Jazzitalia - Lezioni: Batteria - Lezione 2: Tecnica Per Spazzole Jazz – Colpi Laterali
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Lezione 2: Tecnica Per Spazzole Jazz – Colpi Laterali
di Paolo Lattanzi

Cosa Sono i Colpi Laterali Lunghi e Corti Con le Spazzole
Lo scorso settembre ho scritto un articolo intitolato Un'Introduzione All'uso Delle Spazzole (link), dove ho esaminato come produrre suoni lunghi di tipo legato utilizzando movimenti circolari, una parte fondamentale della tecnica per spazzole.

In questo articolo descriverò un'altra area importante della tecnica per spazzole: i suoni di tipo staccato. Esploreremo come produrre tipi di suono diversi; le spazzole hanno possibilità quasi infinite e visto che diversi contesti musicali richiedono approcci diversi, avere opzioni a disposizione è una buona cosa!

Il primo insegnante con cui ho avuto l'opportunità di studiare spazzole in modo approfondito è stato Jon Hazilla al Berklee. Jon è un vero maestro con le spazzole, in possesso di una gran tecnica e di un concetto musicale davvero sofisticato. Una delle cose più importanti che ha condiviso con me è stata quella di pensare sempre musicalmente, e di trasporre le tecniche batteristiche in modo tale da evidenziare le qualità caratteristiche delle spazzole invece che imitare le bacchette. Il contenuto di questo articolo è ampiamente influenzato da quello che ho imparato da Jon.

La Tecnica
Di base ci sono due modi di eseguire suoni corti e staccati con le spazzole. Il primo è tramite movimenti verticali, ovvero una traduzione diretta dalle bacchette (il metodo più comunemente adottato), l'altro utilizza movimenti laterali.

I colpi laterali portano una prospettiva completamente nuova sulle spazzole. Tecnicamente un colpo laterale si esegue facendo in modo che la spazzola tocchi brevemente la pelle mentre la attraversa lungo la sua lunghezza, un po'come una palla che rimbalza lungo una superficie mentre si muove in avanti. La qualità del suono prodotto in questo modo è diversa perché mentre in un colpo verticale i filamenti di cui è formata la spazzola non sfregano contro la pelle, in un colpo laterale – per quanto breve – il suono è sempre prodotto dai filamenti che scorrono sulla pelle. Questo influenza timbro, risonanza e sustain.

La differenza più importante tra i due approcci però sta nel movimento in se. Quando si utilizzano movimenti laterali i punti di inizio e fine delle mani sono sempre ai lati opposti del tamburo, aprendo una porta su possibilità molto interessanti.

Questo video dimostra colpi corti singoli staccati.


Come potete vedere, il movimento interessa per lo più i polsi, ed i colpi sono eseguiti secondo il seguente ciclo:

  • R basso/verso di se
  • L basso/verso di se

  • R alto/verso fuori
  • L alto/verso fuori

Facciamo un ulteriore passo in avanti: studiando questo colpo più da vicino noterete che lasciando le spazzole a contatto con la pelle per più tempo possiamo produrre suoni lunghi.

Questi suoni lunghi sono comunque di tipo staccato. Tecnicamente è possibile produrre dei legati utilizzando colpi laterali ed evitando di produrre accenti, ma in questo articolo ci occuperemo solo di staccato, che è l'utilizzo più comune di questa tecnica.


Nei video avrete notato che la pelle è piuttosto usata. Ho deciso di non montare una pelle nuova proprio per dimostrare che è possibile ottenere un volume soddisfacente con le spazzole anche in condizioni non ottimali. Ho voluto mostrare uno scenario realistico dove ci sono imperfezioni nel suono: la batteria è uno strumento profondamente analogico, e le spazzole sono lo strumento più analogico tra tutte le percussioni. La più piccola imperfezione sulla pelle interagisce con i filamenti producendo variazioni inaspettate nel suono: questa è la realtà quotidiana del nostro strumento, e credo che vada accolta.

Pratica
Ora che abbiamo fatto conoscenza con questi due tipi di suoni, esploriamo la tecnica.

Come si può vedere nei video, le spazzole sono basse e quasi parallele al rullante, cosa importante per mantenere controllo e fluidità. Io suono "match grip" ma queste tecniche sono perfettamente utilizzabili con l'impugnatura tradizionale. Inoltre, io generalmente prediligo il suono delle spazzole con la cordiera alzata, ma anche questa è solo una preferenza.

E' importante rimanere rilassati, impugnare le spazzole fermamente ma senza tensione e concentrarsi nell'ottenere un suono omogeneo: ogni colpo deve produrre lo stesso suono. Ogni variazione in velocità o traiettoria mentre le spazzole sono a contatto con la pelle risulterà in una percepibile alterazione del suono.

Riassumendo, lavorate sui seguenti esercizi:

  • Esercizio 1 – Eseguire suoni corti
    • Dedicate tutto il tempo necessario per familiarizzarvi con i movimenti. Al momento il metronomo non è necessario. Assicuratevi che questi siano fluidi, e che le spazzole siano impugnate in modo che l'intero "ventaglio" sia a contatto con la pelle. Se notate che uno dei lati è sollevato, o che i filamenti sono compressi, significa che dovete aggiustare l'impugnatura o l'angolazione. Inoltre, prestate attenzione a dove si trova ogni spazzola relativamente al rullante, più siete vicini al parallelo più il suono sarà omogeneo. E' inevitabile che le traiettorie delle spazzole si sovrappongano: la spazzola che si muove successivamente deve passare sopra. Fate riferimento ai video ed assicuratevi di eseguire i movimenti correttamente. Nota: i suoni corti suonano meglio se eseguiti con le "punte" delle spazzole.

    • Accendete il metronomo e lavorate su velocità ed accuratezza eseguendo quarti, ottavi, terzine di ottavi e sedicesimi come descritto nell'immagine sotto, ognuno per quattro battute, avanti e indietro come nei video.

"long and short practice"

  • Esercizio 2 – Come sopra, producendo suoni lunghi
    • Notate che al contrario dei suoni corti, i suoni lunghi suonano meglio se si usa una maggiore superficie del "ventaglio", basterà cambiare di poco l'angolazione delle spazzole e premere leggermente contro la pelle.

A causa della natura di questa tecnica, maggiore sarà la velocità di esecuzione (tempo) maggiore sarà la difficoltà nell'udire la differenza tra colpi lunghi e brevi. A tempi più veloci le spazzole si muovono sulla pelle in minor tempo, risultando i colpi più corti. Man mano che si aumenta la velocità la differenza tra questi due tipi di colpi diventerà virtualmente inesistente.

Questi esercizi sono disegnati per sviluppare agilità con i movimenti laterali. E' importante tenere a mente che suonare jazz con le spazzole richiede un approccio organico, e che molti batteristi concordano che le spazzole suonano al meglio quando una è sempre attiva sulla pelle. Colpi corti ed isolati possono suonare aspri, cosa desiderabile o no a seconda dei casi.

I colpi di tipo staccato sono molto importanti nella tecnica per spazzole e quando combinati con i movimenti circolari descritti nel mio primo articolo completano un quadro pieno di sfumature, timbri, possibilità ritmiche, linee e colori. Sperimentate!

Nella seconda parte vedremo come utilizzare colpi lunghi e corti in modi musicali e creativi. Alla prossima!







Le altre lezioni:
12/03/2017

LEZIONI (batteria): Lezione 3: Utilizzo dei Colpi Lunghi e Corti con le Spazzole (Paolo Lattanzi)

06/01/2017

LEZIONI (batteria): (Alessandro Fabbri, Alex Barberis)

09/12/2016

LEZIONI (Articoli): Drum Patterns Coordination (Gianni Macavero)

12/11/2016

LEZIONI (Articoli): Timing & Internal clock: le suddivisioni interne. (Gianni Macavero)

16/08/2016

LEZIONI (batteria): Lezione 1: Un'introduzione all'uso delle spazzole (Paolo Lattanzi)

24/09/2011

LEZIONI (batteria): Lezione 1: Tecnica base per le mani (Max Pizzano)

24/09/2011

LEZIONI (batteria): Lezione 2: Ostinati di charleston (Max Pizzano)

24/09/2011

LEZIONI (batteria): Lezione 3: Groove da applicare agli ostinati di charleston (Max Pizzano)

01/02/2011

LEZIONI (batteria): Poliritmia al Drummer Collective di New York (Armando Bertozzi)

24/04/2010

Multitude (Characteristic Pitches featuring Robin Eubanks) - Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante

03/07/2007

LEZIONI (batteria): Controllo 2a2: un mio studio di accenti su doppi colpi (Rino Di Pace)

01/05/2007

LEZIONI (batteria): Indipendenza simmetrica tra cassa e rullante con ostinati (Rino Di Pace)

10/03/2007

Night Dancers (Paolo Lattanzi Group)

27/12/2006

LEZIONI (batteria): Indipendenza, accenti, coordinamento, precisione e apertura sul set (Rino Di Pace)

26/12/2006

LEZIONI (batteria): Ritmi in 7/8 con il charleston o piatto in sedicesimicon

27/11/2006

LEZIONI (batteria): Ritmi in 5/8 con il charleston o piatto in un ottavo e due sedicesimi (Maurizio Antonini)

05/03/2006

LEZIONI (batteria): Studio delle impostazioni: parte prima (Eufemio Ruggiero)

08/12/2005

LEZIONI (batteria): Lo studio della tradizione. Preparazione della second line (Eufemio Ruggiero)

02/09/2005

LEZIONI (batteria): Quattro video didattici: Introduzione alla Cassa & Charleston. Tacco-Punta (Alex Barberis)

12/07/2005

LEZIONI (batteria): Winter Solstice, un blues in minore con esempi e file audio. (Alessandro Fabbri)

24/06/2005

LEZIONI (batteria): Tre tecniche dei pedali per la Cassa, valide anche per il Charleston. (Alex Barberis)

21/11/2004

LEZIONI (batteria): L'indipendenza dei quattro arti in sedicesimi. (Alex Barberis)

27/09/2004

LEZIONI (batteria): Upstroke & Downstroke. (Alex Barberis)

26/09/2004

LEZIONI (batteria): Ride per l'indipendenza dei quattro arti (Alex Barberis)

25/04/2004

LEZIONI (batteria): Rudimenti per controllare le bacchette 2: movimenti in terzine di ottavi. (Alex Barberis)

28/02/2004

LEZIONI (batteria): Rudimenti per controllare le bacchette. (Alex Barberis)

27/01/2004

LEZIONI (batteria): L'accordatura dei tamburi. Un problema spesso sottovalutato ma di estrema importanza. (Alex Barberis)

24/12/2003

LEZIONI (batteria): Alex Barberis avvia un nuovo spazio didattico di batteria. La prima lezione illustra l'impostazione delle mani e i primi esercizi.





Video:
TST Funk - Beppe Di Benedetto 5tet
Beppe Di Benedetto 5tet - Tst Funk - Music by Beppe Di BenedettoBeppe Di Benedetto - TromboneEmiliano Vernizzi - Tenor SaxophoneLuca Savazzi - PianoSt...
inserito il 23/11/2011  da beppedibenedetto5tet - visualizzazioni: 3120
Il mio Studio
Seduta di registrazione del Trio formato da Andrea Rea (Piano), Daniele Sorrentino (Contrabbasso), Gino Del Prete (batteria) Franco Cleopatra: Registr...
inserito il 23/03/2011  da beppedibenedetto5tet - visualizzazioni: 3871
Paolo Recchia Trio @ Le Cave, Isernia - Alto Sax Player VideoMix HD
Paolo Recchia Trio @ Le Cave - Isernia 23.12.2010.Paolo Recchia, saxNicola Muresu, double bassNicola Angelucci, drums."I Want To Be Happy" b...
inserito il 14/02/2011  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 4593
La Lunga Notte della Batteria (La Drummeria)
Bellissima serata in compagnia dei migliori batteristi italiani..........
inserito il 11/02/2011  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3494
Assolo Batteria -La drummeria- La bottega degli orologi.
il meglio del meglio....
inserito il 04/01/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 2647
Enrico Rava - Stefano Bollani NEW YORK DAYS
Jazz Cocktail (Network Sonoro 2009), Concerto del 5 febbraio 2009 presso Teatro Politeama, Poggibonsi FI, Enrico Rava (tromba), Stefano Bollani (piano...
inserito il 06/02/2009  da eventimusicpool - visualizzazioni: 2114
Enrico Rava
Enrico Rava eâ?? senzâ??altro il più famoso musicista italiano nel mondo. Enrico, a quasi settanta anni, è ancora cons...
inserito il 26/11/2008  da hornitos75 - visualizzazioni: 3819
Frank Gambale e Billy Cobham
...
inserito il 04/08/2008  da lilloscuro - visualizzazioni: 2829
Jazz Istruzioni per l'uso roberto gatto
...
inserito il 14/05/2008  da esomare - visualizzazioni: 5384



Inserisci un commento

© 2016 Jazzitalia.net - Paolo Lattanzi - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 515 volte
Data pubblicazione: 08/12/2016

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti