Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novità
INDICE LEZIONI

Gli Slash Chords
articolo pubblicato su TUTTOCHITARRE (marzo 2001)
di Giuseppe Continenza
info@continenza.com

Una delle difficoltà con cui spesso si scontrano i giovani chitarristi, è come improvvisare su uno Slash Chord. Cosa significa questo termine? Lo Slash Chord non è altro che una triade con una nota al basso. (Le triadi sono per la maggior parte maggiori ma esistono anche quelle minori con una nota al basso, differenti a loro volta dal caso della triade con un'ulteriore triade al basso chiamata Polychord).

  • Slash Chord è una triade con una data nota al basso: es. Bb/C cioè la triade maggiore di Bb con al basso la nota C. Nella scrittura i due elementi vengono separati da una linea diagonale (slash)
  • Polychord è una triade con un'ulteriore triade al basso: es. cioè la triade maggiore di Bb con la basso la triade maggiore di C. Nella scrittura tali elementi vengono separati da una linea orizzontale.

Diciamo che gli Slash Cords sono i protagonisti indiscussi di composizioni di vario genere, pop, rock, jazz, fusion...poichè spesso sostituiscono un accordo classico: ad esempio un Major7, minor7, minor7 (5b), dominant7, dominant7 altered e così via.
In questa sede affrontiamo lo studio di tutte le dodici possibilità che vengono a crearsi, con le più idonee diteggiature e voicings. Inoltre, analizziamo gli Slash Chords uno ad uno, cercando di capire quali scale funzionano per improvvisarci sopra.

Cominciamo con la presentazione dei 12 possibili Slash Chords.


C/C - Db/C - Eb/C - E/C - F/C - F#/C - G/C - Ab/C - A/C - Bb/C - B/C
 

Di sicuro noterete che la tonica in questione, C, è ai bassi mentre le 12 triadi maggiori sono sotto di essa. Suonando con un pianista o un bassista, è anche possibile omettere le note ai bassi, suonando semplicemente la triade maggiore sottostante.

1. C/C

La prima idea che certo verrà in mente, è quella di improvvisare con la scala maggiore di C, cosa che funziona per la maggior parte delle volte. Tuttavia, è bene considerare che spesso una triade maggiore può avere anche la funzione di accordo di dominant7, come ad esempio mostra la progressione che segue:


In questo caso, su C (C7), useremo la scala maggiore di F (modo misolidio) in quanto C7 è il V grado della scala maggiore di F. Su G (G7) useremo la scala maggiore di C (modo misolidio) in quanto G7 è il V grado della scala maggiore di C ed infine su F (F7) useremo la scala maggiore di Bb (modo misolidio) in quanto quinto grado della scala maggiore di Bb.

C
oncludiamo. Quando incontriamo una progressione composta da triadi maggiori, non daremo per scontato il fatto di trattarle come fossero di I grado. Esse, infatti, possono anche essere di V grado; in qualche caso anche il IV grado della scala maggiore. La cosa migliore da fare, dunque, è analizzare sempre la progressione.

2. Db/C


Questo accordo spesso è interpretato con DbMaj7 con la 7a al basso, oppure come Csus b9. Qui possiamo usare la scala di Ab, in entrambi i casi, poichè con DbMaj7 crea il modo lidio, mentre con l'accordo di Csus b9 crea il modo frigio.

3. D/C


Solitamente questo slash chord viene interpretato principalmente in due modi:
1) D/C visto come D7. Usiamo il modo Misolidio, cioè la scala maggiore di G (in quanto D7 è il V grado di G)
2) D/C visto come C6/9 (#11). Usiamo il modo Lidio, cioè la scala maggiore di G (in quanto C6/9 (#11) è il IV grado di G).

4. Eb/C


Questo slash chord in pratica è un Cm7, perciò usiamo le medesime scale adottate con gli accordi minori.

5. E/C


Anche questo accordo può essere visto in due modi:
1) E/C visto come E7 alterato. E' per la precisione E7(#5).
2) E/C visto come Cmaj7(#5). Cioè come un grado della scala minore melodica di A (modo lidio aumentato) o della scala minore armonica di A (modo ionico #5)

6. F/C


Questo slash chord, invece, è semplicemente una triade maggiore con la 5a al basso: dunque vale lo stesso discorso del 1° punto.

7. Gb/C


Anche questo slash chord fa parte dei dominant7 altered, infatti va visto come C7(b9, #11).
Consigliabile dunque l'uso della scala diminuita Half/Whole Step in C.

8. G/C


Questo slash chord viene quasi sempre interpretato come CMaj9, poichè simile. Ma simile non significa uguale: semplicemente G/C ha un suono meno tradizionale di CMaj9 nonostante la indubbia similitudine. Ed è appunto per questo motivo che si usano shash chords: per dare all'accordo una caratteristica differente dal regolare accordo (CMaj9 nel nostro caso). Dunque possiamo usare sia la scala maggiore di C (modo ionico) che quella di G (modo lidio).

9. Ab/C


Questo popolarissimo slash chord, viene anch'esso adottato dai vari generi ed è semplicemente la triade maggiore di Ab con la 3a al basso. Anche nel caso seguente bisogna capire il ruolo della triade maggiore (a quale famiglia appartiene Maj7, dom7, ecc...) e, per ovviare a qualsiasi inconveniente, basta semplicemente analizzare la progressione.

10. A/C


Ecco un'ulteriore slash chord appartenente alla famiglia dominant7 altered: precisamente, si tratta di un C13(9b) che, con l'esempio che segue, sostituiamo con una progressione classica, II-V-Im7, sul V grado.


Anche questa volta possiamo usare la scala diminuita di C - Half/Whole Step.

11. Bb/C


Ed ecco il più diffuso slash chord in assoluto, ascoltabile in ogni genere di musica. Bb/C viene spesso usato come C7 o C11 o C7sus4, cioè come un accordo di dominant7 inaltered. Dunque, la scelta più adatta, è quella di suonarci il modo misolidio, cioè considerando Bb/C come V grado della scala maggiore di F.

12. B/C


Impiegato spesso nel jazz e nella fusion, viene usato principalmente in due modi. Come sostituzione di B7 altered, creando l'accordo di B7(b9), oppure come sostituzione di D7, creando il sound di D13(b9) come illustra l'esempio che segue:



Utilizzabili indifferentemente la scala diminuita di D Half/Whole Step, che la scala minore melodica di C.

Considerazione finale. E' pure possibile adottare le triadi maggiori che, fuse con le scale relative, creeranno un sound a dir poco superbo!


G. Continenza - v. Juris - P. Iodice - D. Di Piazza
Seven Steps To Heaven






Altri articoli:
14/04/2013

LEZIONI (chitarra): Uso creativo della scala diminuita (Giuseppe Continenza)

29/05/2010

LEZIONI (chitarra): Intervalli nella chitarra jazz moderna. (Giuseppe Continenza)

10/02/2008

LEZIONI (chitarra): Chord Melody Concept: Minor chord scale with diminished passing tones (Giuseppe Continenza)

26/04/2007

LEZIONI (chitarra): IIa parte dell'arrangiamento di "C Minor Prelude II" di Bach (Giuseppe Continenza)

16/02/2007

LEZIONI (chitarra): "C Minor Prelude II" di J.S. Bach arrangiato per chitarra - Ia Parte (Giuseppe Continenza)

22/08/2006

LEZIONI (chitarra): Il Minor Blues nel jazz (Giuseppe Continenza)

12/03/2006

Giuseppe Continenza e Gene Bertoncini: "...ci sono musicisti che riescono, con la propria creatività e con la loro preparazione, a trasmettere emozioni uniche e sublimi..." (Claudio Ranghelli)

26/02/2006

LEZIONI (chitarra): Virtuoso Techniques: come sviluppare la tecnica strumentale, IIa parte (Giuseppe Continenza)

23/11/2005

LEZIONI (chitarra): Virtuoso Techniques, come sviluppare la tecnica strumentale. Parte Prima: 1a Posizione (Giuseppe Continenza)

22/04/2005

LEZIONI (chitarra): Intervalli di 4a - In and Out (Giuseppe Continenza)

18/03/2005

Seven Steps to Heaven (Giuseppe Continenza - Vic Juris)

25/04/2004

LEZIONI (chitarra): Chord Melody: improvvisare con i chord scale, IIa parte. (Giuseppe Continenza)

08/02/2004

Jimmy Bruno e Giuseppe Continenza in duo: "...un concerto di quasi 2 ore che ha regalato grandi emozioni a tutti noi con 2 bis e grandi ovazioni nel finale, difatti sembrava che il pubblico non volesse mandarli via..." (Alex Smith)

26/10/2003

LEZIONI (chitarra): Chord melody: improvvisare usando i chord scale - 1a parte. (Giuseppe Continenza)

01/05/2003

LEZIONI (chitarra): Blue bossa arrangiamento in modalità chord melody. (Giuseppe Continenza)

31/03/2002

LEZIONI (chitarra): Superimposizione di cicli di dominante 7, un modo per rendere i propri soli armonicamente moderni ed imprevedibili (Giuseppe Continenza)

15/11/2001

LEZIONI (chitarra): Bebop playing & chromatic approach II: i chromatic passing tones...cosa sono, come si applicano.

19/08/2001

Bebop playing & Chromatic approach. La scala bebop e i cromatismi con esempi di utilizzo - Ia parte. (chitarra)





Video:
Biréli Lagrène & Giuseppe Continenza - "Sunny" (Eddie Lang Jazz Festival 2013)
"Sunny" performed by Biréli Lagrène & Giuseppe Continenza during a jam session at Eddie Lang Jazz Festival, XXIII edition 2013...
inserito il 02/11/2013  da HandEye Family - visualizzazioni: 3857



Comunicati:
26/02/2005Corsi Jazz 2005/2006 all'European Musician Institute di Pescara
23/11/2004Jimmy Bruno in Italia per un concerto in duo con Giuseppe Continenza ed una Master Class.
04/06/2004E' uscito il nuovo Cd "Seven Steps To Heaven" del quartetto composto da Giuseppe Continenza, Vic Juris, Dominique Di Piazza e Pietro Iodice
06/12/2003Jack Wilkins & Giuseppe Continenza in concerto.
Inserisci un commento

© 2001 Jazzitalia.net - Giuseppe Continenza - Tutto Chitarre - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 50.381 volte
Data ultima modifica: 13/06/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti