Jazzitalia - Lezioni Basso: Bach on Bass! Ardua faccenda...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Lezione 5: Bach on Bass!
ardua faccenda...
di Leopoldo Sebastiani
sebastileo@libero.it

Salute a voi, bassisti e non!

Oggi vorrei sottoporvi del materiale decisamente ‘scottante', qualcosa di realmente impegnativo sul piano tecnico, che mi possa dare occasione di aprire un capitolo sulla polifonia applicata al basso elettrico. Si tratta di una mia trascrizione della Giga di Johann Sebastian Bach (1685-1750), quarto movimento della suite BWV 997, una squisita danza in tempo ternario.

C
on la parola suite si suole intendere una raccolta di danze (di andamento vario ma tutte nella medesima tonalità) che venivano eseguite nel periodo barocco presso le corti dei nobili del tempo, questi ultimi erano dei mecenati e da essi dipendeva il sostentamento economico dei musicisti dell'epoca. Quattro sono le suite di Bach per liuto entrate a far parte del repertorio chitarristico odierno.

Il fascino della scrittura Bachiana non ha lasciato indifferenti alcuni grandi bassisti come Jaco (si ascolti la Chromatic fantasy [arrangiamento per solo basso], quarta traccia dello splendido album "Word of mouth", WB 1981) ed anche Jeff Berlin (da non perdere il brano Bach, tratto da "Pump it!", PASSPORT 1987; arrangiamento jazz-rock del preludio II in Do minore tratto dal Clavicembalo Ben Temperato, laddove il bassista si produce in un eccellente assolo, sia sul piano tecnico che della coerenza stilistica).

Suonare la musica di Bach sul basso elettrico (come su qualsiasi altro strumento) è sempre una grande sfida, lo consiglio a tutti i musicisti; richiede un grande sforzo di concentrazione ed occorre molto tempo prima di raggiungere una sonorità ed un fraseggio soddisfacente, la polifonia infatti non concede tregua ed ogni percorso melodico deve essere opportunamente decantato, al tempo stesso si deve fare attenzione all'equilibrio timbrico complessivo…

Tornando alla Giga, il brano è a due voci nella tonalità di Re minore (originale per liuto in Do minore), questa tonalità consente a pieno l'utilizzo del registro medio-alto dello strumento.

Nel brano si possono distinguere due periodi musicali: il primo, di sedici battute, si conclude sull'accordo della Dominante (La maggiore); il secondo, di durata doppia rispetto al primo, molto insidioso tecnicamente, attraverso un incessante susseguirsi di modulazioni riconduce all'accordo iniziale, non senza aver messo a dura prova le dita di mano destra e sinistra. In questa sede vi sottopongo la prima parte.

Nella scelta della diteggiatura che propongo e che non necessariamente deve essere ritenuta la migliore, ho preferito dare importanza maggiore al principio della migliore resa sonora del passaggio melodico, a volte anche a scapito di una più comoda agilità esecutiva; inoltre va sottolineato che l'abituale tocco appoggiato del bassista (quando pizzichiamo una corda il dito della mano destra si appoggia naturalmente sulla corda superiore) non è indicato per i brani polifonici, nei quali invece dovrà essere utilizzato il tocco pizzicato di indice e medio (a volte anche anulare) e si dovrà fare uso del pollice per le note gravi.

Il brano va letto un'ottava sopra, come indicato all'inizio. Consiglio di leggerlo molto lentamente al fine di acquisire padronanza dei vari passaggi, evitate di sovraffaticare le articolazioni.

Buona fortuna. 

Partitura: Pagina 1
Files Audio: Parte 1 (MP3 800KB) 
 





Articoli correlati:
17/08/2008

Night (Leopoldo Sebastiani)

14/08/2008

en plein air (Fabularasa)

22/06/2007

LEZIONI (Basso elettrico): ...Ricordando Michael Brecker. (Leopoldo Sebastiani)

07/05/2007

Immagini (Nicola Stilo)

28/01/2007

LEZIONI (Basso elettrico): I Ritmi della Musica Brasiliana: Partido Alto (Leopoldo Sebastiani)

06/02/2005

LEZIONI (Basso elettrico): I Maestri del Groove: Verdine White (Leopoldo Sebastiani)

19/11/2004

LEZIONI (Basso elettrico): La tecnica, questa sconosciuta! Cuore e cervello, due amici per necessità...

26/04/2004

LEZIONI (Basso elettrico): Cinque note diaboliche! Due parole sulle scale pentatoniche... (Leopoldo Sebastiani)

01/02/2004

LEZIONI (Basso elettrico): I Love Anthony! Passione mal padroneggiabile...Anthony Jackson attraverso il brano In Common. (Leopoldo Sebastiani)

23/12/2003

LEZIONI (Basso elettrico): Brazilian bass: il surdo. Con trascrizione della parte di basso di Jimmy Haslip su Ninos. (Leopoldo Sebastiani)

28/10/2003

LEZIONI (Basso elettrico): Parliamo di basso: nuova sezione a cura di Leopoldo Sebastiani. Il primo articolo è un arrangiamento per basso a 5 corde di "The Yellow Nimbus" di Chick Corea.







Inserisci un commento

© 2003, 2004 Jazzitalia.net - Leopoldo Sebastiani - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


COMMENTI
Inserito il 6/8/2014 alle 18.24.56 da "scaccagliamassimo"
Commento:
http://fandalism.com/maxscaccaglia

qui al link alcune riprese dirette con iPad dei primi movimenti della suite per Cello n.1
di Bach

normale tecnica mano destra...

graditi commenti e suggerimenti

ciao
max
 

Questa pagina è stata visitata 23.392 volte
Data pubblicazione: 04/09/2004

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti