Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Lezione 1: Le scale pentatoniche e il blues
di Claudio Angeleri
info@cdpm.it

La scala pentatonica è senz'altro una tra le chiavi più immediate per affrontare l'improvvisazione in vari generi musicali dal rock al jazz passando attraverso il blues ma anche attraverso a molta musica popolare europea ed etnica da cui fondamentalmente ha preso origine ad ogni latitudine geografica (Europa, Africa, Palestina, Giappone, Java...)

Ecco qualche esempio di scala pentatonica "etnica".

Naturalmente ne esistono di innumerevoli tipi e, anche per la limitatezza del sistema temperato, è difficile rapportarle al nostro pentagramma. In ogni caso Nicolas Slonimsky nel suo Thesaurus of Scales and Melodic Patterns giunge a definirne ben 49.

Ma veniamo alle scale pentatoniche più note. L'esempio è tratto da una notissima composizione di Ellington, che, proprio nelle primissime battute, enuncia una scala pentatonica maggiore in tonalità di F.

La pentatonica maggiore si ottiene sovrapponendo degli intervalli di quinta giusta.

Anche per la scala pentatonica maggiore esistono 5 modi, da cui si ottiene la pentatonica minore (costruita quindi sul relativo minore, in questo caso A).

Sebbene la gestazione del blues e delle sue scale sia molto più complessa ed articolata si può dire, per comodità didattica, che la scala blues classica deriva dalla pentatonica minore con l'aggiunta della quinta diminuita (blue note). La scala blues si può in tal senso considerare una pentatonica "allungata".

Rapportiamo quindi la scala blues ai tre accordi I, IV, V individuando così i tipi di intervallo che dovranno essere tenuti in considerazione durante l'improvvisazione.

Ad esempio la nota F è una quarta rispetto a C, mentre è la tonica di F7 ed ancora la settima minore di G7. Il risultato melodico è quindi molto diverso a seconda dell'accordo di riferimento.

E' un errore abbastanza frequente suonare la scala blues indipendentemente dall'accordo e dalla sua funzione armonica.

E' interessante inoltre utilizzare sull'accordo di tonica la scala blues del relativo minore (la scala blues di A sull'accordo di C7, che non è altro che la pentatonica maggiore di C con l'aggiunta della terza minore). Questa scala ha due pregi fondamentali: il primo è quello di fare sentire distintamente l'ambiguità armonica maggiore/minore tipica del blues (sono presenti infatti sia la terza minore di C sia la terza maggiore), il secondo è il riferimento all'accordo di C6 molto usato nel blues, soprattutto nei primi periodi del jazz, dixieland e swing.

Ecco un luminoso esempio di improvvisazione sulle scale blues appena citate e sugli accordi relativi: West End Blues di Louis Armstrong (New Orleans, 4 ago 1901 – 6 lug 1971).


File Audio

Si tratta di una introduzione ed una esposizione "variata" di un blues in F assolutamente straordinaria per varietà di idee, tecnica strumentale (quel D acuto della quarta misura era solitamente poco praticato dai colleghi di Armstrong di quel periodo), blues feeling, swing, suono, controllo delle dinamiche ecc. ecc.

L'introduzione è giocata a metà tra soluzioni orizzontali (accordi) e verticali (scale).

Nelle prime quattro battute Armstrong insiste sull'arpeggio della triade di Dmin, o meglio dell'accordo di F6 con omissione della tonica) e sulla scala blues di D, che come già detto, fa sentire la terza maggiore e minore. Nelle battute successive, dalla 5 fino alla fine, Armstrong gioca sulla scala blues di F, per concludere nell'ultima terzina della nona battuta e il primo quarto della decima con un arpeggio della settima di dominante C7. Dalla battuta 11 in poi c'è l'esposizione del tema blues con alcuni accorgimenti tipici come la discesa sulla settima minore di F nella battuta 14 ed alternanze di valori ritmici (ottavi, terzine, sedicesimi). Da notare nelle ultime due battute l'estensione a terze dell'accordo di C7 (o di G-7) ai toni ornamentali (nona, undicesima).

Sempre in tema di scale blues esiste un altro assolo "storico" molto illuminante. E' l'improvvisazione di Wynton Kelly in Freddie The Freeloader tratta da Kind Of Blues di Davis del 1959 di cui vengono riportati i primi 2 chorus.

Es. 8



File Audio

C'è da notare che, a differenza di Armstrong che suona in tutt'altro stile e soprattutto un'altro strumento, la scala blues viene arricchita da cromatismi tipici del bop. Ciononostante esistono alcune analogie tra i due assoli. In primo luogo Wynton Kelly insiste sulle triadi (di Bb maggiore battute 4, 7, 11, 14, 15, 18, 20), poi sulla scala blues con riferimento alle blue notes (b5), alla terza maggiore/minore, infine c'è la discesa alla settima minore di Bb prima di modulare sul IV grado (battuta 15) esattamente come ha fatto Armstrong nell'esposizione precedente.

...continua





Le altre lezioni:
10/05/2017

Why? (Claudio Angeleri)- Enzo Fugaldi

03/12/2016

LEZIONI (Articoli): Rhythm Changes (Claudio Angeleri)

27/12/2015

Claudio Angeleri Quintet - Ellingtones: "Si sono apprezzate una notevole abilità di scrittura del leader, autore di temi estremamente variati e armonicamente ricchi..." (Andrea Gaggero)

17/03/2012

Seven Steps To Hendrix (Claudio Angeleri)- Gianni Montano

14/12/2008

Nick The Nightfly e la Montecarlo Nights Orchestra con special guests Sarah Jane Morris, Michael Rosen, Mario Biondi al Blue note di Milano per presentare il cd "The Devil": "Nick the Nightfly ha presentato ogni brano, dialogando con il pubblico e raccontando anche divertenti aneddoti. Una serata molto piacevole e di effetto." (Eva Simontacchi)

25/01/2008

Masterclass di Dave Liebman: "Di fronte a una sessantina di studenti dei corsi avanzati del CDpM di Bergamo ed altri provenienti da città limitrofe, Dave Liebman ha tenuto un seminario sugli aspetti ritmici dell'improvvisazione." (Claudio Angeleri)

01/11/2007

LEZIONI (piano): Pentatoniche e accordi per quarta (Claudio Angeleri)

14/08/2007

LEZIONI (piano): Altre pentatoniche (Claudio Angeleri)

07/08/2007

Invenzioni a più voci (Claudio Angeleri)

17/06/2007

LEZIONI (piano): Tonale/Modale (Claudio Angeleri)

07/04/2007

LEZIONI (piano): La pentatonica minore melodica (Claudio Angeleri)

07/04/2007

Intervista a Claudio Angeleri e le sue "città invisibili": "...i jazzisti sono artisti molto curiosi che hanno sempre fatto dialogare le arti...se noi parliamo di jazz è chiaro che parliamo di una storia, di una tradizione, di una cultura che ha una grande continuità; però tutto sommato non trovo così sconcertante che il jazz come musica incontri la poesia, il ballo, il movimento..." (Ugo Galelli)

12/03/2007

LEZIONI (piano): Scale pentatoniche e progressioni II – V - I (Claudio Angeleri)

04/06/2006

LEZIONI (piano): Piano solo, solo piano: un dilemma esplicato attraverso l'esecuzione del tema di My Foolish Heart in piano solo. (Claudio Angeleri)

02/06/2006

L'ultima gioventù (Alvise Bortolini)

08/07/2005

LEZIONI (piano): Capitolo 9: Il pianoforte oggi - IIa parte. (Claudio Angeleri)

01/05/2005

LEZIONI (piano): Capitolo 9: Il pianoforte oggi. (Claudio Angeleri)

05/02/2005

LEZIONI (piano): Capitolo 8: Jazz in libertà. (Claudio Angeleri)

14/11/2004

LEZIONI (piano): Bill Evans e i pianisti di Davis. (Claudio Angeleri)

23/10/2004

Musiche dalle Città Invisibili (Claudio Angeleri Orchestra Tascabile)

23/10/2004

Musica dalle Città Invisibili: "Davanti ai nostri occhi i palazzi si fanno marmorizzati, stellati, come palazzi fatti di notte e di stelle, verdi, blu, gialli…. La realtà attorno a noi continua a cambiare, come in una incredibile fiaba!" (Eva Simontacchi)

03/09/2004

LEZIONI (piano): Capitolo 6: Gli anni cinquanta. (Claudio Angeleri)

01/05/2004

LEZIONI (piano): Il cool jazz, Jazz bianco e nero. (Claudio Angeleri)

14/03/2004

LEZIONI (piano): La rivoluzione del bebop: il pianismo di Thelonious Monk e Bud Powel. (Claudio Angeleri)

08/02/2004

Claudio Ageleri Ensemble in 'Musica dalle Città Invisibili': "...Siamo stati testimoni di un evento a mio parere straordinario, che andrebbe ascoltato e riascoltato..." (Eva Simontacchi)

08/02/2004

Eva Simontacchi, in occasione della prima assoluta di "Musica dalle Città Invisibili" ha intervistato Claudio Angeleri autore delle musiche ispirate all'opera di Calvino.

13/12/2003

LEZIONI (piano): Prosegue la storia degli stili pianistici. E' la volta dell'introduzione dello swing e delle riarmonizzazioni con protagonisti, tra gli altri, pianisti come Teddy Wilson, Art Tatum e Duke Ellington. (Claudio Angeleri)

26/10/2003

LEZIONI (piano): Capitolo2: Dagli albori del jazz a Kansas City. (Claudio Angeleri)

05/09/2003

LEZIONI (piano): Nuova sezione dedicata alla storia ed agli stili dell'improvvisazione pianistica. (Claudio Angeleri).

05/09/2003

LEZIONI (piano): Capitolo1: Ragtime e Stride piano. (Claudio Angeleri)

26/09/2002

Monk Keys della Claudio Angeleri Orchestra Tascabile con ospite Gianluigi Trovesi







Inserisci un commento

© 2006 Jazzitalia.net - Claudio Angeleri - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 47.984 volte
Data pubblicazione: 09/01/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti