Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Butch Warren contrabbassista dimenticato?
(Analisi di Blue Bossa)
di Marcello Sebastiani
bass.school@marcellosebastiani.com

Butch Warren contrabbassista dimenticato?

Parrebbe di sì. Un storia che fa il paio con quella di Henry Grimes il quale, fortunatamente, è stato recentemente 'recuperato' e messo in condizione di donarci ancora belle emozioni con il suo contrabbasso. Qualche cosa del genere accadrà anche per il 'vecchio' Butch, lo speriamo almeno, se la sua infermità mentale non sarà irreversibile.

Marc Fisher, sul Washington Post del 21 Maggio 2006, dava appunto notizia di questo personaggio ormai in precarie condizioni di salute, senza denti, apparentemente molto più vecchio dei 66 anni che anagraficamente ha, ricoverato in un Ospedale a 50 Km dal luogo in cui viveva e di cui nessuno sembrava conoscerlo, neppure solo di nome.

Butch Warren, una pietra miliare della Blue Note, la storica label che detiene le registrazioni del miglior jazz degli anni 50-60 (e non solo...) di cui Butch Warren è stato un artefice collaborando alle incisioni storiche di Kenny Dorham, dell'Herbie Hancock di "Watermelon Man", di Sonny Clark, Jackie Mclean, eppoi ancora di Monk, Dexter Gordon, Joe Henderson, Max Roach, insomma il mileau del jazz di quegli anni. Poi l'oblio. Ancora qualche ingaggio qui e là, gli stupefacenti, un lavoro come riparatore di radio e TV o di pulizie nei saloni del laboratorio navale d'artiglieria. La sopravvivenza e la disperazione. Schizofrenia paranoide: "La gente giusta muore intorno a me" - riferendosi al suo amico pianista Sonny Clark e al Presidente JF Kennedy, perdite che lo hanno indotto a barricarsi in casa. Con l'aiuto di Peter Edelman riesce a mantenersi entro i limiti dell'umana decenza. Viene arrestato poichè, per ripararsi dal freddo, era entrato in un market che aveva le porte spalancate ma in cui suonava l'allarme. La polizia lo porta in galera. Butch Warren una pietra miliare del jazz. Riuscirà mai l'America ad avere cura dei suoi eroi migliori, quelli senza armi, conosciuti ed apprezzati in tutto il mondo, eccetto che nella città dove essi vivono?

Dunque il lavoro che segue vuole essere solo un omaggio al Butch Warren contrabbassista indimenticato ed indimenticabile, almeno al di qua dell'oceano...
Le linee che seguono sono estratte dal CD "Page One" di Joe Henderson, appunto della Blue Note (CDP 7 84140 2), registrato nel 1963. Accanto al leader ci sono Kenny Dorham (che aveva esortato Warren a recarsi a NYC, e nel 1958, quando Butch aveva 24 anni, lo aveva portato in sala di registrazione per incidere "Una Mas" - BN 4127), un brillante Pete LaRoca, un giovanissimo McCoy Tyner (si, si, quello che avrebbe poi fatto il tassista....!!) e il nostro.

La trascrizione riguarda uno dei brani più noti di Dorham "Blue Bossa" suonato in tutte le salse da generazioni e generazioni di musicisti, dilettanti e professionisti.

La struttura, accordale e formale, fa riferimento al melanconico incedere del linguaggio sudamericano, un impianto in tonalità minore (di Cm) che si orienta verso una modulazione protratta un tono sotto (Db) della relativa maggiore (Eb), il tutto per 16 battute ciclicamente ripetute.

Interessante è la bella linea introduttiva di Butch, seguita da quella che sorregge il tema (unisono tromba-tenore) in cui il richiamo alla tradizione latino-caraibica è innegabile. In pratica è una linea molto semplice ma capace (appunto per questo?) di far funzionare l'impianto ritmico tematico, dando la giusta spinta a tutto l'organico. Si noti come le crome spingano sul 3 e 4 movimento della seconda battuta delle due cellule ritmiche che compongono l'idea di Warren, mentre il primo quarto è in realtà anticipato (4 movimento) della prima battuta.


File Audio

Ciò che richiama alla mente la ritmicità caraibica è l'omissione del battere, lì dove dovrebbe cadere i altri linguaggi, che nella parte tematica si evince dall'anticipo del 4° movimento della prima battuta, mentre in fase di accompagnamento dei solisti e nella fattispecie del solo di Henderson, Butch compie l'omissione totale del battere (tonica dell'accordo) ottenendo così un effetto propulsivo notevole pur nell'esiguità delle note suonate e per l'eleganza che ciò conferisce alla linea tutta. Ciò oltretutto, favorisce ancor più i solisti che, specialmente nel linguaggio dell'epoca, amavano line bassistiche presenti ma non invadenti. Francamente credo che, in linea di massima, lo stesso discorso possa ritenersi valido ancor oggi anche se i contesti linguistici sono cambiati e molto spesso i contrabbassisti sono chiamati ad un più vivace interplay.

Ancora una breve riflessione sulla scelta di note usate: nessuna novità ! Arpeggio minore di tonica e armonici sulla prima metà della corda (a capotasto, per intenderci) nella sezione introduttiva. Sull'accompagnamento tematico Butch adopera, oltre gli arpeggi, intervalli di quinta nella maggior parte dei casi, di tanto in tanto arricchiti da qualche nona come in bar 5 (Dm7b5b9), bar 9 ecc. Nell'accompagnamento dei soli Warren si concede qualche libertà in più, ritmica essenzialmente, mentre la scelta delle note cade sempre ed inequivocabilmente su settime (bar 1, 8, 9, 15, ecc,)


File Audio

Riguardo al solo contrabbassistico in questo contesto c'è da segnalare una piccola novità, un semplice ma efficace espediente per enfatizzare un solo contrabbassistico che, di fatto, non si discosta poi molto dalle linee eseguite sul tema o sui soli. Butch prende il solo su un chorus (quindi 16 battute) e, come si evince dalla trascrizione, resta sul frammento ritmico, di due battute, identico alla sezione introduttiva e tematica. A parte le sincopi e il pedale di G tenuto per le ultime 3 battute (efficace momento tensivo che riconduce sulla tonica) non si evincono disegni ritmici o melodici dissimili da quelli precedentemente analizzati. La trovata significativa sta che al termine di queste 16 battute, entra un background di tromba e sax, un ostinato che prepara alla seconda parte dell'intervento solistico di Warren, intervento che ancora non si discosta molto dal precedente ma serve, unitamente al background appena citato, a cambiare l'atmosfera che vede la riproposizione del tema finale. Dunque, a livello di arrangiamento, viene diviso il solo di contrabbasso in due parti inframezzate da un ostinato della front line così da mettere in risalto il solo contrabbassistico che, pur se molto espressivo, mantiene l'atmosfera sulla stessa lunghezza d'onda del tema, rendendo il solo più "atteso" e la riproposizione tematica più interessante.


File Audio

Alla luce di quello che voleva essere l'omaggio ad una grande del contrabbasso, riporto un paio spunti didattici che spero possano contribuire a rendere più proficua la pratica delle scale e degli arpeggi, e magari, perchè no, per l'acquisizione di pattern da poter usare in ambito improvvisativo. Ovviamente la studio è da trasportare su tutte le tonalità.
Buon Lavoro e a presto



Marcello Sebastiani Fourtet
Desiderio






Le altre lezioni:
02/09/2012

LEZIONI (contrabbasso): Charlie Haden, un genio dalla creatività estemporanea insuperata in "Take my hand, my precious Lord" (Marcello Sebastiani)

07/02/2010

LEZIONI (contrabbasso): Gli spostamenti cromatici - Ron Carter "Yardbird Suite" (Marcello Sebastiani)

07/02/2010

Bass Express (Marcello Sebastiani) - Marco Buttafuoco

05/11/2009

LEZIONI (contrabbasso): I Bicordi con arrangiamento del brano di Satie "Prelude d'Eginhard" (Marcello Sebastiani)

04/01/2009

LEZIONI (contrabbasso): Le "ghost notes" attraverso frasi di contrabbassisti celebri (Marcello Sebastiani)

13/09/2008

LEZIONI (contrabbasso): You Look Good To Me as played by Ray Brown (Marcello Sebastiani)

09/02/2008

LEZIONI (contrabbasso): Warming: posizioni a capotasto e allargate (Marcello Sebastiani)

14/10/2007

Pescara Jazz 2007: "Giunto alla 35^ edizione, e in ottima salute, il Festival pescarese ha proposto cinque eccellenti formazioni, con i loro accattivanti progetti, e due gustosi fuori programma: il concerto della splendida Nathalie Cole (quasi un antipasto al luculliano pranzo che Pescara Jazz ha offerto al suo pubblico), e la bella iniziativa del Jazz in Città (una passerella dei migliori gruppi dell'area metropolitana pescarese)." (Dino Plasmati)

01/09/2007

LEZIONI (contrabbasso): United Blues di Ron Carter. Posizioni a capotasto. (Marcello Sebastiani)

27/01/2007

Frammenti d'anima (Badal Roy, Geoff Warren, Marcello Sebastiani)

19/09/2006

Live Session (W.S.B. Trio)

27/04/2005

LEZIONI (contrabbasso): Spiral, as played by Buster Williams.(Marcello Sebastiani)

20/09/2004

LEZIONI (contrabbasso): Free Jazz, as played by Scott La Faro & Charlie Haden.(Marcello Sebastiani)

25/04/2004

LEZIONI (contrabbasso): Now Is The Hour, as played by Charlie Haden. (Marcello Sebastiani)

02/02/2004

LEZIONI (contrabbasso): Station 888: un rhythm change tratto dal mio CD "Desiderio". (Marcello Sebastiani)

24/12/2003

Desiderio (Marcello Sebastiani Fourtet)

04/05/2003

LEZIONI (contrabbasso): Analizzando il brano Red River Valley suonato da Gary Peacock si affronta l'argomento degli intervalli di VIa. (Marcello Sebastiani)

08/03/2003

LEZIONI (contrabbasso): Analizzando il brano Song for a woman si affronta l'argomento del vibrato. (Marcello Sebastiani)

26/01/2003

LEZIONI (contrabbasso): Analizzando due grandi contrabbassisti cone Ron Carter e Percy Heat, e una loro versione di Oleo, viene descritto come costruire efficacemente una bass line sia dal punto di vista armonico che ritmico. (Marcello Sebastiani)

11/12/2002

LEZIONI (contrabbasso): Alone Together: trascrizione di un solo di David Williams e quattro esercizi sul legato. (Marcello Sebastiani)

14/10/2002

LEZIONI (contrabbasso): C.C. Rider: trascrizione di un brano tratto da un CD che Richard Davis ha inciso in duo con John Hicks (Marcello Sebastiani)

07/08/2002

LEZIONI (contrabbasso): Port of Rico: trascrizione di un brano tratto dall'ultimo lavoro di Ray Brown (Marcello Sebastiani)

01/04/2002

LEZIONI (contrabbasso): D-Bass(ic) Blues: trascrizione e analisi di un brano di Cecil McBee (Marcello Sebastiani)

05/12/2001

LEZIONI (contrabbasso): Minuetto (Machaud) adattato da Marcello Sebastiani. "Cosa ci fa un Minuetto per due contrabbassi, e pure suonati con l'arco, in un Web Site dedicato al Jazz?". Scopriamo la risposta...

17/11/2001

Duets di Marcello Sebastiani. Gradevolissime esecusioni in duo con Garrison Fewell, Claudio Fasoli, Geoff Warren e Tino Tracanna.

11/06/2001

Too Close For Comfort. Trascrizione del tema suonato con l'arco da Chris McBride. (contrabbasso)

13/05/2001

SPLANKY. Un blues suonato a tre da tre grandi: Ray Brown, Christian McBride e Milton Hilton (contrabbasso).

09/02/2001

Posizioni a capotasto (contrabbasso)

01/01/2001

Trascrizione di "All of You" suonato da Buster Williams.

08/11/2000

Trascrizione con commento di Drifting suonato da Mraz (contrabbasso)

23/09/2000

Equinox in un adattamento per contrabbasso a cura di Marcello Sebastiani

10/09/2000

Nardis suonata da Scott La Faro (contrabbasso)

16/07/2000

Recensioni: Suite & Song (Marcello Sebastiani)

16/07/2000

Recensioni: Miniatures (Marcello Sebastiani)

14/07/2000

Lezioni Contrabbasso: We Bop Blues

01/07/2000

Lezioni contrabbasso: l'intonazione





Video:
Il mio Studio
Seduta di registrazione del Trio formato da Andrea Rea (Piano), Daniele Sorrentino (Contrabbasso), Gino Del Prete (batteria) Franco Cleopatra: Registr...
inserito il 23/03/2011  da - visualizzazioni: 3877
Progetto Luigi Ruberti "Dedicated to Bill Evans"
Progetto Luigi Ruberti "Dedicated to Bill Evans"...
inserito il 17/02/2011  da domingo7337 - visualizzazioni: 3919
Paolo Recchia Trio @ Le Cave, Isernia - Alto Sax Player VideoMix HD
Paolo Recchia Trio @ Le Cave - Isernia 23.12.2010.Paolo Recchia, saxNicola Muresu, double bassNicola Angelucci, drums."I Want To Be Happy" b...
inserito il 14/02/2011  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 4597
Renaud Garcia Fons - agua dulce
Agua dulce, dall'album "La linea del sur" di Renaud Garcia Fons (2009)...
inserito il 13/10/2009  da kndfbl - visualizzazioni: 2125
Enrico Rava
Enrico Rava eâ?? senzâ??altro il più famoso musicista italiano nel mondo. Enrico, a quasi settanta anni, è ancora cons...
inserito il 26/11/2008  da hornitos75 - visualizzazioni: 3822
magoni spinetti, il cammello e il dromedario + intro 1/2
petra magoni e ferruccio spinetti a palermo. il cammello e il dromedario con grande intro......
inserito il 01/09/2007  da peppeneo - visualizzazioni: 3171
magoni spinetti, il cammello e il dromedario + intro 2/2
petra magoni e ferruccio spinetti a palermo. il cammello e il dromedario con grande intro......
inserito il 01/09/2007  da peppeneo - visualizzazioni: 2714


Inserisci un commento

© 2000, 2006 - Jazzitalia.net - Marcello Sebastiani - Tutti i diritti riservati



© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 13.494 volte
Data pubblicazione: 08/08/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti