Jazzitalia - Lezioni: Violoncello Jazz
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Il Blues
di Lucio Franco Amanti

Il Blues grazie alla sua versatilità e alla sua semplicità è sicuramente la forma più usata nel Jazz presa in prestito probabilmente da un elaborazione dei canti "nigros" nelle piantagioni di cotone o nelle colonie penali e, tramite innumerevoli trasformazioni arrivata fino a noi (nel jazz, country, rock ecc...)

La forma "classica" Jazz è la seguente (prendo come esempio la tonalità base Fa perchè è una delle più usate dai nostri "cugini" sassofonisti e trombettisti)

Sulla base di questa forma possiamo cominciare a farci le ossa sull'improvvisazione individuando la scala che accomuna tutti questi accordi.

Una delle ragioni della semplicità del blues è che si può sempre creare un improvvisazione basandosi solo sulla scala "Blues" costruita sulla nota della tonalità (in questo caso Fa)

Quindi

Noterete che se si comincia col quarto dito in prima posizione sulla quarta corda abbiamo tutta la scala senza alcun cambio di posizione!

La seconda versione "with grace notes" è quella un po' meno spoglia che, pur restando in una sola posizione vi da un po' più di possibilità (potete utilizzare entrambi per i seguenti esercizi)

Creiamo adesso un nuovo "tune" basato su questa scala... niente di complicato e che sia facile da memorizzare.

Ecco fatto.

Consiglio adesso di suonarlo subito per vedere come sia semplice sotto le dita.

Ho creato un piccolo file che potete usare liberamente come base: File Audio Base

Una volta scaricato (non dovrebbe prendere molto tempo) fatelo eseguire da windows media player col l'opzione di ripetizione attivata.

A proposito dell'improvvisazione.

Sempre con la stessa procedura usata per creare il nostro "blues for Jazzitalia" potete creare anche la vostra improvvisazione.

Suggerisco di cominciare con poche note facendo attenzione a percepire, mentre si suona, il cambiamento delle armonie.

Esempio.

Tenete conto che quando improvvisate (e non solamente a questo livello ma a qualsiasi punto della carriera) ripetere la stessa formula non è affatto indice di mancanza di originalità anzi l'errore più comune del debuttante è di suonare "troppo"!

Come nelle frasi del nostro linguaggio parlato (immaginate di scrivere una lettera ad un amico senza mai ripetere una stessa lettera)così anche in musica è anche la ripetizione che crea il senso di una frase.

Usando allo stesso tempo ripetizioni e piccole variazioni si possono creare innumerevoli soli.

Credo che per il momento sia tutto, mi ripropongo di scrivere un altra lezione sul Blues per mostrare un po' come si può aggiungere altro materiale al nostro bravo canovaccio.

Altri esempi di soli (le crome vanno considerate swingate)

Questa volta con le "grace notes"






Le altre lezioni:
27/04/2007

LEZIONI (Violoncello): Donna Lee, istruzioni per l'uso... (Lucio Franco Amanti)

15/02/2007

LEZIONI (Violoncello): Al Loopo, Al Loopo...un utilizzo creativo dei loop... (Lucio Franco Amanti)

15/10/2006

LEZIONI (Violoncello): Alla scoperta del Violoncello Jazz. L'inizio è affidato alle variazioni sul Preludio della Ia Suite per violocello solo del grande J.S. Bach. (Lucio Franco Amanti)







Inserisci un commento

© 2006, 2008 - Jazzitalia.net - Lucio Franco Amanti - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 6.584 volte
Data pubblicazione: 10/02/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti