Jazzitalia - Lezioni: Chitarra - 10 brani di Duke Ellingont
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
Mario Scottini, insegnante del CDM di Rovereto, ci propone dieci arrangiamenti per chitarra di alcuni capolavori del grande Duke Ellington.

Lo Scopo di questo Book One, che raccoglie 10 pezzi del grande Duke Ellington (29 aprile 1899 - 24 maggio 1974),  trascritti pari pari dalla versione per piano, è essenzialmente Didattico. Presentare accordi e rivolti e le loro funzioni armoniche all'interno di una cosi grande  musica è un vero piacere, queste grandi melodie rendono lo studio molto utile e  interessante. Niente è stato tolto o aggiunto, se non minimi adattamenti strumentali,  necessari a rendere meglio l'intenzione e l'esecuzione. Alcune posizioni fondamentali di triadi maggiori sono sostituite da inversioni  (3ze o 5te in basso) per comodità, l'uso di 4rte/ 11me su minori e dominanti,  6te e 9ne anche...per rendere più omogeneo e fluido il colore. Questo è un campo davvero vasto e le maniere sono davvero molte  per salvarmi ho lasciato le cose come stanno, badando di rispettare  l'Epoca, 1930 – 40, la Melodia, la Logica Armonica, manifesta o sottintesa. (cadenze, progressioni di 5te, sostituzioni diatoniche e cromatiche). A livello ritmico, accenti, anticipi e altro, sono stati ridotti al minimo, perché secondo me,  una volta che c'è l'essenziale il bello viene da solo con la pratica e l'istinto, e anche per  non complicare troppo la scrittura sul rigo, e quindi la lettura, come dicevo, Didattico e  Basic.... Ma dategli Swing! La velocità è di tipo molto tranquillo, da studio, le diteggiature, spero funzionali al contesto  sono però modificabili a piacere, provare posizioni alternative è molto consigliato..... Questo tipo di chord-melody-playing, è per certi versi ormai di tipo quasi classico ed è una  base utile per capire e costruirsi una visione approfondita sia dello strumento che  dell'armonia. Questo "stile" si è formato fra gli anni 50-60 e a noi, post-moderni, ci da tanto  da imparare.
Il programma usato, Guitar-Pro 5, non mi ha permesso di usare le voci con più libertà, e indipendenza... ma c' è l'essenziale. Any way..Let It Ring As You Feel... cioè suonate come vi piace. In fondo, si può dire che ogni riga è un Harmo-Lick, autonomo in se stesso e applicabile in altre situazioni musicali. ok.

Io intanto sto finendo il Book Two con altri 10 pezzi. quindi datevi da fare e divertitevi...un grazie particolare a Renzo Vigagni per la sua cura amorevole nel correggere gli errori, e le sviste di questo mio lavoro.

All the best. Mario Scottini


Day Dream (1941)
Boy meets Horn (1940)
I Never Felt This Way Before (1940) new
Don't Get Around Much Anymore (1942) new

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 2.497 volte
Data ultima modifica: 28/02/2010





Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti