Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Larry Young: il solo di 'Monk's Dream'
di Bruno Erminero
brunoerminero@hotmail.com


(Newark, 7 ottobre 1940 – New York, 30 marzo 1978)

File Audio (MP3)

Prima di tutto un caro saluto a tutti gli hammondofili e jazzofili che seguono Jazzitalia e nello specifico le mie trascrizioni.

Dopo un periodo di assenza abbastanza lungo, finalmente riesco a tornare a presentarvi un'altra trascrizione di un grande organista del passato. Non vi nascondo che è stata una sfida difficile e nonostante le tecnologie mi siano venute in soccorso, il lavoro è stato impegnativo. Da tempo avevo in mente di lavorare su questo assolo dopo esserne rimasto impressionato al primo ascolto. Conoscevo Young grazie ai dischi di Grant Green (gtr.) ma il suo stile, benchè sempre personale, risultava più "classico" e non mi sarei aspettato di ascoltare un disco di tale potenza e innovazione(mi riferisco a Unity).

Larry Young (1940-1978), nonostante la morte prematura a soli 38 anni, è uno degli organisti che con il suo stile personalissimo ha influenzato tanti organisti delle generazioni successive. Fu introdotto alla musica dal padre, che era sia pianista che organista professionista. Comincia con lo studio del pianoforte ma lo abbandona prestissimo per dedicarsi, figuratevi un po', a cantare Rock ‘n Roll. Negli anni '50 passa allo studio dell'organo e grazie alle attenzioni del padre e alle sue grandi capacità, all'età di 18 anni è già un abile organista. A ventun'anni anni ha già al suo attivo ben tre album per la Prestige e comincia a lavorare come organista per artisti come B.B.King, Lou Donaldson e Grant Green.

Lo stile di Young si distacca completamente dalla strada maestra di Jimmy Smith per percorrere un sentiero più legato all'espressività della musica modale.Il paragone che viene subito in mente è quello con John Coltrane, si sente chiaramente la sua influenza insieme a quella di Thelonious Monk anche se il suo è uno stile assolutamente personale, è lui che più di tutti, dopo l'avvento di Jimmy Smith, ha spinto l'organo jazz verso una direzione fino ad allora completamente inesplorata.

Nonostante la sua breve vita ci ha lasciato un largo numero di registrazioni per svariate etichette e, tra l'altro, suonò con John Mclaughlin e Tony Williams nella band Timelife e fu session-man anche per Santana, Miles Davis e Jimi Hendrix.

Un brano che ci dà la misura delle qualità, delle capacità e della sensibilità musicale di Larry Young è di sicuro Monk's Dream, brano tratto dall'album Unity registrato il 10 novembre del 1965 per la Blue Note nell'ormai famoso studio di Rudy Van Gelder.

Registrato in compagnia di musicisti di altissimo livello come Woody Shaw (t), Joe Henderson (ts) ed Elvin Jones (dr), questo disco è diventato punto di riferimento di uno stile organistico unico ed originale. Nonostante si fosse già distinto da tempo e in molte altre registrazioni(ad esempio nei dischi di Grant Green e di Lou Donaldson) la qualità e l'interplay di Young con i musicisti che partecipano a questa sessione è stupefacente(considerando che Young aveva venticinque anni e Shaw ne aveva appena venti!!).

Riguardo al timbro non si avvertono particolari novità: è il classico settaggio 888000000 con la percussione su 3rd e il vibrato-scanner su C3.

Il suono è formato dalla miscela del segnale diretto con quello del Leslie che è utilizzato con il fermo dei motori producendo un suono limpido, definito, rotondo e senza alcuna saturazione.
Ascoltando attentamente, direi che Young non rinforza i bassi con la pedaliera ma suona il walkin' bass solo con la mano sinistra(anche se è difficile a dirsi perchè spesso le basse frequenze della pedaliera non venivano registrate ad un volume sufficientemente alto e, soprattutto nelle prime registrazioni, bisogna enfatizzare molto i bassi per sentire bene i pedali).

L'assenza della chitarra dà sia al pezzo che a tutto l'album un sound diverso da quello classico dell'organ trio lasciando l'organo come unico strumento in grado di sottolineare l'armonia. Inoltre durante l'assolo rimane in compagnia della sola batteria: è uno dei rari esempi di duo organo\batteria di grande efficacia, con un feeling sensazionale tra i due musicisti ed uno swing veramente impressionante.

La struttura del brano di Monk è AABA per un totale di 32 battute. Dopo l'esposizione del tema, modificato e personalizzato da Young, parte subito l'assolo dell'organo che si sviluppa in quattro chorus per poi lasciare il posto all'assolo di batteria e concludere con la ripresa del tema. Gli accordi e la struttura originali del brano sono sostanzialmente rispettati e vedremo che Young si muove lungo l'assolo con grande abilità nell'uso di figurazioni ritmiche e melodiche spesso molto articolate.

Ma veniamo all'analisi:
dopo un inizio tranquillo Young comincia ad usare terzine, quintine e arpeggi puntualizzando con note di tensione(b5 batt.6\7, b5 e #5 batt.14>16) la successione cromatica discendente di accordi di dominante che troviamo alla fine delle A.
Da notare che spesso nell'ultimo accordo di G7alt. delle A Young suona dei passaggi veloci di quintine e quartine dove usa porzioni di scala esatonale e superlocria con dei cromatismi all'interno (1°ch. batt. 8, 2°ch. batt. 48) e anche la scala di G frigio nella battuta 32 del 1° chorus (che si potrebbe anche interpretare come porzione di scala di Dmi7b5 e parte di esatonale di G7).
Nella prima B troviamo una figurazione a terzine caratteristica dello stile dell'organista, con l'uso di bicordi (batt 19>20) che si chiude su un accordo di C13 seguito da una successione di accordi per quarte (batt 22>24).
Osservate che gli accordi (tutti sul C7) non sono sempre di quarte giuste ma variano formando anche accordi di C9 e C13, costruiti sulla scala misolidia di C7.
L'uso delle quarte lo troviamo anche nella B del 2° chorus (batt.55\56), sempre mescolati con rivolti di triadi e accordi di C13.
Young applica spesso la sostituzione di tritono sul F7 che si trova nelle prime battute delle A utilizzando al suo posto il B7 suonando frasi che si muovono cromaticamente sia verso il basso (1° ch.batt.9, 3° ch. batt.73) che verso l'alto (1°ch. batt.25).
Altre volte invece salta il F7 lasciando l'intera battuta al Cma7 passando direttamente al Bb7 (3°ch.batt.65, 4°ch.batt.113) o al Bmi7 (1°ch.batt.13, 2°ch.batt.61, 3°ch.batt.69, 4°ch.batt 93, 117).
Nel 3° e 4° chorus a volte Young trasforma il Cma7 in C7 esplicitandolo chiaramente con l'uso della nota sib al posto del si naturale(batt.67, 91, 115).
Da osservare che non lo fa mai sul Cma7 di inizio giro, ma sempre sul secondo.
Tutto l'assolo è costellato di bellissime frasi che l'organista crea seguendo la progressione cromatica degli accordi nelle A, utilizzando brevi patterns di crome o di terzine di crome: ne troviamo nel 1°chorus (batt.14\15)e nel 2°ch.(batt.38\39 e 45>47). Usa anche arpeggi degli accordi come nel 3° chorus(batt.70\71).

Con grande gusto ed equilibrio formale Young alterna ai suddetti momenti delle vere e proprie esplosioni di scale a velocità supersonica spesso concentrate nelle A come nel 2°chorus(batt.34>36), dove usa sia la scala misolidia di Bb7 che la scala be-bop(scala misolidia con il 7°grado maggiore di passaggio)e nel 4° (batt.90>93 e 114\115).
Un'altro passaggio velocissimo è nell'ultima A del 2°chorus (batt.59>61) ed è di grande effetto e molto adatto alla leggerezza della tastiera dell'organo: osservate il gioco ritmico che si crea tra i due do all'ottava con l'alternanza del fa e del sol all'interno del disegno di semicrome.
Particolare anche la frase all'inizio del 3° chorus dove Young suona la #4 sul Cma7 e sposta l'ultima parte della quintina un semitono sopra.
Nel 3° chorus troviamo il fraseggio più articolato di tutto l'assolo: si sviluppa dall'ultimo movimento della battuta 75 fino alla fine della 80.
L'armonia viene leggermente modificata dall'organista che anticipa di due movimenti l'accordo di A7 lasciando al Ab7 un'intera battuta (Cma7 B7|Bb7 A7|Ab7|G7).

Nonostante la massima cura nel trascrivere le note, l'effettiva posizione delle volatine suonate non è sempre perfettamente in battere e l'effetto, peraltro molto naturale, è quello di un galleggiamento di tutta la sezione fino alla risoluzione sul C7 della B.

Le frasi sono formate da quartine, quintine e sestine di semicrome con alternanza di accordi arpeggiati, alterati, per quarte e frammenti di scala diminuita ed esatonale.
Si crea un effetto veramente unico, enfatizzato dall'accompagnamento della batteria di Jones che si muove sul tempo in completo relax.

Nella B del 3° chorus troviamo nuovamente il disegno ritmico di terzine presente nella prima B che stavolta, senza utilizzo di bicordi, si sposta verso l'alto con movimento cromatico per quarte fino a sfociare nell'ultima A del chorus caratterizzata anch'essa da fraseggi veloci.
L'inizio del 4° chorus è scandito da un bellissimo pattern melodico\ritmico che si ripete per tre volte sopra gli accordi di Cma7 B7 e Bb7.
Da notare l'estensione di decima dell'accordo di Cma7 preso per quarte di non facile esecuzione per una mano piccola.
Dopo le 8 battute della prima A del 4°chorus Young va subito alla B saltando la seconda A, probabilmente una svista che però non crea alcun scompenso all'esecuzione.
Proprio nella B del 4° chorus troviamo una parte interessante nella quale Young usa, sul C7, una cellula composta da una quartina di semicrome che ripete velocissima all'interno di una figurazione di terzine di semiminime approcciate dalla scala st\t di C7.
La stessa cellula viene riproposta a quartine regolari di semicrome nelle battute appena successive, sempre preceduta dalla scala semidiminuita.
L'assolo si conclude con l'ultima A dove troviamo ancora un passaggio veloce formato da quartine di semicrome costruite sulle scale di Bb7 e di C7 che formano accordi spezzati per quarte e terze e che si conclude con una serie di quattro accordi sul G7alt. contenenti in successione b5, #5, b5 per poi chiudere in battere sul 5° chorus con un accordo di C9, sul quale comincia l'assolo di batteria.

Come considerazioni generali si può dire che lo stile scelto da Young per questo brano è di carattere sicuramente virtuosistico, con scale e arpeggi a gran velocità alternati ad uno stile cordale o di singole note dalla forte connotazione ritmica e percussiva.

Il suo modo di muoversi sul tempo è unico e lo si vede sin dalle prime note con le figure di terzine che spostano il loro accento sui differenti movimenti delle battute(batt.26>29) e nelle prime due A del 2° chorus piene di bellissime frasi.

In tutte le B, costruite su un unico accordo di dominante, Young può dare libero sfogo alla creatività e lo fa mostrando tutto il repertorio: terzine, arpeggi, cromatismi, scale veloci e accordi per quarte. Anche le poche pause sono di grande effetto e preludono sempre a momenti di forte espressività: 1° ch.batt.19, 2° ch.batt.33, 40, 64, 4° ch.batt.104).
Tutto l'assolo è stilisticamente ineccepibile e dimostra la chiarezza di idee di Young che va esattamente dove vuole andare.
L'interpretazione sia di questo brano che di tutto l'album è di stampo modale e quartale e l'approccio dell'organista è assolutamente unico e originale nel suo genere, praticamente ineguagliato nella folta schiera di organisti jazz.

Nonostante l'indubbia influenza di John Coltrane e Thelonious Monk, egli aveva delle solidissime basi nello stile della tradizione, ma proprio grazie a loro è stato il primo che ha spinto l'organo jazz verso nuove direzioni guadagnandosi la stima di tanti suoi successori ed è spesso citato come fonte di ispirazione dagli organisti dei giorni nostri.

Spero che la trascrizione sia stata di vostro gradimento. A differenza degli altri assoli che ho trascritto questo è, a mio parere, di gran lunga il più difficile in termini di esecuzione.
Il linguaggio di Young è unico e personale e distante dallo stile più "classico" dei grandi maestri che abbiamo visto fin'ora.

Studiare e cercare di suonare anche solo alcune parti di questo assolo sarebbe di grande aiuto sia all'evoluzione del linguaggio personale di tutti noi che di sicura efficacia nello sviluppo della tecnica sull'organo Hammond.

Vi auguro buon lavoro e buon ascolto, un saluto a tutti e alla prossima trascrizione...Bruno







Le altre lezioni:
23/09/2012

LEZIONI (Organo Hammond): Trascrizione del solo di Larry Goldings nel brano Light Green Men dall'album 'Light Blue' (Bruno Erminero)





Video:
Joe Henderson - Serenity
Joe Henderson - Serenity. An Evening with Joe Henderson, 1987. Henderson (ts); Charlie Haden (b); Al Foster (d)....
inserito il 29/12/2009  da Praguedive - visualizzazioni: 2583
Joe Henderson Quartet Part (1 of 8) 1977
I'm not sure about date - but looking at Mike Hyman (drums) who was 13 in 1967 when Joe signed with Milestone in San Francisco I think 1977 is right (...
inserito il 10/07/2009  da bobjazz11 - visualizzazioni: 1955
Joe Henderson Quartet (Part 2 of 8) 1977
I'm not sure about date - but looking at Mike Hyman (drums) who was 13 in 1967 when Joe signed with Milestone in San Francisco I think 1977 is right (...
inserito il 10/07/2009  da bobjazz11 - visualizzazioni: 1867
Joe Henderson Quartet (Part 3 of 8) 1977
I'm not sure about date - but looking at Mike Hyman (drums) who was 13 in 1967 when Joe signed with Milestone in San Francisco I think 1977 is right (...
inserito il 10/07/2009  da bobjazz11 - visualizzazioni: 1703
Joe Henderson Quartet (Part 4 of 8)1977
I'm not sure about date - but looking at Mike Hyman (drums) who was 13 in 1967 when Joe signed with Milestone in San Francisco I think 1977 is right (...
inserito il 10/07/2009  da bobjazz11 - visualizzazioni: 1830
Joe Henderson Quartet Part 6 of 8 1977
I'm not sure about date - but looking at Mike Hyman (drums) who was 13 in 1967 when Joe signed with Milestone in San Francisco I think 1977 is right (...
inserito il 10/07/2009  da bobjazz11 - visualizzazioni: 1780
Joe Henderson Quartet (Part 7 of 8) 1977
I'm not sure about date - but looking at Mike Hyman (drums) who was 13 in 1967 when Joe signed with Milestone in San Francisco I think 1977 is right (...
inserito il 10/07/2009  da bobjazz11 - visualizzazioni: 1806
Joe Henderson Quartet (Part 8 of 8) 1977
I'm not sure about date - but looking at Mike Hyman (drums) who was 13 in 1967 when Joe signed with Milestone in San Francisco I think 1977 is right (...
inserito il 10/07/2009  da bobjazz11 - visualizzazioni: 2014
Don Grolnick Quintet wt/ Joe Henderson - The Cost Of Living #1 [1991]
Messepalast, Jazzfest Wien/Austria 7th July 1991 , , Don Grolnick - Piano, Randy Brecker - Trumpet & Fluguelhorn, Joe Henderson - Tenor, Eddie Gom...
inserito il 20/06/2009  da nunoalpi - visualizzazioni: 2672
Joe Henderson Quartet - Blue Bossa
1994 Munchen...
inserito il 02/01/2009  da darominu - visualizzazioni: 1900
Joe Henderson & John Scofield - Summertime (1 of 2) 1998
Bern 1998 Switzerland. Joe Henderson - tenor; John Scofield - guitar; Conrad Herwig - trombone; Tommy Flanagan - piano; Georg Mraz - bass; Bill Stewar...
inserito il 12/09/2008  da bobjazz11 - visualizzazioni: 2583
Joe Henderson & John Scofield - Summertime (2 of 2) 1998
Bern 1998 Switzerland. Joe Henderson - tenor; John Scofield - guitar; Conrad Herwig - trombone; Tommy Flanagan - piano; Georg Mraz - bass; Bill Stewar...
inserito il 12/09/2008  da bobjazz11 - visualizzazioni: 2771
Joe Henderson - Recorda-Me - with hancock-hubbard
With Freddie Hubbard,Bobby Hutcherson,Herbie Hancock,Ron Carter,Tony Williams...
inserito il 12/08/2008  da sigmundgroid - visualizzazioni: 1847
Joe Henderson-Inner Urge
Joe Henderson-tenor sax, Mike Richmond-bass, Adam Nussbaum-drums, George Gruntz Big Band, , www.mikerichmondmusic.com...
inserito il 25/04/2008  da MikeRichmondMusic - visualizzazioni: 1664
Joe Henderson Trio - Ask me Now (Monk) 1993
TV from Stuttgart, Germany...
inserito il 30/01/2008  da bobjazz11 - visualizzazioni: 1749
Herbie Hancock and VSOP Reunion - Eye of The Hurricane 1986
This video was up here a while back but seems to be gone now so here it is again. This seems like some kind of V.S.O.P. reunion with Joe Hen on sax in...
inserito il 26/08/2007  da eatsleeptrumpet - visualizzazioni: 3178
Joe Henderson & Herbie Hancock - Lush Life
June 18, 1993. From the 40th anniversary of the Newport Jazz Festival, held in a tent on the lawn of the White House....
inserito il 22/07/2007  da leoshephard - visualizzazioni: 3004
Joe Henderson - Take the A Train
Joe Henderson - tenor Bheki Mseleku - piano George Mraz - bas Al Foster - drums...
inserito il 12/03/2007  da tenorfreek - visualizzazioni: 1921
Joe Henderson - Once I loved
Joe Henderson...
inserito il 26/02/2007  da tenorfreek - visualizzazioni: 1486
Tony williams feat. Freddie Hubbard w/ Super star quintet
Jazz with the superstar quintet 1982, Ballad by hubbard, some great horn skills here man., , for more of tony you must check out!!!, , http://video.go...
inserito il 17/01/2007  da druman44 - visualizzazioni: 2592
Freddie Hubbard & Joe Henderson - Maiden Voyage
This is from the Mt. Fuji jazz fest - August, 1986... Also with Herbie Hancock, Ron Carter, and Tony Williams. Sorry it cuts off at 10 minutes, but th...
inserito il 15/10/2006  da eatsleeptrumpet - visualizzazioni: 2577
Cantelope Island
One Night With Blue Note - DVD...
inserito il 08/01/2006  da drummer123 - visualizzazioni: 3170


Inserisci un commento

© 2002, 2012 Jazzitalia.net - Bruno Erminero - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 3.286 volte
Data pubblicazione: 15/04/2012

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti