Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Lezione 16: Tecniche modali sul blues
di Marco Di Battista
info@marcodibattista.com

Certamente stupéndoti hai registrato nel corso di questi scritti correlati al blues, un ampio ventaglio d'avvenimenti armonici, melodici, ritmici, stilistici che non avevi preventivato all'inizio della trattazione.

D
a qualche tempo ribadisco il concetto che il blues incarna un veicolo a tua disposizione per sondare, con adeguata compiutezza, le correnti stilistiche afro-americane dagli albori del jazz sino ad oggi; è un terreno fertile sul quale fare allignare la sperimentazione armonico-melodica-ritmica. A tal proposito vorrei percorrere, nel periodo che ti separa dal prossimo argomento, la strada che manipola il blues nella ricerca di soluzioni standardizzabili a sequenze armoniche non strettamente confinate alle 12 battute (forma canzone, anatole etc.).

I manuali didattici sul jazz quando giungono al blues, molto spesso, consigliano di studiarlo in tutte le tonalità, se tieni conto delle eccezioni visionate e delle anomalie che contribuirai ad accrescere con l'introduzione delle sostituzioni armoniche, ti rendi repentinamente conto che si tratta di uno studio, sì redditizio, ma non parco nella gestione del tempo da dedicare all'applicazione; se aggiungi che nelle Jam session, nonostante sembri aleggiare uno spirito di fratellanza musicale, si respira un bellicoso olezzo: tempi staccati al limite della velocità "CURVATURA 2", richieste d'esecuzione di brani sconosciuti, proposte di blues Parkeriani in F#, Coltraniani a partire dall'ultima battuta, se valuti tutto questo "bailamme" le mie indicazioni per ottimizzare l'impegno sullo strumento possono risultare utili.

Voglio sottoporre alla tua attenzione due ipotesi di studio, tratte dalla mia esperienza personale, una tesa al trasporto rapido di un blues complesso, come quello di Parker, in un'altra tonalità, l'altra finalizzata all'utilizzo dei modi sul blues. Nel capitolo 7 mi sono interessato dell'intersezione melodica dei modi sul sistema tonale; le scale in oggetto che conosci, sono quelle originate dal secondo e dal quarto grado della scala maggiore (dorico, lidio); tenterò di impiegarle, a volte esagerando, sulle serie accordali del blues.
Quello odierno potrebbe apparirti un argomento farraginoso e marginale, in realtà posso assicurarti che queste "astuzie" mi hanno tratto d'impaccio parecchie volte, quando mi è stato richiesto un blues in una tonalità (modalità sarebbe meglio) non familiare e mi ha aiutato ad essere melodicamente disinvolto, su brani a me sconosciuti propinatimi su due piedi.

PARTITURE

Setacciando gli attributi armonici del blues di Charlie Parker, cercherò di rinvenire elementi atti alla spedita trasposizione di un blues da una tonalità ad un'altra. Il metodo del tutto personale all'esordio ti sembrerà macchinoso, tuttavia una volta compresi i funzionamenti che lo regolano è di facile compimento.
E' mia intenzione spronarti a ricercare in ogni struttura dei segmenti di congiunzione analitica che possano favorirti nello studio. Le figure illustrate ti indicano passo per passo il criterio che ho adottato per raggiungere lo scopo.

L
a prima operazione da eseguire è ricostruire il blues di Parker, ho scelto quello della forma 1 (vedi lezione sul blues di Parker).

Nella figura 1 inserisco subito i 3 "cardini": nella battuta 1 l'accordo che sancisce la tonalità del blues, nella cinque la sottodominante virtuale, nella 9 l'accordo minore a distanza di 9a maggiore da quello iniziale (insomma la solita solfa).


figura 1

La figura 2, mostra come nelle prime quattro misure possano essere rilevati dei punti utili per la "trasposizione". Osserva tutti i gradi IIm7, "impippatene" della loro funzione armonica e rileva che Em7, si trova un semi tono in più basso rispetto al F7, Dm7 un tono sotto a Em7, Cm7 un tono discendente rispetto a Dm7, se ricordi questo rapporto:

mezzo tono, un tono, un tono, un tono,

hai piazzato in automatico tutti i IIm7 delle prime quattro battute.
Adesso devi collocare i V7, guarda come ho agito nel secondo rigo. Me né "rinfischio" delle funzioni armoniche e prendo atto che le tre dominanti si trovano a distanza, partendo da F7, di:

3M ascendente, un tono-un tono-un tono discendenti,

pensando in questo modo le collochi celermente e completi il primo periodo armonico da quattro.


figura 2

Passiamo alle seconde quattro (figura 3).
Il secondo cardine Bb7 è già posizionato, lo tramuto in minore nella successiva misura, scendo cromaticamente e inserisco gli accordi minori nelle battute 7 e 8 (Am7, Abm7). Adesso restano da ubicare gli accordi di dominante. Essi si trovano, rispettivamente, una quarta giusta ascendente da Bb7 e di seguito a distanza di tono. Il secondo rigo Pakeriano è concluso.


figura 3

La figura 4 ti svela gli arcani ineffabili da Gm7 in poi.
Nella battuta 11 c'è un F7, Parker congettura nelle misure che lo precedono un II-V (Gm7-C7), continua poi con un V7 di un IIm7-V7 che ti guida al F7 della prima battuta (D7->Gm7->C7). Alla luce di quest'arruffata spiegazione mi fischiano le orecchie:

"Secondo lui io riesco a trasportare rapidamente un blues complesso complicandomi ancor di più la vita con queste idee malsane? Questo è pazzo !"


figura 4

La riflessione inquisitoria, non negarlo, ti è passata per la mente. Per questo ricapitolo:
  1. inserisco i tre cardini della tonalità scelta.
  2. Colloco gli accordi minori nel primo rigo scendendo dal V7 della prima misura di St-T-T.
  3. Posiziono gli accordi di dominante del primo rigo salendo dal V7 di 3M, di seguito scendendo di T-T.
  4. Nel secondo rigo cambio, nella battuta successiva , il V7 in m7, scendo di semitono e ho piazzato i tre accordi IIm7.
  5. I V7, sempre nel secondo rigo, sono a distanza di 4a giusta ascendente dal secondo cardine e gli ultimi due scendono di tono fra di essi.
  6. Il terzo rigo si ottiene creando un IIm7-V7-I7+ un V7-IIm7-V7.
Memorizza lo schema e prova a costruire il blues "californiano" di Parker, che so', in "B". Prova nelle tonalità più disparate devi solo allenare la tua mente a questo nuovo modo d'agire. Naturalmente se non ritieni che questi suggerimenti possano esserti utili ignorarli, magari scopri autonomamente soluzioni più funzionali e meno cervellotiche (me lo auguro).

V
eniamo adesso alla parte che riguarda l'improvvisazione.
Osserva la figura 5. Ti sembra una successione armonica familiare? Credo di sì, infatti è quella pubblicata nella prima lezione sul blues, se in quel frangente ha rappresentato un pretesto per lo studio dei primi blues, oggi presterà il fianco ad alcune considerazioni riguardanti l'improvvisazione. Si tratta di un esercizio e come tale deve essere considerato.

Nella figura 5 utilizza su tutta la struttura la scala blues di F; effettuato il primo chorus nella
battuta 2 (Bb7) adopera la scala blues di G: nella battuta 4 (Cm7-F7) la scala blues di D; nella battuta 6 le note costituenti un accordo diminuito costruito mezzo tono sotto a B°7; nella battuta 8, se a D7#9 aggiungi la b13 la scala minore melodica di Eb; nelle battute 9 e 10 (Gm7 | C7) la scala blues di A; nella battuta 11 (Am7-D7) la scala blues di B, nella battuta 12 (Gm7 C7) la scala blues di A.

Prova a servirti anche delle triadi superiori di ogni accordo:
Battute 1 , 3 e 7: G;
Battuta 2 e 5: C
Battuta 4: su Cm7-> Dm e su F7->G.
battuta 6: Bb°7
battuta 8
: Bb+5 su A-b5/7, E su D7
battuta 9
: Am
battuta 10
: D
battuta 11
: G su F7, E su D7
battuta 12
:Am su Gm7, D su C7.

Il modo dorico, nella sua interezza, puoi adoperarlo nelle battute 4, 9, 12:

"Puoi usare da qualche parte il modo lidio? ... Non ci provare che m'inquieto!"

Cercare di impiantare tutto questo, in un unico blues è senza dubbio un eccesso, l'ho fatto per scopi "maieutici" (ARIBOOM!!!). Prova a sezionare battuta per battuta questa struttura allungando la durata di ciascuna; ascolta come suonino gradevoli (il perché è demandato al futuro) le scale blues che esulano da quella della tonalità d'impianto (F), ascolta che suono conferiscono agli accordi di dominante le improvvisazioni giocate sulle triadi maggiori superiori. Assapora l'effetto che provoca una scala minore melodica su un blues:

"Il dorico ti sembra soddisfacente su un II-V, oppure pensi ti abbia consigliato una baggianata? ... e quell'accordo diminuito su un diminuito? Il tuo orecchio come l'ha presa?".

Dopo aver fatto a pezzi il blues ricomponi il puzzle e cerca di creare una melodia ben connessa servendoti di tutti questi utensili....da buon sadico sarei curioso di sapere come è andata!


figura 5

Il brano della settimana è "Blues for Alice" () di Charlie Parker. Gli accordi sui quali si basa, li hai trovati nella lezione dedicata al blues di Parker. Lo spartito di questa composizione è stampato a pag. 57 del Real Book; una versione particolarmente godibile cui riferirsi, è quella registrata nella seduta dello 07/02/80, nella città di Monster (solo gli olandesi potevano chiamare così un conglomero urbano), da Archie Sheep (sax) e Niels-Henning Orsted Pedersen (contrabbasso); i due hanno prodotto un "Mainstream" degno di nota, utile all'ascoltatore per trarre spunti melodici interessanti.





Le altre lezioni:
02/11/2003

LEZIONI (piano): Le scale simmetrice esatonali. (Marco Di Battista)

23/07/2003

LEZIONI (piano): Inizia il secondo anno di corso con le scale simmetriche diminuite. (Marco Di Battista)

11/05/2003

LEZIONI (piano): Il modo misolidio. (Marco Di Battista)

02/02/2003

LEZIONI (piano): Il modo eolio. L'"antagonista" del...dorico.... (Marco Di Battista)

16/12/2002

LEZIONI (piano): I Rhythm Changes. L'Anatole, senza dubbio una delle strutture portanti del jazz, analizzato battuta per battuta. (Marco Di Battista)

20/10/2002

LEZIONI (piano): I Turnarounds: come "girare intorno" per riapprodare ad un I° grado (arbitrario o reale) (Marco Di Battista)

10/08/2002

LEZIONI (piano): Terzo capitolo sulle sostituzioni armoniche: il tritono. (Marco Di Battista)

15/06/2002

LEZIONI (piano): Sostituzioni armoniche II: le sostituzioni d'approccio o di moto (Marco Di Battista)

12/05/2002

LEZIONI (piano): Sostituzioni armoniche: come inserire un accordo al posto di un altro accordo tutelandone la funzione originaria o sconvolgendola totalmente....

31/03/2002

LEZIONI (piano): Dominanti secondarie: ingresso nella sfera delle sostituzioni armoniche, dove tutto è tutto e il contrario di tutto....

10/02/2002

LEZIONI (piano): Armonizzazione delle scale minore melodica e minore armonica (Marco Di Battista)

05/12/2001

LEZIONI (piano): Armonizzazione scala maggiore e minore naturale. Qual è la tonalità con cui improvvisare? Quale accordo si deve considerare come riferimento?. (Marco Di Battista)

26/10/2001

LEZIONI (piano): La virtù che contraddistingue i "Bud Powell voicings" è riferibile alla robusta pienezza armonica che ostentano all'ascoltatore. (Marco Di Battista

01/08/2001

LEZIONI (piano): Forme di blues singolare. Analisi delle 44 battute di Locomotion di Coltrane. (Marco Di Battista)

09/06/2001

LEZIONI (piano): Il blues di Coltrane (Marco Di Battista)

22/04/2001

LEZIONI (piano): Il blues minore con esempi e basi. (Marco Di Battista)

10/03/2001

LEZIONI (piano): Il blues di Charlie Parker. (Marco Di Battista)

25/01/2001

LEZIONI (piano): Il Blues: la scala blues, il blues forma primitiva. (Marco Di Battista)

30/12/2000

LEZIONI (piano): Voicings W. Kelly - B. Evans per accompagnare. Aiutiamo il solista ad esprimersi meglio. (Marco Di Battista)

03/12/2000

LEZIONI (piano): Cos'è una struttura, come si analizza, come si affronta. (Marco Di Battista)

08/11/2000

LEZIONI (piano): Il modo lidio (Marco Di Battista)

22/10/2000

LEZIONI (piano): Il modo dorico (Marco Di Battista)

30/09/2000

LEZIONI (piano): Cos'è un pattern? Creare una linea melodica su un II-V-I (Marco Di Battista)

05/09/2000

LEZIONI (piano): Cos'è un II-V-I, voicings su II-V-I (Marco Di Battista)

20/08/2000

Lezioni (piano): la pronuncia (Marco Di Battista)

10/08/2000

Lezioni (Piano): il repertorio (Marco Di Battista)

30/06/2000

Lezioni (pianno): I voicing - Bill Evans e Wynton Kelly. (Marco Di Battista)







Inserisci un commento

Marco Di Battista
Rosetta Stone


© 2000, 2002 Jazzitalia.net - Marco Di Battista - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 45.452 volte
Data pubblicazione: 22/09/2001

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti
 
tml>