala maggiore e scala lidia

Le tre scale principali del "Lydian Chromatic Concept"
Il sistema proposto da George Russell è basato su tre scale, la prima delle quali è la scala lidia. Da essa George Russell fa derivare l'accordo maggiore costruito sul I grado, l'accordo di dominante costruito sul II grado e l'accordo minore settima costruito sul VI grado.

Per completare il sistema con altri tipi di accordo George Russell propone altre due scale, la scala lidia Aumentata e la scala lidia Diminuita.


Scala lidia, lidia aumentata, lidia diminuita

Dalla scala lidia aumentata George Russell fa derivare l'accordo aumentato, che non esiste all'interno della scala lidia. Dalla scala lidia diminuita deriva invece l'accordo di settima diminuita.

Scale ausiliare
George Russell completa il suo sistema tre scale dette ausiliarie che non derivano dalla scala lidia:

  • Scala ausiliaria diminuita, ovvero la scala diminuita tono/semitono
  • Scala ausiliaria aumentata, che coincide con la scala esatonale o a toni interi
  • Scala ausiliaria diminuita blues, cioè la scala diminuita semitono/tono

Dalla somma delle note di queste sei scale si ottiene la scala lidia cromatica, ovvero la scala cromatica composta da 12 semitoni. George Russell cita anche altre due scale: la scala maggiore e la scala blues. Queste due scale non vengono incluse nel sistema, ma Russell non se la sente di "lasciare fuori" due scale così importanti, le include dunque come ulteriori possibilità per l'improvvisatore, sebbene estranee al suo sistema.

L'approccio all'improvvisazione
George Russell propone diversi approcci all'improvvisazione. Parla di "polimodalità verticale" ovvero l'improvvisazione basata principalmente sugli accordi, dove ciascun accordo ha la propria scala di riferimento, procedimento che Russell si propone di superare mediante la "polimodalità orizzontale" nella quale una scala è comune a più accordi, come accade nella musica modale

L'uso delle scale può essere "assoluto" ovvero limitato alle sole note della scala prescelta, oppure "cromaticamente arricchito" quando si usano anche note estranee alla scala. Infine le frasi possono essere "interne" o "esterne" alla scala, dove il melodizzare "esterno" consiste nell'utilizzare liberamente tutti gli intervalli della scala cromatica.

Questo approccio è diventato parte imprescindibile della musica jazz e della sua didattica, pensiamo a quanto sia normale per un musicista jazz parlare di "suonare dentro" o "suonare fuori", concetti che George Russell per primo ha espresso ed argomentato.

Conclusioni
Sebbene ordinate in modo diverso, tutte le scale del Lydian Chromatic Concept ci erano in qualche modo già note. Tuttavia il sistema di George Russell è rivolto principalmente all'improvvisazione ed il suo scopo principale è superare l'improvvisazione basata solo sugli accordi, tipica del periodo bebop. Nel sistema proposto da Russell l'improvvisatore ha sempre a disposizione l'intera scala cromatica e le ragioni estetiche possono e devono prevalere su qualunque regola o principio.

Il "Lydian Chromatic Concept" ha i suoi punti di forza e di debolezza, a volte Russell confonde il piano teorico e quello estetico, che dovrebbero rimanere separati in qualunque metodo o teoria. Tuttavia la musica di George Russell e di Ornette Coleman dimostrano che pensare in modo diverso non solo era possibile, ma ha prodotto musica di grande qualità ed interesse. Il "Lydian Chromatic Concept" è dunque un documento di inestimabile valore storico, che può aiutare l'appassionato di jazz, musicista o no, a comprendere la musica jazz posteriore al periodo bebop.








Le altre lezioni:
15/09/2018

LEZIONI (Articoli): (Autori Vari)

28/06/2017

E' morta Geri Allen: La nota pianista, compositrice, didatta Geri Allen, è scomparsa. Era stata in tour a maggio in Italia in duo con Enrico Rava

01/11/2016

Pianoforte complementare in stile pop jazz (Michele Francesconi)- Marco Losavio

15/06/2015

Addio Ornette!: "...la sua impronta rimarrà eternamente nella storia di questa musica avendo avuto il merito più di ogni altro, di aver liberato il jazz da qualsiasi elemento che potesse 'imbrigliarlo' nella convenzionalità." (Gianni Montano)

09/11/2014

My Soul (Leo Pianoforte)- Alceste Ayroldi

26/04/2014

Nero, free, di sinistra: introduzione: Il legame tra la musica jazz e la politica negli anni Sessanta. Perchè il jazz, in particolare quello etichettato come free, libero, funziona da pietra di paragone estetica per analizzare tout court l'arte del periodo? Perchè diventa uno degli emblemi riconosciuti dell'arte rivoluzionaria? (Franco Bergoglio)

30/03/2014

Quattro chiacchiere con...Tito Mangialajo Rantzer: "Nell'album "Dal basso in alto" Mangialajo Rantzer riesce a tirare fuori un sound così corposo che appare orchestrale." (Alceste Ayroldi)

17/11/2013

Intervista a John Pietaro dei Red Microphone: "Io credo che l'arte, oggi più che mai, abbia bisogno di radicalità, di esprimersi anche aspramente e senza mediazioni. Deve essere rivoluzionaria." (Marco Buttafuoco)

21/07/2013

Marcel & Solange Trio e Giovanni Falzone Quintet "Around Ornette": Nell'ambito del festival "Una Striscia di Terra Feconda", il Marcel & Solange trio con le loro "atmosfere minimaliste e rarefatte" e il personale omaggio a Ornette Coleman di Giovanni Falzone con suo Quintet. (Valeria Loprieno)

15/05/2011

Giovanni Falzone in "Around Ornette": "Non vi è in tutta la serata, un momento di calo di attenzione o di quella tensione musicale che tiene sulla corda. Un crescendo di suoni ed emozioni, orchestrati da Falzone, direttore, musicista e compositore fenomenale, a tratti talmente rapito dalla musica da diventare lui stesso musica, danza, grido, suono, movimento. Inutile dire che l'interplay tra i musicisti è spettacolare, coinvolti come sono dalla follia e dal genio espressivo e musicale del loro direttore." (Eva Simontacchi)

06/03/2011

The shape of jazz to come (Ornette Coleman)- Giovanni Greto

26/09/2010

Aria sublime al XXIII° Time in Jazz, Ornette Coleman Quartet inaugura le notti stellari in Piazza del Popolo: "Tappa nell'isola nella road map italiana dell'Ornette Coleman Quartet. L'ottuagenario padre del free jazz mondiale ha illuminato con la sua band, la ventitreesima edizione del Time in Jazz di Berchidda, quest'anno dedicato al tema dell'Aria." (Luigi Coppola)

22/08/2010

Gezmataz 2010: Al "concerto sovente imbarazzante e per omaggiare un pezzo vivente di storia del jazz" dell'Ornette Coleman Quartet in cui "problemi di emissione e di articolazione del fraseggio rendono diversi assoli degli abbozzi incompiuti", si contrappongono "abilità tecnica, personalità spiccata, doti compositive non comuni, musicalità assoluta, rispetto e stima reciproca, voglia di divertirsi e divertire..." della Brass Bang! di Paolo Fresu, Gianluca Petrella, Steven Bernstein e Marcus Rojas. (Andrea Gaggero)

13/03/2010

Morituri Te Salutant (Colosseum)- Roberto Biasco

12/09/2009

Il Trans Europe Trio e l'Ornette Coleman 2bass Quartet per il festival friulano Udin&jazz "Re_evolution Cuba 59_09"

17/08/2009

Ornette Coleman al Meltdown Jazz Festival di Londra: "Adesso che è universalmente adorato dopo anni di feroci contestazioni, Ornette Coleman sfoggia i suoi settantanove anni portati con invidiabile leggerezza, poggiandosi su nuovi entusiasmi. Con il suo fare ieratico e apparentemente distaccato da ogni cosa terrena, in virtù della piena consapevolezza del suo essere. Mr.Coleman forse non sperimenta più come un tempo, ma il suo carisma rimane intatto e nei momenti di grazia, sentirlo suonare sfiora l'incanto." (Vittorio Pio)

08/08/2009

Doppio concerto inaugurale per "Luglio suona bene 2009" con l'Ornette Coleman Quartet seguito dall'Enrico Rava Quintet. (Roberto Biasco)

09/06/2009

Uri Caine Trio e Don Byron al Teatro Verdi di Pordenone nella loro dedica allo scrittore Paul Auster. Dopo un inizio in duo con Caine e Byron il trio lascia emergere una amalgama di grande livello attraverso originals e standard accuratamente selezionati... (Giovanni Greto)

28/10/2007

Sotto la consueta direzione artistica di Paolo Damiani, si è tenuta la XXVII edizione di Roccella Jazz Festival 2007, intitolata "Al tempo che farà": "...un'edizione di "Rumori mediterranei" che certo resterà fra le migliori dell'intera storia del festival" (Enzo Fugaldi)

14/10/2007

Pescara Jazz 2007: "Giunto alla 35^ edizione, e in ottima salute, il Festival pescarese ha proposto cinque eccellenti formazioni, con i loro accattivanti progetti, e due gustosi fuori programma: il concerto della splendida Nathalie Cole (quasi un antipasto al luculliano pranzo che Pescara Jazz ha offerto al suo pubblico), e la bella iniziativa del Jazz in Città (una passerella dei migliori gruppi dell'area metropolitana pescarese)." (Dino Plasmati)

02/05/2007

Intervista a Rosario Giuliani: "Non riesco a vivere la musica jazz se non come una passione e vorrei che questo la gente sentisse...Per me la musica è un'espressione necessaria ed insostituibile, è dire qualcosa che non può passare attraverso le parole, qualcosa che viene dallo stomaco." (Daniele Mastrangelo)

18/03/2007

Nuova gallery di quadri curata da Henk Mommaas

03/03/2007

A New York, si è svolta la 34a Annual Conference della IAJE. Come sempre, decine e decine di appuntamenti di ogni genere compresi i momenti più importanti come il NEA Jazz Masters. Quest'anno, inoltre, c'è stata una incredibile intervista di Greg Osby a Ornette Coleman per Downbeat...(Jamie Baum, Patrizia Scascitelli)

18/02/2007

Ornette Coleman al Padova Porsche Jazz Festival: "...Per me è importante aiutare qualcuno a credere nei propri desideri e a rischiare di diventare ciò in cui crede. Occorre rischiare e questo significa cercare di perfezionarsi continuamente secondo l'ideale che si è scelto ed essere pronti ad aiutare chi ti chiede aiuto oppresso dal bisogno..." (Daniele Mastrangelo)

05/01/2007

JAZZin': a photografic story by Luca Buti

27/12/2006

Ornette Coleman allo Skopje Jazz Festival 2006 in Macedonia (Ziga Koritnik)

18/07/2005

Ornette Coleman a Roma e Napoli: "Un po' come nella sua musica, Ornette, sembra voler fare a meno del superfluo, di quella patina inconsistente di formalità...Sembra quasi che con il passare degli anni la musica di Ornette sia diventata meno complessa e più 'democraticamente' fruibile." (M. De Masi, F. Ughi)





Video:
TST Funk - Beppe Di Benedetto 5tet
Beppe Di Benedetto 5tet - Tst Funk - Music by Beppe Di BenedettoBeppe Di Benedetto - TromboneEmiliano Vernizzi - Tenor SaxophoneLuca Savazzi - PianoSt...
inserito il 23/11/2011  da beppedibenedetto5tet - visualizzazioni: 3594
Finger Breaker (J. R. Morton) - Luca Filastro (HD Video)
Piano: Luca Filastro (18 anni)Riprese: Giorgio Congiusta (18 anni)...
inserito il 05/12/2010  da mrxarcimboldo - visualizzazioni: 3467
HonkY Tonk Train Blues - Luca Filastro (HD Video)
Pianoforte: Luca Filastro + cd (versione di Emerson)Riprese: Giorgio Congiusta...
inserito il 03/12/2010  da mrxarcimboldo - visualizzazioni: 3437
" Dialogues With Standards " Michelangelo Decorato Pianoforte - Tommaso Vivaldi Sax Alto
Presentazione presso Chiostro Conservatorio G.Verdi di Milano 26 Agosto 2010Maggiori Info: www.TommasoVivaldi.com...
inserito il 26/10/2010  da TommasoVivaldi - visualizzazioni: 3626
Bill Evans: tutta la musica in un 'tocco'
...
inserito il 15/02/2010  da azionecreativa - visualizzazioni: 3328
"Search for life" / "Round trip", Ornette Coleman Ensemble. "InJazz" Summer Clinics 2009. (2/2)
Concerto finele dei seminari estivi InJazz 2009. Ornette Colemn Ensemble diretto da Marcello Allulli. Fabriano (AN). www.injazz.it - info@injazz.it - ...
inserito il 14/10/2009  da bettabu - visualizzazioni: 3992
Oscar Peterson - On The Sunny Side Of The Street
Omaggio all'indimenticabile poeta del pianoforte....
inserito il 25/08/2009  da CA121164 - visualizzazioni: 2418
Udin&Jazz 2009 - ORNETTE COLEMAN 2 BASS QUARTET
Udine, Palamostre 27 Giugno 2009 riprese e montaggio Davide Morandi...
inserito il 21/07/2009  da euritmicavideo - visualizzazioni: 2658
Ornette Coleman Sextet - Free Jazz (1of 3)
1978 Germany. Ornette Coleman - sax, violin; Ben Nix - guitar; Charlie Ellerbee - guitar; Albert Arnold - bass; Shannon Jackson - drums; Denardo Colem...
inserito il 01/07/2009  da bobjazz11 - visualizzazioni: 3370
Ornette Coleman Ensemble - Injazz Summer Clinics 2008
L'ensemble, diretto dal sassofonista Marcello Allulli, esegue durante il Concerto Finale dei Seminari Estivi Injazz svoltisi a Fabriano nel luglio 200...
inserito il 26/09/2008  da quantumjazzreloaded - visualizzazioni: 3204
Ornette Coleman - Germany 1978
Ornette Coleman: alto saxophone, trumpetJames Blood Ulmer: guitarBern Nix: guitarFred Williams: bass guitarDenardo Coleman: drumsRonald Shannon Jackso...
inserito il 07/03/2008  da nonwave1 - visualizzazioni: 3162
Interview with Ornette Coleman
Interview with Ornette Coleman...
inserito il 04/02/2008  da BonnarooMusicFest - visualizzazioni: 2505
Ornette Coleman - Dancing In Your Head (live)
The Ornette Coleman PrimeTime Band Is:, , Ornette Coleman - Alto Sax, Violin, & Trumpet, Burn Nix - Guitar, Charles Ellerbee - Guitar , Larry McRa...
inserito il 25/01/2008  da LightningTrident - visualizzazioni: 3217
Ornette Coleman and Prime Time 1988
"Latin Genetics" Live 1988 Montreal Jazz Festival...
inserito il 06/01/2008  da szymbl - visualizzazioni: 2505
ornette coleman 4 tet 1987
in spain...
inserito il 19/11/2007  da dliberg - visualizzazioni: 3255
Ornette Coleman Bass Quartet
Ornette Coleman Bass Quartet Jazz Middelheim 2007...
inserito il 27/09/2007  da proes13 - visualizzazioni: 3074
Ornette Coleman - Lonely Woman, at Umbria Jazz 07
Ornette Coleman performing Lonely Woman at the Umbria Jazz Festival in Perugia 2007...
inserito il 18/07/2007  da Rachelmillar0610 - visualizzazioni: 3109
C.Corea & G.Rubalcaba Duet - scenes, shadows and particles
Recorded at the Blue Note, NYC...
inserito il 05/06/2007  da andreaspaziale - visualizzazioni: 2007
Architecture In Motion - Ornette Coleman
Architecture in Motion - Ornette Coleman work Copyright Phrasetext Inc....
inserito il 02/03/2007  da phrasetext - visualizzazioni: 2519
George Russell Ornette Coleman Conversation
George Russell talks about intuition with Ornette Coleman and Robert Palmer...
inserito il 17/09/2006  da bebopple - visualizzazioni: 2625
Ornette Coleman Quartet :: Roma 1974 #1
Grabación de la televisión italiana (Schegge, Rai 3) del cuarteto de Ornette Coleman en 1974. El tema que interpretan es "School Work&q...
inserito il 05/06/2006  da interplanetarymusic - visualizzazioni: 3241


Inserisci un commento

© 2018 Jazzitalia.net - Leo Ravera - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2018 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 219 volte
Data pubblicazione: 15/09/2018

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti