Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Lezione 12: Il blues di Parker
di Marco Di Battista
info@marcodibattista.com

Nel capitolo dedicato al repertorio abbiamo asserito che il blues, per quanto lo si voglia confinare all'interno di uno stile jazzistico ben definito, sfugge ad ogni regola collocativa; tutte le epoche della musica afro-americana, infatti, lo hanno influenzato e arricchito armonicamente. 
Si pensi al brano "Cousin Mary" () di John Coltrane, un blues di chiara derivazione modale; alle composizioni: "E.K's Blues" (Ed Kaiser), "Blues a la mode" (McCoy Tyner), "Blues for Philly Joe" () (Sonny Rollins), "Straight no chaser" () (Thelonious Monk) tutte di chiaro stampo boppistico; a "Eye of the Hurricane" () (Herbie Hancock) e "Blues by five" () (Miles Davis), il primo minore il secondo in maggiore con sezioni ripetute, entrambi temi contemporanei; a "Bird Food" () di Ornette Coleman un "pezzo" in forma libera. 
L'era del bop ha contribuito in maniera rilevante all'evoluzione del blues "classico" (vedi capitolo precedente) attraverso le sperimentazioni armoniche dei suoi eccellenti esponenti; Charlie Parker è stato uno dei ricercatori più attivi, le sue progressioni armoniche sul blues oggi rappresentano uno standard armonico da conoscere, analizzare e metabolizzare. La mitologia jazzistica narra che i "Parker Change" siano stati intuiti e messi a punto da "Bird" nel soggiorno "West Coast" californiano (
1945) condiviso con Dizzy Gillespie (nello stesso anno, qualche mese prima, erano stati già provati in jam session insieme al pianista Sadik Hakim). 
Dizzy, in quel periodo, demoralizzato dalla continua ricerca da parte di Parker di droghe pesanti, ben presto decise di fare ritorno a New York, mentre Bird, stipulato un contratto con l'etichetta Dial, si stabilì a Los Angeles dove ebbe uno dei periodi più prolifici per la sua carriera di altosassofonista. Qualche riga fa' mi sono espresso scrivendo "ha intuito", ho voluto intendere che l'invenzione armonica di Parker non è frutto di una meditata analisi tecnica, bensì di una applicazione empirica; in pratica Parker non sapeva bene cosa stesse facendo, ha operato delle sostituzioni idiomatiche sul blues, ha provato delle soluzioni basandosi sull'approccio armonico alle battute 1, 5 e 9, nel capitolo precedente da noi definite "Cardini del blues" (terminologia del tutto inventata). 

Se ascolti un blues interpretato da Bird, non puoi fare a meno di notare che un suo assolo è migliore di qualsiasi libro che tratti l'argomento "Blues". Parker ha affrontato queste strutture in tutti gli stili del suo tempo, ha impiegato "Changes" (cambio degli accordi) inusuali per l'epoca tanto da farli diventare uno standard armonico oggi individuato con l'appellativo di "Parker Blues".

Nelle jam session, di sovente, viene proposto di suonare un Parker Blues, è importante, dunque, conoscere a memoria la progressione armonica di alcuni di questi blues. 

L'idea di Charlie è molto semplice, tenendo fermi gli accordi nelle battute 1-5-9, tutto viene concretizzato in funzione del raggiungimento risolutivo degli stessi. Osserviamo nella prima struttura un Parker-change classico su un blues in F. Nelle misure 2-3-4 i tre II-V sono pensati in modo che ogni accordo di dominante della serie risolva sull'accordo minore successivo posizionato una 5a giusta più in basso (A7 => Dm7; G7 => Cm7) e sull'accordo di dominante della 5a battuta (F7 => Bb7). In pratica è come se avesse pensato questa successione costruendola andando indietro, dal Bb7, di quinta giusta in quinta giusta fino alla seconda battuta. Nella misura 6, attraverso uno scambio parallelo (fermi tutti ne riparleremo), trasforma il Bb7 in Bbm7 e cromaticamente di accordo minore in minore approccia il terzo cardine Gm7 (Bbm7 => Am7 => Abm7 => Gm7) a questi aggiunge, da buon libertino, nelle battute 6 e 8 i propri accordi di dominante che realizzano due II - V, che non c'entrano un tubulo ma che sono "la morte sua"...provare per credere. 
Nelle misure 9 e 10 non accade nulla di inconsueto (II-V classico verso il F7); nella 11 rinunciando al classico turnaround (Am7 - D7 | Gm7 - C7) in un impeto di nostalgia, Parker ripristina l'accordo lì posizionato (F7) fin dai tempi del blues arcaico, per concludere con un V di un II-V (D7alt => Gm7 - C7). 

Naturalmente noi che siamo i posteri potremmo fare delle considerazioni armoniche più profonde, le formuleremo nel capitolo dedicato alle sostituzioni. 


Nel secondo esempio non avvengono cambiamenti rilevanti se non nella battuta 1 dove il primo accordo è pensato come primo grado di una tonalità maggiore (Fmaj7) e non come accordo di dominante; l'altro mutamento risiede nella battuta 2 dove il II-V viene desunto dalla scala minore armonica. Nella misura 7 ad Am7 e affiancato il proprio V D7. La terza struttura impiega come primo accordo di nuovo il Fmaj7, che viene riproposto nella battuta 3 preceduto dal suo II-V (Gm7-C7). La #5 di F+7, nella battuta 4, non è altro che la #9 del successivo (misura 5) Bb7, in pratica il nostro tanto amato passaggio, sull'accordo di dominante #9 => b9, viene anticipato dal C# di F+7 (vedi capitolo sui voicings). 
Dalla 6 alla misura 8 altre sostituzioni idiomatiche (perfettamente spiegabili in futuro) d'approccio al terzo "cardine" (Gm7). Solito impeto di nostalgia nella misura 11 e conclusione classica.





PARTITURE:
Nel disco "The Savoy session", registrato nella seduta del
26-11-1945 (Miles Davis: tromba, Charlie Parker: alto sax, Dizzy Gillespie: piano e tromba, Curley Russell: contrabbasso, Max Roach: batteria), sono due i blues che vi consiglio vivamente di studiare: Billie's Bounce (dedicato a Billy Shaw) e Now's the time
Entrambi si possono reperire alla pagina 5 del volume n.6 di Aebersold o alle pagine 24 e 265 del Real Book All New volume 2

Sono due blues in F, il primo dal tema complesso il secondo molto più semplice e ripetivo, la scrittura di entrambi rispetta lo stile bop al 100%. Suonali utilizzando la progressione originale, alterna ad essa le tre strutture scritte sopra. Utilizza il solito metodo di studio, impara a memoria i due temi, esponili anche all'unisono con le due mani, nelle session sono molto gettonati.






Le altre lezioni:
02/11/2003

LEZIONI (piano): Le scale simmetrice esatonali. (Marco Di Battista)

23/07/2003

LEZIONI (piano): Inizia il secondo anno di corso con le scale simmetriche diminuite. (Marco Di Battista)

11/05/2003

LEZIONI (piano): Il modo misolidio. (Marco Di Battista)

02/02/2003

LEZIONI (piano): Il modo eolio. L'"antagonista" del...dorico.... (Marco Di Battista)

16/12/2002

LEZIONI (piano): I Rhythm Changes. L'Anatole, senza dubbio una delle strutture portanti del jazz, analizzato battuta per battuta. (Marco Di Battista)

20/10/2002

LEZIONI (piano): I Turnarounds: come "girare intorno" per riapprodare ad un I° grado (arbitrario o reale) (Marco Di Battista)

10/08/2002

LEZIONI (piano): Terzo capitolo sulle sostituzioni armoniche: il tritono. (Marco Di Battista)

15/06/2002

LEZIONI (piano): Sostituzioni armoniche II: le sostituzioni d'approccio o di moto (Marco Di Battista)

12/05/2002

LEZIONI (piano): Sostituzioni armoniche: come inserire un accordo al posto di un altro accordo tutelandone la funzione originaria o sconvolgendola totalmente....

31/03/2002

LEZIONI (piano): Dominanti secondarie: ingresso nella sfera delle sostituzioni armoniche, dove tutto è tutto e il contrario di tutto....

10/02/2002

LEZIONI (piano): Armonizzazione delle scale minore melodica e minore armonica (Marco Di Battista)

05/12/2001

LEZIONI (piano): Armonizzazione scala maggiore e minore naturale. Qual è la tonalità con cui improvvisare? Quale accordo si deve considerare come riferimento?. (Marco Di Battista)

26/10/2001

LEZIONI (piano): La virtù che contraddistingue i "Bud Powell voicings" è riferibile alla robusta pienezza armonica che ostentano all'ascoltatore. (Marco Di Battista

22/09/2001

LEZIONI (piano): Tecniche modali sul blues. Graduale sostituzione degli accordi, sequenza delle scale per l'improvvisazione, "astuzie" per essere più disinvolti in jam session. (Marco Di Battista)

01/08/2001

LEZIONI (piano): Forme di blues singolare. Analisi delle 44 battute di Locomotion di Coltrane. (Marco Di Battista)

09/06/2001

LEZIONI (piano): Il blues di Coltrane (Marco Di Battista)

22/04/2001

LEZIONI (piano): Il blues minore con esempi e basi. (Marco Di Battista)

10/03/2001

LEZIONI (piano): Il blues di Charlie Parker. (Marco Di Battista)

25/01/2001

LEZIONI (piano): Il Blues: la scala blues, il blues forma primitiva. (Marco Di Battista)

30/12/2000

LEZIONI (piano): Voicings W. Kelly - B. Evans per accompagnare. Aiutiamo il solista ad esprimersi meglio. (Marco Di Battista)

03/12/2000

LEZIONI (piano): Cos'è una struttura, come si analizza, come si affronta. (Marco Di Battista)

08/11/2000

LEZIONI (piano): Il modo lidio (Marco Di Battista)

22/10/2000

LEZIONI (piano): Il modo dorico (Marco Di Battista)

30/09/2000

LEZIONI (piano): Cos'è un pattern? Creare una linea melodica su un II-V-I (Marco Di Battista)

05/09/2000

LEZIONI (piano): Cos'è un II-V-I, voicings su II-V-I (Marco Di Battista)

20/08/2000

Lezioni (piano): la pronuncia (Marco Di Battista)

10/08/2000

Lezioni (Piano): il repertorio (Marco Di Battista)

30/06/2000

Lezioni (pianno): I voicing - Bill Evans e Wynton Kelly. (Marco Di Battista)







Inserisci un commento

Marco Di Battista
Rosetta Stone


© 2000, 2001 Jazzitalia.net - Marco Di Battista - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 49.174 volte
Data pubblicazione: 10/03/2001

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti
 
tml>