Jazzitalia - Lezioni: Cinema e Jazz
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Cinema e Jazz
Quando il Jazz arrivò in Italia

di Cinzia Villari

In Europa, insieme allo sbarco delle truppe militari americane, sono arrivati i V Disc e il jazz. E' interessante l'affermazione di Pupi Avati [1] a proposito del fatto che tanto del successo e della presa che il jazz ebbe su gran parte dei ragazzi italiani è dovuta all'opera di chi parlò e scrisse su quella musica. Attraverso le storie speciali che venivano raccontate, questi giovani impararono, prima ancora di comprendere questa musica, ad amare i protagonisti che avevano avuto il coraggio di inventarla. Episodi bizzarri, dolorosi o divertenti sulla vita di questi uomini permisero di arrivare alla comprensione di questa musica già imbevuta interamente di mito.

Ecco già come le biografie di questi grandi artisti riuscivano a colpire l'immaginazione di un mondo giovanile d'oltreoceano che vedeva ingenuamente in loro non solo la musica portata dal mitico sbarco in Europa delle truppe dei loro salvatori, ma le vite di questi personaggi così fuori dalle regole da rappresentare libertà, ribellione e anticonformismo. Le biblioteche allora, ci dice ancora Avati, erano fornite di decine di libri fotografici che raccontavano in qualche modo l'America, e insieme ad essa, le immagini del jazz con le foto dei suoi idoli. Leggere, guardare e finalmente ascoltare questa musica così lontana dalla cultura europea, così nuova, così trasgressiva e interessante.

Alfredo Casella e Anna Laetitia Pecci Blunt , in occasione di uno dei "Concerti di primavera", Roma 1935Durante la Prima Guerra Mondiale, Alfredo Casella, musicista, scrittore, insegnante e organizzatore, terminato l'apprendistato francese, rientrò a Torino e su Il pianoforte, giornale locale, nel giugno del 1921 firmò un articolo che mostra come gli vada dato il merito di essersi occupato di jazz con grande anticipo sui contemporanei italiani

Ultimamente mi venne dato da sentire all'estero certi straordinari dischi americani da grammofono, nei quali si udivano alcuni di quei fantastici jazz-band negri improvvisare in modo inverosimile attorno alla modesta trama musicale di certi fox-trot. E pensavo –udendo certe sontuose polifonie ritmiche adattate su talune notissime danze dalla mirabile genialità inventiva di quegli esecutori, capaci di trarre da un semplice fox-trot un monumento poliritmico e multifonico suscettibile di reggere il confronto con una fuga di Bach: che abbia a ritornare un giorno (con altri mezzi s'intende) la vecchia libertà interpretativa del '400 e '500? [2]

Egli difese la sua sincera passione modernista, contro gli attacchi che arrivarono da ovunque, primo tra tutti quello del Mascagni che reclamò un intervento da parte dello Stato che proibisse, insieme alla cocaina, anche il jazz. Casella, nonostante fervente sostenitore della politica mussoliniana nella quale vedeva la possibilità della prodigiosa resurrezione dell'Italia, continuò a sostenere e a difendere quella musica che Mussolini più o meno apertamente osteggiava.

Dall'inizio degli anni Venti, fino almeno agli anni Trenta, Roma divenne il punto d'incontro dei più sorprendenti percorsi intellettuali. Insieme a Firenze, città d'arte, moda e cultura, Torino, che contendeva a Milano il ruolo di città-simbolo del macchinismo, Trieste che riuniva in sé i movimenti della città di frontiera, la capitale fu culla di un'interessante quanto tumultuosa attività creativa. Una vita frenetica e mondana, caratterizzò l'Italia che a breve si sarebbe trasformata da stato liberale a stato fascista. In questo periodo si consumarono matrimoni e divorzi artistici tra le varie correnti. Anche il Futurismo marinettiano, sia politico sia economico, così fervente e attivo da muoversi nell'intera penisola, sembrò sposarsi per un momento con le avanguardie antiborghesi, in un idillio che sembrava poter creare una possibile unità nei programmi. L'idillio durò poco, ma ci fu. E l'Italia, nonostante tutte queste divergenze, vuoi per i problemi lasciati insoluti dal conflitto con il conseguente sbandamento, vuoi per il bisogno di una guida, denunciato da un'intera generazione, prima che tutto si disperdesse nel successivo allineamento portato dal regime fascista, visse un momento di fortissima creatività. Parallelamente alle avanguardie e al mondo intellettuale, si vennero a creare una serie di voci, apolitiche o schierate con il potere, caratterizzate da un certo conservatorismo, cui gli corrispose una gioventù forzatamente spensierata, inconsapevole della perdita della libertà, che era convinta che in un ritmo frenetico poteva liberarsi da ogni restrizione e da ogni vincolo morale della propria esistenza.

L'America, intanto, con la vittoria militare era entrata fisicamente nella vita europea, soprattutto in queste generazioni più giovani, portandosi dietro i prodotti più manifesti della sua industria culturale: il cinema e il jazz. E il jazz a sua volta si era caricato al seguito anche il ballo, creando una vera e propria frenesia generale. Ma al regime quest'esperienza risultava estranea se non addirittura disprezzabile e se il cinema fu più facilmente accettato, la stessa cosa non avvenne per il jazz. Le correnti conservatrici vedevano il tutto con disdegno e associandolo alla cocaina e alle sigarette oppiate, vedevano questa musica come qualcosa di pericoloso. Ma la bomba ormai era innescata. Nonostante le violente proteste, il fascino della musica sincopata dilagò inarrestabilmente. Nelle feste, nei teatri e in ogni tipo di manifestazione culturale, non si restò insensibili al fascino di questa musica. La jazz-mania sviluppò anche l'umorismo strampalato e goliardico, facendo trionfare il nonsense. I fumettisti presero di mira personaggi del mondo letterario e musicale irridendo la loro cieca collera antijazzista. E nei cinema trionfalmente si proiettò Il cantante di jazz che introducendo il sonoro nell'arte muta, attuò un altro grande cambiamento. Film come questo o come il successivo Il re del jazz [3] imperversarono nelle sale alimentando anche con l'immagine la vita del fenomeno.

Ed ecco che anche in Italia al matrimonio tra cinema e jazz, diamo il benvenuto. Queste due arti in tutte le loro varianti più o meno commerciali, imitate o simulate, diventarono l'emblema della modernità.


[1] Ermanno Comuzio e Roberto Ellero (a cura di), Cinema e Jazz. Quaderni di musica e film, Comune di Venezia, Assessorato alla Cultura, Gran Teatro La Fenice, Venezia 1985.

[2] Giorgio Rimondi, La scrittura sincopata. Jazz e letteratura nel Novecento italiano, Milano, Edizioni Bruno Mondatori,1999.

[3] In Bix di Avati c'è una scena che si riferisce alla pellicola. Infatti, è proprio questo il film che Paul Withman e la sua orchestra si apprestano a girare senza, purtroppo, la presenza di Bix.






Le altre lezioni:
31/08/2008

LEZIONI (Storia): Thelonious Monk nel documentario "Straight No Chaser" (Cinzia Villari)

09/02/2008

LEZIONI (Storia): Art Pepper: Notes from a jazz survivor (Cinzia Villari)

07/04/2007

LEZIONI (Storia): Bix, un'ipotesi leggendaria. Analisi del bellissimo film di Pupi Avati dedicato alla figura di Bix Beiderbecke (Cinzia Villari)

27/12/2006

LEZIONI (Storia): Bird, analisi del grandioso film di Clint Eastwood: "Rispetto alla tradizione del cinema biografia, Bird è un autentico capolavoro, dove il ritmo, continuamente mutato nei frequenti cambiamenti spazio-temporali sembra seguire quel ritmo interno che ha scosso la vita del vero Charlie Parker e che ha scosso inevitabilmente la storia del jazz." (Cinzia Villari)

19/11/2006

LEZIONI (Storia): Cinema e Jazz: Il Popolo del Jazz (Cinzia Villari)

27/08/2006

LEZIONI (Storia): Cinema e Jazz: Il film 'Round Midnight di Bernard Tavernier ... (Cinzia Villari)

15/06/2006

16 giugno 2005: un anno fa la scomparsa di Henghel Gualdi lasciava un grande vuoto oggi ancora più forte. Jazzitalia lo ricorda attraverso le testimonianze di: Nando Giardina della Doctor Dixie Jazz Band, Renzo Arbore, Pupi Avati, Lele Barbieri, Luigi Barion, Gianni Basso, Franco Cerri, Teo Ciavarella, Felice Del Gaudio, Gianni Giudici, Annibale Modoni, Marcello Rosa, Jimmy Villotti...

17/04/2006

LEZIONI (Storia): Cinema e Jazz: Le Biografie dei Jazzisti maledetti nella fiction... (Cinzia Villari)

17/01/2006

LEZIONI (Storia): Al via uno studio sul connubio tra Cinema e Jazz. Un minuzioso percorso attraverso il Jazz-Movie, i personaggi, le storie che lo hanno caratterizzato. (Cinzia Villari)

19/08/2005

Cinzia Villari e Tiziana Foschi, un esempio di teatro jazz: "...mio padre mi diceva che il jazz è un mondo di grande dolore oltre che di grande gioia e che le cose più interessanti, probabilmente, nascono da quel dolore di un gruppo di uomini che sono riusciti a creare ciò che poi hanno creato...." (Alceste Ayroldi)








Inserisci un commento

© 2006, 2007 Jazzitalia.net - Cinzia Villari - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 6.828 volte
Data pubblicazione: 15/08/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti