Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Descarga Canelón
Steve Khan original as played on his recording
NEW HORIZONS (Caribbean Jazz Project)

 
di Steve Khan

Click here to read the english version
Penso che mi verrà chiesto: «Perchè hai cambiato il titolo "Descarga Khanelonious" in "Descarga Canelón"?»

Be', ci sono un paio di motivi, e non sono necessariamente in ordine. Innanzitutto, c'era effettivamente un motivo legato al business per farlo, almeno in questo caso. Molti compositori di musica appartengono ad una delle due società che proteggono i loro diritti: la A.S.C.A.P.(The American Society of Composers, Authors, and Publishers) o la B.M.I. (Broadcast Music, Inc.). Nel mio caso, io sono associato alla B.M.I., e varie volte nell'anno, gli autori ricevono un report contenente l'elenco dei propri brani suonati o trasmessi per radio e/o televisione. Se qualcuno avesse registrato più versioni dello stesso brano, non vi sarebbe alcuno modo di sapere quale versione è stata presa in considerazione da chi l'ha eseguita o trasmessa (se fossi curioso di saperlo). Così, siccome "Descarga Khanelonious" è stata registrata nel '93 per l'album "
CROSSINGS" (Verve), decisi per la nuova versione incisa nel 2001 in "NEW HORIZONS" (Concord Picante) dal Caribbean Jazz Project, avrei leggermente modificato il titolo in modo da poter monitorare quale versione fosse effettivamente suonata. L'altra ragione è stata più personale. Volevo effettuare un tributo ad un'attrice di TV, cinema e teatro di Caracas. Durante il periodo che siamo stati insieme, spesso scherzavamo sull'ovvia similitudine nel suono della prima sillaba del suo cognome con quella del mio. Quindi, ora che avete sufficienti informazioni sulla storia elgata al titolo, nadiamo a parlare di musica.

Sebbene, in superficie, la composizione sembra che sia rimasta la stessa, in realtà ha subito alcuni cambi significativi. Questi cambi sono iniziati effettivamente quando abbiamo inizialmente provato questo pezzo con il nuovo gruppo Caribbean Jazz Project (con Dave Samuels: vibrafono e marimba; e Dave Valentin: flauto) per un isolato concerto che abbiamo avuto al Bakersfield Jazz Festival. Per questo concerto, abbiamo "prelevato" una sezione ritmica da Los Angeles: Alex Acuña (timbales); Michito Sanchez (congas); e Eddie Resto (basso). Dopo diversi tentativi, erano tutti concordi nel far notare che il brano andava dentro e fuori del tempo segnato dalla clave, e questo, nel mondo della musica Latin, è inaccettabile. Tuttavia, poichè non c'era molto tempo per rimediare a questo problema, siccome avevamo solo una lunga prova prima del concerto, abbiamo suonato il pezzo così come è stato originalmente scritto.

Quando abbiamo iniziato a provare per
"NEW HORIZONS", la reazione fu praticamente la stessa verso il bassista John Benitez e i percussionisti Richie Flores e Robert Vilera. La soluzione sembrava essere l'eliminazione di diverse battute, soprattutto dalla sezione [C]. Così, dopo varie discussioni, prove ed errori, abbiamo eliminato due battute e ciò che alle mie orecchie era una sezione simmetrica di 16 battute diventò una sezione di 14 bettute in modo che il pezzo potesse essere sincronizzato con il ritmo della clave. Abbiamo eliminato anche una battuta dalla sezione [C2] e una dalla sezione [C3]. E, in verità, per far sì che il pezzo finisse perfettamente col la clave, c'è un battuta 'extra' contenente pausa nella coda (cue) del pezzo. In aggiunta a questi dettagli la clave cambia, varie volte, durante il pezzo. Per esempio, il solo di chitarra [D] è in 3-2, ma sia il solo del vibrafono [E] che del flauto [F] sono in 2-3. Principalmente devo ringraziare John Benitez per la maggior parte delle modifiche e delle eliminazioni in quanto è stata la sua conoscenza della clave e delle tradizioni che ha aiutato a migliorare veramente questo pezzo.

C'è anche una piccola modifica scritta che ho fatto nella parte di basso all'inizio del pezzo. Ho pensato, sin da molto tempo, che avrei dovuto sempre scrivere il 'G' che appare sul secondo movimento della prima battuta dell'intro [I] come una croma (1/8) puntata legata ad una semiminima (1/4), ma, sin dall'origine è stata scritta e suonata da Anthony Jackson come una croma staccata. Qui, la nota assume il valore pieno che avrebbe sempre dovuto avere e questo, in generale, è un immediato miglioramento al modo in cui le melodie si 'appoggiano' su di essa. Una delle cose belle riguardo al suonare con Dave Samuels e all'avere il vibrafono come un colore aggiuntivo nella sezione [A] del brano è che ora tutte le note in ogni blocco possono realmente risultare chiare. Mi sto riferendo specificatamente all'inclusione del 'E' che compare sul 4° movimento dell'ultima misura dell'intro, contrassegnato come "pick-up" e che precede la sezione [A]. Francamente, per me, effettuare lo stretching necessario per poter prendere quella nota, be', non è proprio possibile per la dimensione delle mie mani!!!

Dovrei evidenziare, inoltre, che ciò che suono dietro il solo del vibrafono nella sezione [E] (montuno) è effettivamente una parafrase di qualcosa che Chick Corea ha suonato in origine su un pezzo intitolato "Patato" pubblicato su un vecchio LP di Herbie Mann dal titolo, "STANDING OVATION AT NEWPORT" (Atlantic), registrato nel '65. Invece ciò che suono dietro al solo di Dave Valentin nella sezione [F] (montuno) è roba mia. In verità anche questo è influenzato molto da Chick Corea che in quel periodo suonava musica Latin. Non ho mai dimenticato il suo modo di suonare su quell'LP e, naturalmente, quello di Cal Tjader su "SOUL BURST" (Verve). Un'altra modifica significativa che dovrebbe essere notata è che c'è un cambio di chiave per il solo del flauto. Sulla versione originale di "Descarga Khanelonious" abbiamo usato quanto indicato nella sezione [Tag] per ottenere un po' di interplay tra Anthony Jackson e Dennis Chambers, mantenendo la sezione nella sua chiave originale di Eb7. Qui, per "Descarga Canelón", abbiamo utilizzato la sezione per un intero solo di flauto e per dargli un modo per 'alzarsi', ho deciso di incrementare la chiave di un tono a F7. Ciò fu effettivamente fatto all'ultimo minuto, durante la registrazione, dove anche la fine era segnata!!!

Un ultimo cambio che abbiamo fatto, grazie al suggerimento di Dave Samuels è stato ridurre la ripetizione delle sezioni [A] e [B] quando le riprendiamo dopo il solo del vibrafono. Così, in questa versione proseguiamo dritti sulla [B] e poi suoniamo la [A] fino al segno di coda e ci spostiamo al solo del flauto. Credo che la grande lezione in tutto ciò è che si deve continuare ad ascoltare i propri compagni di band ed essre sufficientemente flessibili per provare i loro suggerimenti. E' sempre possibile che una nuova idea possa essere migliore di quella originariamente scritta. Spesso sento di imparare e reimparare questa lezione!

V
orrei aggiungere un ultima considerazione. Per tutto quanto io possa aver imparato dalla musica Latin durante tutto il tempo che mi ha visto coinvolto con essa, io posso onestamente raccontarvi che sono costantemente umiliato da tutto ciò che NON so! Le complessità di questa musica sono da non credere ed è una costante emozione provate e imparare quanto più possibile. La storia di questa musica è profonda e ricca e per coloro che sono interessati e ispirati da essa, vi consiglio di approfondirla al più presto. In ultimo, penso che non si possa MAI ripetere le tremente performances di Michael Brecker, Anthony Jackson, Dennis Chambers e Manolo Badrena, realmente sento che la composizione sia stata enormemente migliorata da questa interpretazione, e rimane notevole per me che Dave Samuels ha scelto questo pezzo per aprire il CD
"NEW HORIZONS" così come aprì il CD "CROSSINGS" sei anni prima.
 
Una delle altre ragioni di presentare questa composizione è per offrire una mia visione proprio su "Cosa rende una partitura realmente buona, ben funzionante?". Consentitemi di elencare alcune qualità che sento siano essenziali:
  1. Devi creare qualcosa che consentirà ai musicisti che suonano con te di leggerla facilmente, così che, dalla seconda o terza esecuzione, comincerai ad ascoltare come realmente il brano suoni.
  2. Dovresti accertarti che lo spartito non superi le tre pagine. La ragione di ciò e che se suonate dal vivo, normalmente non è possibile avere più di tre pagine a vista in modo confortante. Ovviamente questo è un 'ideale', e in dipendenza della composizione, potrebbe non essere possibile rispettare ciò.
  3. Cercate di fare in modo che il vostro spartito si possa leggere dritto da sinistra a destra. Ciò che voglio dire è che, idealmente, non dovremmo permettere che un musicista sia costretto a leggere al CONTRARIO molte volte, SE POSSIBILE. Tuttavia, nel momento in cui proverete a stare al massimo in tre pagine, DOVRETE abilmente utilizzare i simboli di ripetizione: D.C. e D.S.; 1° e 2° fine; simbolo di coda, e forse anche simboli di doppia coda.
  4. Quando si prova a calcolare il numero di pagine necessarie, dovresti verificare SE è possibile includere la parte di basso in corrispondenza della melodia. Se c'è un tastierista, dovresti preparare parti separate piuttosto che utilizzare un formato di spartito rimpicciolito, che mi capita di apprezzare.
  5. Quando siete sufficientemente fortunati a suonare con un batterista con tremenda musicalità (come Steve Gadd; Peter Erskine; Dave Weckl e altri), questi tipi di batteristi piace vedere la melodia in modo che possano interpretare la partitura mentre stanno ancora imparando il pezzo. Per questi musicisti, più informazioni gli date, meglio è! Anche un bassista come Anthony Jackson ama vedere l'intero arrangiamento, poichè lo aiuta a definire il suo approccio.
  6. Se volete che il vostro spartito appaia come suonerà, dovrebbe essere possibile VEDERNE LA FORMA. Date chiare indicazioni con i nomi delle lettere delle sezione e SE è possibile, provate sempre a mantenere lo spartito in righi di 4 battute, come la maggiorparte della musica 'western' che è presentata in 4 o 8 battute per frase.
  7. Come 'regola d'oro' per il trattamento delle persone, si adatta perfettamente in questo caso. Trattate i musicisti che suonano con voi come VOI vorreste essere trattati...e cioè, con rispetto. Preparate il vostro spartito come VOI vorreste vederlo. Date loro la migliore opportunità di suonarlo correttamente nel più breve tempo possibile.
Spero che troviate tutto ciò utile ;-)
Steve Khan

File Audio MP3 (757KB)





Le altre lezioni:
19/11/2006

LEZIONI (chitarra): El Tacaño tratto dall'album Paraíso dei Caribbean Jazz Project (Steve Khan)

12/08/2006

The Green Field (Steve Khan Trio)

12/08/2006

LEZIONI (chitarra): Tratto dall'ultimo eccellente album, "The Green Field", l'analisi di "El Viñón" dedicato al grande Elvin Jones (Steve Khan)

17/03/2006

LEZIONI (chitarra): Sierra Madre solo tratto dall'album Sunshower di Dave Valentine (Steve Khan)

06/10/2005

LEZIONI (chitarra): Daily Bulls, tratto dall'album "The Blue Man" (Steve Khan)

01/10/2005

Intervista a Steve Khan: "...Fare in modo che la musica funzioni è la cosa che più importante per me! Non mi preoccupo quanto uno suoni veloce...La prima cosa per me è che la musica abbia groove, se c'è relazione tra la melodia, la batteria e il basso...Questo è quello che cerco..." (Alex Milella)

26/06/2005

LEZIONI (chitarra): Blue Zone 41 tratto dall'album "Public Acess" (Steve Khan)

23/04/2005

LEZIONI (chitarra): Un tributo a George Harrison con il medley di "Within You Without You/Blue Jay Way" (Steve Khan)

30/01/2005

LEZIONI (chitarra): What I'm Said - uno "strano" blues dall'album Crossings. (Steve Khan)

09/11/2004

LEZIONI (chitarra): Charanga Sì Sì - un brano del Caribbean Jazz Project. (Steve Khan)

01/09/2004

LEZIONI (chitarra): Daily Village, un brano di ispirazione latina. (Steve Khan)

07/04/2004

LEZIONI (chitarra): Uncle Roy un brano emblematico della migliore fusion! (Steve Khan)

03/09/2003

LEZIONI (chitarra): Dr. Slump, un involontario "tributo a Jimi Hendrix" raccontato in tutti i suoi aspetti. (Steve Khan)

27/04/2003

LEZIONI (chitarra): Tightrope quarto brano di Steve Khan in esclusiva per Jazzitalia. Un brano fusion in 11/4 con un interessante "trucco" di arrangiamento...

25/01/2003

LEZIONI (chitarra): Anhelante secondo brano di Steve Khan in esclusiva per Jazzitalia. Una ballad suonata con la chitarra acustica. (Steve Khan)

22/12/2002

LEZIONI (chitarra): Avviata una collaborazione col grande chitarrista Steve Khan. Nelle sue pagine conosceremo ed analizzeremo insieme a lui la sua musica suonata sempre con grandissimi musicisti. Il primo brano è Got My Mental un blues originale inciso con Patitucci e DeJohnette.







Inserisci un commento

© 2002, 2003 Jazzitalia.net - Steve Khan - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 11.843 volte
Data pubblicazione: 08/03/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti