Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Lezione 1: Storia di un mito
di Simone Faliva
vogliosuonare@libero.it

Cari lettori, prima di trattare come si suona l'Organo Hammond, penso sia giusto rispondere alla domanda cos'è l'Organo Hammond; questo ci aiuterà a suonare più coscientemente il nostro amato strumento.

Laurens Hammond (1895-1973), orologiaio di professione, decise un bel giorno di primavera di inventare uno strumento in grado di sostituire gli strumenti a canne presenti nelle chiese studiando un sistema per riprodurne il suono caratteristico.

Nel Gennaio del 1934 Hammond portò il suo "prototipo imballato" nell'ufficio brevetti degli Stati Uniti a Washington e, in un tempo quasi da record, ne ottenne il brevetto, poco tempo dopo Henry Ford gli assicurò il primo ordine di sei organi. La beffa vuole che l'organo fu considerato inizialmente un fallimento perché non riusciva ad imitare il suono dell'Organo a canne e aveva un suono con un "pessimo attacco", venne quindi escluso a priori. A me piace pensare che l'organo hammond, se pensiamo all'organo a canne come il "campionatore" più vecchio della storia, sia stato il primo "sintetizzatore" della storia.

Il 15 aprile 1935 l'organo fu ufficialmente presentato al pubblico nel contesto della prima e unica Fiera delle Arti Industriali nel palazzo RCA di Radio City.

Sia Pietro A.Yon, organista della cattedrale di San Patrizio, che Fritz Reiner, diventato in seguito conduttore dell'orchestra sinfonica di Chicago, si erano avvicendati alla tastiera per provarne gli effetti.

Anche George Gershwin si era esibito con il nuovo strumento rimanendone positivamente impressionato al punto di ordinarne subito uno.

Il suono dell'Hammond di distinse subito per la sua diversità da tutti gli strumenti simili dell'epoca e in breve tempo invase tutto il mondo riscuotendo un successo grandioso.

Fu subito notata la sua versatilità per tutti i generi musicali cominciando dalla musica sacra nelle chiese, alla musica moderna nel rock, nel jazz, nelle colonne sonore dei film.

L'organo Hammond elettrofonico divenne un simbolo di altissima qualità, pienezza musicale unica al mondo ed ancora oggi è il più imitato e mai eguagliato.

Con l'arrivo nel 1940 degli amplificatori rotanti di "Don Leslie" si creò una combinata vincente che fece diventare, negli anni '50/'60, l'Hammond così popolare da farlo ritenere il "re" incontrastato nel mondo degli organi elettrici.

Ethel Smith (www.organstudio.com), fu una delle prime organiste a capire le possibilità di questo strumento tanto che già negli anni
'40, fondò varie scuole e istruì corsi per Hammond Organ che pubblicò con grandissimo successo, incise numerosissimi dischi, dimostrando come si potesse usare questo strumento anche nella musica "moderna" e non soltanto per accompagnare canti Gospel.

I l fenomeno Ethel, poco conosciuto in Europa, era apprezzatissimo da tutti gli americani per il suo modo di suonare dolce ed estremamente espressivo, usando magistralmente i preset ella riusciva a interpretare la musica dell'epoca colorandola con i "colori pastello" dell'Hammond, fu certamente la chiave dell'immediato successo commerciale, che fino a quel momento era limitato ai soli teatri, chiese e scuole in cui l'organo veniva usato solo come strumento d'accompagnamento. Ethel Smith dimostrò che l'Hammond poteva essere uno strumento completo in grado di sostituire una intera orchestra.

The New Sound of music can be YOU and at the HAMMOND ORGANE' in quel periodo che a Chicago intuiscono le grandi potenzialità commerciali dello strumento e infatti la pubblicità dell'epoca cambia rotta indirizzandosi verso quel ceto medio-alto in grado di spendere, anche a rate, una cifra notevole per uno strumento che "rallegrerà" le serate in famiglia.

Non a caso nelle copertine dei depliant dell'epoca è spesso raffigurata una donna che suona un Hammond circondata dai figli sorridenti e dal marito orgoglioso.

Questa immagine/quadretto fa breccia nel cuore degli americani e l'organo Hammond diventa in poco tempo uno status symbol al quale pochi riescono a resistere, nascono così i primi "Organ Center" o "Organ Studios" in cui si tenevano corsi per imparare presto e bene a suonare i motivi di moda o I classici di sempre. Nel frattempo la fabbrica, non dormendo sugli allori, migliora continuamente il proprio gioiello apportando modifiche sostanziali, quali il doppio generatore per il Chorus poi sostituito dal vibrato scanner e che avrebbe dovuto essere la risposta al Leslie, ed infine la percussione.

La strada aperta da Ethel Smith viene proseguita da grandi jazzisti (Fats Waller già nel '38 usò l'Hammond ma io non lo considero un "Hammondista" a tutti gli effetti in quanto l'uso che ne fece non fu prevalente rispetto al piano suo strumento d'origine) fra tutti si colloca al primo posto Wild Bill Davis, suo il nuovo modo di suonare ed armonizzare con i "Block Cord", volumi sostenuti mandano spesso in distorsione il suo PR40, grande uso di "full organ" con vibrato V3, un modo di suonare completamente innovativo che affascina molti giovani pianisti fra cui un ossoluto ragazzo di vent'anni di nome Jimmy Smith.

Jimmy Smith va ad ascoltare spesso Wild B. Davis e intuisce quale sarà il suo futuro. Essendo già valido pianista, scopre le potenzialità della percussione e gli è congeniale il triggheraggio singolo sviluppando una tecnica ed un nuovo suono molto più adatto al genere che lui preferisce, studia per un paio d'anni e nel '54 forma il primo "Organ Trio" che avrà uno strepitoso successo fra gli amanti del Jazz ma non solo.

Anche Jimmy Smith concorre ad una maggiore diffusione dell'organo Hammond nel mondo musicale professionistico

Qualche anno dopo arrivano le orde di rocchettari che maltrattando tastiere, valvole, drawbars, nonché tagliando gambe, segando fiancate, buttando via coperchi e panche varie, lasciando immacolate le pedaliere, regalano ad una gioventù ribelle quel suono spacca timpani a cui molti organisti futuri faranno riferimento, stravolgendo e rendendo ormai irriconoscibile lo strumento alle orecchie di chi lo aveva inventato.

Alla fine degli anni '60, a Chicago per Hammond, il tempo delle vacche grasse andava scemando, per due principali motivi: il costo insostenibile per i comuni mortali, e la crescente avanzata della concorrenza sia delle altre ditte costruttrici di organi con generazione a transistor, quindi con costi più bassi e più ampie possibilità timbriche, sia dalle potenti spallate date dal veloce sviluppo dei sint., piani elettrici e tastiere multitimbriche in cui anche l'Italia ha avuto un ruolo di primo piano.

Il periodo che va dal '70 al '74 coincide sia con la ricerca di nuove tipologie di utenti sia con il minor numero di Organi Hammond B3 mai prodotti. Questo calo, secondo me fisiologico, condiviso dalla maggior parte delle case costruttrici di organi, coincise anche con le nuove tendenze musicali che non prevedevano più l'uso di questi ingombranti strumenti, prevalentemente sostituiti sia in studio che live dai più "compatti" sintetizzatori polifonici.

L'Hammond è quindi legato ad un preciso periodo storico/musicale in cui le sue potenzialità vengono sfruttate non solo da alcuni musicisti (pochi per la verità), come si potrebbe pensare, ma da una larga parte della popolazione americana prima, mondiale dopo, che si lascia influenzare sia dal suono completamente nuovo, sia dalle infinite possibilità timbriche ed espressive, che, per la prima volta, mette in condizione di chi suona di non aver bisogno di nessun altro.

E' chiaro comunque che la maggior parte di organi venduti sono appannaggio dei musicisti dilettanti quindi di persone con i più svariati gusti musicali che trovano nell'Hammond uno strumento polivalente in grado di soddisfarli in qualunque genere musicale si cimentino.

I professionisti che potevano permettersi un B3 erano veramente pochi, e non lo potrebbero ancora oggi se il prezzo fosse rivalutato rispetto al valore di trent'anni fa, che equivaleva ad una automobile di grossa cilindrata di € 30.000, contro il costo attuale di attorno agli € 8.000 circa.

L'Hammond di Chicago, esplorò altre vie e altre soluzioni più economiche per risollevarsi e scongiurare quello che poi fu costretta a fare dopo la spallata decisiva proveniente dal Sol Levante, e, voglio ricordarlo oltre a Sansone crollarono tutti o quasi i Filistei occidentali.

Nessun manuale che citasse la diteggiatura di J.Smith, i virtuosismi di K. Emerson, il settaggio di J. Lord, avrebbe potuto scongiurare la fine dell'impero.





Articoli correlati:
07/01/2014

Bertibello (Simone Faliva)- Francesco Favano

02/02/2013

Sordità Selettive (Simone Faliva)- Gianni Montano

17/06/2011

Il quinto chicco del melograno (Simone Faliva)- Gianni Montano

17/11/2004

LEZIONI (Organo Hammond): Settaggi e controlli: Drawbar part. II (Simone Faliva)

30/01/2004

LEZIONI (Organo Hammond): Settaggi e controlli: Drawbar part. I (Simone Faliva)







Inserisci un commento

© 2003 Jazzitalia.net - Simone Faliva - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


COMMENTI
Inserito il 20/10/2008 alle 18.32.39 da "g.asteggiano"
Commento:
ciao carissimo Simone,io sono un possessore di un hammond L100 "la spinetta" che suonavo discretamente bene in maniera amatoriale 30 anni fa in un complesso:"LA QUINTA STRADA" adesso ho 53anni,e con gli stessi amici di allora ci siamo rimessi in competizione.suonando pezzi anni 70/80/90. a Bologna,da Organ studio,ho acquistato un C3 portatile,e devo dirti,che ho molte difficoltà nel suonarlo,credo che con questo tuo grande aiuto,riesca a superarle,grazie di cuore.BEPPE
 
Inserito il 31/10/2008 alle 15.03.32 da "alaimopsy"
Commento:
Trovo di grande interesse le lezioni sull'Hammond! A quando le prossime? Complimenti per il sito e per tutto quello che fate (con serietà)per la musica. Maurizio
 

Questa pagina è stata visitata 41.250 volte
Data pubblicazione: 01/11/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti