Jazzitalia - Lezioni: Chitarra
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Charlie Chrisitian: Introduzione e cenni storici
di Pietro Nicosia
pietronicosia@alice.it


Bonham, Texas, 29 luglio 1916 - New York, 2 marzo 1942

Ho scelto di trattare nel modo più diffuso possibile la figura di Charlie Christian perché si tratta di un musicista che ha portato un contributo essenziale all'evoluzione del linguaggio improvvisativo jazzistico. Infatti, cosa insolita per un chitarrista, ha rappresentato una fonte innovativa da cui attingere per molti musicisti di jazz degli anni Quaranta, ovvero gli anni del pieno sviluppo del linguaggio bebop.

Nato a Bonham, Texas, il 29 luglio del 1916, in tenera età si trasferisce con la famiglia ad Oklahoma City. Famiglia di musicisti: a Dallas il padre trombettista, chitarrista e cantante e la madre pianista accompagnavano in duo i film muti (piano e tromba). Nel '21 il padre perde la vista e per sopravvivere ad Oklahoma City diventa musicista di strada, accompagnato dai suoi tre figli: Clarence al violino e al mandolino, Edward al basso e Charlie alla chitarra. Il loro repertorio è quello dei blues e dei song Tin Pan Alley (la ventottesima strada di New York, sede delle maggiori edizioni musicali dalle quali uscì il più importante song bianco) ed anche arie d'opera. Sempre in ambito familiare suonerà la chitarra durante i primi anni Trenta nella band del fratello Edward, i Jolly Jugglers.

Charlie comincia con la tromba, ma è costretto a smettere per problemi di torace. Questo elemento a posteriori sembra una premonizione: lo stile di Charlie Christian colpì intenditori e profani proprio perché suonava la chitarra come se fosse uno strumento a fiato (o meglio un sassofono tenore distorto!), in un modo veramente insolito e nuovo per l'epoca. Oltre alla chitarra aveva praticato il basso ed il pianoforte durante la sua infanzia; questo è un altro elemento che può farci riflettere sull'abitudine di Charlie a cercare di non restare negli stilemi della chitarra, dettati dalla stessa struttura dello strumento. La conoscenza armonico-melodica che aveva accumulato dalla sua infanzia fino alla metà degli anni Trenta era certamente superiore rispetto a quella media dei musicisti. La sua prima chitarra se l'era costruita da solo, ricavandola da una scatola per sigari. Rudi Blesh, suo compagno di scuola, che dopo essere stato allievo di musica del padre di Charlie e jazzista era diventato uno dei più famosi romanzieri neroamericani, racconta: «Quando Charlie ci divertiva e ci stupiva a scuola con la sua chitarra fatta con una scatola per sigari suonava dei riffs inventati da lui. Ma erano basati su accordi e progressioni che Blind Lemon Jefferson non aveva mai conosciuto». Questa è una delle preziose informazioni che si trovano nella biografia di Christian ad opera di Blesh, contenuta nel suo Combo U.S.A. Eight Lives in Jazz.[1]

Ad Oklahoma City aveva preso lezioni di musica (non di strumento) da Zelia N. Braux, animatrice della scena locale e responsabile dei programmi musicali delle scuole per neri.

La maggiore innovazione che Charlie Christian apporta al modo di suonare il suo strumento ma poi al linguaggio jazzistico in senso lato avviene nel fraseggio melodico. Le possibilità musicali di un musicista come Christian, teso all'arricchimento dell'improvvisazione melodica, si moltiplicano quando, ottenuto un primo ingaggio di livello professionale con il sestetto del pianista Alphonso Trent, nel 1936 si ritrova al Roseland Ballroom di Kansas City per una jam session con i chitarristi locali Jim "Daddy" Walker, Effergee Ware e Eddie Durham. Quest'ultimo, importante trombonista arrangiatore e chitarrista che aveva collaborato con Count Basie e Bennie Moten, fu tra i primissimi a sperimentare la chitarra amplificata elettricamente. Durham avrebbe poi dichiarato: «Non credo che Christian abbia mai visto una chitarra con un amplificatore prima di avermi incontrato […] mai in vita mia avevo sentito un ragazzo imparare a suonare la chitarra con tanta velocità».[2]

Da questo momento in poi, con la possibilità di dare maggior peso alle singole note della chitarra, con molto più volume e molti meno problemi tecnici, comincia la vera ascesa artistica di Charlie Christian, rimasto nella storia come "the genius of the electric guitar".

Nel 1938, sempre al seguito di Al Trent, si spinse fino in North Dakota, a Bismarck nel locale "The Dome". In questa occasione fu ascoltato dalla diciassettenne Mary Osborne (1921-1992) che divenne sua amica ed ebbe modo di farsi insegnare qualcosa da lui. La giovane chitarrista, che si affermerà e sarà ammirata da molti tra i quali Django Reinhardt, rimase colpita dal suono e dal fraseggio di Christian. Come osserva giustamente Leonard Feather nel volume Inside Jazz.

Il gruppo di Trent aveva una tromba, un sax tenore, un piano, un contrabbasso, una batteria e Christian; ma, sorprendentemente, Charlie non contava come un quarto strumento della sezione ritmica; fungeva da terzo strumento della sezione di fiati, armonizzando la chitarra con il tenore e la tromba allo scopo di utilizzare un voicing a tre parti che suonava veramente nuovo al mondo del jazz.[3]

Mary Osborne fu colpita dal suo grande senso del fraseggio, specialmente dal punto di vista ritmico. Più tardi avrebbe affermato che il sestetto faceva tutto quello che Benny Goodman avrebbe fatto dopo, ed anche meglio. Ricordo che le figure musicali dei soli di Charlie erano esattamente le stesse che Benny registrò poi sotto il nome di "Flying Home" (), "Gone With What Wind" (), "Seven Come Eleven" () e le altre. Charlie non suonava ancora bop, ma utilizzava accordi aumentati e diminuiti che suonavano completamente nuovi per me. E ritmicamente, alcune delle sue idee corrispondevano già all'estetica bop.[4]

Fu la pianista ed arrangiatrice di Kansas City Mary Lou Williams a scoprirlo. Parlò di lui a John Hammond, l'impresario mecenate di tanti jazzisti e vero cultore della buona musica afroamericana. Hammond seppe subito riconoscerne la genialità paragonandolo a quelli che per lui erano i più grandi: da Teddy Wilson a Lester Young, da Louis Armstrong a Coleman Hawkins. Lo portò a Los Angeles e lo presentò a suo cognato Benny Goodman. Questi non ne fu entusiasmato e gli sembrò uno dei soliti abbagli di Hammond "an impossible rube", un impossibile zoticone venuto dall'Oklahoma. Ma John non si arrese e, con l'aiuto di altri musicisti come Artie Bernstein, il contrabbassista di Goodman, fece partecipare Charlie ad una jam session ben descritta da queste parole di Hammond: "Quando l'orchestra ebbe terminato il primo set e mentre il quartetto si preparava a suonare a sua volta, Charlie prese posto sulla pedana. Trovandosi davanti al fatto compiuto, Benny Goodman, infuriato per non poter fare nulla, disse al pianista di suonare "Rose Room" con la segreta speranza che Charlie non conoscesse quel pezzo, molto vecchio e poco noto. Benny cominciò allora ad esporre la melodia, poi passò la mano a Charlie per l'improvvisazione. Charlie si scatenò. I chorus si susseguivano ai chorus, Fletcher Henderson e Lionel Hampton erano allibiti. Nessuno aveva mai sentito uno strumentista - e meno che mai un chitarrista - fare simili cose, e l'esecuzione durò quarantotto minuti! [5]

Con il sestetto ed il settetto di Benny Goodman dall'autunno del '39 alla primavera del '41 ottiene il successo ed il riconoscimento che meritava ed incide numerosi brani, pietre miliari della storia del jazz. Il suo apporto è, oltre a quello di solista, quello di compositore.

Molti dei brani incisi con Goodman, sebbene alcuni di questi sono registrati a nome del leader del gruppo (come "Flying Home", "Gone With What Wind" e "Seven Come Eleven", di cui parleremo più tardi), sono composizioni derivate direttamente da riffs e giri armonici di Charlie Christian. Questo periodo di meno di due anni lo passa suonando ininterrottamente. Subito dopo i concerti serali con Goodman passa la notte a fare jam session al Minton's, ad Harlem, che rimarrà nella storia come il locale dove nacque il bebop. Il manager Teddy Hill ne fece uno spazio aperto per i musicisti, che nel suo locale si sentivano liberi di improvvisare lunghissimi assoli. Al Minton's i musicisti proponevano le loro novità armoniche, melodiche e ritmiche. La band fissa del locale era costituita da Kenny Clarke alla batteria, Thelonious Monk al pianoforte, allora totalmente sconosciuto, il contrabbassista Nick Fenton ed il trombettista Joe Guy. Si poteva unire chi voleva, infatti pare che a volte ci fosse la fila per suonare sul palco del Minton's. Veterani come Hawkins (tra i musicisti della sua generazione certamente uno dei più interessati all'evoluzione del linguaggio jazzistico e molto aperto alle nuove idee) ed Art Tatum stavano sul palco insieme ai più giovani (Dizzy Gillespie, Bud Powell, Tadd Dameron e Charlie Parker dall'autunno del 1941) tra i quali Charlie Christian spiccava. Rimangono le registrazioni di Jerry Newman a testimoniare l'importanza delle jams di Charlie Christian al Minton's, pubblicate anni dopo per la Vox Records. Era ammirato da tutti e Teddy Hill aveva comprato un amplificatore per lui, da lasciare lì sul palco del locale per evitare a Charlie di doversi portare il suo ogni sera. A volte il palco era intasato da giovani fiatisti non all'altezza della situazione. Molti sostengono che i grandi musicisti escogitassero dei giri armonici complicati, per non farsi disturbare dai più inesperti musicisti che invadevano il Minton's e che in questo modo abbia avuto luce un importante brano della storia del jazz, come "Epistrophy" di Monk e Clarke.[6] Feather riporta, sempre all'interno del primo capitolo di "Inside Jazz", un'interessante testimonianza di Kenny Clarke il quale dopo aver espresso la sua ammirazione per Christian e l'importanza che questo chitarrista ebbe nel formarsi del nuovo jazz racconta questo episodio: "Una sera Charlie ed io andammo al Douglas Hotel a St. Nicholas Avenue a far visita ad un mio amico che era un ballerino e suonava l'ukulele. Mi misi a strimpellare l'ukulele e poi Charlie me lo tolse dalle mani. 'Guarda Kenny' disse, 'con questo puoi farci tutti gli accordi che vuoi se stiri bene la mano'. Si esibì, mi ridiede l'ukulele ed io cominciai a sperimentare. Mi venne un'idea che suonava bene; andai al piano di sopra nella mia stanza dello stesso hotel e la misi giù. Tempo dopo Joe Guy mostrò il pezzo a Cootie Williams, il quale incaricò Bob MacRae di farne un arrangiamento. Lo chiamai "Fly Right" e Cootie usava suonarlo alla Savoy Ballroom, subito dopo che aveva lasciato il gruppo di Benny Goodman ed aveva formato la sua band. Cootie lo registrò per la Columbia ma non fu mai pubblicato. In seguito lo registrai per la Victor con il mio gruppo sotto un nuovo titolo: "Epistrophy".[7]

Sulla biografia di Christian c'è poco altro da dire. Si ammalò di tubercolosi nella primavera del '41. L'eccesso di uso di marijuana e la vita notturna non aiutarono il suo debole fisico, che durante l'infanzia gli impedì di scegliere la tromba come strumento musicale, a riprendersi dalla malattia. Passò un anno in ospedale. Molti amici e colleghi lo visitarono durante quell'anno, Hammond gli fece avere una chitarra, i più incauti della marijuana. Quando i medici se ne accorsero era troppo tardi. Morì il 2 marzo del 1942.

A questo punto c'è da chiedersi con più precisione non solo quali siano le influenze musicali che agiscono più direttamente su Charlie Christian ma anche quale sia il clima musicale nel quale si forma. Il mondo del blues sotto questo punto di vista è preponderante, come accade per la totalità dei musicisti neroamericani. Il blues femminile di "Ma" Rainey e di Bessie Smith, accompagnato da orchestre grandi o piccole, che costituisce la premessa dell'hot jazz (ovvero il blues suonato da orchestre). E il blues chitarristico maschile di Blind Lemon Jefferson (1897-1929) e Charlie Patton (1887-1934), di minore successo commerciale rispetto a quello delle regine ed imperatrici nere, ma radicatissimo nella cultura popolare neroamericana. Dalla musica popolare del delta e del Texas deriva il gusto che ha Charlie per il riff, la ripetizione di una cellula melodico-ritmica in forma di ostinato. C'è da fare però una precisazione: è ovvio che l'arte del riff sia una caratteristica che appartiene alla stragrande maggioranza dei musicisti di jazz e di blues (da Count Basie a Charlie Parker) ed è presente in tutta la cultura musicale afroamericana (non solo del nord). Quello che colpisce in Charlie Christian è la grande capacità di creare riffs efficaci ritmicamente e melodicamente nella fase improvvisativa: una fonte quasi inesauribile di motivi orecchiabili. Li sapeva intercalare a fraseggi complessi dal punto di vista melodico, dimostrando un'alta consapevolezza di come si sviluppa il periodo musicale. Indubbiamente la grande capacità di improvvisare riffs la deve alla profonda assimilazione e rielaborazione del linguaggio blues e del jazz classico pre-swing.

Per parlare delle influenze dirette è necessario riassumere le funzioni che fino a quel momento la chitarra aveva assunto nel mondo del jazz, che certo non erano state di protagonista all'interno delle orchestre jazz. Nonostante fosse "nascosta" nelle esecuzioni orchestrali e limitata al classico accompagnamento in quattro di cui il più famoso esponente è Freddie Green (1911-1987), che con il suo ritmo ha trainato per tutto il periodo della sua esistenza la celebre orchestra di Count Basie, anche la chitarra nel mondo del jazz aveva raggiunto alti livelli musicali, specialmente dal punto di vista armonico. Con uno strumentista e didatta [8] come George Van Eps (1913-1998) nel corso degli anni trenta la conoscenza armonica e le possibilità accordali della chitarra avevano raggiunto livelli altissimi grazie anche alla sua ricerca in ambito polifonico. «Van Eps affermava di ragionare non per "block chords" ma per linee melodiche multiple che si svolgevano simultaneamente».[9] Il pieno sviluppo del suo stile armonico-polifonico lo si ha a partire dal '38, quando si fa costruire una chitarra con una corda in più al basso (un La una quinta sotto rispetto alla corda più bassa dello strumento). Il chitarrista e blues singer di New Orleans Lonnie Johnson (1889-1970) che parte da un terreno blues ed amplia il suo linguaggio, è considerato da molti il "primo" chitarrista jazz. Altra leggenda del jazz chitarristico arcaico è Salvatore Massaro (1902-1933), in arte Eddie Lang, figlio di immigrati molisani, di Filadelfia. Musicista di grande successo, reclutato persino da Bing Crosby, durante i suoi anni di attività (dal '24 al '33) ridisegna il ruolo della chitarra. Evidenzia la funzione di solismo melodico di questo strumento come non si era mai sentito prima ed inventa interessanti soluzioni di accompagnamento dimostrando una grande padronanza dei movimenti del basso sul suo strumento, si pensi allo straordinario duo con il suo collega e famoso violinista jazz Joe Venuti. Il suo modo di fare melodia è influenzato evidentemente oltre che dal blues anche dalle melodie italiane. Sicuramente Charlie Christian ha ascoltato le registrazioni effettuate tra il '28 ed il '29 del duo Lonnie Johnson - Eddie Lang, dodici brani che rimangono capolavori di grande importanza storica. Il duo era, specialmente prima della venuta dell'amplificazione, una forma musicale prediletta dai chitarristi. Consentiva una piena comunicazione dei due principali mezzi espressivi del loro strumento: l'accordalità ed il fraseggio melodico.

Questo discorso preliminare ha lo scopo, oltre che di dare un quadro storico generale della situazione pre Christian, di far comprendere il fatto che la chitarra, per la sua stessa natura, può sfruttare mezzi espressivi tecnicamente molto diversi tra loro. La figura di chitarrista completo che si esprime con il suo strumento non più come se stesse suonando un banjo, un mandolino, una tromba, un sassofono, un violino o un basso ma praticamente come se stesse suonando una tastiera arriverà più tardi con figure come Jim Hall (1930) o Joe Pass (1929-1994).

Allora ritornando a noi possiamo dire che, chitarristicamente parlando, Charlie fu un innovatore in tutto ciò che riguarda la melodia, poiché il suo modo di fraseggiare si ispirava direttamente al fraseggio melodico degli strumenti a fiato. Ma con il suo strumento non seppe solo eguagliare la grandezza degli altri solisti dell'era dello swing, riuscì anche (a pari merito con pochi altri) ad innovare radicalmente il linguaggio melodico dello swing portandolo ad una metamorfosi definitiva, portandolo ad un nuovo stile.

Nel Nuovo libro del jazz J. Berendt dedica un capitolo all'aspetto della forma melodica e quando parla della sua evoluzione verso la rottura di ogni schema formale con il free jazz «Nel free jazz si è arrivati fino al punto di mettere una forma naturale al posto di una strutturazione preesistente. Un gruppo di musicisti di free jazz che improvvisa collettivamente crea una forma propria respirando […] E' indicativo sapere che questa forma respirata caratterizzata dall'alternarsi tra tensione e distensione sia stata già abbozzata nel Kansas City jazz degli anni Trenta nel cosiddetto stile riff: il riff crea una tensione e la successiva linea melodica improvvisata crea la distensione».[10] Subito dopo questa affermazione J. Berendt dedica alla concezione del fraseggio che ha Charlie Christian (ponendola come paradigmatica nel panorama jazzistico) questa acuta analisi: Il chitarrista Charlie Christian, uno dei musicisti che parteciparono alla nascita del jazz moderno, costruì i suoi a solo contrapponendo sempre nuovi elementi riff a nuove linee melodiche. I suoi a solo sono successioni di riff a nuove linee melodiche che spaziano liberamente, e in cui i riff creano la tensione e le linee melodiche la distensione. Il modo di improvvisare di Charlie Christian venne adottato da molti musicisti ed ha esercitato, consapevolmente ed inconsapevolmente, una grande influenza. La distensione, il momento della pausa, va oltre e più in profondità di quanto accade nella musica europea. Naturalmente il momento della tensione e della distensione fa parte di ogni arte musicale organica. Ma nel jazz questo momento viene proiettato sul vecchio principio di "call and response" della musica africana. I riff nelle improvvisazioni di Charlie Christian sono la domanda, e le successive linee che fluttuano liberamente sono la risposta. L' "antifonario" quindi non dialoga più, come accadeva nella musica africana o nello spiritual, con il coro degli ascoltatori che gli rispondono; il solista improvvisatore parla con sé stesso… e questo dato di fatto basta da solo a chiarire la solitudine dei musicisti creativi di jazz. Tutto ciò che avviene nell'alternarsi di domanda e di risposta in una comunità di fedeli che cantano uno spiritual o che ancora prima avveniva nella celebrazione di un culto africano occidentale, viene assorbita in forma concentrata nella improvvisazione di un singolo solista. Naturalmente questo ragionamento non deve essere un pretesto per arrivare a speculazioni troppo ardite. Il principio "call and response" non viene proiettato solo sul singolo individuo. Il call del riff durante l'improvvisazione del solista (la response) viene spesso inserito dagli altri musicisti nella linea melodica, e in questo modo è possibile creare una intensità che trascina tutti. L'intensità sta nella concentrazione: "call and response", richiamo e risposta, non si susseguono più, ma coesistono. [11]

Arrivati a questo punto non possiamo trascurare la sua concezione dell'accompagnamento. Se ritmico e accordale è sostanzialmente analogo a quello swingante, in quattro, del suo collega Freddie Green. Ma si può dire che anche nell'accompagnamento Charlie emula i fiati (o meglio utilizza la chitarra in senso spiccatamente melodico) poiché spesso in contrappunto a fraseggi solistici utilizza riffs monodici (o ottavati, che, seppure allo stato embrionale, anticipano l'insuperato ed eccezionale lavoro stilistico di Wes Montgomery) o si muove per terze, facendo venire in mente proprio i mitici e ossessivi riffs corali dei fiati in orchestre come quella di Count Basie (quella di Kansas City, la più nera e blues delle orchestre dell' era dello swing). Una diretta influenza su Charlie Christian è quella del tenorsassofonista Lester "Pres" Young (1909-1959), insieme al quale avrà anche la possibilità di suonare e registrare. Fondamentale musicista che incarna, insieme a Coleman Hawkins (1901-1969), l'altro caposcuola del sax tenore, quella prima fase del rinnovamento del linguaggio jazzistico che comincia nella seconda metà degli anni trenta per poi fiorire nei quaranta con la nascita del bebop (non bisogna dimenticare che Charlie Parker conosceva tutti gli assoli di Lester Young); mentre Roy Eldrige (1911-1980) è il trombettista che rappresenta di più questa fase (è il primo modello di Dizzy Gillespie). Questa è la fase di transizione dallo stile swing allo stile bebop, e questi sono i suoi protagonisti. Ma c'è anche l'Europa da prendere in considerazione con il suo primo grande jazzista che raggiunge la fama oltre oceano: Django Reinhardt (1910-1953). Sappiamo che Charlie conosceva molti assoli del chitarrista gitano, in particolare il suo modo di interpretare il blues in registrazioni importanti come la sua versione di "St. Louis Blues" () [12] del '37 (che riproponeva nei suoi concerti al "Dome" come introduzione ai suoi soli). Questa fase della musica jazz, molto importante per capire la figura di Christian, è la fase nella quale il jazz si conferma come l'arte di improvvisare melodie su strutture armoniche date (appartenenti al repertorio classico del blues e del song ma sempre più spesso inventate dagli improvvisatori-compositori). Sui "changes" armonici degli standards gli improvvisatori dimostrano la loro concezione musicale attraverso serie sempre più lunghe di "choruses" (non a caso nell'era del bebop si diffonderà la pratica di comporre nuovi brani utilizzando vecchie strutture armoniche). Uno dei paradigmi di questo stile, che forse rappresenta veramente il jazz classico, è la versione dello standard "Body & Soul" registrato da Coleman Hawkins nel 1939. L'arte del chorus (e quindi della composizione melodica) è presente in Hawkins attraverso un continuo variare degli elementi ritmico-intervallari, nel caso di "Body & Soul" all'interno di quella tipica struttura di standard song AABA di trentadue battute. Anche se con un'estetica diversa [13] Lester Young, forse ancora di più, rappresenta questo ideale di "fraseggio narrativo": la padronanza del ritmo melodico, dell'intervallo melodico e dell'imitazione melodica sono portati da lui a livelli mai raggiunti in precedenza nella storia del jazz. Charlie Christian si inserisce in questo contesto di progressiva maturazione dell'arte dell'improvvisazione melodica. Senza dubbio uno dei suoi più grandi meriti è stato quello di aver fatto comprendere al grande pubblico le potenzialità espressive che non si pensava il suo strumento potesse avere, almeno nell'ambito jazzistico. Ma ancora più grande è il merito di aver precorso il linguaggio bebop. Sono fondamentalmente due i fattori che gli hanno permesso di raggiungere in così poco tempo due mete così grandi: l'avere una naturale disposizione per la musica intesa come arte dei suoni (distaccata dalle peculiarità del suo strumento) e l'aver subito messo le potenzialità della "democratizzazione sonora" data dall'amplificazione dello strumento al servizio (nel migliore dei modi) della sua grande sensibilità ritmica e melodica. Charlie Christian è un musicista innovatore. Un musicista orgoglioso oltre che della sua musica anche del suo strumento, che in grossa parte ha contribuito ad emancipare dalla situazione in cui si trovava. Lui stesso lo afferma in un suo stupefacente articolo dai toni molto caldi del primo di Dicembre del 1939 apparso su Down Beat. Il titolo parla da solo «Guitarmen, Wake Up and Pluck! Wire for Sound; Let ‘Em Hear You Play».[14] Per la chitarra jazz inizia una nuova era grazie all'amplificazione. Si tratta di un documento storico eccezionale, un appello, traboccante di amore ed orgoglio chitarristico (e di disprezzo nei confronti dei band-leaders che non vogliono dare alla chitarra il posto che gli spetta come invece fa l'illuminato Benny), rivolto a tutti i «good guitar players» d'America, eccone il testo:

Da tanto tempo i chitarristi hanno bisogno di un campione, qualcuno che spieghi al mondo che il chitarrista è qualcosa di più di un semplice robot che pizzica un aggeggio per portare il ritmo. Diamoci un taglio all'abitudine di quella grossa parte dei band-leader, per loro potremmo tranquillamente stare a raschiare un lavatoio con un ditale. Ci sono dozzine di chitarristi in giro per il paese, parlo di bravi chitarristi, che nella loro vita si sono rassegnati a suonare per nient'altro che qualche biscotto o un fondo di bottiglia, perché non avevano alternative se volevano continuare a suonare la chitarra. Bernard Addison, che precedentemente era stato nella band di Stuff Smith nel Down Beat dell'Agosto del '39 ha scritto: "I chitarristi fanno una breve fine. I chitarristi sono delle capre. Nella situazione delle band odierne è il chitarrista quello che fa la fine più breve. I band leaders non apprezzano le qualità dello strumento." Sono d'accordo al 100% con Addison, anche se naturalmente ci sono leaders che fanno eccezione alla situazione generale (non senza nessuna paura per il mio impiego dico che Benny è uno di loro). Con una spaventosa ignoranza delle possibilità espressive che questo strumento può portare nelle loro orchestre, tanti leader, anche del mondo della radio e degli studi cinematografici, hanno voluto un chitarrista che suonasse il violino, che non creasse problemi o che sapesse fare numeri da funambolo con lo stuzzicadenti in bocca. Il fatto che avesse potuto essere un vero artista per il suo modo di suonare la chitarra era trascurabile.

SIAMO ALL'ALBA DI UNA NUOVA ERA
Mi sembra che anche gli arrangiatori non si siano fatti una grande cultura riguardante la chitarra, oppure hanno ritenuto che fare arrangiamenti per la chitarra sia aldilà della loro capacità. Ma l'alba di una nuova era è alla mano per tutti quei bravi chitarristi che si erano rassegnati a suonare per sfamare solo le loro anime e non anche il loro stomaco. L'amplificazione elettrica ha dato una nuova prospettiva di vita ai chitarristi. Allan Reuss con l'orchestra di Jack Teagarden, è stato il primo tra i chitarristi di fama ad attaccare un amplificatore alla sua chitarra. I musicisti conoscevano già da diversi anni la sua abilità, ma il suono acustico è lieve ed il pubblico probabilmente poteva accorgersi della sua bravura solo sforzando le orecchie per cogliere i pregi della sua tecnica e la bellezza delle sue improvvisazioni. Il recente lavoro di Allan con la Brunswick record di Jack Teagarden, Pickin' for Patsy (), con il suo numero, è una prova tanto per le case di registrazione quanto per i musicisti ed il pubblico che la chitarra è pronta per diventare una nuova protagonista. In quella session la chitarra di Allan era amplificata.

SMITH GUADAGNA POPOLARITA'
Poi c'è Gerorgie Barnes, il diciassettenne di Chicago, che, con uno strumento amplificato, ha attirato su di sé tutte le orecchie della città all' Off-Beat Club, la scorsa primavera. E Floyd Smith, il chitarrista di colore che suona con l'orchestra di Andy Kirk. Con una chitarra amplificata è stato subito acclamato come uno dei più grandi chitarristi di tutti i tempi, particolarmente nell'idioma blues. Il suo lavoro per la Decca Record, Floyd's blues (), con la band di Andy Kirk, il suono della sua chitarra colpisce in pieno le orecchie e le coscienze del pubblico che viene violentato dalla sua abilità. Inutile dirlo, amplificando il mio strumento ho colto una grandissima occasione. Fino a qualche settimana fa lavoravo per degli amici, giù nell'Oklahoma; ho passato tempi duri, cercando di andare avanti suonando come volevo suonare.

STUDIATE MATERIALE SOLISTICO
Coraggio, chitarristi affamati! Io lo so, come lo sanno tutti nel nostro giro, che fate musica maledettamente buona, ma ora avete la possibilità di portarla non solo all'attenzione di band leader dalle corte vedute, ma all'attenzione di tutto il mondo. E sono convinto che non manca molto al momento in cui oltre che i vostri cuori riuscirete a riempire anche il vostro stomaco. Studiate materiale solistico e per il resto mettete da parte qualche centesimo per amplificare il vostro strumento. Continuate a suonare la chitarra nel modo giusto e il mondo vi apprezzerà.
[15]

Parte essenziale del presente lavoro è costituita da una serie di analisi musicali di choruses improvvisati da Christian, scelti tra i più rappresentativi. Analizzare queste trascrizioni servirà a comprendere quel fenomeno musicale di cui Charlie Christian è uno degli esponenti.


[1] Rudi Blesh, Combo U.S.A. Eight Lives in Jazz. Chilton Book Company, Philadelphia 1971, pp. 161-186.

[2] Leonard Feather, The Book of Jazz: A Guide to the Entire Field, Arthur Barker London 1957, p. 130.

[3] Leonard Feather, Titolo originale Inside bebop, ristampato con il titolo Inside Jazz, New York 1977, Da Capo Press, pp. 3-10.

[4] Ibidem.

[5] Arrigo Polillo (Jazz, Mondadori, Milano 1975, pp. 527-534) nel capitolo dedicato alla biografia di Christian, cita John Hammond, Charlie Christian, «Jazz Hot» maggio 1972.

[6] Clarke smentisce questa visione dei fatti tutto sommato semplificata in un'intervista del 21 Maggio del 1963 pubblicata sul sito www.downbeat.com dal titolo View From the Seine.

[7] Leonard Feather, Titolo originale Inside bebop, ristampato con il titolo Inside Jazz, New York 1977, Da Capo Press,p. 7.

[8] Van Eps ha scritto un imponente metodo per chitarra in tre volumi: Harmonic Mechanism For Guitar edito da Mel Bay Publications, Pacific (Missouri), 1981; è una tendenza abbastanza diffusa tra i chitarristi jazz quella di scrivere metodi musicali, uno dei più famosi è Joe Pass Guitar Chorus di Joe Pass, sempre per la Mel Bay. Merita una citazione in questo ambito anche l'ottimo metodo di Arnie Berle Arnie Berle's book of modern chords and progressions for guitar.

[9] Stefano Tavernese, Grande Enciclopedia della Chitarra e dei Chitarristi, Editori Riuniti, Roma 2003, pp. 497-498.

[10] Joachim Ernst Berendt, Il nuovo libro del jazz dal New Orleans al jazz rock, Garzanti Editore, Milano 1992, pp. 199-200.

[11] Ibidem.

[12] Maurice J. Summerfield, The Jazz Guitar, it's evolution players and personalities since 1900, Ashley Mark publishing company, Newcastle Upon Tyne 1998, p. 97.

[13] La differenza tra l'estetica di Young (ormai riconosciuto come profeta del cool jazz) e quella di Hawkins è ben riassunta in queste poche righe di Leonard Feather «Lester was a radical in that he symbolized the gradual evolution from hot jazz to "cool" jazz. To those who measured the value of a jazz improvisation by its degree of superficial intensity or "hotness", Lester's relationship with jazz seemed strangely platonic. His tone sounded dull and flat when contrasted with the big, rich sound of the Hawkins' horn; his phrasing seemed slow and lethargic. What became apparent to those who learned to appreciate and respect Lester's originality was that he was rejecting the harshness and blatancy of the earlier jazz in favour of a new relaxation and restraint».

[14] Citiamo integralmente l'articolo riportato da Maurice J. Summerfield, The Jazz Guitar, it's evolution players and personalities since 1900, Ashley Mark publishing company, Newcastle Upon Tyne 1998, p. 16.

[15] Ibidem.






Le altre lezioni:
28/01/2012

LEZIONI (chitarra): Improvvisazione Blues: la conseguenzialità delle idee musicali (Pietro Nicosia)

20/03/2011

LEZIONI (chitarra): Improvvisazione Blues-Jazz, Fraseggi, Lezione 3: solo su "Me & My Baby" di Horace Silver (Pietro Nicosia)

26/06/2010

Il Chitarrista di Jazz. Charlie Christian e dintorni (Roberto G. Colombo)- Marco Losavio

22/04/2010

The Rise of Dolce Vita - Roman New Orleans Jazz Band, Benny Goodman Sextet, Sistina Street Swingers, Bricktop (AA.VV. - Jazz in Italy in The 50s)- Franco Bergoglio

02/06/2009

LEZIONI (chitarra): 5 folgoranti chorus di Charlie Christian nel brano "Topsy (Swing to Bop)" (Pietro Nicosia)

04/01/2009

LEZIONI (chitarra): Improvvisazione Blues-Jazz, Fraseggi, Lezione 2. 2 nuovi chorus per lo studio del fraseggio Jazz (Pietro Nicosia)

04/01/2009

LEZIONI (chitarra): Storia della chitarra jazz attraverso le improvvisazioni dei grandi chitarristi. Si inizia con Charlie Christian, Wes Montgomery, Jimmy Raney e Jim Hall... (Pietro Nicosia)

15/03/2008

Presso lo Studio 57 Fine Arts, sulla 57a West a New York, vicinissimo alla Carnegie Hall, agli show di Broadway, al Lincoln Center, vi sono delle uniche e rare litografie di Al Hirschfeld che ritraggono alcuni tra i più rinomati musicisti jazz... (R. Zlokower)

10/02/2008

LEZIONI (chitarra): Improvvisazione Blues-Jazz, Fraseggi, Lezione 1 (Pietro Nicosia)

10/02/2008

La vita di Bessie Smith, la più grande cantante blues del mondo che...non ha mai smesso di cantare: "Era la sua voce possente ad emozionare il pubblico, ma anche le mises che di frequente aveva durante gli spettacoli, avevano un che di stravagante e originale I suoi vestiti di scena non erano particolarmente elaborati, ma esibiva spesso lunghe collane di perle, uno scialle spagnolo e delle piume di struzzo." (Brunella Marinelli)

01/11/2007

LEZIONI (chitarra): Analisi del solo di Charlie Christian su Air Mail Special. (Pietro Nicosia)

15/08/2007

LEZIONI (chitarra): Analisi del solo di Charlie Christian su Flying Home. (Pietro Nicosia)

24/06/2007

LEZIONI (chitarra): Till Tom Special, brano in cui si evince particolarmente la concezione del riff di Charlie Christian. (Pietro Nicosia)

29/04/2007

LEZIONI (chitarra): Ad Lib Blues, altro momento eccelso del fenomeno Charlie Christian (Pietro Nicosia)

16/03/2007

LEZIONI (chitarra): Il solo su Stardust, analisi di un altro capolavoro da parte di Charlie Christian (Pietro Nicosia)

03/03/2007

Stringology (Roberto G. Colombo)

22/12/2006

LEZIONI (chitarra): Un must, un vero e proprio capolavoro, "Solo Flight" di Charlie Christian: "...quando ascolti qualcosa che suona bene vuoi ascoltarlo ancora, ed è ciò che è accaduto a me con Solo Flight. E quando lo riascolti, è ancora eccellente, ti viene voglia di suonare in egual modo... [Wes Montgomery]" (Pietro Nicosia)

30/10/2006

LEZIONI (chitarra): "Seven Come Eleven, analisi di un altro grande solo di Charlie Christian (Pietro Nicosia)

13/08/2006

LEZIONI (chitarra): Continua l'analisi dello stile del grande Charlie Christian con un solo su Honeysuckle Rose tratto da una registrazione del 1939 (Pietro Nicosia)

27/05/2006

LEZIONI (chitarra): Analisi del solo di "I Found a New Baby" di Charlie Christian (Pietro Nicosia)

06/02/2005

LEZIONI (Clarinetto): Eddie Daniels' solo on "Air Mail Special" (Luca Luciano)





Video:
Scott Hamilton Quartet "A Beautiful Friendship" - Ueffilo Jazz Club Gioia del Colle - Ba
Scott Hamilton Quartet in "A Beautiful Friendship" by Donald Kahn (short excerpt), al Ueffilo Jazz Club - Gioia del Colle - BariScott Hamilt...
inserito il 01/04/2011  da - visualizzazioni: 3384
Scott Hamilton Quartet in Concert (Blues Improvisation) - Ueffilo Jazz Club Gioia del Colle - Ba
Scott Hamilton Quartet in Concert "Blues Improvisation" (short excerpt), al Ueffilo Jazz Club - Gioia del Colle - BariScott Hamilton sax,Pao...
inserito il 01/04/2011  da - visualizzazioni: 3385
Benny Goodman Orchestra - Sing, Sing, Sing (Hollywood Hotel) 1937
Benjamin David "Benny" Goodman (May 30, 1909 -- June 13, 1986) was an American jazz and swing musician, clarinetist and bandleader; widely k...
inserito il 14/02/2011  da - visualizzazioni: 3260
That's A Plenty - Benny Goodman 1980
"Aurex Jazz Festival", Sep.3,1980 at Budokan(Tokyo,Japan)cl:Benny Goodmanp:Teddy Wilsontp:Tony Terrantb:Dick Nashg:Eddie Duranb:Al Obidenski...
inserito il 28/07/2008  da SwingCla - visualizzazioni: 2731


Inserisci un commento

© 2006 - Jazzitalia.net - Pietro Nicosia - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 15.946 volte
Data pubblicazione: 01/05/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti