Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Lezione 20: Dominanti secondarie
di Marco Di Battista
info@marcodibattista.com

ARGOMENTO
L'argomento di questa lezione ti conduce pian piano alla meta finale, l'acme del primo anno di corso.
Gli elementi sin qui conseguiti devono essere dislocati e maneggiati con raziocinio. L'appezzamento che ti prepari a solcare per la vastità delle argomentazioni è argilloso, copioso d'insidie concettuali; è necessario, quindi, comprendere la filosofia sulla quale fonda le proprie radici.

M
'accingo a fare ingresso nella sfera delle sostituzioni armoniche, dove tutto è tutto e il contrario di tutto, un capitolo difficile da spiegare per via telematica, inevitabilmente sintetizzato. A scuola, nella vita reale, i miei allievi ed io ci adoperiamo su queste tematiche più di un mese solo per tentare di capire, più di una vita per applicare (non intimorirti!).
 
Quando nel tonale ho dissertato sull'accordo di dominante, inquadrandone le caratteristiche e la genesi, ho sostenuto che il tritono al suo interno determina il movimento della radice verso una tonica (C7-Fmaj7 / V-I).

All'epoca scrissi che l'appellativo più aderente all'accordo di dominante che tende ad uno di primo grado, può essere dominante principale o primaria; nell'esempio precedente C7 è dominante principale di Fmaj7.

A questo punto mi chiedi:

  1. esiste un altro tipo d'accordo di dominante?
  2. Se sì, come posso riconoscerlo?
  3. Posso impiegarlo per rendere più interessante una progressione armonica?
  4. Adoperandolo in sostituzione di qualcosa è efficace?
  5. Prelude all'introduzione di qualche altra diavoleria armonica?
Esiste la cosiddetta dominante secondaria, nonostante la sua comparsa sembri determinare una modulazione (cambio di tonalità), essa non fa' altro che rafforzare quella d'impianto... mi spiego.

Le dominanti secondarie sono accordi di V7 che creano delle modulazioni transitorie. Nei capitoli "analisi (I) e (II)", ho armonizzato a quattro suoni le scale tonali, con riferimento alla maggiore ogni grado, dal primo al settimo, escluso il quarto, può diventare un accordo di dominante; la condizione perché ciò accada è che l'accordo che segue quello trasformato in dominante secondaria deve trovarsi una quinta giusta più in basso rispetto a quest'ultimo e deve far parte della stessa tonalità.

Esamina questa classica sequenza:

| Bbmaj7        Gm7 | Cm7        F7 |

si tratta di quattro accordi provocati dalla scala maggiore di Bb (| Imaj7     VIm7 | IIm7     V7 |). Puoi sostituire con una dominante secondaria uno o più accordi in questa sequenza?
Il Cm7 può diventare C7 poiché si trova una quinta giusta più in alto rispetto al F7; il Gm7 può seguire la stessa strada perché la distanza dal Cm7 rispetta un'analoga condizione, pertanto le combinazioni possibili saranno:

| Bbmaj7        Gm7 | C7          F7 |

| Bbmaj7          G7 | Cm7        F7 |

| Bbmaj7          G7 | C7          F7 |

Quante volte nella tua carriera di giovane improvvisatore hai incontrato in uno standard una consecuzione di questo genere:

| Am7        D7 | Gm7        C7 | (battute 29-30 di Have you met miss Jones?)

D'acchito apparirebbero due II-V in fila; se scavi più a fondo annoti non due tonalità maggiori distinte di G e di F, bensì un I-VI-II-V nella sola tonalità di F maggiore.

Am7
si avvicenda di terza maggiore ascendente al naturale Fmaj7 (Imaj7);
Dm7 (VIm7) diventa dominante secondaria di Gm7.

Negli "evergreens" che hai studiato e che vaglierai, cerca d'individuare questi "trucchetti" armonici, ne stanerai tantissimi.

Alcune volte la dominante secondaria costruita sul sesto grado si presenta in questa forma 7alt; riallacciandomi all'esempio precedente il D7 cambia in D7alt; per convenzione il voicing alterato quando appare con questo tipo di siglatura, è costituito dalla 3a maggiore, dalla 5a aumentata (#5=b13), dalla 7a minore, dalla 9a aumentata (#9).

Se compari l'originario Dm7 al D7alt, osservi che l'unica differenza fra i due risiede nella 3a maggiore e nella #5. La nota #9 dell'alterato è identica alla 3a minore del m7 (E#=F), la #5 o b13 di D7alt (A#= Bb), se la colleghi alla tonalità sulla quale questo turnaround s'appoggia (F maggiore), rappresenta il quarto grado, dunque più che sconvolgere rafforza l'impianto, alla luce di quanto in discernimento ho potere di dichiarare che un accordo di VI grado m7 può essere soppiantato da uno di 7alt (Dm7->D7alt; Am7->A7alt e via discorrendo). A breve vedrai che questo presupposto restrittivo investirà argomentazioni più vaste, per il momento è solo un'anticipazione... accontentati.

Riepilogo, un accordo m7 può essere sostituito da un altro di 7alt avente la stessa natura (Fm7->F7alt, Gm7->G7alt, etc.), ovunque si trovi, all'interno di qualsiasi itinerario accordale... con le dovute cautele!

Adesso osserva quanto sto' per scrivere:

| Am7      Dm7 |Fmaj7      B-b5/7|

Un VIm7    IIm7    IVmaj7    VII-b5/7 nella chiave di C maggiore.

Posso rendere dominante secondaria il Am7, faccio i conti a ritroso e dico di sì, Ok; il Dm7 certamente no, il pallottoliere dice no; il Fmaj7 assolutamente NO! Seppure lo spazio fra Fmaj7 e B-b5/7 sia di quinta, non è di quinta giusta (b5); se mutassi quest'accordo in F7 avverrebbe una modulazione vera e propria, il movimento ti porterebbe verso Bb, grado non contemplato nella scala maggiore di C. Ricordi cosa ho grafato in precedenza?

"Ogni grado della scala maggiore dal primo al settimo, escluso il quarto, può diventare un accordo di dominante".

Nell'analisi armonica la nomenclatura che si attribuisce ad una dominante secondaria è la seguente: se Cm7 (III di Ab maggiore) diventa C7 per raggiungere Fm7 (VI di Ab maggiore), apporrai al di sotto della sigla (C7) il simbolo che segue: V7/VI, intendendo segnalare una dominante secondaria che raggiunge un VI grado. Se invece scrivi questo V7/II, informi che la secondaria è stata creata per un secondo grado... e così via.

I
n un II-V, il II rispetta la distanza intervallare che ti consente di trasformarlo in dominante, un dominante di un dominante, questo connubio in futuro potrà essere asservito ai tuoi biechi scopi fraseologici? Certamente si... ma ne riparlerò. Per delineare frasi su una serie accordale che annette una dominante secondaria puoi servirti della scala dell'impianto tonale che la origina, aggiungendo la terza maggiore dell'accordo di dominante... ti prego non credermi fino in fondo, in questi changes, soluzioni più pregnanti renderanno il tuo futuro melodico sicuramente più roseo.


PARTITURE
Le dominanti secondarie albergano comunemente in brevi frammenti armonici della durata di due o di quattro battute, all'interno quasi sempre dei famosi "turnarounds".

Gli standards nelle forma canzone, i blues, i rhythm changes, le bop songs, fanno ampio uso di queste risorse.

Se muovi qualche passo indietro e torni a soffermarti sulle battute 27 e 28 di "
Autumn Leaves", intuisci che sfruttano l'idea illustrata; medesima avvenimento si ripropone nelle 29 e 30 di "Have you met miss Jones?". Quelli citati sono brani sviscerati durante il corso di studi, in preparazione di ciò che oggi e nel prossimo futuro, andrò sempre più ad approfondire.

Il pezzo sul quale concentrarti è "
On green dolphin street" di Kaper/ Washington (pag. 179 Real Book); la dominante secondaria è disposta nella misura 29 (A7); i due apparenti II-V raffigurano l'abituale turnaround nella sola tonalità di C maggiore.

Su "Green dolphin", dopo avere operato tutte le analisi del caso, gli studi di rito (tutti i voicings al momento conosciuti, scale modali su tonale, interiorizzazione a memoria dei cambi armonici del brano etc.), tramite le chiare (mi auguro!) metodologie applicative sviluppate in queste prime 20 lezioni, prova quando esponi il tema, ma soprattutto nell'improvvisazione, a divellere gli accordi m7 piazzando i 7alt e soffermati nell'ascolto del nuovo suono ottenuto; a volte la melodia potrebbe non collimare con le nuove alterazioni che hai introdotto, creando delle dissonanze poco gradevoli impara, quando si presentano, ad avvertirle magari non scartandole subito, in futuro sarai all'altezza di funzionalizzarle ragionevolmente.

Gli accordi delle battute 5 e 6 non devono allarmare, sono degli slash chords; il denominatore (/C) si collega alla fondamentale che il bassista o la tua mano sx devono inserire sotto i voicings di D7 e Dbmaj7, per il momento infischiatene e riproduci soltanto i voicings di D7 e Dbmaj7.

Nel bridge Il Dm7 può mutare in D7?
Cmaj7 può cambiare in C7?
E se invece non tocco il Cmaj7 e nella misura 12 inserisco di mia sponte il C7, posso farlo?

Chiediti sempre il perché delle cose e sperimenta... sperimenta.

Ho allegato anche un preascolto della durata di un 1 minuto del brano "
On green dolphin street", tratto dal disco "Four" del tenor-sassofonista Joe Henderson (Verve - 1968), quest'ultimo è accompagnato dal fantastico trio composto da: Wynton Kelly: piano, Paul Chambers: contrabbasso, Jimmy Cobb: batteria.

Buon divertimento e alla prossima!

On green dolphin (Real Audio): tema
MP3 (30 sec) di improvvisazione di Joe Henderson









Le altre lezioni:
02/11/2003

LEZIONI (piano): Le scale simmetrice esatonali. (Marco Di Battista)

23/07/2003

LEZIONI (piano): Inizia il secondo anno di corso con le scale simmetriche diminuite. (Marco Di Battista)

11/05/2003

LEZIONI (piano): Il modo misolidio. (Marco Di Battista)

02/02/2003

LEZIONI (piano): Il modo eolio. L'"antagonista" del...dorico.... (Marco Di Battista)

16/12/2002

LEZIONI (piano): I Rhythm Changes. L'Anatole, senza dubbio una delle strutture portanti del jazz, analizzato battuta per battuta. (Marco Di Battista)

20/10/2002

LEZIONI (piano): I Turnarounds: come "girare intorno" per riapprodare ad un I° grado (arbitrario o reale) (Marco Di Battista)

10/08/2002

LEZIONI (piano): Terzo capitolo sulle sostituzioni armoniche: il tritono. (Marco Di Battista)

15/06/2002

LEZIONI (piano): Sostituzioni armoniche II: le sostituzioni d'approccio o di moto (Marco Di Battista)

12/05/2002

LEZIONI (piano): Sostituzioni armoniche: come inserire un accordo al posto di un altro accordo tutelandone la funzione originaria o sconvolgendola totalmente....

10/02/2002

LEZIONI (piano): Armonizzazione delle scale minore melodica e minore armonica (Marco Di Battista)

05/12/2001

LEZIONI (piano): Armonizzazione scala maggiore e minore naturale. Qual è la tonalità con cui improvvisare? Quale accordo si deve considerare come riferimento?. (Marco Di Battista)

26/10/2001

LEZIONI (piano): La virtù che contraddistingue i "Bud Powell voicings" è riferibile alla robusta pienezza armonica che ostentano all'ascoltatore. (Marco Di Battista

22/09/2001

LEZIONI (piano): Tecniche modali sul blues. Graduale sostituzione degli accordi, sequenza delle scale per l'improvvisazione, "astuzie" per essere più disinvolti in jam session. (Marco Di Battista)

01/08/2001

LEZIONI (piano): Forme di blues singolare. Analisi delle 44 battute di Locomotion di Coltrane. (Marco Di Battista)

09/06/2001

LEZIONI (piano): Il blues di Coltrane (Marco Di Battista)

22/04/2001

LEZIONI (piano): Il blues minore con esempi e basi. (Marco Di Battista)

10/03/2001

LEZIONI (piano): Il blues di Charlie Parker. (Marco Di Battista)

25/01/2001

LEZIONI (piano): Il Blues: la scala blues, il blues forma primitiva. (Marco Di Battista)

30/12/2000

LEZIONI (piano): Voicings W. Kelly - B. Evans per accompagnare. Aiutiamo il solista ad esprimersi meglio. (Marco Di Battista)

03/12/2000

LEZIONI (piano): Cos'è una struttura, come si analizza, come si affronta. (Marco Di Battista)

08/11/2000

LEZIONI (piano): Il modo lidio (Marco Di Battista)

22/10/2000

LEZIONI (piano): Il modo dorico (Marco Di Battista)

30/09/2000

LEZIONI (piano): Cos'è un pattern? Creare una linea melodica su un II-V-I (Marco Di Battista)

05/09/2000

LEZIONI (piano): Cos'è un II-V-I, voicings su II-V-I (Marco Di Battista)

20/08/2000

Lezioni (piano): la pronuncia (Marco Di Battista)

10/08/2000

Lezioni (Piano): il repertorio (Marco Di Battista)

30/06/2000

Lezioni (pianno): I voicing - Bill Evans e Wynton Kelly. (Marco Di Battista)







Inserisci un commento

Marco Di Battista
Rosetta Stone


© 2000, 2002 Jazzitalia.net - Marco Di Battista - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 54.317 volte
Data pubblicazione: 31/03/2002

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti
 
tml>