Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Grant Green's Blues: Dog It (part 2).
di Garrison Fewell
gfewell@earthlink.net
Trad. Marco Losavio e Annamaria Costalonga

Click here to read the english version

Jimmy Forrest - Black Forrest

Riprendiamo le principali caratteristiche del solo riassunte nella precedente lezione:

1) Uso della scala blues di F su F7 e Bb7, così come su G-7/C7
2) Fraseggio be-bop, normalmente nella seconda metà del chorus tra le battute 6-8 e 11-12.
3) Esteso uso delle terzine di note da 1/8 (crome) come modulo ritmico.
4) Abbellimenti costruiti con terzine di note da 1/16 (semicrome) o "trilli".
5) Sviluppo di brevi motivi di tre note con spostamento ritmico
6) Arpeggi ed estensioni di accordi diatonici
7) Costruzione melodica semplice contrastata con ritmi complessi, e fraseggio a cavallo tra le battute.

Continuiamo l'analisi del solo di Grant su questo blues in F, cominciando dal terzo chorus.

CHORUS TRE
Grant inizia un motivo di tre note nella battuta 12 del secondo chorus e ripete questo frammento abbassato di una quinta nella battuta 1 del terzo chorus. Egli ripete la sequenza in modo simmetrico diverse volte con una pausa di due beat e mezzo tra ogni riff, poi abbrevia la pausa ad un ottavo nella battuta 4. Questo modo di ripetere un motivo seguito da un'accorciamento della durata delle pause, è un classico approccio di Green che crea un effetto molto drammatico. 


Le battute 6 e 7 contengono le caratteristiche terzine con note da 1/16 in sequenza per 5 beat. La battuta 8 è una tipica bebop line sull'accordo D7b9. Nota l'arpeggio di F#dim7 (F#, A, C, Eb) che Grant suona sul D7b9 

Nelle battute 9-11, Grant suona una serie di terzine spostandosi velocemente verso il basso del manico. Questo stretch incredibilmente atletico non è facile eseguirlo così chiaramente come fa lui, e dovrebbe dissipare l'illusione che Grant Green era semplicemente un istintivo musicista "blues" con una piccola abilità tecnica sulla chitarra. Sull'accordo di C7, Grant suona l'estensione di un arpeggio Gmin9 costruito per terze (G, Bb, D, F, A). Questo è un approccio comune nel blues quando si suona su un accordo di dominante che esclude il terzo grado naturale (E naturale su C7) in favore del 4° grado (F). Per meglio comprendere questo concetto, suonate un arpeggio minore 9 partendo dal quinto grado dell'accordo dominante. (arpeggio di Gmin9 su C7).

CHORUS QUATTRO
Il quarto chorus inizia con una frase melodica nelle battute 1-4, ed è un tipico esempio dell'abilità di Grant di "sentire" melodie orecchiabili che non sono ne' blues ne' bebop, ma sono qualcosa più vicina alla pop music. Questo è uno dei motivi per cui il suo suono sia così attraente per un vasta tipologia di ascoltatori.

Nelle battute 5 e 6, Grant accentua la nota Ab sull'accordo Bb7 (la settima bemolle dell'accordo, che è anche chiamata guide tone), ed estende la frase in una sequenza di terze che delineano un arpeggio di Abmaj7. Abmaj7 è un'estensione di Fmin9 (F, Ab, C, Eb, G). Ancora una volta, suonare un arpeggio min9 iniziando dal quinto grado dell'accordo dominante (Fmin9 su Bb7) è un approccio blues.
La battuta 8 è una scala Minore Armonica discendente di G su D7b9. Nota che Grant risolve la frase al termine della battuta utilizzando la classica risoluzione della guide-tone - la settima bemolle del D7 (C) risolve mezzo tono in basso alla terza bemolle di Gmin7 (Bb) sul beat 1 della battuta 9. Provate questo approccio per improvvisare a contorno dei cambi dell'accordo.

Nelle battute 9-11, Grant suona un bellissimo lick blues sulla progressione G-7 / C7 / F7 - un altro esempio in cui ignorando i cambi di accordo e suonando blues suona sempre bene!

CHORUS CINQUE
Nell'ultimo chorus Grant scivola nel terzo grado di F7 da mezzo tono in basso (Ab - A) - un'altra parte essenziale del sound blues.

Le battute 5-6 contengono un arpeggio di G-7 su un accordo di Bb7, poi Grant si sposta in su di un tono con un arpeggio di A-7 su F7 nella battuta 7, e prosegue nuovamente con una scala Minore Armonica di G discendente su D7b9 e risolve con la stessa guide tone (settima bemolle) spiegata nel precedente chorus. 

Nelle ultime quattro battute, Grant suona una bellissima frase di chiusura al suo solo. Tutto ciò che posso suggerire, a questo punto, è di andare a comprare e ascoltarlo - le vostre orecchie lo apprezzeranno!

Fai click qui per visualizare la trascrizione completa

Di seguito trovate un link alla discografia di Grant Green che può aiutare coloro desiderino conoscere di più riguardo le sue registrazioni: http://www.ceres.dti.ne.jp/~acchan/ggdisc.html

Dal
1959 al 1978, Grant ha effettuato oltre 90 registrazioni come leader o sideman che sono elencate nella sua discografia. Coloro per cui la musica di Grant non è nota, si possono domandare da dove iniziare. Mentre alcuni preferiscono le sue recenti registrazioni Blue Note, e alcuni sono fans del suo stile funk e R&B, a me piace tutto, e negli anni ho provato a collezionare tutti gli LP o CD su cui Grant avesse suonato. I CD recentemente ristampati con inedite registrazioni ora pubblicate per la prima volta, hanno reso più facile di sempre assimilare Grant Green, sebbene alcuni LP non sono ancora stati pubblicati su CD.

Per aiutarvi nella ricerca di un Grant Green di qualità, offrirò un opinione riguardo le mie registrazioni preferite, sperando che comprendiate che ciò è puramente soggettivo. Ho provato a evidenziare una o due grandi tracks su ogni registrazione in modo che possiate focalizzare l'ascolto verso vere e proprie gemme.
Grant Green - Talkin' AboutGrant Green - Street of DreamsTutte le registrazioni che Grant ha fatto con l'organista Larry Young sono grandi. La mia preferita è nell'LP Blue Note del 1964 "Street of Dreams" (BLP 4253 - BST 84253) con il vibrafonista Bobby Hutcherson e il batterista Elvin Jones.  Tutti e quattro i brani su questa incisione hanno una vera qualità da sogno, supportata dal solido ma rilassato groove di Elvin.
Anche su "
Talkin' About" (BLP 4183 - BST 84183) del 1964 vi è il trio con Larry Young and Elvin. Questa registrazione è notevole per il suo moderno approccio post-bop - ascoltate Grant sulla traccia che da il titolo, "Talkin' About J.C.". Sulla ballad  "People", Grant suona piano e con espressione prima di raddoppiare il tempo in un bellissimo solo. Il delicato lavoro di Elvin con le spazzole è fondamentale ascoltarlo qui.
Grant Green - I Want To Hold Your HandGrant Green - Idle MomentsSull'LP del 1965 "I Want To Hold Your Hand" (BST 84202) () c'è lo stesso trio con l'aggiunta del sax tenore Hank Mobley, e suona la più piena di soul e funky cover di questo famoso brano di Lennon-McCartney che possiate mai ascoltare. 

"
Idle Moments" (BST 84154) è spesso indicato come un LP fondamentale da avere di Grant Green. Registrato nel 1963 con Joe Henderson al tenore e  Bobby Hutcherson al vibrafono, il brano che da il titolo al CD, di quasi 15 minuti, è un blues estremamente lento con un mood da tarda notte così scuro, che avrete bisogno solo di una sigaretta e di una birra per trasformare la vostra stanza in un jazz club di New York. 
Grant Green - Grant's First StandGrant Green - The Complete Quartets with Sonny ClarkPotete avere un assaggio del suono "cool" del trio con organo degli anni 60 sull'LP del 1961 "Grant's First Stand" con Baby Face Willette all'organo. Il primo pezzo, "Miss Ann's Tempo", è composto da Green e contiene uno dei soli blues più belli di sempre.

Un altro famoso collaboratore di Grant è stato il pianista Sonny Clark. Il doppio CD collection della Blue Note, "Grant Green - The Complete Quartets with Sonny Clark" è stato registrato nel 1961-62 e non è stato pubblicato fino al 1979 in Giappone su tre LP intitolati "Nigeria", "Oleo" and "Gooden's Corner". "Nigeria" contiene le registrazioni dell'unico incontro tra Grant e il batterista Art Blakey, ed è difficile immaginare pertchè la Blue Note l'abbia tenuto in serbo per 18 anni prima di decidersi a pubblicarle. Sul brano di Gershwin "It Ain't Necessarily So" Art suona un po' in anticipo rispetto al beat, con anima groove, tanto che Grant parte in quarta per il suo solo mentre in sottofondo Art urla nel microfono del cimbalo! Grant suona meravigliosamente delle linee complesse in "I Concentrate On You", e "Gooden's Corner" è un buon esempio del suo volutamente semplice ma elegante stile blues.
Grant Green - SolidGrant Green - MatadorUna delle più importanti registrazioni post-bop è "Solid" (BN LT-990). Qui Grant suona alcune delle sue "solide" linee bop con Joe Henderson al tenore e James Spaulding al contralto, due significativi modernisti. Dagli anni '60 della Blue Note è raro ascoltare un chitarrista in primo piano con due fiati, e Grant qui si riconferma un solista. Due elementi della famosa sezione ritmica di Coltrane, il pianista McCoy Tyner e il batterista Elvin Jones, contribuiscono a rendere questa registrazione un punto di riferimento. Il fatto che sia stato registrato a mala pena una settimana dopo che Coltrane avesse terminato il suo capolavoro "Crescent" con lo stesso pianista e batterista, ci dice con quanta ragione questa musica ponga Grant tra i più grandi chitarristi jazz di sempre, (se non tra i più coraggiosi!). Se vi piace questo disco, allora ascoltate anche l'LP del 1965 "Matador". Registrato nel 1965 con la stessa sezione ritmica, (ma nuovamente pubblicato 15 anni dopo solo in Giappone!), suonano la stessa versione modale di "My Favorite Things" che ha reso famoso Coltrane. 
Grant Green - Sunday Mornin'Grant Green - Feelin' The SpiritUn altro esempio di come Grant utilizzasse il modale può essere ascoltato su una bella versione di "So What" di Miles Davis dall'LP "Sunday Mornin'" (BST 84099) del 1961. In questo album Grant mostra alcune delle sue influenze Gospel. Nell'album Blue Note del 1962 "Feelin' The Spirit", Grant fa squadra con il pianista Herbie Hancock  e il batterista Billy Higgins nell' esplorare maggiormente la musica gospel e spiritual, sempre con un colpo di scena di "Green". Nel pezzo "Joshua Fit De Battle Ob Jericho" () c'è Grant che canta il blues come in una chiesa Battista.

U
n altro brano tra i miei favoriti è la versione più trendy, più groove che esista, di una vecchia canzone popolare americana, "
Red River Valley", dall'LP della Blue Note "Goin' West" (BST 84310) del 1962 con Herbie Hancock al piano, Reggie Workman al basso e Billy Higgins alla batteria. 
Hank Mobley - WorkoutGrant Green - Green StreetL'LP Blue Note "Workout" (BST 84080) di Hank Mobley è un must. Successivo a "Soul Station", è una delle registrazioni più raffinate di Mobley e contiene alcuni dei migliori passaggi musicali di Grant. Qui, Grant è accompagnato dalla sezione ritmica di Miles - il pianista Wynton Kelly, il bassista Paul Chambers  e il batterista Philly Joe Joe Jones. Grant sembra talmente a suo agio mentre esegue in modo pulito il solo sul blues "Smokin'" con un tempo sostenuto.

Un altro suo bel regalo è "
Green Street" (BST 84071). Qui, in trio senza accompagnamento armonico, le sue linee emergono intensamente, in maniera quasi minimalista, tanto che rinuncia a contrappuntare con accordi come invece preferirebbe Kenny Burrell in un trio analogo. Qui mi piace la sua versione di "'Round Midnight".
Grant Green - The Latin BitLee Morgan - Search For The New Land"The Latin Bit" è una registrazione Blue Note del 1962 dove Grant esplora la tendenza  Latin nel jazz solo da poco importata negli USA d a Stan Getz e Charlie Byrd. Ma qui si nota una grande differenza nel modo in cui Grant crea le sue interpretazioni funky, lontane dalla tranquilla Bossa Nova o dallo stile di facile ascolto. La sua versione di "Brazil" () è eccezionale. Ascoltatela e giudicate da voi.

Un bell' album della Blue Note è "
Search For The New Land" (BST 84169) del trombettista Lee Morgan con Wayne Shorter, Herbie Hancock, Reggie Workman e Billy Higgins...e Grant Green naturalmente. Quanti chitarristi jazz potevano essere all'altezza in un gruppo come questo? Grant aggiunge un tocco di classe al pezzo che da il titolo all'album, ma ascoltate il suo solo su "Mr. Kenyatta" con la sezione di fiati che l'accompagna suonando dei riff armonizzati. 

Horace Parlan - Up and DownJimmy Smith - I'm Movin OnGrant ha contribuito con raffinati soli nell'album Blue Note "Up and Down" (BST 84082) del pianista Horace Parlan con il sax tenore Booker Ervin, il cui suono in stile Texas-soul si trova a suo agio con l'approccio blues di Grant. Il primo brano, "The Books Beat", contiene un solo blues di Grant molto fluido, ma è il blues lento, "The Other Part Of Town", a dimostrare il suo stile soul, cool e blues tranquillo di Grant. Si può riconoscere l'influenza di Miles nelle pause che Grant lascia tra le frasi. 
Un altro grande assolo blues è "
Back Talk" dall'album Blue Note "I'm Movin On" (BST 84255) dell'organista Jimmy Smith. Undici minuti e cinque secondi di smokin' blues da parte di due grandi maestri. Fra i lunghi scambi con Jimmy, Grant prende degli spazi per sé che costituiscono una delle sue performance più creative a livello armonico.

Stanley Turrentine - Z.T. BluesStanley Turrentine - Up At MintonLa collaborazione di Grant con il sassofonista Stanley Turrentine è meglio rappresentata da "Up At Minton's" (BST 84069). Dovete avere questo disco! Una registrazione magnifica, ora disponibile in un doppio CD, è una registrazione dal vivo con la stessa sezione ritmica di "Up and Down" - Horace Parlan al piano, George Tucker al contrabbasso, e Al Harewood alla batteria. Grant si produce in un'eccellente performance su "But Not For Me" con un un suono di chitarra valvolare lievemente saturo che rende le sue linee tagliate con una lama ultratagliente. Grant suona bene anche su un altro album Blue Note di Turrentine, "Z.T's Blues".
Grant Green - Blues For LouJimmy Forrest - All The Gin Is GoneNon dimenticate i due album di Jimmy Forrest del
1959 "Black Forrest" e "All The Gin Is Gone". Oltre all'assolo che abbiamo analizzato nel blues "Dog It", un altro blues, "Sunkenfoal", dal cd di "Black Forrest" è davvero uno dei suoi migliori assoli blues icon tempo sostenuto che vi verrà voglia di trascrivere!
Ora, se non vi basta ancora, provate a sentire queste altre performance con organo. "
Blues For Lou" (BN 21438) è un bell'album della Blue Note per trio e organo del 1963, uscito per la prima volta solo recentemente. Anche se queste registrazioni presentano troppa musica "boogaloo", il brano che dà il titolo all'album è un blues eccellente che merita il prezzo del disco.
Una nuova versione su CD vede l'organista Dan Patterson, Sonny Stitt, Grant Green e il batterista Billy James (fra i più grandi del genere jazz-soul). Con il titolo "
Brothers 4" (Prestige), include anche l'album "Donny Brook". Don Patterson è stato un grande organista jazz, che suonava grooves jazz e R&B. Grant esegue un bell'assolo nel brano del titolo, e in "Alexander's Ragtime Band"; non tralasciate però il pezzo pop di Burt Bacharach, "Walk On By": Grant dimostra la sua maestria nel suonare godibili linee jazz su della musica pop! Anche più trendy sono i ritmi fuori beat e rilassati che suona!
George Braith - The Complete Blue Note Session (Extension)Jack McDuff - The HoneydripperFra le mie registrazioni preferite con organo e sax è "Extension" (BLP 4171), di Gorge Braith.
Questo album spicca fra altri di questo tipo per le composizioni di George. E' stimolante sentire come l'attività armonica di Grant si faccia più interessante del blues standard che pure suona così bene.
Anzi, nel brano del titolo, "
Extension", lo distrugge proprio.

Grant figura in un paio di belle registrazioni Prestige con l'organista Jack McDuff. "Goodnight It's Time To Go" (Prestige 7220) è ristampato sul cd "Legends of Acid Jazz" dove i pezzi "McDuff Speaking" e "A Smooth One" meritano proprio un ascolto. L'album "Honeydripper" (Prestige 7199) vede Jimmy Forrest al sax tenore e Ben Dixon alla batteria. Il mio pezzo favorito è il maledettamente lento "I Want a Little Girl" dove il blues viene..."distillato goccia a goccia" dalla chitarra di Grant.

Harold Vick - Steppin' Out"Steppin' Out" (Blue Note, BST 52433) del sax tenore Harold Vick vede Blue Mitchell alla tromba, John Patton all'organo e Ben Dixon alla batteria. Una buona compagnia per Grant, che suona magnificamente per tutto l'album. In tutto e per tutto un bel disco. 

Grant Green - Carryin' OnAlcune delle registrazioni del contralto Lou Donaldson, includono alcune belle performance di Grant.
Fra le migliori, "
Here 'Tis" (BST 84066). Ascoltate i suoi assoli su "Cool Blues", "Watusi Jump" e su un classico blues lento, in cui eccelle, "Walk Wid Me". "Natural Soul" (BST 84108) di Donaldson presenta un bel pezzo, "Sow Belly Blues" e "Musty Rusty", album della Argo, contiene un bel brano, "Midnight Sun", dove Grant si esibisce in un assolo breve, ma dolce.

Anche se Grant fu accusato di essere diventato "commerciale" alla fine della sua vita, pure le sue ultime registrazioni contengono dell'ottima musica. In "
Carryin' On" (Blue Note) del 1969, suona una chitarra jazz così dolce, da farmi venire in mente il Wes Montgomery di "Goin' Out of My Head" o "California Dreaming". Forse non sono i migliori dischi di entrambi, ma al tempo era musica in voga, e si può ascoltare qualche bel pezzo di classe - da non perdere. Quando Grant esegue il brano pop "Hurt So Bad" (), si possono individuare gli albori dello smooth jazz che ha influenzato George Benson nel suo hit "Breezin'" della metà degli anni '70.
Grant Green - AliveGrant Green - Live at the LighthouseIn "Alive" (Blue Note, 1970) si vede la sua preferenza per il sound James Brown/ Motown.
Con Ronnie Foster all'organo e Idris Muhammad alla batteria, ascoltate
"Sookie Sookie" () e "Let the Music Take Your Mind" () se volete gustarvi un po' di jazz R&B e soul. "Live at the Lighthouse" è un'altra testimonianza dell'attività concertistica di Grant nel 1972. Qui la band è ancora più tirata e si possono ascoltare alcuni dei suoi assoli più belli in questo genere.

Spero che i miei commenti vi siano d'aiuto per cercare e ascoltare alcuni dei suoi più significativi momenti. Anche se stenterete a crederlo, ho tralasciato molte sue registrazioni, pure degne di nota. Una volta che avrete ascoltato questi consigli, speditemi una e-mail per ulteriori lezioni a casa!


Garrison's new book
Jazz Improvisation for Guitar – a Melodic Approach
is now available on Berklee Press
and distributed internationally by Hal Leonard

It includes tablature for guitar and comes complete with a 90+ track cd with back-up trio tracks for play along exercises by Garrison, bassist Steve LaSpina (a long time collaborator with guitarist Jim Hall) and drummer John Riley.

More articles by Garrison are available online through his website: www.garrisonfewell.com/pages/LESS.html

You can download Garrison's lessons for Guitar Player magazine directly from Truefire Music
http://truefire.com/list.html?store=audio_lessons&viewauthor=208


These lessons include tab for guitar and
audio tracks of all the musical examples.



G. Fewell - J. Tchicai - T. Tracanna
Big Chief Dreaming






Le altre lezioni:
13/09/2005

Big Chief Dreaming (G. Fewell - J. Tchicai - T. Tracanna)

27/08/2005

LEZIONI (chitarra): Melodic Triad Substitution: utilizzare la sostitusione di triadi per colorare i propri soli... (Garrison Fewell)





Video:
Jazz in Baia | Intervista a Garrison Fewell (Berklee Teacher)
Intervista fatta a Garrison Fewell in occasione del suo concerto alla Baia di Finale Emilia (Mo)....
inserito il 06/11/2011  da labaiaclub - visualizzazioni: 2697


Inserisci un commento

© 2001 Jazzitalia.net - Garrison Fewell - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


COMMENTI
Inserito il 23/2/2010 alle 16.31.07 da "eppo"
Commento:
Molto bello questo articolo
A me piace moltissimo anche Grant Stand con Yusef Lateef, che trovo meraviglioso

saluti

geppo
 

Questa pagina è stata visitata 19.742 volte
Data pubblicazione: 18/10/2001

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti