Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novità
INDICE LEZIONI

Costruzione di una bass line
di Marcello Sebastiani
bass.school@marcellosebastiani.com

Sollecitato da alcuni messaggi di amici lettori che hanno palesato il desiderio occuparci anche di altro che trascrizioni di solo, ci apprestiamo a dare una occhiata al "walking bass", pratica che senza dubbio precede, nell'iter didattico, lo studio e la realizzazione dei solo.

Attingiamo dunque dal repertorio dei rhythm change e da due pilastri del jazz di tutti i tempi: Percy Heat e Ron Carter.

Per comodità ci siamo serviti della versione di
OLEO eseguita dal quartetto di Miles Davis con Sonny Rollins al sax, Horace Silver al piano e Kenny Clarke alla batteria (Prestige, 29 Giugno 1954, Hackensack - New Jersey), mentre il walking di Carter è tratto dal "Ron Carter bass lines" (Aebersold vol 15).

Certo un rhythm change non è proprio un brano semplicissimo per iniziare a prendere confidenza con la costruzione di una bass line, ma noi utilizzeremo le due versioni soprattutto per un confronto e per alcune constatazioni di ordine armonico-pratico. Di seguito troverete degli esercizi che, spero, possano facilitare l'approccio con la costruzione di un walking.

Ma veniamo al dunque.

Dal punto di vista delle "note da usare", una buona linea bassistica consente:

- al solista di sentirsi a suo agio nelle costruzioni del fraseggio (specialmente questa che ha due accordi per misura!).
- al pianista di armonizzare in maniera efficace
- a tutto il gruppo di "conoscere" la successione armonica e strutturale del brano.

Da un punto di vista ritmico il walking bass basa la sua ragione di essere sulla necessità del gruppo di avere un incedere scansionale costante e regolare onde permettere alla batteria, ma anche ad altri elementi, di contrappuntare liberamente e di "giocare" sulle fioriture ritmiche.

Da ciò si evince che il ruolo del contrabbasso in un ensemble jazzistico (ma non solo!!) è di fondamentale importanza e quindi ogni bassista che si rispetti deve farsi carico di questa responsabilità e cercare di svolgere al meglio il suo ruolo. Detto questo corre l'obbligo precisare che ci stiamo riferendo ad un aspetto, primario e fondamentale, del basso in un contesto musicale che esige precisione, chiarezza e creatività senza che quest'ultima caratteristica abbia il sopravvento sulle altre. In altri contesti musicali è invece addirittura auspicabile che la creatività (ritmico-melodica) assuma importanza preponderante sulle altre funzioni che un contrabbasso deve assolvere, però questo è un altro discorso.

Prima di giungere al nocciolo dello studio facciamo una ricognizione sui brani dei due bassisti, e salta subito all'occhio che la scansione delle semiminime è sempre regolare e solo di tanto in tanto, per aggiungere quel giusto "quid" di gusto personale, i due giganti si concedono delle varianti alla costante scansione.

Ascolta MP3

Osservando il walking di Percy Heat si noti come egli insista sempre sulla tonica (fondamentale dell'accordo) nei momenti determinanti del suo incedere (bar 1-5-9-10 ecc.) o magari enfatizzando il terzo grado dell'accordo (bar 2-3-7- 26 ecc.) e non meno frequentemente utilizzando il quinto grado (bar 17-19-22 ecc.). Non manca la presenza di altre note dell'accordo, ad esempio le settime (bar 4-16 ecc.) o, più raramente le none (bar 12) e le seste (bar 18). Prevalentemente si giunge a note diverse dalla tonica in virtù di cromatismi, propri del linguaggio bop e hard bop, quando essi iniziano nella battuta precedente (bar 3+4; bar 11+12 ecc.) e ciò per rendere plastica la linea bassistica.

Osservando la linea di Heat si capisce come egli stia sempre dentro l'accordo consolidando così l'incedere accordale e garantendo stabilità al gruppo.

Spostiamoci adesso al walking bass di Ron Carter del periodo bop.

Ovviamente anche in questo caso ritroviamo il concetto che tende ad enfatizzare le toniche e le terze, le quinte e le ottave, ma ciò è realizzato con grande eleganza e acume. Si osservi, ad esempio l'uso della terza seguita dalla tonica nella battuta 3 e 27 e il caratteristico movimento per ottave in battuta 9, 10, 11 e 20, dove è la quinta dell'accordo ad essere considerata. L'utilizzo di passaggi cromatici, particolarmente evidente nelle linee di Ron Carter, conferiscono eccezionale dinamicità alla linea e forniscono ulteriori utili riferimenti al solista (bar 6-7; bar 14-15-16-17; bar 21-22-23). Osservando attentamente la trascrizione dunque è possibile notare che le linee di Ron Carter contengono tutte le caratteristiche del linguaggio bop (cromatismi, salti di ottava, ecc.) elaborati sapientemente con gusto personale.

In battuta 7, ad esempio, la dinamicità della linea bassistica funziona benissimo anche se sull'accordo di G7 vengono suonati al basso il A e Ab; sugli ultimi 2 quarti di battuta 17, è molto efficace il E e il F naturale sotto l'accordo di D7 che viene enfatizzato invece in battuta 18 con un sano rivolto di D 7  (F#-D-A-D).

In battuta 26 è molto interessante il movimento per cromatismi che propone il B naturale sull'accordo di Cm7 e il C e C# sull'accordo di F sempre nella stessa battuta.

Alla luce di quanto osservato possiamo dunque trarre delle conclusioni che potremmo così sintetizzare. L'approccio ad una bass line efficace si realizza utilizzando:

- la fondamentale dell'accordo
- le note dell'accordo
- i cromatismi orientati su una nota dell'accordo
- costanza e regolarità ritmica

A tal proposito abbiamo realizzato questi studi che, eseguibili su tutte le tonalità, consentono un approccio più organico con scale ed intervalli.
P
rima di tutto troviamo nell'esercizio 1 un modo semplice di praticare la meccanica del pizzicato con la mano destra utilizzando e scale (maggiori, minori superlocrie ecc.) come fosse appunto un walking, quindi da eseguire lentamente e facendo particolare attenzione all'intonazione. Di seguito proponiamo lo stesso concetto di utilizzo degli accordi e delle linee cromatiche (o diatoniche) su sequenze accordali che hanno la stessa impronta della successione nei rhythm change (I-VI-II –V).

Buon Lavoro dunque!

Alla prossima.

Marcello


Marcello Sebastiani Fourtet
Desiderio






Le altre lezioni:
02/09/2012

LEZIONI (contrabbasso): Charlie Haden, un genio dalla creatività estemporanea insuperata in "Take my hand, my precious Lord" (Marcello Sebastiani)

07/02/2010

LEZIONI (contrabbasso): Gli spostamenti cromatici - Ron Carter "Yardbird Suite" (Marcello Sebastiani)

07/02/2010

Bass Express (Marcello Sebastiani) - Marco Buttafuoco

05/11/2009

LEZIONI (contrabbasso): I Bicordi con arrangiamento del brano di Satie "Prelude d'Eginhard" (Marcello Sebastiani)

04/01/2009

LEZIONI (contrabbasso): Le "ghost notes" attraverso frasi di contrabbassisti celebri (Marcello Sebastiani)

13/09/2008

LEZIONI (contrabbasso): You Look Good To Me as played by Ray Brown (Marcello Sebastiani)

09/02/2008

LEZIONI (contrabbasso): Warming: posizioni a capotasto e allargate (Marcello Sebastiani)

14/10/2007

Pescara Jazz 2007: "Giunto alla 35^ edizione, e in ottima salute, il Festival pescarese ha proposto cinque eccellenti formazioni, con i loro accattivanti progetti, e due gustosi fuori programma: il concerto della splendida Nathalie Cole (quasi un antipasto al luculliano pranzo che Pescara Jazz ha offerto al suo pubblico), e la bella iniziativa del Jazz in Città (una passerella dei migliori gruppi dell'area metropolitana pescarese)." (Dino Plasmati)

01/09/2007

LEZIONI (contrabbasso): United Blues di Ron Carter. Posizioni a capotasto. (Marcello Sebastiani)

27/01/2007

Frammenti d'anima (Badal Roy, Geoff Warren, Marcello Sebastiani)

19/09/2006

Live Session (W.S.B. Trio)

08/08/2006

LEZIONI (contrabbasso): Butch Warren, contrabbassista dimenticato? Analisi di Blue Bossa.(Marcello Sebastiani)

27/04/2005

LEZIONI (contrabbasso): Spiral, as played by Buster Williams.(Marcello Sebastiani)

20/09/2004

LEZIONI (contrabbasso): Free Jazz, as played by Scott La Faro & Charlie Haden.(Marcello Sebastiani)

25/04/2004

LEZIONI (contrabbasso): Now Is The Hour, as played by Charlie Haden. (Marcello Sebastiani)

02/02/2004

LEZIONI (contrabbasso): Station 888: un rhythm change tratto dal mio CD "Desiderio". (Marcello Sebastiani)

24/12/2003

Desiderio (Marcello Sebastiani Fourtet)

04/05/2003

LEZIONI (contrabbasso): Analizzando il brano Red River Valley suonato da Gary Peacock si affronta l'argomento degli intervalli di VIa. (Marcello Sebastiani)

08/03/2003

LEZIONI (contrabbasso): Analizzando il brano Song for a woman si affronta l'argomento del vibrato. (Marcello Sebastiani)

11/12/2002

LEZIONI (contrabbasso): Alone Together: trascrizione di un solo di David Williams e quattro esercizi sul legato. (Marcello Sebastiani)

14/10/2002

LEZIONI (contrabbasso): C.C. Rider: trascrizione di un brano tratto da un CD che Richard Davis ha inciso in duo con John Hicks (Marcello Sebastiani)

07/08/2002

LEZIONI (contrabbasso): Port of Rico: trascrizione di un brano tratto dall'ultimo lavoro di Ray Brown (Marcello Sebastiani)

01/04/2002

LEZIONI (contrabbasso): D-Bass(ic) Blues: trascrizione e analisi di un brano di Cecil McBee (Marcello Sebastiani)

05/12/2001

LEZIONI (contrabbasso): Minuetto (Machaud) adattato da Marcello Sebastiani. "Cosa ci fa un Minuetto per due contrabbassi, e pure suonati con l'arco, in un Web Site dedicato al Jazz?". Scopriamo la risposta...

17/11/2001

Duets di Marcello Sebastiani. Gradevolissime esecusioni in duo con Garrison Fewell, Claudio Fasoli, Geoff Warren e Tino Tracanna.

11/06/2001

Too Close For Comfort. Trascrizione del tema suonato con l'arco da Chris McBride. (contrabbasso)

13/05/2001

SPLANKY. Un blues suonato a tre da tre grandi: Ray Brown, Christian McBride e Milton Hilton (contrabbasso).

09/02/2001

Posizioni a capotasto (contrabbasso)

01/01/2001

Trascrizione di "All of You" suonato da Buster Williams.

08/11/2000

Trascrizione con commento di Drifting suonato da Mraz (contrabbasso)

23/09/2000

Equinox in un adattamento per contrabbasso a cura di Marcello Sebastiani

10/09/2000

Nardis suonata da Scott La Faro (contrabbasso)

16/07/2000

Recensioni: Suite & Song (Marcello Sebastiani)

16/07/2000

Recensioni: Miniatures (Marcello Sebastiani)

14/07/2000

Lezioni Contrabbasso: We Bop Blues

01/07/2000

Lezioni contrabbasso: l'intonazione





Video:
Il mio Studio
Seduta di registrazione del Trio formato da Andrea Rea (Piano), Daniele Sorrentino (Contrabbasso), Gino Del Prete (batteria) Franco Cleopatra: Registr...
inserito il 23/03/2011  da - visualizzazioni: 3554
Progetto Luigi Ruberti "Dedicated to Bill Evans"
Progetto Luigi Ruberti "Dedicated to Bill Evans"...
inserito il 17/02/2011  da domingo7337 - visualizzazioni: 3595
Paolo Recchia Trio @ Le Cave, Isernia - Alto Sax Player VideoMix HD
Paolo Recchia Trio @ Le Cave - Isernia 23.12.2010.Paolo Recchia, saxNicola Muresu, double bassNicola Angelucci, drums."I Want To Be Happy" b...
inserito il 14/02/2011  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 4245
Renaud Garcia Fons - agua dulce
Agua dulce, dall'album "La linea del sur" di Renaud Garcia Fons (2009)...
inserito il 13/10/2009  da kndfbl - visualizzazioni: 1863
Enrico Rava
Enrico Rava eâ?? senzâ??altro il più famoso musicista italiano nel mondo. Enrico, a quasi settanta anni, è ancora cons...
inserito il 26/11/2008  da hornitos75 - visualizzazioni: 3553
magoni spinetti, il cammello e il dromedario + intro 1/2
petra magoni e ferruccio spinetti a palermo. il cammello e il dromedario con grande intro......
inserito il 01/09/2007  da peppeneo - visualizzazioni: 2918
magoni spinetti, il cammello e il dromedario + intro 2/2
petra magoni e ferruccio spinetti a palermo. il cammello e il dromedario con grande intro......
inserito il 01/09/2007  da peppeneo - visualizzazioni: 2488


Inserisci un commento

© 2000, 2003 Jazzitalia.net - Marcello Sebastiani - Tutti i diritti riservati



© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 43.052 volte
Data pubblicazione: 26/01/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti