Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novità
INDICE LEZIONI

Virtuoso Techniques: come sviluppare la tecnica strumentale
Parte Prima: 1a Posizione

di Giuseppe Continenza
www.continenza.com



Benvenuti in questa nuova serie di lezioni nelle quali tratterò lo sviluppo della tecnica sullo strumento. Certo è sempre vero il fatto che un buon chitarrista professionista si presuppone abbia una buona tecnica strumentale e per buona tecnica strumentale intendo una tecnica operativa e concreta; mi spiego meglio, il chitarrista professionista deve sapere eseguire brani anche di estrema difficoltà quando richiesti e questo richiede un'ottima tecnica strumentale. Premetto anche che un buon chitarrista fa un uso ponderato e soprattutto musicale della sua tecnica che deve essere sempre al servizio della sua anima di musicista. Quando ascoltiamo chitarristi virtuosi del calibro di Joe Diorio, Jack Wilkins, Jimmy Bruno, Jimmy Rosenberg, Vic Juris, Bireli Lagrene, Joe Pass, ecc. notiamo che ognuno di essi ha sviluppato un approccio tecnico-strumentale eccellente ed ognuno di essi suona musica cioè usa la sua tecnica per avere più libertà nel creare e non avere limiti di alcun genere.

C'è da dire una cosa però, che la difficoltà più grande che si riscontra nella chitarra jazz è appunto il dover imparare a suonare sui cambi in modo disinvolto e del tutto spontaneo; e per fare questo occorre molto studio e determinazione. Cominceremo con lo studio degli arpeggi e degli arpeggi con scala che sono tecniche molto usate specialmente dai chitarristi django style ma non solo. Lo studio degli arpeggi vi darà una tecnica strumentale notevole e richiede molto metodo ed applicazione costante. Bisogna monitorare ogni giorno la velocità con un metronomo e segnare di giorno in giorno i progressi raggiunti senza però dimenticarsi che i risultati si ottengono nel tempo e che sono studi molto difficili. Lo studio verrà affrontato nelle 5 posizioni della chitarra; cominceremo con la prima posizione. Lo studio si dividerà in due parti nelle quali verrà affrontato lo studio della prima posizione e via dicendo per le altre posizioni. Nell' Ex. 1 cominceremo con lo studio dell'arpeggio di mi7(b5) o semidiminuito suonato in quartine tra l'altro è un arpeggio con una diteggiatura molto ostica.

Cominceremo partendo dall'acuto il che rende il tutto ancora più intrigante. L'Ex. 2 è lo stesso arpeggio ma suonato in sestine.

N.B. Suonate questo arpeggio di Emi7(b5) su un accordo di C9 difatti ogni volta che troviamo un accordo di dominante 7 inalterato possiamo mettere l'arpeggio di mi7(b5) una 3a maggiore sopra. L'arpeggio creerà un sound molto interessante difatti non è altro che un arpeggio di dom 9 senza la tonica: E è la 3 Mag, G è la 5, Bb è la 7mi e D è la 9 Mag, il tutto sempre rispetto alla tonica di un C9 accordo.


Negli Ex. 3 e 4 tratteremo sempre lo stesso arpeggio, Emi7(b5) ma iniziandolo con un piccolo frammento di scala maggiore di F (modo locrio, VII grado di F) partendo sempre dal Mi cantino 1a corda. L' Ex. 3 è suonato in quartine mentre l'Ex. 4 è suonato in sestine; la scala all'inizio dell'arpeggio da un sapore differente, quasi neo-classico. Questi arpeggi in questione sono molto usati tra l'altro da Jimmy Rosenberg, Bireli Lagrene, Raphael Fays ed altri ancora.

Suonateli sempre su un accordo di C9. Un consiglio molto importante che mi sento di darvi è: non mettete troppa pressione nella mano sinistra, la troppa pressione non fa altro che stancare la mano, basta quel tanto di pressione che permetta alla nota di suonare. A volte molti chitarrista si ammalano di tendinite appunto perchè hanno una postura scorretta e mettono molta pressione sulla mano sinistra. Il secondo consiglio: alternate sempre la pennata e cercate di non far risuonare le corde a vuoto mutando quelle già suonate in quanto creerebbero suoni indesiderati. Dovete suonare questi arpeggi in moto perpetuo senza fermarvi ma ricordatevi di usare sempre dinamica nel suonarli altrimenti rischierete di farli suonare in modo meccanico.



Nella prossima lezione tratteremo i cromatismi negli arpeggi. Buon lavoro!!!


G. Continenza - v. Juris - P. Iodice - D. Di Piazza
Seven Steps To Heaven






Altri articoli:
14/04/2013

LEZIONI (chitarra): Uso creativo della scala diminuita (Giuseppe Continenza)

29/05/2010

LEZIONI (chitarra): Intervalli nella chitarra jazz moderna. (Giuseppe Continenza)

10/02/2008

LEZIONI (chitarra): Chord Melody Concept: Minor chord scale with diminished passing tones (Giuseppe Continenza)

26/04/2007

LEZIONI (chitarra): IIa parte dell'arrangiamento di "C Minor Prelude II" di Bach (Giuseppe Continenza)

16/02/2007

LEZIONI (chitarra): "C Minor Prelude II" di J.S. Bach arrangiato per chitarra - Ia Parte (Giuseppe Continenza)

22/08/2006

LEZIONI (chitarra): Il Minor Blues nel jazz (Giuseppe Continenza)

12/03/2006

Giuseppe Continenza e Gene Bertoncini: "...ci sono musicisti che riescono, con la propria creatività e con la loro preparazione, a trasmettere emozioni uniche e sublimi..." (Claudio Ranghelli)

26/02/2006

LEZIONI (chitarra): Virtuoso Techniques: come sviluppare la tecnica strumentale, IIa parte (Giuseppe Continenza)

22/04/2005

LEZIONI (chitarra): Intervalli di 4a - In and Out (Giuseppe Continenza)

18/03/2005

Seven Steps to Heaven (Giuseppe Continenza - Vic Juris)

25/04/2004

LEZIONI (chitarra): Chord Melody: improvvisare con i chord scale, IIa parte. (Giuseppe Continenza)

08/02/2004

Jimmy Bruno e Giuseppe Continenza in duo: "...un concerto di quasi 2 ore che ha regalato grandi emozioni a tutti noi con 2 bis e grandi ovazioni nel finale, difatti sembrava che il pubblico non volesse mandarli via..." (Alex Smith)

26/10/2003

LEZIONI (chitarra): Chord melody: improvvisare usando i chord scale - 1a parte. (Giuseppe Continenza)

01/05/2003

LEZIONI (chitarra): Blue bossa arrangiamento in modalità chord melody. (Giuseppe Continenza)

31/03/2002

LEZIONI (chitarra): Superimposizione di cicli di dominante 7, un modo per rendere i propri soli armonicamente moderni ed imprevedibili (Giuseppe Continenza)

15/11/2001

LEZIONI (chitarra): Bebop playing & chromatic approach II: i chromatic passing tones...cosa sono, come si applicano.

19/08/2001

Bebop playing & Chromatic approach. La scala bebop e i cromatismi con esempi di utilizzo - Ia parte. (chitarra)





Video:
Biréli Lagrène & Giuseppe Continenza - "Sunny" (Eddie Lang Jazz Festival 2013)
"Sunny" performed by Biréli Lagrène & Giuseppe Continenza during a jam session at Eddie Lang Jazz Festival, XXIII edition 2013...
inserito il 02/11/2013  da HandEye Family - visualizzazioni: 3921



Comunicati:
26/02/2005Corsi Jazz 2005/2006 all'European Musician Institute di Pescara
23/11/2004Jimmy Bruno in Italia per un concerto in duo con Giuseppe Continenza ed una Master Class.
04/06/2004E' uscito il nuovo Cd "Seven Steps To Heaven" del quartetto composto da Giuseppe Continenza, Vic Juris, Dominique Di Piazza e Pietro Iodice
06/12/2003Jack Wilkins & Giuseppe Continenza in concerto.
Inserisci un commento

© 2001, 2005 Jazzitalia.net - Giuseppe Continenza - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 31.243 volte
Data pubblicazione: 23/11/2005

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti