Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Lezione 2: Armonici artificiali - Introduzione
di Davide Facchini
anita.et.davide@virgilio.it

Alcuni consigli e precisazioni:

  • Esiste un principio fisico-acustico grazie al quale si generano gli armonici in particolari punti della corda. E' consigliabile avere qualche piccola nozione di acustica che potrà risultare preziosa per approfondire questo argomento.
     
  • Attenzione a non confondere gli armonici "chitarristici" con gli armonici o suoni parziali generati da un qualsiasi suono, anche se i due concetti sono strettamente legati fra loro.
     
  • Esistono definizioni, spiegazioni e nomenclature differenti da quelle qui utilizzate, a seconda dei libri o delle persone che trattano questo argomento. Confrontatele e scegliete di conseguenza. L'importante è capire come utilizzare questa tecnica.
     
  • Possono esserci differenti modi di scrivere gli armonici su pentagramma e/o su intavolatura. Anche in questo caso potrebbe essere interessante conoscere le diverse possibilità di scrittura.
     
  • Anche i bassisti potranno utilizzare le semplici nozioni qui descritte. Jaco Pastorius può rappresentare un esempio efficace di bassista che ha sapientemente utilizzato questa tecnica.
     
  • L'ascolto è fondamentale per un corretto apprendimento.

Nella lezione precedente sono citati alcuni tra i chitarristi, di ogni genere e stile, che più hanno approfondito la tecnica degli armonici.

Le particolari sonorità che si possono creare con gli armonici daranno allo strumento un notevole arricchimento timbrico, e porteranno ad un ampliamento del registro e ad interessanti soluzioni melodico-armoniche.

Vengono definiti armonici naturali quei suoni generati in particolari punti della corda a vuoto (al V, VII, XII tasto vi sono i più facili da ottenere).

I suddetti armonici si ottengono sfiorando la corda con un dito della mano sinistra in corrispondenza del tasto prescelto e contemporaneamente "pizzicando" la corda con la mano destra (è possibile utilizzare il plettro, il thumbpick, le unghie, i polpastrelli e qualsiasi altra cosa).

Per realizzare un suono nitido e preciso fate attenzione a staccare immediatamente la mano sinistra dalle corde dopo averle pizzicate, per evitare che il suono venga smorzato dalla mano stessa.

Gli armonici artificiali sono armonici naturali generati con "artifici" o "espedienti" derivati da un uso ed una particolare posizione della mano destra.

Primo esercizio
Suonate gli armonici naturali al XII tasto, dalla sesta alla prima corda, e viceversa.

L'altezza degli armonici così ottenuti è un'ottava sopra le note reali delle corrispondenti corde a vuoto.*

Ora provate a ripetere lo stesso esercizio usando solamente la mano destra: il dito indice sfiorerà la corda sul XII tasto, mentre il pollice o il plettro (tenuto tra pollice e medio) metteranno in vibrazione la corda.


Foto 1: Plettro tra pollice e dito medio.


 Foto 2: Thumbpick sul pollice.

Ricordatevi di staccare immediatamente l'indice dopo aver pizzicato la corda.

Per ottenere un suono nitido è molto importante curare la posizione della mano destra.

Anche la postura del corpo non deve essere trascurata: attenzione a non "ingobbirsi" sullo strumento!

Se suonate con il plettro prestate particolare attenzione al passaggio fra la posizione normalmente utilizzata (plettro tra pollice e indice) e quella necessaria per l'esecuzione degli armonici (plettro tra pollice e medio).

* Suonando gli armonici naturali in altre posizioni otterrete intervalli diversi rispetto alle "note reali" delle corrispettive corde a vuoto.

Provate a disegnare la tastiera di una chitarra sulla quale potrete tracciare la posizione degli armonici naturali (con i rispettivi "nomi" e "relazioni d'intervallo" con le corde a vuoto). Questa "mappa" vi permetterà di avere a portata di mano (o d'occhio!) "tutte" le possibilità offerte dagli armonici generati dalle corde a vuoto (accordi, frammenti di scala, relazioni armoniche e melodiche con le"note reali" della tastiera…).

Ricordatevi che dopo il XII tasto le posizioni degli armonici sono simmetriche rispetto alla parte di tastiera precedente (es: l'armonico suonato sul VII tasto della quinta corda è uguale all'armonico suonato al XIX tasto della stessa corda).

Secondo esercizio
P
osizionate l'indice della mano sinistra sul III tasto con un barrè completo. Ripetete l'esercizio precedente, suonando gli armonici dalla sesta alla prima corda con la mano destra. Essendovi spostati di tre semitoni (tre tasti) avanti rispetto alle corde a vuoto, l'indice della mano destra dovrà ora sfiorare le corde all'altezza del XV tasto.

Questo meccanismo può essere ripetuto con accordi in qualsiasi posizione: l'indice della mano destra disegnerà nuovamente la forma dell'accordo esattamente dodici tasti "sopra" ogni nota premuta dalla mano sinistra.

Con lo stesso sistema è possibile suonare melodie composte solamente da armonici artificiali.

Nel tentativo di rendere questa lezione accessibile a tutti ho trattato i suddetti argomenti il più semplicemente possibile, preferendo una descrizione più dettagliata della "parte pratica" rispetto ad una descrizione teorica.

Spero che questi primi esercizi introduttivi possano esservi utili nella scoperta di nuove ed affascinanti sonorità.

Nella prossima lezione vedremo ulteriori possibili sviluppi di questa particolare tecnica.





Le altre lezioni:
26/05/2007

Intervista all'Anita Camarella e Davide Facchini duo: "Se anche i generi sono tanti in realtà la Musica è una sola: perciò noi ci sentiamo solo di consigliare di ascoltare tutto ciò che esiste senza pregiudizi di sorta ed imparare da tutto apprezzandone le differenze!" (Anna De Pietri)

23/12/2005

LEZIONI (chitarra): Arrangiamento di Silent Night (Davide Facchini)

15/05/2005

Juley (Davide Facchini)

12/02/2005

LEZIONI (chitarra): Arrangiamento in chord melody di "Oh Susanna!" (Davide Facchini)

30/01/2004

LEZIONI (chitarra): Nuovo spazio didattico relativo al fingerstyle a cura di Davide Facchini. La prima lezione è un'arrangiamento con trascrizione del brano "In cerca di te" (aka "Solo me ne vo per la città...")








Inserisci un commento

© 2004 Jazzitalia.net - Davide Faccchini - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 30.511 volte
Data pubblicazione: 20/09/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti