Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Lezione 3: Modo dorico
di Mimmo Langella
info@mimmolangella.it

I modi della scala maggiore traggono origine dal sistema musicale usato dai greci nell'antichità, poi adottato e trasformato nel corso dei secc. VIII-IX dai cristiani per i loro canti gregoriani dando luogo ai modi ecclesiastici o, appunto, gregoriani, più vicini a come li conosciamo noi oggi. Sono tornati attuali con l'avvento del jazz modale, vale a dire dopo il 1959, anno in cui furono pubblicati Kind Of Blue di Miles Davis, opera-manifesto in cui sono rivisitate le forme classiche della canzone e del blues attraverso la tecnica dell'improvvisazione modale e sono tentate nuove forme che detta tecnica permette, e il testo The Lydian Chromatic Concept of Tonal Organization for Improvisation di George Russell, che propone un uso di tipo tonale della modalità lidia.

I sette modi più usati sono quelli che si ottengono partendo dai diversi gradi della scala maggiore; in questa puntata focalizzeremo la nostra attenzione sul modo dorico, una scala minore con la sesta maggiore costruita sul secondo grado della scala maggiore. DO dorico, ad esempio, è il secondo grado di SIb maggiore e dunque ha le stesse alterazioni (sib e mib).

Molti musicisti, i chitarristi in particolare, sfruttano molto questa scala nelle loro improvvisazioni perché amano semplificare le progressioni armoniche sostituendo gli accordi dei brani con accordi minori. Dunque si tratta di convertire a minore le quattro specie di accordi di settima della scala maggiore [7, m7, m7(b5), maj7], o meglio le tre da convertire [7, m7(b5), maj7].

Vediamo come:

  • L'accordo di settima di dominante viene convertito nel minore costruito sulla sua quinta, ovvero il II della progressione II V di cui eventualmente fa parte (ad es. Do7 diventa Solm, Fa#7 diventa Do#m).

  • L'accordo minore settima quinta bemolle, detto anche semidiminuito, viene convertito nel minore che si trova un tono e mezzo sopra, cioè quello costruito sulla sua terza [ad es. Dom7(b5) diventa Mibm, Fa#m7(b5) diventa Lam).

  • L'accordo di settima maggiore viene convertito nel suo relativo minore, ossia quello situato un tono e mezzo sotto (ad es. Domaj7 diventa Lam, Fa#maj7 diventa Re#m).

Questo sistema di conversione è usato da chitarristi come Pat Martino che lo illustrò in Linear Expression1983 Hal Leonard Publishing Corporation), un testo che ha influenzato più di una generazione di chitarristi, compreso il sottoscritto!

Ora andiamo ad arricchire il nostro vocabolario con idee solistiche che sfruttano questa nuova struttura melodica (scala). Le prossime cinque frasi sono degli esempi di composizione melodica sulla scala dorica di DO (do, re, mib, fa, sol, la, sib) attorno alle cinque diteggiature chitarristiche; applicando le formule di conversione al contrario, è facile dedurre che questi fraseggi possono essere suonati anche sugli accordi di Fa7, Am7(b5) e Mibmaj7, oltre che, ovviamente, sul Dom7.

Dopo averle analizzate e imparate a memoria, proviamo a inserirle nelle nostre improvvisazioni, prima su un unico accordo, quindi su progressioni più articolate. Il passo successivo è quello di produrre frasi doriche originali.


File video





Mimmo Langella
Funk That Jazz




Mimmo Langella
The Other Side






Le altre lezioni:
10/08/2015

Spirit Guajira (Guido Russo)- Nicola Barin

16/06/2013

Soul Town (Mimmo Langella)- Francesco Favano

16/03/2008

Funk That Jazz (Mimmo Langella)

16/03/2008

Intervista a Mimmo Langella: "Secondo me le cose più interessanti sono quelle che vanno oltre il jazz. I personaggi più interessanti sono quelli che tendono ad usare l'elettronica nel jazz, i computer e gli altri aggeggi elettronici. Ovviamente fanno cose interessanti i creativi, quelli che hanno delle idee ed usano le macchine non per maschere delle lacune o una mancanza d'idee, ma per trovare nuove strade. " (Emanuele Capasso)

24/02/2008

Le Scuole di Musica: Dipartimento di Jazz presso la scuola "Musicisti Associati" di Napoli. "Alle persone che si accostano ai nostri corsi proviamo ad insegnare un metodo basato sulle nostre esperienze dirette e sull'ascolto di grandi autori del passato, oltre alle imprescindibili regole di armonia e tecnica che vengono affrontate durante le lezione nell'arco dei tre anni di corso" (Gianluca Capurro)

15/02/2007

LEZIONI (chitarra): Alla scoperta del linguaggio 4: il modo misolidio (Mimmo Langella)

11/03/2004

LEZIONI (chitarra): Alla scoperta del linguaggio #2: pentatonica minore con sesta maggiore. (Mimmo Langella)

25/12/2003

LEZIONI (chitarra): Nuovo spazio didattico a cura di Mimmo Langella. La prima lezione mostra in video, in audio (anche rallentato) e in partitura 5 licks per il blues.








Inserisci un commento

© 2003, 2006 Jazzitalia.net - Mimmo Langella - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 37.526 volte
Data pubblicazione: 03/06/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti