Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

INDICE LEZIONI

Wes Montgomery: Road Song (parte 2a)
di Michele Ariodante
miariod@tin.it

Solo di O.G.D. in Real Audio


Riprendiamo l'analisi del solo occupandoci della sezione B e della A conclusiva. La sezione B si muove per cadenze II-V-I o II-V discendenti per semitoni, una delle formule più tipiche dell'armonia boppistica. Da notare che le cinque note adoperate da Wes per passare alla sezione B sono le stesse utilizzate all'inizio del solo (re-sol-si-do#-re) anche se diverse ritmicamente.

BATTUTE 17-24 
Avevamo sottolineato come l'arpeggio fosse un elemento costruttivo pressoché costante nel fraseggio di Montgomery. Sul B questo concetto viene esaltato al massimo: su otto battute di questa sezione, sei impiegano un pattern basato su una triade discendente con la prima nota "approcciata" dal semitono inferiore (vedi batt.17). Wes, trasportando questo pattern, sovrappone agli accordi della cadenza triadi che sono diatoniche rispetto alle tonalità individuate dalle cadenze stesse. Infatti a batt.17-18 (II-V di Sib) vengono utilizzate le triadi di Solm, Fa, Mib, Rem costruite sul VI,V,IV e III grado di Sib. Sul Rem di batt.19 (sostitutivo di Sibmaj7) dove ci aspetteremmo le triadi di Dom e Sib che proseguirebbero logicamente la serie discendente, troviamo invece un Si naturale "estraneo" che interrompe la simmetria ma prepara magistralmente l'entrata del Sim7 della battuta seguente. A batt.20 (II-V di La magg.) Montgomery suona le triadi costruite sul II e I grado di La e lo stesso avviene, scendendo di semitono, nella successiva batt. 21. L'"atterraggio" sul Lab conclusivo (batt.23) viene sottolineato dalla sonorità superlocria di batt.22 (Mi nat. e Fa# ovvero nona minore e nona aumentata di Mib7). Infine a batt.24 ritorno alla tonalità di Solm tramite scala minore armonica discendente di Sol.

BATTUTE 25-28
In contrasto con la sezione precedente, in cui l'elemento armonico è predominante, per chiudere il chorus Wes sceglie di puntare sull'elemento ritmico, inserendo le quinte parallele (Sol-Re) dal sapore blues in maniera sempre diversa e inattesa.

BATTUTE 29-32
Le ultime quattro battute del chorus sembrano quasi un riassunto degli elementi usati finora: cromatismi, arpeggi, appoggiatura bluesistica (Do#-Re) e pentafonica discendente confluiscono in un'unica frase che è, comunque, estremamente melodica e logicamente sviluppata.


Per concludere vorrei sottolineare ancora una volta il fatto che, al di là delle scelte fatte da Wes su quali scale o arpeggi usare, quello che rende magistrale questo solo è la sua architettura generale, il grande senso della costruzione e la logica di sviluppo delle idee. Molto spesso infatti tendiamo a vedere il solo come una specie di gioco di abilità in cui vince chi utilizza le scale più astruse o le soluzioni più complicate, dimenticando che la meta ideale per l'improvvisatore è quella di comporre improvvisando e che in questo senso la struttura della composizione acquista un'enorme importanza.
Il ripresentare, anche a distanza di varie battute, certe cellule melodiche, la capacità di conferire ad ogni sezione un'identità ben precisa utilizzando elementi diversi, il costante equilibrio tra adesione e allontanamento dall'armonia di base, il continuo alternarsi di tensione e distensione: questi sono alcuni aspetti sempre presenti nei soli dei grandi improvvisatori. Riuscire a pensare in termini di struttura, più che porre l'attenzione sul singolo pattern, può far crescere molto le nostre capacità improvvisative. 

Infine, una domanda: 
ci sono richieste per il prossimo solo da analizzare
(per scrivere a Michele Ariodante inviare un'email a miariod@tin.it o a lezioni@jazzitalia.net)
Io ho qualche idea ma sarebbe bello sentire vostre proposte in merito. 

A presto

Michele Ariodante



Inserisci un commento

© 2000 Jazzitalia.net - Michele Ariodante  - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 20.693 volte
Data pubblicazione: 12/08/2000





Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti
 
"../../Contatore.ASP"-->