Jazzitalia - Lezioni - Musica d'insieme: Il giusto spazio
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Lezione 3: Il giusto spazio: il concetto di Pausa
di Roberto Manuzzi

Nel suo fondamentale saggio L'Intervallo perduto (pubblicato nel 1976 e recentemente ristampato dalla casa editrice Skira) il filosofo e critico d'arte Gillo Dorfles dice queste parole geniali e profetiche sul "rumore massmediatico" che ci circonda:

"(…)
L' horror vacui dovrebbe essere sostituito dall' horror pleni. Sarebbe giusto che si andasse a caccia d'uno spazio vuoto da non riempire; d'un intervallo tra due suoni; di uno spiazzo tra le orride villette che infestano le nostre coste; d'una pagina candida in un libro stampato; d'un' ora libera da rumori e da suoni. Malauguratamente solo pochissimi intendono questa fisiologica necessità del vuoto e della pausa. La maggior parte degli uomini è ancora profondamente ancorata all' errore del pieno e non all' orrore dello stesso. (…) Il discorso vale tanto per le arti figurative come per il teatro, per l'architettura come per la musica. Lo stesso avvento di media tecnologici, in parte o anche decisamente utilizzati a un fine estetico (come la Tv, la foto, il cinema), ha provocato in tutti noi una iperdisponibilità all' ascolto, alla ricezione di tali messaggi. E questo ha portato a una necessaria degradazione, non solo di questi, ma anche di quei messaggi artistici un tempo privilegiati. Il caso della musica è certo il più evidente e il più istruttivo in questo senso".

Questi concetti spiegano con grande chiarezza la condizione di noi uomini moderni "anestetizzati" di fronte all'opera d'arte a causa del continuo bombardamento cui siamo sottoposti di segnali, di informazioni, di suoni, di rumori e del loro sovrapporsi; allo stesso tempo questi concetti applicati alla musica descrivono bene quell'ansia di "dire più cose possibili" anziché "dire cose sensate" che affligge molti musicisti, talvolta anche quelli più quotati, e qui ci si potrebbe soffermare a ragionare (ma non è la sede per farlo) su quanto questa nostra civiltà dell'informazione ci stia rendendo sordi al significato stesso della musica.

Il concetto di PAUSA come "intervallo, respiro" tra le note e le frasi è molto disatteso, e infatti troppo spesso il "quanto" sostituisce il "cosa". Sembra quasi che Dorfles abbia in mente Miles Davis mentre spiega il suo concetto di "intervallo e spazio" tra le note, e il paragrafo sopra riportato potrebbe essere una efficace descrizione del modo di Davis di concepire e costruire le sue frasi musicali con il suo DIRE TOGLIENDO anziché DIRE AGGIUNGENDO.

Così come la facciata di una cattedrale richiede una piazza antistante di dimensioni adeguate per essere goduta, allo stesso modo una frase virtuosistica e densa di note velocissime risulterà più efficace ed emozionante se "incorniciata", cioè se gli si crea attorno uno spazio adeguato, magari con delle pause inserite nel flusso delle note in modo talvolta inaspettato (Davis) o con dei respiri ogni due - quattro battute (Parker) e meglio ancora se tali frasi virtuosistiche le suoniamo dopo una serie di frasi PIU' LENTE.

Al contrario, un ininterrotto flusso di note molto prolungato nel tempo rischia più facilmente di risultare ripetitivo e noioso anche se eseguito magistralmente; 10 chorus o più a testa di assolo eseguiti a tutta velocità senza una sola pausa sono in grado di fiaccare la resistenza dell'ascoltatore più incallito di una normale jam-session, eppure spesso dette jam diventano una gara a chi "suona di più"… il brano così diventa di lunghezza infinita causando la rarefazione del pubblico e il contestuale aumento degli avventori al bar, specie durante l'assolo finale del basso o della batteria (l'assolo di basso di solito, dopo una tale maratona è molto apprezzato principalmente dai baristi, che ne approfittano per prendere le ordinazioni…





Le altre lezioni:
30/01/2016

LEZIONI (Articoli): Le regole fondamentali della jam session. (Roberto Manuzzi)

20/09/2015

LEZIONI (Ear Training): Introduzione all'ear training. (Roberto Manuzzi)

15/09/2014

LEZIONI (Articoli): So What: la scintilla della svolta epocale modale nell'ambito Jazz, un manifesto. (Carlo Pasceri)

15/06/2014

LEZIONI (Articoli): Blue In Green: lo specchio dei colori del tempo (Carlo Pasceri)

14/04/2014

LEZIONI (Articoli): La musica e l'enigma del tempo (Carlo Pasceri)

03/02/2014

LEZIONI (Articoli): Tonalità e Modalità: chiarezza sulla sistematica (con)fusione (Carlo Pasceri)

16/11/2013

LEZIONI (Articoli): I gradini delle scale (Carlo Pasceri)

01/09/2013

LEZIONI (Articoli): Il Ritmo (e i suoi tempi capricciosi) (Carlo Pasceri

02/06/2013

LEZIONI (Articoli): Lo stile: una peculiarità sia del singolo musicista sia di un'intera opera. (Carlo Pasceri)

14/04/2013

LEZIONI (Articoli): Tecnica, Tecnologia, Pronuncia musicale (e fattori connotativi/denotativi). (Carlo Pasceri)

17/03/2013

LEZIONI (Articoli): "There's no business like show business": creare una scaletta efficace, sapere presentare i brani (Roberto Manuzzi)

24/02/2013

LEZIONI (Articoli): (Autori Vari)

02/09/2012

Volar Por Las Ventanas (Sebastian Coleman Gallery (Antonio Marangolo)) - Andrea Gaggero








Inserisci un commento

© 2013 Jazzitalia.net - Roberto Manuzzi - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 871 volte
Data pubblicazione: 14/04/2013

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti