Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

L'armonia quartale
di Gianfranco Continenza
info@gianfrancocontinenza.com
Contemporary Music Academy

Oggi trattiamo un argomento che io reputo fondamentale per quanto riguarda l'improvvisazione armonica (ma anche melodica) nel Jazz, "l'armonia quartale". 

Ho visto che è un argomento poco trattato dai vari metodi e se trattato è visto in modo superficiale e senza un riscontro pratico, nessuna teoria che non ha un riscontro nella pratica giova a qualcosa. Ho speso molto tempo su di essa soprattutto per trovare dei voicing adatti per la chitarra con i relativi rivolti.

L'armonia quartale deriva dalla scala diatonica maggiore (1 2 3 4 5 6 7) sovrapponendo la stessa ad intervalli di 4a diatonica, con questo intendo dire che è l'armonia della scala maggiore a dettare se una 4a è Giusta (2T + 1S) od Aumentata (3T).

Nel 1° esempio sovrapponiamo la scala maggiore di Do ad intervalli di 4a, così otteniamo due intervalli di 4a. Se notate solo sul e sul IV° grado otteniamo dei voicing differenti, gli altri gradi contengono gli stessi intervalli di 4 Giusta. Lo stesso sarà per il e II° rivolto.



Nel 2° esempio abbiamo il I° rivolto, qui otteniamo un intervallo di 4a ed uno di 2a. Nonostante le note sono le stesse la loro diversa disposizione ne cambia il sound.



Nel 3° esempio abbiamo il II° rivolto, così otteniamo un intervallo di 2a ed uno di 4a, notate come anche qui il sound muta.



Spendo molto tempo con i miei studenti della C.M.A. su questo argomento che ritengo molto importante. 

Una volta memorizzati i voicing provate ad applicarli nel modale. 

Per esempio se suoniamo su C9sus (1 4 5 b7 9) otteniamo un sound Misolidio (1 2 3 4 5 6 b7) così possiamo usare l'armonia quartale di F Major; se suoniamo su FMa9(#11) otteniamo un sound Lidio (1 2 3 #4 5 6 7) qui useremo l'armonia quartale di C Major e così vale per tutti e sette i modi della scala maggiore.

Approfondirò nelle prossime lezioni questo argomento, intanto vi invito a scrivermi se volete maggiori chiarimenti visto che si tratta di un argomento un po' difficile; vedrete poi la differenza nel vostro suonare, vale proprio la pena di lavorarci sopra.

Muovetevi su tutte le tonalità e su tutti i modi della scala maggiore, buon lavoro.


 

E' uscito il Cd di Gianfranco Continenza "The past inside the present"
ESC Records
feat. Bill Evans e Scott Kinsey

compra il cd:





Le altre lezioni:
29/08/2008

The Past Inside The Present (Gianfranco Continenza)

14/12/2005

LEZIONI (chitarra): L'armonia quartale della scala minore melodica, IIa parte (Gianfranco Continenza)

19/06/2004

LEZIONI (chitarra): L'armonia quartale della scala minore melodica. (Gianfranco Continenza)

30/03/2002

LEZIONI (chitarra): Seconda lezione sull'armonia quartale con esempi e linee guida sull'improvvisazione (Gianfranco Continenza).

31/07/2001

Arrangiamento in chord melody di The Days of Wine and Roses (chitarra 4)

27/01/2001

Sostituzione di tritono 2: IImi9, bII9, IMa7(#5#11)-IMa13(#11)/A (chitarra 4)

23/12/2000

Dispersione di ottava nel sound di 7a dominante (chitarra 4)

02/12/2000

Misolido Bebop Sound (chitarra 4)

17/11/2000

Sostituzione di tritono (chitarra 4)

09/11/2000

Lidio dominante intervallic line (chitarra 4) - Gianfranco Continenza

29/10/2000

IIm11 - V7(alt) - IM7(#11) intervallic line (chitarra 4)

22/10/2000

IIm9 - V13(b9) - IM7(#11) bebop line (chitarra 4)







Inserisci un commento

© 2000, 2001 - Jazzitalia.net - Gianfranco Continenza - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


COMMENTI
Inserito il 24/6/2008 alle 12.29.38 da "colonnaf2003"
Commento:
Questa prospettiva dell'armonia quartale mi ha sempre insospettito. Premetto che non sono affatto un accademico e che adoro tutta la musica impressionista. Credo comunque che la logica della sovrapposizione per quarte si allontani drasasticamente da qualsiasi considerazione tonale o modale. Perche' mai dover ingabbiare accordi tanto ricchi e profondi e banalizzarli dentro un sistema armonico che non suggeriscono affatto o non solo. Essi a mio avviso svelano l'illusione della percezione armonica portandola Musica verso direzioni e s e si vuole risoluzioni tanto meravifliose quanto paradossale. Complimenti per il sito.

 
Inserito il 29/7/2014 alle 11.33.51 da "jazzfd"
Commento:
Grazie Gianfranco per questa lezione !
Ricordo che McCoy Tyner è considerato uno dei pionieri nell'uso dell'armonia quartale applicata al jazz...il fatto che Tyner è mancino contribuisce notevolmente allo sviluppo di questa tecnica

Rino Liuzzi
Jazz Fusion e dintorni
www.radioamicizia.com
 

Questa pagina è stata visitata 35.758 volte
Data pubblicazione: 18/04/2001

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti