Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Louis Armstrong 
La voce nel jazz (1) - Il duetto vocale (1)
di Giuppi Paone
giuppi@steton.net

La voce nel jazz
F
ermiamoci un momento semplicemente ad ascoltare la voce di Louis Armstrong, che ho definito "ruvida e sorridente". Gustiamocela, ora che la conosciamo meglio. Luciano Federighi la descrive "una voce di ghiaia e di fango, di una bellezza scabra e ruvida, fuori da ogni canone e convenzione" (Luciano Federighi Le grandi voci della musica americana - Oscar Saggi Mondadori, 1997).

La verità è che ai suoi contemporanei dava l'impressione di una voce un po' artefatta, costruita, gonfiata e arrochita apposta. Forse è per questo che è stata così tanto imitata negli anni, non solo dai cantanti, ma da "imitatori" di cantanti, o da musicisti che giocosamente esponevano un tema alla maniera di Armstrong. Una specie di omaggio, insomma (anche da noi, in Italia: la voce di Armstrong era così caratteristica che è stata imitata per anni e non solo nell'ambiente del jazz, un po' come succedeva con quella di Jerry Lewis – che non era altro, però, che la voce del suo doppiatore italiano, Carlo Romano). Così, nel film "Hello Dolly", Barbra Streisand duetta con Louis Armstrong nella canzone che dà il titolo al film e ridendo imita la sua voce baritonale. Nel primo disco di famosi duetti con Ella Fitzgerald, nel brano "Tenderly", Ella imita nel finale la voce e lo scat di Armstrong.

Louis Armstrong giocava non solo con il testo, ma rendeva interessante e sorprendente il suono della sua voce "sporcandola" e aggiungendo effetti sempre diversi. Avevate notato l'uso del fiato in "I Can't Give You Anything But Love"? Le frasi sono brevissime (I can't give you/any thing but love/ baby/…) e terminano tutte con un sonoro rilasciamento del diaframma, come farebbe una persona fortemente emozionata, disperata, quasi sull'orlo del pianto che con quelle parole vorrebbe riuscire a trattenere la persona amata, che magari, chissà, gli ha appena fatto una scenata… E' un'idea stupenda a livello della comunicazione emotiva che avrà senz'altro colpito gli ascoltatori dell'epoca, abituati alle "belle" vocine pulite e chiare (e, ahimè, poco espressive) di moda ai quei tempi.

E' bene cominciare a chiederci che cosa significhi la definizione "cantante jazz". E' probabile che ognuno di noi pensi a un insieme di caratteristiche, di atteggiamenti, di capacità e di competenze che riguardano sia la sfera vocale e musicale sia le relazioni con il pubblico e con i musicisti. La nostra valutazione e le nostre riflessioni devono però anche tener conto dei fattori diacronici, cioè valutare i tempi e i luoghi diversi in cui svolge la propria attività artistica quel determinato cantante. Bisognerebbe allenare il nostro orecchio a "sentire" come sentono o sentivano i contemporanei e conterranei di quell'artista senza lasciarci condizionare da metri di giudizio dell'ultima moda.

Come sembrava ai contemporanei la voce di Louis Armstrong? Come recepivano le sue improvvisazioni vocali scat? Ascoltate voi stessi. Se avete studiato bene l'interpretazione di Armstrong di "I Can't Give You", vi offro un bell'esempio e una bella sorpresa che potrete apprezzare pienamente: la versione cantata da Ethel Waters con l'Orchestra di Duke Ellington registrata nel 1932, solo tre anni dopo quella di Louis. Notate il cambio di registro, non sembra quasi più la stessa Ethel!


Ethel Waters (1896 - 1977)

I Can't Give You Anything but love (con Duke Ellington)

Il duetto vocale
R
iallacciamoci alla considerazione già fatta che Armstrong tratta spesso la melodia come se duettasse con la song originale. Questo fatto e la qualità così "ruvida" della voce convinse qualche produttore a organizzare una serie di incontri discografici con altri cantanti. Probabilmente il più felice fu quello con Ella Fitzgerald durante gli anni '50 per l'etichetta Verve, che produsse un primo album "Ella & Louis", cui fecero seguito altre incisioni altrettanto fortunate di "standard songs" scelte tra le più famose.

Il "duetto", vocale o strumentale, per qualunque tipo di cultura musicale è una modalità complessa di interpretazione o dell'improvvisazione che comporta un dosaggio e un equilibrio particolarmente attento dei vari elementi. Per limitare il discorso al solo duetto vocale nell'ambito del jazz, intendiamo con "duetto" l'esecuzione di due cantanti che operino sullo stesso piano di importanza (dunque per esempio non si tratterà di un cantante e del suo corista) con l'accompagnamento di uno o più strumenti o anche di altre voci di background.

Il duetto può realizzarsi in sincronismo (se le voci cantano insieme, si possono intrecciare in vario modo o procedere all'unisono o omoritmicamente) o in sequenza (scambi, alternanza); è necessaria una sufficiente caratterizzazione di alcuni elementi del suono, come connotazione timbrica e ruolo vocale (p.es. voce acuta/voce bassa, voce maschile/voce femminile, voce chiara/voce "sporca", dizione standard/slang); è inoltre necessario durante l'esecuzione una costante attenzione a quello che fa l'altro, integrando gli elementi della propria espressione artistica con elementi propri dell'altro, riprendendo stilemi e modi interpretativi e rilanciandoli, rielaborandoli, riutilizzandoli. Questo tipo di attenzione interpretativa, questa intesa, nel linguaggio musicale moderno si chiama "interplay", termine che viene però soprattutto associato alla musica strumentale.

Le voci di Ella e Louis contrastano fortemente nel colore, eppure si integrano, si sostengono a vicenda. A Ella spetta il ruolo di voce "pulita", dizione impeccabile, esposizione della melodia lineare e aderente alla composizione originale; nell'improvvisazione il suo scat si muove su scale e semplici patterns e usa sempre le stesse scat words. Armstrong invece ha il doppio ruolo di suonare la tromba e cantare; la sua voce è sempre "sporca", la dizione è imprecisa, volutamente alcune parole sono storpiate, alcuni suoni deformati (p.es. le "s" diventano "z"); l'esposizione della melodia è libera; il fraseggio del suo scat è ricco e fantasioso con intervalli difficili; inventa sempre nuove scat words, gioca con fonemi diversi, commenta liberamente (con vari "oh yeh" e simili, ma anche con risatine e cenni di assenso e approvazione).

Ma ascoltiamo Ella e Louis in "Stars Fell On Alabama" e seguiamo la trascrizione del loro duetto. Dopo una breve introduzione della tromba, attacca la voce di Ella esponendo da sola le prime 8 battute del tema. Louis entra alla battuta 7 con un commento e poi procedono quasi omoritmicamente per quattro battute, mentre dalla battuta 13 Louis risponde con delle frasi a riempimento degli spazi lasciati vuoti dalla melodia esposta da Ella. Ancora omoritmicamente per un paio di battute e poi nuovamente alternandosi fino alla fine del primo chorus. A questo punto (battuta 32) l'esposizione della melodia passa a Louis, che la riprende dal bridge, mentre Ella commenta con brevi frasi scat negli spazi, fino alle ultime 8 battute finali (battuta 41), dove la melodia passa di nuovo a Ella. Le ultime tre battute sono eseguite ritmicamente insieme. E' un duetto di perfetto equilibrio.

Stars Fell On Alabama

Pagina 1 - Pagina 2

Esercizi
S
tudiate il duetto. Come vi dicevo è perfetto. Funziona benissimo cantato, suonato, invertendo le voci (cantando la parte di Armstrong più acuta della parte di Ella). Le note sono sulla carta, ma ci sono infinite cose da imparare sugli attacchi, sui rilasci dei suoni, la scansione dello swing, e anche su un certo fluttuare del ritmo (ogni brano di jazz non è normalmente portato al ritmo del click del metronomo, ma consente leggeri ritardi e accelerazioni di espressione).

Provate a "duettare" nelle modalità che abbiamo esaminato con i vostri cantanti preferiti, sui dischi:

  1. rispondendo o commentando frase per frase, usando il testo o parte del testo;
  2. rispondendo o commentando con lo scat;
  3. cantando ritmicamente insieme ma con altre note, creando armonie;
  4. provate infine a "non duettare" ma semplicemente a fare il background, lasciando il ruolo di assoluto protagonista al cantante su cui vi state esercitando.
    (non si tratta di un esercizio ozioso e impossibile: pensate che alcuni dischi famosi sono stati prodotti proprio così: su Unforgettable (Elektra, 1991) Natalie Cole "duetta" con suo padre, Nat King Cole, morto nel 1964, e il risultato è uno splendido omaggio e un duetto convincente)

Alcune songs si prestano molto bene a questo esercizio, perché hanno frasi con molto spazio tra di loro. Sono molto adatte per esempio: "All Of Me", "Night And Day", "They Can't Take That Away From Me", "In A Mellow Tone", "Georgia On My Mind".








Articoli correlati:
01/11/2017

Reggio Emilia Jazz 1925-1991. dalla provincia al mondo (Giordano Gasparini)- Aldo Gianolio

01/02/2015

Volevo essere Bill Evans. Storie di Jazz (Sergio Pasquandrea)- Alceste Ayroldi

08/09/2014

The Acadia Session (Giuppi Paone)- Antonella Chionna

28/12/2013

Evviva l'Italia del Jazz (o Jass che dir si voglia): "Il jazz in televisione e, particolarmente alla RAI, ha subìto una flessione drammatica per anni e anni, sopraffatto da talent e porcherie simili, fino a quando, nel 2011, siamo stati improvvisamente svegliati dal nostro torpore culturale da un barlume..." (Marco Losavio)

18/03/2012

LEZIONI (Storia): I duetti di Ella & Louis #2: analisi del brano "Under the balnket of Blue". (Maria Francesca Piazzolla)

08/12/2011

LEZIONI (Storia): I duetti di Ella & Louis #2: analisi del brano "Don't be that way". (Maria Francesca Piazzolla)

27/11/2011

"Perdido" e "Go Down Moses": un paio di perle del caro Satchmo. (Franz Falanga)

24/10/2011

LEZIONI (Storia): I duetti di Ella & Louis (Maria Francesca Piazzolla)

11/09/2011

Finale della seconda edizione del "Concorso Nazionale Voci e Big Band Jazz 2011", organizzata, realizzata e promossa dalla Felt Music School. Oltre tre mesi di prove e sei serate di eliminatorie, la bellezza di trentacinque nuovi cantanti provenienti da tutta Italia, fino ad arrivare agli undici finalisti.

20/09/2009

I poeti del vocalese (Giuppi Paone)- Franco Bergoglio

23/11/2008

Il Giganti del Jazz (Studs Terkel)

21/07/2008

28 giugno 1928. Ottanta anni fa. A Chicago Sei musicisti di colore capeggiati da Louis Armstrong incidono la storica "West End Blues". Stefano Zenni ci illustra le peculiarità di quell'esecuzione "...Una nuova concezione dell'assolo, l'idea che tu possa produrre un'idea, un discorso musicale coerente in perfetta solitudine...ha seminato la sintassi del jazz. Semplicemente..." (Marco Buttafuoco)

01/05/2008

Un ricordo di Gene Puerling, uno dei più grandi arrangiatori vcali: "Gene Puerling, leader degli Hi-Lo's e dei Singers Unlimited, grande arrangiatore vocale e innovatore del moderno canto pop e jazz a cappella, è deceduto a 78 anni lo scorso 25 marzo in California. A lui si deve la famosa versione di "A Nightingale Sang In Berkeley Square" incisa dai Manhattan Transfer nell'LP Mecca For Moderns, premiata con il Grammy nel 1982 quale migliore arrangiamento per voci." (Giuppi Paone)

13/04/2008

La Compagnia di canto ed allestimento del New York Harlem Theatre e l'Orchestra del Teatro Regio di Parma insieme mettono in scena Porgy and Bess: "...è innanzitutto un'opera vitale e moderna. L'edizione proposta è quella che Gershwin stabilì come definitiva nel suo testamento, affidando ad una fondazione l'esecuzione esatta della sua volontà. Ed è ancora fresca nella sua ambientazione, il vicolo di un quartiere nero di una città fluviale del Sud degli USA..." (Marco Buttafuoco)

03/02/2008

Cinema italiano (Giuppi Paone - Gianni Di Nucci)

18/10/2006

Jazz e Politica: La buona società. Il jazz e i pregiudizi degli inizi: "I migliori musicisti neri, quelli che non imbastardiscono la loro arte per piacere ad un pubblico più numeroso sono confinati nel ghetto e non hanno le stesse possibilità di avere contratti radiofonici, o effettuare incisioni discografiche, rispetto ai bianchi, e quindi la loro arte non riesce a farsi sentire" (Franco Bergoglio)

31/03/2006

LEZIONI (Storia): Il grande Nat King Cole: l'interpretazione della melodia attraverso l'analisi di tre suoi classici: Smile, Unforgettable e Sweet Lorraine. (Giuppi Paone)

14/11/2004

LEZIONI (voce): Avviata una nuova sezione didattica dedicata al canto jazz e tenuta da Giuppi Paone

14/11/2004

LEZIONI (voce): Il primo scat-man della storia: Louis Armstrong in tre articoli: la biografia, lo scat, l'interpretazione (Giuppi Paone)

01/02/2004

LEZIONI (Storia/Voce): Studio dell'esecuzione del brano Moody's Mood come è interpretato da King Pleasure, un "must" per chi si vuole cimentare in questa tecnica. (Giuppi Paone)

23/12/2003

LEZIONI (Storia): Il vocalese di Annie Ross con analisi e trascrizione di Twisted di Wardell Gray. (Giuppi Paone)

02/11/2003

LEZIONI (Storia): Nuova sezione dedicata alla storia del vocalese. L'affascinante scoperta di una tecnica che ha cambiato il modo di cantare il jazz. (Giuppi Paone)

21/10/2003

Flamenco Romano (Giuppi Paone)





Video:
When The Saints Go Marching In - Lino Patruno Jazz Show
...
inserito il 01/02/2010  da LinoOlimpico1 - visualizzazioni: 3049
Louis Armstrong St Louis Blues
Live In Belgium 1959Louis Armstrong trumpet, vocal - Peanuts Hucko clarinet - Trummy Young trombone - Billy Kyle piano - Mort Herbert bass - Danny Bar...
inserito il 26/04/2009  da JATLOZ - visualizzazioni: 2404
Louis Armstrong St Louis Blues
Live In Belgium 1959Louis Armstrong trumpet, vocal - Peanuts Hucko clarinet - Trummy Young trombone - Billy Kyle piano - Mort Herbert bass - Danny Bar...
inserito il 26/04/2009  da JATLOZ - visualizzazioni: 2232
Louis Armstrong St Louis Blues
Live In Belgium 1959Louis Armstrong trumpet, vocal - Peanuts Hucko clarinet - Trummy Young trombone - Billy Kyle piano - Mort Herbert bass - Danny Bar...
inserito il 26/04/2009  da JATLOZ - visualizzazioni: 2647
Dan Block / Ehud Asherie at Smalls Jazz Club Oct. 16, 2008
Reedman Dan Block and swing pianist Ehud Asherie stroll through "Thanks A Million," a pretty 1935 tune popularized by Louis Armstrong and cu...
inserito il 19/10/2008  da swingyoucats - visualizzazioni: 2460
Louis Armstrong, Caterina Valente, Danny Kaye
Louis Armstrong Medley performed with Caterina Valente and Danny Kaye...
inserito il 15/04/2008  da 12031947 - visualizzazioni: 2526
Louis Armstrong 6 - Tiger Rag
I wanted to start with some clips that until now hasn't been put on YouTube.!, Tiger Rag in a very fast tempo. There are lots of recordings from Armst...
inserito il 10/01/2008  da jaspervanpelt - visualizzazioni: 2367
Louis Armstrong 8 - St. Louis Blues
I wanted to start with some clips that until now hasn't been put on YouTube.!, This clip is featuring Velma Middleton as a vocalist and dancer! Armstr...
inserito il 10/01/2008  da jaspervanpelt - visualizzazioni: 2371
Lino Patruno Rockin' Chair
...
inserito il 08/12/2007  da gendap - visualizzazioni: 3065
Charlie Parker - Summertime (Jazz Instrumental)
Muy buena pieza...Summertime y el gran maestro Charlie Parker...que la disfruten...
inserito il 27/10/2007  da seann588 - visualizzazioni: 3150
WOODY SHAW: "To Kill A Brick" - Monterey Jazz Fest. (1979)
http://www.WoodyShaw.com...
inserito il 25/03/2007  da WoodyShawdotcom - visualizzazioni: 2999
Dizzy Gillespie & Louis Armstrong - Umbrella Man
Jazz trumpet greats Louis Armstrong and Dizzy Gillespie performing Umbrella Man....
inserito il 10/10/2006  da mytoxx - visualizzazioni: 3614


Inserisci un commento

© 2003,2005 Jazzitalia.net - Giuppi Paone - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


COMMENTI
Inserito il 23/12/2009 alle 17.14.39 da "sandamiani"
Commento:
Amici cari,
parlare di duetti nel jazz e non citare il binomio Eckstine-Vaughn, e' come parlare di sinfonie e trascurare Beethowen...
Cari saluti e auguri. E buon ascolto con qualche duetto di Mr.B e Sassy
Sandro Damiani
 
Inserito il 23/12/2009 alle 20.23.46 da "marco"
Commento:
Caro Amico,
forse non e' risultato molto chiaro che in questo articolo non si sono voluti trattare i duetti in assoluto, ma soltanto quello di Ella & Louis. E' infatti un articolo all'interno di un set di 4 articoli dedicati ad Armstrong.
Grazie comunque per il suggerimento e...vado subito a sentirmi Eckstine con l'immensa Sarah!
:-)
marco
 

Questa pagina è stata visitata 19.777 volte
Data pubblicazione: 12/02/2005

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti