Jazzitalia - Lezioni Flauto: Lezione 11 - Gigging #1
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Gigging #1
di Geoff Warren
info@geoffwarren.com

Vorrei affrontare dei discorsi pratici che riguardano il flautista nelle serate jazz.

"Gigging" in inglese significa suonando dal vivo, facendo le serate: "I'm gigging a lot" - "Sto suonando tanto."

In questa "lezione" vorrei parlare di microfoni.

Premessa Non sono un tecnico di suono/sound engineer, voglio semplicemente dividere con voi l'esperienza acquisita in trent'anni suonando il flauto in situazioni amplificate.

La prima cosa che noi sappiamo e che gli altri non sempre sanno è che il flauto non è un sassofono e non è una tromba. Con questo voglio dire che, mentre in alcune situazioni da piccolo jazz club un sax o una tromba può permettersi di suonare senza microfono, per un flautista e in particolar modo per un flautista jazz, questo non è possibile. Perché dico "per un flautista jazz" ? Perché il flautista jazz tende ad usare un'impostazione di bocca più rilassata rispetto al musicista classico, per ottenere un suono più soffioso, con meno armonici.
 
L'impostazione classica da più proiezione – (uno deve a volte suonare sopra un'intera orchestra sinfonica). Il flautista nel jazz tendenzialmente lavora di più sull'intimità, sul rapporto ravvicinato col microfono con tutte le sfumature che questo può offrire. Per questa ragione il flautista classico di solito suona a distanza dal microfono ed usa un microfono "panoramico"- (come un cantante lirico, mentre il cantante jazz/leggera tiene il microfono in mano.)

N.B. Penso che un buon flautista deve essere in grado di suonare sia in maniera "classica" sia in maniera jazz, quindi un flautista jazz non deve trascurare i normali esercizi per lo sviluppo del suono.

Storia: Il flauto comincia ad emergere come potenziale solista jazz con l'introduzione dei microfoni (anni 40-50) anche se Stefano Benini, nel suo indispensabile libro "Il Flauto e il Jazz" rivela il primo assolo jazz al flauto nel 1927, opera di Alberto Socarras con l'orchestra di Clarence Williams (8 ottobre 1898 – 6 novembre 1965).

Quindi abbiamo bisogno di un microfono e ci dobbiamo abituare a lavorare con questo attrezzo perché il microfono fa parte del nostro suono.

Quando si va a suonare bisogna assicurarsi che ci sia la possibilità di microfonare il nostro strumento per evitare sorprese del genere: "Ma qui i fiati suonano sempre in acustico."

Per suonare bene ci servono tre fattori:

1) Il flautista si deve sentire
2) Il pubblico deve sentire il flauto
3) I colleghi musicisti devono poter sentire il flauto per interagire in modo jazzistico.

Tanti flautisti suonano anche il sassofono e fanno le serate alternando strumenti. Se hai un buon service con più microfoni si può pensare a microfonare separatamente il sax e il flauto, ma spesso ci troviamo a dover lavorare con un unico microfono. In questo caso fai il soundcheck con lo strumento che userai di più nella serata. Se si posiziona il microfono più o meno all'altezza del mento, basterà puntarlo in giù e sarà a più o meno 20 centimetri dalla campana del sax, abbastanza vicino da prendere bene il suono. Facendo così si può passare da uno strumento all'altro senza dover mettere giù strumenti e trafficare con un asta, che sicuramente durante la serata deciderà di bloccarsi.

Esistono due tipi di serata: serate dove i musicisti si arrangiano con i loro mezzi di amplificazione o fanno uso dell'impianto di un locale e serate con un service che gestisce la parte tecnica.

Se c'è il service vuol dire che dobbiamo collaborare con i fonici. Siamo nelle loro mani; se vogliono farci fare brutta figura a loro basta girare una manopola, e noi sul palco non sapremo niente. Con questo non voglio dire che i fonici sono dei cattivi, ma semplicemente che occorre avergli dalla nostra parte. Ringraziateli dopo il concerto- hanno lavorato anche loro e mentre tu sarai al bar a buttare giù una birra loro staranno ancora mettendo via i cavi.

Purtroppo la categoria di quelli che non sanno che un flauto non è ne sax ne tromba comprende una bella fetta di fonici. Portate pazienza – saranno abituati a lavorare con le orchestre spettacolo o con i gruppi funky, dove i "fiati" sono un cosa unica. Se avanzano l'ipotesi di "mettere un paio di panoramici sopra i fiati" bisogna gentilmente spiegare che il flauto necessita un microfono individuale. Dovrebbe bastare. Se insistono dicendo una cosa tipo "Non ti preoccupare con questo riesco a prendere tutto" bisogna ricordargli le tre condizioni (sopra) necessari per suonare e con un panoramico sopra i fiati in un gruppo jazz non si riesce a lavorare con il flauto, almeno che le parti del flauto non siano soltanto un semplice colore aggiunto alla sezione. In questo caso il panoramico si può anche ipotizzare ma il flauto si sentirà ben poco.

La malattia di voler sistemare un microfono sopra la testa del flautista sembra che stia passando (pochi anni fa era molta diffusa). Forse viene da una semplice confusione tra il microfonaggio in sala di registrazione e quello "live", o forse sono abituati ai flautisti classici e non sanno che un flautista jazz ha bisogno di trovarsi vicino al microfono. Comunque il microfono sopra la testa del flautista in un concerto jazz non funziona. – Avete mai visto Ian Anderson (dei Jethro Tull) suonare con un microfono sopra la testa?

Ora passiamo al nostro microfono. Non ho intenzione (vedete premessa sopra) di passare in rassegna i vari microfoni disponibili. Non ho la competenza.

Diversi anni fa il mio amico Clemente Bonati, grande Sound Engineer e anche produttore di alcuni miei lavori discografici mi ha suggerito, conoscendo bene il mio modo di suonare, di usare, per suonare dal vivo, il microfono Shure SM57. L'ho provato e mi sono trovato subito molto bene. Trovo che mi da abbastanza corpo sulle note basse e intensità e chiarezza sulla note acute, risponde bene ai colpi di lingua di diversi pesi e funziona bene con l'effettistica (ultrasoffio, giochi con i cambi di consonanti nell'articolazione e così via).

Ripeto, - questo vale per me e non dico che tutti adesso devono uscire e comprarsi un 57, semplicemente io mi sono trovato bene con questo strumento.

Il vantaggio è che l'SM57 è un microfono molto comune. Quasi tutti i service ce l'hanno ma di solito non lo considerano un microfono adatto per "fiati" (sax, tromba, ecc). Infatti ormai sono abituato ad arrivare sul palco e trovare che i ragazzi hanno già sistemato un altro microfono al mio posto (spesso un Shure SM58, sempre un buon microfono ma…). Così mi tocca a spiegare che preferirei il 57. Diciamo che due volte su tre non c'è nessun problema ma una volta su tre mi trovo uno che insiste che mi sbaglio.

N.B: E' inutile (e controproduttivo) mettersi a discutere le caratteristiche tecniche dei vari microfoni con un fonico. Lui ragiona in questa maniera: tu pensa a suonare il flauto e io penso a microfonarti. –e non ha tutti i torti. Ma forse non ha mai microfonato un flauto traverso e probabilmente non ha mai microfonato te. A questo punto meglio fare l'ignorante e dire "Mi dispiace ma io sono abituato a suonare con quest'altro", lui penserà "Ca**i tuoi" e ti metterà il microfono che vuoi.- nel mio caso il 57.


Geoff Warren al Soundcheck con flauto e microfono SM57.
L'altro microfono, più in basso è un SM58 usato per il sax soprano.

Probabilmente la posizione ideale del microfono rispetto al flauto sarebbe a distanza 3-6 cm dalla boccola (ma questo cambierà molto mentre si suona e si gioca con la dinamica) e leggermente sopra. Quest'ultimo particolare io tendo a trascurare- non posso suonare davanti ad un pubblico con un microfono davanti ai miei occhi, ho bisogno di vedere avanti, di vedere la gente e spero che loro preferiscono vedere la mia faccia (ma sento già le battute dei miei colleghi….)

L'uso di un microfono può portare ad una tendenza di "chiudere" un po' la postura, di piegarsi un po' in giù (come certe foto di Herbie Mann). Questo non va bene ne per il suono ne per la tecnica (ne per la salute), cercate di tenere sempre aperte le spalle – non lasciatevi scacciare dai sassofonisti che magari avete di fianco, quando vi posizionate sul palco mettevi subito in posizione "ali spiegate".

Per finire vorrei dire un paio di parole sui vari microfoni "clip", "bug" che si attaccano al flauto. Nel "secolo scorso" (anni 70-80) ho fatto un po' uso di queste cose (la prima generazione). Il vantaggio era la possibilità di suonare a volumi più alti senza rischiare " feedback (rientri) dal microfono- quindi suonando in situazioni più rock era molto utile. Da ovviamente più libertà di movimento (se hai un cantante che vuole correre in giro per il palco e lo devi evitare…).Si poteva anche fare più uso di certi pedali/effetti elettronici- tipo la famosa octavider usata (anche troppo per i miei gusti) da Hubert Laws negli anni '70. Gli svantaggi erano il timbro (piuttosto brutto) e la perdita di quella libertà di espressione che uno ha quando può giocare con le diverse distanze dal microfono, variando l'intensità del suono.

Ovviamente da allora ci sono stati dei balzi in avanti con la tecnologia ma io ormai sono abituato a lavorare con un microfono su asta- per improvvisare in libertà, penso che sia la cosa migliore.

Per chi lo volesse visitare il sito del Sound Engineer Clemente Bonati: www.matrecords.it





Le altre lezioni:
06/01/2008

LEZIONI (Flauto): La scala alterata (Geoff Warren)

28/04/2007

LEZIONI (Flauto): Un "Gioco motivico" per poter suonare ogni motivo, fraseggio, o riff in qualsiasi tonalità. (Geoff Warren)

05/08/2006

LEZIONI (Flauto): Il Blues (Geoff Warren)

27/05/2006

LEZIONI (Flauto): L'accordo di settima maggiore (maj7) (Geoff Warren)

10/02/2006

LEZIONI (Flauto): L'accordo di settima dominante (7) (Geoff Warren)

07/11/2005

LEZIONI (Flauto): L'accordo di minore settima (m7) (Geoff Warren)

06/02/2005

LEZIONI (Flauto): Arpeggi nella scala (Geoff Warren)

15/11/2004

LEZIONI (Flauto): Suoniamo! Analisi e applicazione di quanto visto sul brano Fast Fusion (Geoff Warren)

11/09/2004

LEZIONI (Flauto): Primi fraseggi: le acciaccature (Geoff Warren)

28/02/2004

LEZIONI (Flauto): Nuovo spazio didattico gestito da Geoff Warren. Il primo articolo è dedicato alla scala pentatonica e a come utilizzarla per sviluppar eun linguaggio jazzistico.








Inserisci un commento

© 2003, 2008 Jazzitalia.net - Geoff Warren - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 9.565 volte
Data pubblicazione: 12/08/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti