Jazzitalia - Lezioni Voce: Autobiografia di una voce: il delinearsi di uno stile
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Autobiografia di una voce
Il delinearsi di uno stile
di Sandra Evangelisti
evasama@tin.it

Riascoltando alcune registrazioni di brani cantati durante workshop di musica o Jam Session a cui ho avuto modo di partecipare in passato mi sono imbattuta in delle mie interpretazioni di brani che, devo riconoscere, ho trovato, sotto alcuni aspetti, molto interessanti. Ne riporto qui di seguito alcuni.

Iniziamo con l'ascoltare una piccolissima frase tratta da una mia interpretazione di un brano di Max Steiner e Kim Gannon, dal titolo "It Can't Be Wrong".

It Can't Be Wrong - esempio 1

Ascoltiamo, adesso, quest'altra frase tratta, questa volta, da una mia interpretazione di un brano scritto da Sammy Cahn e Jule Styne, dal titolo "What Makes The Sunset".

What Makes The Sunset - esempio 2

Questa breve frase è stata presa invece da una mia interpretazione di un altro brano molto bello che, come tutti gli altri qui menzionati, merita di essere conosciuto e studiato. Si tratta di un brano scritto da Robert Graham e Bickley Reichner dal titolo "You Better Go Now".

You Better Go Now - esempio 3

Quelli che seguono invece sono parti di una mia interpretazione di un altro bellissimo brano chiamato "Dream", scritto da Johnny Mercer.

Dream - esempio 4
Dream - esempio 5
Dream - esempio 6

Le frasi che seguono sono tratte sempre da mie interpretazioni, rispettivamente di "If I Should Lose You", brano scritto da Ralph Rainger e Leo Robin, "My Heart Tells Me" di Harry Warren e Mack Gordon e "You've Changed", il popolarissimo brano scritto da Bill Carey e Carl Fischer. Ascoltiamole.

If I Should Lose You - esempio 7
My Heart Tells Me - esempio 8
You've Changed - esempio 9

La frase che segue, infine, è stata tratta da una mia interpretazione di "Estate" il bellissimo brano di Bruno Martino. Il testo in inglese è di Joel E. Siegel (1).

Estate - esempio 10

Cominciamo col dire che l'ascolto di queste mie interpretazioni ha significato per me la presa di coscienza di uno stile vocale.

Il momento in cui un seme, piantato forse in tempi molto remoti e, trasformatosi oramai in un germoglio, si mostra per la prima volta alla vita aprendosi un varco attraverso la terra fresca.

È ancora, però, piuttosto delicato e necessita, pertanto, di molte attenzioni perché possa raggiungere la sua piena maturità artistica. Ma ha già, comunque, dato prova di esistere!

È nata quindi l'idea di questa serie di conversazioni sullo stile che vorrei far partire proprio dall'ascolto di parte di queste mie interpretazioni per poi muovermi tra passato e presente alla ricerca di altre registrazioni che possano, in qualche modo, aiutarmi a rintracciare le origini di questa mia scelta espressiva nonché guidarmi nella ricostruzione delle diverse fasi della sua evoluzione (2).

Ma cosa dire di questo stile che, dal momento in cui ne ho riconosciuto l'esistenza, si è andando progressivamente delineando ai miei occhi in un modo sempre più accattivante, accentrando tutte le mie attenzioni e imprimendo, quindi, una svolta al procedere della mia ricerca.

Per il momento ancora molto poco.

Personalmente lo trovo molto raffinato, elegante nella sua semplicità, e a tratti anche sensuale... e devo confessarvi che all'interno di questo stile mi ci ritrovo... mi sento a mio agio... mi sento io.

Eppure questi tratti non li riscontro nella modalità di essere a cui sono abituata. Forse, sto cambiando insieme alla mia voce, forse questo stile vocale, che indubbiamente già c'era ma che soltanto adesso mi sono data il permesso di ‘riconoscere', mi sta indicando una strada, una strada che non si ferma all'espressione musicale ma che abbraccia tutto il mio essere. La voce e la persona si stanno ritrovando, stanno diventando uno.

Ma a proposito di stile, questo termine è molto usato nel nostro lessico quotidiano, ‘uno stile di vita', ‘quella persona ha molto stile', ‘uno stile musicale'. Ma qual è il vero significato di questa parola.

Non è questa la sede per una disquisizione più dettagliata del termine, mi limito pertanto a riportare quanto scritto nel vocabolario della lingua italiana di Nicola Zingarelli.

Secondo lo Zingarelli, il termine stile deriva dal latino stilu(m) ‘stilo'. Successivamente lo troviamo con il significato di ‘modo di scrivere' locuzione probabilmente di origine indeuropea.

Esso può indicare sia il "complesso delle caratteristiche linguistiche e formali tipiche di un autore, di un genere o di una tendenza letteraria" sia, semplicemente, un "modo personale di scrivere", ma anche, per estensione, il "modo particolare di esprimersi musicalmente, caratteristico di un musicista o di una scuola". La parola stile viene inoltre usata con riferimento al "modo abituale di essere, di comportarsi, di agire" di una singola persona (3).

Riconosco che, quanto detto fino ad ora, non può essere considerato esaustivo ma per il momento decido di fermarmi qui.

Mi limito semplicemente a sottolineare quanto uno stile, inteso come "modo personale" di esprimere la propria arte, sia intimamente connesso alla personalità stessa dell'autore.

"La via del fare è l'essere"... dicono gli orientali (4).

Questo concetto, che ad una prima lettura risulta abbastanza ovvio, è di fondamentale importanza se si vuole utilizzare la presa di coscienza del proprio stile come strumento terapeutico, come mezzo cioè, di conoscenza e maturazione del sé e non, semplicemente, come uno strumento oggettivo di critica musicale.

Ritornando all'interpretazione del brano ci terrei prima di tutto a puntualizzare che per quanto uno stile vocale non sia determinato soltanto da un modo personale di usare la voce ma coinvolga anche diversi altri fattori, io insisterò prevalentemente sull'aspetto timbrico in quanto questo aspetto della vocalità rientra, più degli altri, nell'ambito delle mie competenze. Almeno per il momento.

Tuttavia, nonostante trovi questo mio stile vocale molto interessante, così come ho già accennato precedentemente, esso va indubbiamente perfezionato.

Necessita, infatti, tra le altre cose, di una maggiore padronanza della gestione dell'apparato fonatorio che vada ben oltre la semplice ‘conoscenza' della tecnica vocale. Gestire le timbriche vocali in modo da passare attraverso sonorità differenti senza cioè utilizzare un'unica modalità di emissione, conservare un'emissione vocale che sia spontanea e a tratti ‘imperfetta', in altre parole, ‘dipingere con la voce', non è cosa affatto semplice.

Prendiamo per esempio la frase Would it be wrong to try che abbiamo avuto modo di ascoltare nell'esempio - 1

Mantenere un suono leggero ma che, allo stesso tempo non sia statico ma sia ‘fluttuante', su una sequenza di note ascendenti che per ragioni di testo vanno legate in un'unica frase, cercando, allo stesso tempo, di conservare la morbidezza del suono senza, quindi, né irrigidirlo né tanto mento renderlo stridulo, è un'impresa piuttosto complessa e richiede una capacità di gestione della pressione del fiato e della maschera non indifferenti.

Lo stesso dicasi per la delicatezza e musicalità con cui mi sono avventurata nelle "zone di passaggio" della voce in brani come "You Better Go Now" (vedi esempio 3) o "Dream" (vedi esempi 5 e 6) o ancora "Estate" (vedi esempio 10).

Ma non è stato soltanto il modo di usare le timbriche ad essermi piaciuto. Mi è piaciuta molto anche la capacità di raccontare e di raccontarmi attraverso il testo o ancora quella di muovermi nella musica ‘fluttuando'. Solo per citarne alcuni. E qui, devo riconoscere, si sente molto forte l'influenza degli insegnamenti dei miei due principali maestri. In ordine di apparizione, ma non certo di importanza, Billie Holiday e Barry Harris. Una cantante e musicista lei, un musicista e cantante lui.

In questa conversazione sono stati toccati moltissimi argomenti interessanti che meritano di essere ripresi e sviluppati tuttavia credo che per il momento abbia già detto abbastanza.

Concludo dicendo che questo ciclo di conversazioni verteranno principalmente sull'analisi e sugli sviluppi di questo mio stile vocale ma non si limiteranno a questo. A seconda dei generi o anche del contesto in cui si canta o ancora della tonalità in cui si sceglie di cantare, una voce può, infatti, assumere diverse modalità espressive pur senza perdere la propria individualità. Ho intenzione, quindi, di prendere in esame anche questo aspetto della ricerca. Mi propongo inoltre di analizzare oltre ai traguardi raggiunti durante le varie tappe della mia crescita vocale anche le procedure che mi hanno permesso di superare i diversi ostacoli che ogni processo di crescita, inevitabilmente, comporta.

A presto, Sandra Evangelisti.

NOTE:
(1) In lingua inglese sono state scritte tre versioni differenti del testo. Una dal titolo "Maybe This Summer" registrata da Peggy Lee nel 1965, Un'altra dal titolo "Estate" (Summer) scritta da Joel E. Siegel per Shirley Horn (1987) e una terza dal titolo "In Summer" scritta da Jon Hendricks nel 1990. Il testo in italiano è di Bruno Brighetti. "Estate (song)", https://en.wikipedia.org/wiki/Estate_(song)

(2) È d'obbligo a questo punto rimandare il lettore alle lezioni da me scritte su Anita O'Day e pubblicate sempre su jazzitalia, a cui, come è più che evidente, mi sono ispirata per l'impostazione di questo lavoro.

(3) Nicola Zingarelli, Lo Zingarelli 2007: vocabolario della lingua italiana, Bologna: Nicola Zanichelli, Ristampa 2007 della XII edizione, pp. 2243, + cd-rom.

(4) "Lao Tzu", https://it.wikiquote.org/wiki/Laozi





Le altre lezioni:
06/09/2015

LEZIONI (voce): Le cartilagini laringee (Sandra Evangelisti)

06/09/2015

LEZIONI (voce): Le articolazioni laringee (Sandra Evangelisti)

16/08/2015

LEZIONI (voce): Forma della laringe, sua posizione all'interno del collo e rapporti principali (Sandra Evangelisti)

26/07/2015

LEZIONI (voce): Il corpo dietro la voce, Introduzione: gestione e controllo del potenziale vocale (Sandra Evangelisti)

26/07/2015

LEZIONI (voce): Introduzione al suono: la laringe e le corde vocali (Sandra Evangelisti)

08/12/2011

LEZIONI (voce): Anita O'Day...un errata-corrige(Sandra Evangelisti)

08/03/2009

LEZIONI (voce): Voce e silenzio: ovvero l'importanza di cantare da soli (Sandra Evangelisti)

24/11/2007

LEZIONI (voce): Per una riscrittura della storia del jazz...È possibile una 'storia della voce?' (Sandra Evangelisti)

01/11/2007

LEZIONI (voce): Ancora un po' di pratica...sbariando s'impara (Sandra Evangelisti)

07/04/2007

LEZIONI (voce): Rimaniamo nella pratica…Unisono o non unisono?!? (Sandra Evangelisti)

08/02/2007

LEZIONI (voce): Passiamo alla pratica...Alcuni suggerimenti per un vocalizzo "in chiave" jazz. (Sandra Evangelisti)

27/05/2006

LEZIONI (voce): La voce nel jazz: tra fisiologia e patologia. Anita O'Day - Seconda Parte. (Sandra Evangelisti)

12/02/2006

LEZIONI (voce): La voce nel jazz: tra fisiologia e patologia. Anita O'Day - Prima Parte. (Sandra Evangelisti)

27/11/2005

LEZIONI (voce): Dipingere con la voce: La forza di Legame. (Sandra Evangelisti)

29/10/2005

LEZIONI (voce): Nuovo corso dal titolo "L'interpretazione nel jazz: tra agogica, timbriche e dinamiche" (Sandra Evangelisti)

18/09/2004

LEZIONI (voce): Attrazione e repulsione: tutto qui! (Sandra Evangelisti)

28/04/2004

LEZIONI (voce): L'atomo è prevalentemente uno spazio vuoto.(Sandra Evangelisti)

15/03/2004

LEZIONI (voce): Dall'atomo al suono, alla nostra voce...(Sandra Evangelisti)

07/02/2004

LEZIONI (voce): Nuovo spazio didattico a cura di Sandra Evangelistidal titolo "Dipingere con la voce". Prima parte dedicata al colore.








Inserisci un commento

© 2004, 2017 Jazzitalia.net - Sandra Evangelisti - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 157 volte
Data pubblicazione: 07/10/2017

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti