Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Lezione N. 24 – Breve Storia del Flauto Jazz
di Michele Gori
michele@michelegori.it

Cari Amici,
in questa lezione ho pensato di proporvi una breve storia del flauto jazz, che sono sicuro non mancherà di interessarvi. Ho volutamente tralasciato il percorso e l'attualità del flauto jazz in Italia: sicuramente dedicherò una lezione apposita all'argomento più avanti.

Il flauto è un legittimo strumento jazz: non è facile condensare in poche righe un percorso musicale che si è sviluppato nell'arco di più di un secolo, e citare tutti i flautisti che hanno contribuito all'affermarsi di questo strumento nel jazz sarebbe forse impossibile. Tuttavia, cercherò di seguito di individuare le tappe fondamentali della storia del flauto jazz partendo dagli inizi del secolo scorso.

Alberto SocarrasWayman Carver
Alberto Socarras, Wayman Carver, Harry Klee

Si sa di per certo che già intorno agli anni ‘20, negli Stati Uniti, qualche flautista fece la sua comparsa in gruppi ragtime; possiamo comunque affermare che la vera e propria storia del flauto jazz inizia nel 1927 a New York. In questo anno, infatti, il flautista cubano Alberto Socarras registrò il primo solo di flauto jazz di cui abbiamo testimonianza: una improvvisazione di 24 misure nel brano "Shootin' the Pistol", per l'orchestra di Clarence Williams. Socarras registrò in seguito altri assoli: nel brano "You're such a cruel Papa" con il quartetto della cantante Lizzie Miles (1928), in "Have you over felt that way" sempre per l'orchestra di Clarence Williams, e in "You can't be mine" per Bennet's Swamplanders (1930).

Nel 1930 emerse la figura di Wayman Carver, che gli storici hanno a lungo erroneamente considerato il primo solista di flauto jazz. Carver registrò innumerevoli assoli (ricordiamo quello in "Devil‘s holiday" registrato nel 1933 per l‘orchestra di Benny Carter), contribuendo in maniera importante alla divulgazione del flauto nel jazz, ed ebbe la sua definitiva affermazione di flautista jazz suonando dal 1934 al 1940 nell'orchestra di Chick Webb.


Sam Most, Herbie Mann e Buddy Collette

Gli anni ‘40 vedono l'affermarsi di Harry Klee, flautista forse poco considerato da critici e storici, ma che ebbe il grande merito di affermare definitivamente il flauto nel jazz e che fu ammirato e preso ad esempio da grandi maestri degli anni successivi come Sam Most, Herbie Mann e Buddy Collette. Di Harry Klee ricordiamo un pregevole assolo in "Caravan", registrato nel 1946 con l'orchestra di Ray Linn, che per qualità complessiva segna un deciso passo in avanti rispetto ai flautisti precedenti, anticipando ciò che avverrà negli anni ‘50, dove fecero la loro comparsa flautisti jazz di grandissimo livello.


Frank Wess, Bud Shank

Nei primi anni ‘50 Jerome Richardson si mise in luce suonando il flauto con Earl Hines e Lionel Hampton, e fu il primo jazzista ad eseguire un solo con l'ottavino, in "Hi-Fi Suite" del 1956. Frank Wess si affermò nell'orchestra di Count Basie, in cui suonò dal 1953 al 1964, contribuendo a far conoscere il flauto al grande pubblico e registrando numerosi assoli tutti di alto livello.

Sempre nei primi anni ‘50, il flauto si ritagliò uno spazio molto importante nell'ambito del West Coast Jazz, movimentò che si sviluppò nella costa statunitense opposta a quella di New York (East Coast).
Le principali figure flautistiche della West Coast furono Bud Shank e Buddy Collette. Shank suonò nell'orchestra di Stan Kenton, registrando nel 1950 un pregevole solo nel brano "In Veradero", e formò un gruppo con l'oboista Bob Cooper con cui registrò il disco ""Oboe-flute" che ebbe uno strepitoso successo. Collette, che iniziò come sassofonista, perfezionò la sua tecnica flautistica al conservatorio di Los Angeles, e nel 1955 esordì al flauto nel disco d'esordio del quintetto di Chico Hamilton, "Spectacular", ottenendo un grande successo.

Negli stessi anni si affermarono due dei più grandi flautisti jazz della storia, Sam Most ed Herbie Mann.
Sam Most, nato nel 1930, fu l'inventore del "suono parlato", tecnica oggi ben conosciuta che consiste nel cantare e suonare contemporaneamente nel flauto, che egli immortalò per la prima volta nel 1953 nel brano "I Hear a Rapsody". Dotato di una tecnica invidiabile, di un incredibile senso melodico e di un fraseggio carico di swing, Most non ebbe all'epoca la stessa visibilità del coetaneo Herbie Mann, ma il suo modo di suonare influenzò tutti i flautisti, a partire dallo stesso Mann, e le sue registrazioni degli anni ‘50 testimoniano un livello complessivo di gran lunga superiore a quello dei suoi contemporanei. Ancora oggi qualunque flautista desideroso di approfondire il linguaggio e la pronuncia jazzistica, non può prescindere dall'attento ascolto e dall'analisi dello stile di Sam Most.

Herbie Mann fu sicuramente il primo flautista non classico a godere di una notorietà internazionale, e forse il più grande artefice della divulgazione del flauto al di fuori dei canoni classici. Incise il suo primo disco al flauto nel 1954, "East Coast Jazz", e fu il primo a registrare un disco per solo flauto, "Mann Alone" del 1957. La sua discografia è sterminata ed abbraccia vari generi, dal jazz (citiamo "Nirvana", registrato con il trio di Bill Evans) alla bossa nova (ricordiamo l'ottimo "Do the Bossa Nova"), fino al rock e alla musica "commerciale". Negli anni '60 Mann fu inoltre uno dei primi jazzisti ad abbracciare il genere della bossa nova e del latin jazz, fondendo i ritmi sudamericani con le tradizionali armonie jazzistiche.


Yusef Lateef, Paul Horn

Altri flautisti che a partire dagli anni ‘50 si espressero al flauto furono Bill Perkins, Yusef Lateef, James Moody, Leo Wright, Sahib Shihab, Les Spann, Paul Horn e il belga Jacques Pelzer, tutti meritevoli di ascolto. Un altro musicista belga, Bobby Jaspar, dalla metà degli anni ‘50 fino alla prematura morte, avvenuta nel 1963, si espresse al flauto con uno stile carico di swing unito ad un relax e ad un gusto melodico invidiabili.
In quegli anni il flauto si affermò quindi definitivamente nella musica jazz, tanto che nel 1956 la rivista Down Beat introdusse il premio riservato al miglior flautista jazz dell'anno secondo i lettori, e dal 1959 anche il premio di miglior flautista jazz secondo i critici musicali.


Roland Kirk, Eric Dolphy, Sam Rivers

Negli anni ‘60 Roland Kirk portò ai suoi estremi la tecnica del suono parlato inventata da Sam Most, aggiungendo al suono del flauto grida, soffi, e arrivando a contrappuntare con la voce la melodia suonata nel flauto. Sempre negli anni ‘60 iniziò ad emergere Eric Dolphy, grande polistrumentista tra i più importanti esponenti del free jazz, che raggiunse livelli eccelsi con il flauto, esplorandone a fondo le possibilità ritmiche e autore di una profonda ed originale rielaborazione armonica. Kirk e Dolphy esercitarono una grande influenza sui flautisti degli anni seguenti, primi tra tutti Sam Rivers, che riprese la lezione di Dolphy muovendosi nel free jazz, e Jeremy Steig, che partendo da un attento studio dello stile di Kirk sviluppò un proprio linguaggio originale, carico di emotività, furioso, sfruttando tutte le possibilità timbriche del flauto (fu il primo ad usare i suoni meccanici dello strumento). Negli anni '70, Steig fu inoltre uno dei principali esponenti del jazz-rock.


Harold McNair, Hubert Laws

Sul finire degli anni ‘60 si avvicinò al flauto anche il grande John Coltrane: da ricordare il brano "To Be", incluso nel disco "Expression" (1967), in cui Coltrane al flauto duetta con Paroah Sanders all'ottavino.
Sempre in questo periodo si affermano importanti flautisti come Harold McNair, Hubert Laws e Joe Farrell. Sconosciuto ai più, McNair vanta uno stile molto interessante che merita di essere studiato per personalità e chiarezza di fraseggio. Laws, flautista che spazia con facilità dal jazz alla musica classica (vinse un'audizione per la Metropolitan Opera Orchestra di New York), è tutt'ora uno dei flautisti jazz più famosi, e propone uno stile personale caratterizzato da un suono molto pulito e da una tecnica notevole. Farrell si fece conoscere al grande pubblico soprattutto grazie alle incisioni con i "Return To Ferever" di Chick Corea; il linguaggio di Farrell al flauto è ricco di fantasia melodica e ritmica, che unite ad una sapiente conoscenza dell'armonia jazzistica creano uno stile originale ricco di interesse.


James Newton, Dave Valentine

Dagli anni '70 ad oggi, un numero sempre maggiore di flautisti si è dedicato al jazz.

Tra i grandi flautisti jazz noti in ambito internazionale che emersero in quegli anni, ricordiamo James Newton, flautista americano allievo di Buddy Collette, che si muove tra jazz, free jazz e musica contemporanea, ed è inoltre un apprezzato direttore ed arrangiatore di big band; Dave Valentin, apprezzato specialista del latin jazz.

Grazie all'opera dei flautisti sopracitati, e di molti altri che seppur non citati hanno lasciato comunque un segno nella storia del flauto jazz, la scena contemporanea vanta numerosi flautisti jazz di ottimo livello. Il problema della debole sonorità del flauto, che rappresentò un problema agli inizi del secolo scorso, è da tempo superato grazie all'ausilio dei microfoni e degli impianti di amplificazione. L'interesse dei flautisti delle nuove generazioni verso le musiche improvvisate è in costante aumento, e ciò lascia supporre che negli anni a venire il flauto jazz godrà di sempre maggiore attenzione.






Le altre lezioni:
02/04/2016

LEZIONI (Flauto): The Girl from Ipanema, analisi e improvvisazione (Michele Gori)

11/02/2014

LEZIONI (Flauto): Sam Most, il primo grande flautista jazz (Michele Gori)

17/11/2013

Intervista a John Pietaro dei Red Microphone: "Io credo che l'arte, oggi più che mai, abbia bisogno di radicalità, di esprimersi anche aspramente e senza mediazioni. Deve essere rivoluzionaria." (Marco Buttafuoco)

01/01/2011

LEZIONI (Flauto): Digitally Effected Flute (Michele Gori)

07/12/2010

LEZIONI (Flauto): I Love You, il solo di Herbie Mann. (Michele Gori)

31/07/2010

The Salle Wagram Concert – Complete Edition (Charles Mingus – Eric Dolphy Quintet/Sextet) - Alceste Ayroldi

11/04/2010

The Complete Legendary Sessions (Chet Baker/Bill Evans) - Alceste Ayroldi

13/03/2010

Morituri Te Salutant (Colosseum)- Roberto Biasco

02/01/2010

LEZIONI (Flauto): Minor Jazz Blues. (Michele Gori)

11/09/2009

LEZIONI (Flauto): Jazz Blues in Fa Maggiore. (Michele Gori)

15/03/2009

LEZIONI (Flauto): Diciannovesima lezione sul blues maggiore e di come affrontarne lo studio. (Michele Gori)

15/06/2008

LEZIONI (Flauto): Jazz Flute Training, libro didattico di esercizi per flauto jazz (Michele Gori)

13/04/2008

LEZIONI (Flauto): Tavola dei trilli (Michele Gori)

10/02/2008

LEZIONI (Flauto): Lady Bird di Tadd Dameron (Michele Gori)

17/06/2007

LEZIONI (Flauto): Lezione 15: II-V-I Minori (Michele Gori)

26/04/2007

LEZIONI (Flauto): Esercizi sul trasporto(Michele Gori)

11/03/2007

Il marziano del jazz - Vita e musica di Eric Dolphy (Claudio Sessa )

05/08/2006

LEZIONI (Flauto): Lo staccato doppio (Michele Gori)

03/06/2006

LEZIONI (Flauto): Improvvisazione su II-V-I (Michele Gori)

19/12/2005

Spring Cycle (Steve Hobbs)

16/10/2005

LEZIONI (Flauto): Esercizi Sulle Cadenze II-V-I (Michele Gori)

11/10/2004

LEZIONI (Flauto): Arpeggi su alcuni tipi di quadriadi - (Michele Gori)

04/09/2004

LEZIONI (Flauto): Arpeggi - Ia parte (Michele Gori)

01/02/2004

LEZIONI (Flauto): Secondo articolo dedicato al ciclo delle quinte con nuovi esercizi. (Michele Gori)

14/09/2003

LEZIONI (Flauto): Esercizi sul ciclo delle quinte. (Michele Gori)

03/05/2003

LEZIONI (Flauto): La tavola delle posizioni e il suono parlato (Michele Gori)

11/12/2002

LEZIONI (Flauto): I princìpi fisici del suono, consigli per l'acquisto e l'emissione. Tre nuove lezioni utili per l'apprendimento del flauto. (Michele Gori)

17/10/2002

LEZIONI (Flauto): Avviata una nuova sezione didattica dedicata al flauto. Michele Gori ci introduce a questo affascinante strumento indicandoci anche i principali elementi storici.





Video:
Eric Dolphy - 245
Live in Berlin, 30.8.1961, , Eric Dolphy - as, Benny Bailey - trumpet, Pepsy Auer - piano, George Joyner - bass, Buster Smith - drums...
inserito il 24/07/2009  da Neidhardt84 - visualizzazioni: 2004
Eric Dolphy - Geewee
Live in Berlin, 30.8.1961, , Eric Dolphy - as, Benny Bailey - trumpet, Pepsy Auer - piano, George Joyner - bass, Buster Smith - drums...
inserito il 24/07/2009  da Neidhardt84 - visualizzazioni: 1982
Charles Mingus Sextet featuring Eric Dolphy Take The A Train
Take The A Train, tune of Billy Strayhorn interpreted by Mingus Sextet in Oslo., Charles Mingus Double Bass, Eric Dolphy Bass Clarinet, Dannie Richmon...
inserito il 01/09/2007  da 27max - visualizzazioni: 2449
John Coltrane - My Favorite Things - 1961
1961 in Baden-Baden Germany, , John Coltrane - soprano sax, tenor sax, Eric Dolphy - flute, alto sax, McCoy Tyner - piano, Reggie Workman - bass, Elvi...
inserito il 26/05/2007  da Astrotype - visualizzazioni: 2544
Eric Dolphy- GW
1961 30 August: Dolphy Quintet Berlin broadcast....
inserito il 11/04/2006  da elmosaico - visualizzazioni: 1920


Inserisci un commento

© 2002, 2012 Jazzitalia.net - Michele Gori - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 7.271 volte
Data pubblicazione: 30/01/2012

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti