Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Capitolo 1: Il Ragtime e lo Stride piano
di Claudio Angeleri
info@cdpm.it

I pianisti del periodo compreso tra il 1896 e i primi anni venti si esprimono con uno stilema inconfondibile realizzato con una destrezza di altissimo livello tecnico.
Indipendenza delle mani, velocità esecutiva, forte senso ritmico della sincope e del contrattempo, sono solo alcune delle caratteristiche tecniche di questo stile pianistico che, anche nei periodi successivi, ha costituito un ottimo training strumentale ed uno stimolo creativo non indifferente.

Nato come genere di intrattenimento, il ragtime ci è stato tramandato, nelle esecuzioni originarie, Courtesy by Red Hot Jazzgrazie ai rulli dei pianoforti meccanici e alle partiture dei principali interpreti di questo periodo musicale. Sono del
1897 infatti i primi spartiti di ragtime: "Mississippi Rag" di William Krell e "Harlem Rag" di Tom Turpin (Savannah, Georgia, 1873 - 1922), uno dei maggiori interpreti di questo stile pianistico.

Il carattere evasivo ed allegro del ragtime, sorto per risollevare gli animi dopo la ricostruzione del nuovo stato americano, non nasconde le sue origini dotte. Il ragtime è infatti uno stile, a differenza dello stride piano, completamente scritto e composto secondo una struttura multitematica, solitamente AA BB A CC DD (
Maple Leaf Rag). Gli esecutori, che solo in pochi casi sono anche compositori, vantano un'ottima lettura e variano le melodie originarie con sincopi, abbellimenti e accenti, anticipando di qualche anno le prime improvvisazioni jazz di Jelly Roll Morton (nato Ferdinand Lamothe, New Orleans, 20 ottobre 1890 - 10 luglio 1941) e dei pianisti di stride piano.
Le melodie, suonate dalla mano destra, si incastrano ritmicamente con l'incedere regolare della sinistra e vengono spesso doppiate a terze o seste secondo un andamento ritmico generalmente non superiore all'ottavo.

La mano sinistra procede solitamente a quarti, scanditi da fondamentale e accordo, quinta e accordo o bassi ad ottave come nell'esempio 1. Gli accordi sono solitamente triadi e settime variate dall'accordo diminuito con funzione di sospensione armonica.


Esempio 1 - Ascolta MIDI

Scott JoplinSul ragtime si sovrappone spesso un ballo concitato denominato cakewalk. Anche molti compositori europei sono influenzati dal ragtime come Brahms, Debussy (Golliwog cakewalk - 1908), Strawinsky (Ragtime per 11 strumenti - 1918, Piano rag music -1919). Inoltre, parte del jazz degli anni venti non è altro che l'arrangiamento orchestrale di alcuni ragtime di cui mantiene la stessa struttura con l'aggiunta di brevi assoli strumentali. Il personaggio di spicco del ragtime è senz'altro Scott Joplin (Bowie City, TX, 24 nov 1868 - New York, 1 apr 1917) che, oltre a brani pianistici, si cimenta anche in alcuni esperimenti operistici come A guest of honor del 1903 e la celebre Treemonisha in tre atti del 1911.
Con la scomparsa di Joplin nel
1917 l'era del ragtime tramonta, aprendo le porte al jazz di Jelly Roll Morton a New Orleans e, successivamente, allo stride piano di James Price Johnson (New Brunswick, New Jersey, 1 feb 1894 - 17 nov 1955) a New York.
Fats WallerMorton scrive molti ragtime per pianoforte, orchestrandoli per i suoi Red Hot Peppers che registrano anche i primi dischi di jazz nel periodo d'oro di Chicago.

James P. (Price) JohnsonJames P. Johnson è letteralmente un caposcuola per molti pianisti, inclusi i primi, Fats Waller
(Thomas "Fatz" Waller: New York, 21 mag 1904 - 15 dic 1943) e Duke Ellington (Edward Kennedy Ellington: Washington, 19 apr 1899, New York, 24 mag 1974), introducendo nel ragtime la componente nera del blues. Anche altri pianisti di periodi più recenti sono stati influenzati da Johnson: tra essi ricordiamo Earl Hines, Bud Powell, Thelonious Monk e lo stesso McCoy Tyner.

Nei primi anni venti fa la comparsa sulle scene di New York un altro fuoriclasse del pianoforte: Fats Waller, che, oltre alla maestria pianistica, mette in luce delle ottime doti di compositore e di cantante. Waller è, inoltre, tra i primi ad usare con maestria l'organo Hammond.


Esempio 2 - Ascolta MIDI

Sebbene noto come trombettista, Leon "Bix" Beiderbecke (Davenport, 10 mar 1903 - 6 ago 1931) scrive molti pezzi per pianoforte tra cui il celebre In a mist . Bix lavora per molti anni a questo pezzo in cui emerge pienamente la sua cultura classica e l'uso sapiente di intervalli ed estensioni di accordi inusuali per quel periodo (none eccedenti, tredicesime).
È molto utile esercitarsi nella tecnica dello stride piano per acquisire indipendenza tra le due mani alternando fondamentale/accordo e quinta/accordo anche con voicings più avanzati.
La fondamentale al basso può anche essere doppiata secondo uno stile stride più avanzato (James P. Johnson utilizzava spesso solo le toniche).
Applicando lo stride piano ai voicings di cat. A si suona la fondamentale in un'ottava esterna al voicing e la quinta all'interno. Nelle categorie B e C (voicings costruiti sulla sesta) si inverte la successione.


Esempio 3

Infine si applica lo stride piano al modo mix in tutte le tonalità.


Esempio 4

In una progressione minore, realizzata con posizioni equivalenti, il movimento dei bassi è quello riportato nell'Es. 5. Si noti che sia l'accordo semidiminuito che l'alterato alternano alla fondamentale la quinta diminuita.


Esempio 5

Naturalmente gli esempi sono indicativi e possono essere variati con molte soluzioni.


Esempio 6 - Ascolta MIDI 1 - Ascolta MIDI 2

Anche l'accordo diminuito alterna fondamentale e quinta diminuita.


Esempio 7 - Ascolta MIDI

Ecco l'applicazione dello stride piano con voicings avanzate ad un brano.


Esempio 8 - Ascolta MIDI

I tre più grandi esponenti dello stride sono Johnson negli anni venti, Waller negli anni trenta e quaranta, Art Tatum (Toledo, Ohio, 13 ott 1909 - Los Angeles, California, 5 nov 1956) negli anni trenta, quaranta e cinquanta, oltre ad altri pianisti come The Genius of Bud Powell - The Amazing Bud Powell - Solo Monk (Thelonious Monk)Duke Ellington, Willie "The Lion" Smith (Goshen, New York, 25 nov 1897 - 18 apr 1973), Lucky Roberts (Charles Luckeyeth Roberts: Philadelphia, 7 ago 1887 - New York, 5 feb 1968) che hanno utilizzato spesso, nelle loro esecuzioni, questa tecnica pianistica.

Con l'avvento del bebop l'accompagnamento del pianoforte diventa più leggero ed essenziale e quindi la tecnica stride viene abbandonata a favore di quella a "shell" di Powell. E' tuttavia un abbandono momentaneo, perché sia Powell che Monk sfruttano ampiamente lo stride in contesti di piano solo (si ascoltino a questo proposito gli album
The genius of Bud Powell, The Amazing Bud Powell e Solo Monk). Anche Jaki Byard (John A. Byard, Jr.: Worcester, MA, 15 giu 1922 - Queens, NY, 11 feb 1999) ha usato lo stride nei gruppi di Mingus, attuando nei suoi soli una mirabile e originalissima sintesi tra stride, blues, bop, free.

Byard utilizza maggiormente lo stride di Tatum con fondamentale, settima e decima nella sinistra alternata ai voicings.





Le altre lezioni:
10/05/2017

Why? (Claudio Angeleri)- Enzo Fugaldi

03/12/2016

LEZIONI (Articoli): Rhythm Changes (Claudio Angeleri)

27/12/2015

Claudio Angeleri Quintet - Ellingtones: "Si sono apprezzate una notevole abilità di scrittura del leader, autore di temi estremamente variati e armonicamente ricchi..." (Andrea Gaggero)

17/03/2012

Seven Steps To Hendrix (Claudio Angeleri)- Gianni Montano

14/12/2008

Nick The Nightfly e la Montecarlo Nights Orchestra con special guests Sarah Jane Morris, Michael Rosen, Mario Biondi al Blue note di Milano per presentare il cd "The Devil": "Nick the Nightfly ha presentato ogni brano, dialogando con il pubblico e raccontando anche divertenti aneddoti. Una serata molto piacevole e di effetto." (Eva Simontacchi)

25/01/2008

Masterclass di Dave Liebman: "Di fronte a una sessantina di studenti dei corsi avanzati del CDpM di Bergamo ed altri provenienti da città limitrofe, Dave Liebman ha tenuto un seminario sugli aspetti ritmici dell'improvvisazione." (Claudio Angeleri)

01/11/2007

LEZIONI (piano): Pentatoniche e accordi per quarta (Claudio Angeleri)

14/08/2007

LEZIONI (piano): Altre pentatoniche (Claudio Angeleri)

07/08/2007

Invenzioni a più voci (Claudio Angeleri)

17/06/2007

LEZIONI (piano): Tonale/Modale (Claudio Angeleri)

07/04/2007

LEZIONI (piano): La pentatonica minore melodica (Claudio Angeleri)

07/04/2007

Intervista a Claudio Angeleri e le sue "città invisibili": "...i jazzisti sono artisti molto curiosi che hanno sempre fatto dialogare le arti...se noi parliamo di jazz è chiaro che parliamo di una storia, di una tradizione, di una cultura che ha una grande continuità; però tutto sommato non trovo così sconcertante che il jazz come musica incontri la poesia, il ballo, il movimento..." (Ugo Galelli)

12/03/2007

LEZIONI (piano): Scale pentatoniche e progressioni II – V - I (Claudio Angeleri)

09/01/2007

LEZIONI (piano): "Le scale pentatoniche tra tonale e modale", un nuovo spazio didattico curato da Claudio Angeleri che ripercorre l'uso delle scale pentatoniche nel jazz.

04/06/2006

LEZIONI (piano): Piano solo, solo piano: un dilemma esplicato attraverso l'esecuzione del tema di My Foolish Heart in piano solo. (Claudio Angeleri)

02/06/2006

L'ultima gioventù (Alvise Bortolini)

08/07/2005

LEZIONI (piano): Capitolo 9: Il pianoforte oggi - IIa parte. (Claudio Angeleri)

01/05/2005

LEZIONI (piano): Capitolo 9: Il pianoforte oggi. (Claudio Angeleri)

05/02/2005

LEZIONI (piano): Capitolo 8: Jazz in libertà. (Claudio Angeleri)

14/11/2004

LEZIONI (piano): Bill Evans e i pianisti di Davis. (Claudio Angeleri)

23/10/2004

Musiche dalle Città Invisibili (Claudio Angeleri Orchestra Tascabile)

23/10/2004

Musica dalle Città Invisibili: "Davanti ai nostri occhi i palazzi si fanno marmorizzati, stellati, come palazzi fatti di notte e di stelle, verdi, blu, gialli…. La realtà attorno a noi continua a cambiare, come in una incredibile fiaba!" (Eva Simontacchi)

03/09/2004

LEZIONI (piano): Capitolo 6: Gli anni cinquanta. (Claudio Angeleri)

01/05/2004

LEZIONI (piano): Il cool jazz, Jazz bianco e nero. (Claudio Angeleri)

14/03/2004

LEZIONI (piano): La rivoluzione del bebop: il pianismo di Thelonious Monk e Bud Powel. (Claudio Angeleri)

08/02/2004

Claudio Ageleri Ensemble in 'Musica dalle Città Invisibili': "...Siamo stati testimoni di un evento a mio parere straordinario, che andrebbe ascoltato e riascoltato..." (Eva Simontacchi)

08/02/2004

Eva Simontacchi, in occasione della prima assoluta di "Musica dalle Città Invisibili" ha intervistato Claudio Angeleri autore delle musiche ispirate all'opera di Calvino.

13/12/2003

LEZIONI (piano): Prosegue la storia degli stili pianistici. E' la volta dell'introduzione dello swing e delle riarmonizzazioni con protagonisti, tra gli altri, pianisti come Teddy Wilson, Art Tatum e Duke Ellington. (Claudio Angeleri)

26/10/2003

LEZIONI (piano): Capitolo2: Dagli albori del jazz a Kansas City. (Claudio Angeleri)

05/09/2003

LEZIONI (piano): Nuova sezione dedicata alla storia ed agli stili dell'improvvisazione pianistica. (Claudio Angeleri).

26/09/2002

Monk Keys della Claudio Angeleri Orchestra Tascabile con ospite Gianluigi Trovesi







Inserisci un commento

© 2003 Jazzitalia.net - Claudio Angeleri - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 58.040 volte
Data pubblicazione: 05/09/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti