Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Dr. Slump
Steve Khan original as played on his recording
EYEWITNESS (Trio Records - 7, 8 novembre 1981)

di Steve Khan

Click here to read the english version

Inizialmente, quando Anthony Jackson, Steve Jordan, Manolo Badrena ed io abbiamo cominciato a provare insieme, improvvisare, fare jam, ecc. nell'appartamento di Manhattan di Steve Jordan, avevo pianificato di mantenere le cose molto semplici, che significava...utilizzare una sola chitarra!!! Ciò voleva dire suonare solo la mia Gibson ES-335. Appena la nuova musica cominciò a svilupparsi, a prendere forma, non realizzai effettivamente, finché non registrammo un take di questo brano, che avrei avuto bisogno anche della mia Fender Stratocaster. Mentre ascoltavo la registrazione, potei notare che il brano era stato sviluppato in un non intenzionale tributo a Jimi Hendrix e che avrebbe avuto bisogno dell'uso della leva del tremolo, del suo mood, del suo approccio, e che avrebbe reso tutto molto più bello; più o meno come se Hendrix stesse suonando un tipo di ballad contemporanea. Steve Jordan, Anthony Jackson, Manolo BadrenaUno degli aspetti grandiosi di questa mia particolare Strato è che aveva un pick-up Bill Lawrence al manico il quale fornisce alla chitarra un maggiore calore e un suono più corposo. In quei giorni, e non sono a conoscenza di grandi miglioramenti, la maggior parte degli studi erano in vecchi edifici con un cablaggio molto vecchio pertanto qualsiasi chitarra con un pick-up single-coil avrebbe avuto rumori e ronzii trovando grande complicità anche nelle chitarre Fender. Dopo alcuni anni, cambiai tutti i pick-up con degli EMG e tristemente, ora non so più dov'è il mio pick-up Lawrence!!!

C
ome la maggior parte dei brani di quel periodo, anche questo è nato mentre ero seduto nel mio appartamento improvvisando liberamente per me stesso. In questo caso, la prima cosa che è venuta fuori è la linea melodica indicata da [I] che imposta il mood del pezzo. Dal punto di vista armonico, è né più né meno che il semplice movimento avanti e indietro tra Emaj7 e Amaj7, da Imaj a IVmaj. Per quel che posso ricordare, Anthony ed io abbiamo parlato molto su questo brano e lui si è così discostato al punto da arrivare a dire: "Non capisco cosa sia!". Normalmente sono solito rispondere dicendogli che qualsiasi cosa sia venuta fuori suonando, è la cosa giusta! Ciò che è meraviglioso di Anthony, anche se a lui non piace o non "capisce" questo pezzo, è che ha suonato benissimo e con musicalità. La linea principale della chitarra sembra meravigliosa grazie all'uso di semplici note lunghe che seguono le fondamentali sotto la chitarra, la batteria di Steve e le percussioni di Manolo. Quando Anthony alla fine si unisce a me e raddoppia il tema, siamo pronti per avanzare.

Appena giungiamo alla sezione che ho denominato [I2], subentrano gli accordi per la prima volta. I voicing maj7(9) sono esattamente gli stessi sia per Emaj7 che Amaj7. E, seguendo la mia filosofia, la fondamentale è lasciata al basso di Anthony. Suonando questi accordi, appena l'armonia fuoriesce, utilizzo un leggero tocco della leva del tremolo. Mai troppo, giusto il livello sufficiente per causare una maggiore profondità nel suono che secondo me lo rende uno strumento tra i più romantici.
La melodia, che alla fine compare dal punto [A], è composta da una frase piuttosto semplice e ripetitiva. E' memorizzabile ma consente grande libertà nella interpretazione. La diteggiatura per la melodia si alterna tra una posizione per la pentatonica minore di D# (D#, F#, G#, A#, C#), sebbene A# non sia mai suonato, con la pentatonica minore di C# (C#, E, F#, G#, B) porzione sia della sonorità Emaj7 che di Amaj7. Entrambe le diteggiature danno origine ad un chiaro riferimento ai bi-cordi di Hendrix, ma sono maggiormente suonati nella pentatonica minore di C# che è suonata al nono capotasto. Sebbene questo 'stile' sia forse maggiormente associato a Jimi Hendrix, io tendo ad associarlo al cantante-chitarrista-autore Curtis Mayfield il cui modo di suonare, precedentemente ad Impressions, ha avuto una tremenda influenza su di me.

S
ebbene il pezzo sembra reggersi da solo con queste tre sezioni iniziali, realizzai rapidamente che aveva bisogno di almeno una sezione in più per consentire a questo movimento Imaj-IVmaj di uscire. E così, velocemente, durante una prova, preparai la piccola sezione di 8 battute che è contrassegnata con [B]. Ancora, ogni voicing, appena viene eseguito è accompagnato da un leggero tocco della leva del tremolo. Sulla versione registrata, sovraincisi, noterete l'ingresso di un insieme supplementare di voicing eseguiti con la Strato (con la leva del tremolo) e un pedale del volume.
La sezione di solo, [C], utilizza di nuovo il movimento avanti e indietro tra Emaj7 e Amaj7, ma con il solo accompagnamento del basso di Anthony, la libertà che ho provato in questa occasione è tremenda. L'immaginazione armonica può realmente andare là dove glielo consentite. Qualche piccola idea che so di aver adottato sarebbe, nella seconda battuta della frase, rendere il Emaj7 un E7(alt.) in modo da farlo risolvere verso il Amaj7. Si potrebbe anche indicare un B7(alt.) nella battuta 4 della frase per condurci al Emaj7. Se voleste far ciò, allora potreste anche adottare qualsiasi delle tradizionali sostituzioni, incluso un b5(ii-V) sostituto di Cm7-F7 così come altre idee. Noterete anche che ho utilizzato il suono Lidio, mediante l'occasionale A#, che ha aggiunto una qualità di estasi e un senso di poesia.

C
ome segnale di uscita dal solo, espando semplicemente l'armonia e l'intensità suonando passaggi di accordi che ci portano, sul segnale, a [I3] così poi [B2] diventa come una via d'uscita. Di qui, si va D.S. (dal segno) indietro ad una nuova esposizione, sebbene più dilatata, della nostra melodia in [A], suonata per un'intera sezione da 16 battute prima di andare alla coda. Quando si arriva ad [I4], la coda, sembra piuttosto familiare, molto similare a [I2], poichè stiamo ancora adottando il movimento tra Emaj7 e Amaj7. Tuttavia, una sorpresa armonica ci attende alla battuta 7. Qui ci saremmo aspettati di ascoltare un altro Amaj7, invece riceviamo un semplice cambio in Am7(9). E' il primo accordo minore che compare in questo brano. E' effettivamente il mio punto preferito, è semplice ma di grande effetto, instaura un nuovo movimento armonico: da Emaj7 a Am7.
Successivamente si procede con la progressione armonica che continua. La lettera [D] è eseguita con un lento crescendo ottenuto creando una maggiore attività armonica, affiancata da un maggiore movimento da parte di Anthony, Steve e Manolo. Appena avverto che abbiamo raggiunto il punto massimo, fornisco il segnale per proseguire e spostarci sulla [I3]. Ovviamente, sul pezzo registrato, ciò non accade mai poichè non avevamo preparato il pezzo a questo livello. E' esattamente in questo punto dove l'arrangiamento che si può vedere diventa un ibrido di ciò che abbiamo improvvisato nella session e si può vedere come abbiamo utilizzato quell'"incidente" come una parte regolare del brano. Consentitemi di spiegare...
La lettera [E], sulla versione registrata, era effettivamente costituita da un'improvvisazione spontanea che ebbe luogo in un punto al quale non eravamo soliti arrivare. Una porzione del 'solo' di Anthony da un'alternate take è stata poi prelevata e inserita sul take che avevamo scelto. Una decisione che non è mai piaciuta molto ad Anthony, ma a Steve Jordan ed a me piaceva talmente tanto quella parte che desideravamo che chiunque la potesse ascoltare. Altrimenti, il brano avrebbe potuto semplicemente sfumare al punto [D]. Steve Khan - EyeWitnessPer coloro che hanno il CD "
EYEWITNESS", se ascoltate attentamente questa sezione che chiude il pezzo, si può notare che Steve Jordan effettivamente termina di suonare, poichè aveva avvertito che il take era ormai andato oltre. Si alzò e andò via dalla sua batteria mentre Manolo ed io invece continuammo ad accompagnare Anthony, che probabilmente dette per scontato che ciò che si stava suonando non sarebbe mai stato utilizzato ne' ascoltato da qualcun altro. Successivamente, percependo il momento, Steve Jordan cominciò a tornare verso la batteria, ma proprio nel momento in cui si sedette e ricominciò a suonare, Anthony dette un colpo sulle corde del suo basso, e il momento sfumò via! Fortunatamente, l'ingegnere Doug Epstein non aveva interrotto il nastro e così tutto quanto fu registrato. Nella performance live, il solo del basso nella [E] è preceduto da [I3].
[E] è anche una sezione il cui obiettivo è di costruire una linea e di far crescere il brano finchè non viene inviato un segnale da qualcuno di noi dopo il quale, attraverso il breve [Tag] si va ad [I5]. Nell'ultima battuta, l'ottava, c'è un piccolo ritardo con una pausa sull'ultima nota, il F# prima che il brano finisca sul Fmaj7(6/9). Ancora una volta, questo è il finale di un arrangiamento che è stato stabilito solo preparando il pezzo per eseguirlo dal vivo. Purtroppo, nessuno dei brani presenti su "
EYEWITNESS" ha dei particolari finali, è ciò dimostra come si sono perse molte cose a quel tempo.

Sebbene avessi stabilito ciò prima, una delle cose più difficili dopo che tutte le fasi relative alla composizione di un brano strumentale sono completate è dare un titolo. In fin dei conti, penso che la miglior cosa sia pensare un titolo che non sia frivolo, sciocco, stupido, poichè ci devi vivere con esso per sempre. Ovviamente, un titolo può anche avere dello humor. Il titolo di questo brano, "
Dr. Slump", col senno di poi, non rispecchia il mood di questo pezzo pertanto rimpiango di aver scelto questo titolo. Sono sempre stato un fan della grafica e durante gli anni tra il '77 e l'85 in cui ho avuto diverse opportunità di visitare il Giappone, ho cominciato a collezionare dei piccoli libri comici intitolati "Dr. Slump". Credo che in quel periodo sia anche diventato un popolare cartone animato per la TV. Ovviamente, non conoscendo la lingua non avevo alcuna idea di cosa trattassero questi libri né conoscevo i personaggi. Mi sembrò così strano che il nome di un personaggio potesse effettivamente essere 'slump' (ndt. slump significa crollare, cadere rovinosamente, all'improvviso) a causa dell'associazione negativa che noi, in Nord America, effettuiamo con questa parola. Io penso immediatamente ad un battitore di baseball che cade mentre colpisce la palla. Così, ecco da dove deriva il titolo di questo brano.

C
ome sempre, grazie per aver letto questo mio articolo e vi invito ad esprimere le vostre opinioni.

File Audio MP3 (1.4MB)











Le altre lezioni:
19/11/2006

LEZIONI (chitarra): El Tacaño tratto dall'album Paraíso dei Caribbean Jazz Project (Steve Khan)

12/08/2006

The Green Field (Steve Khan Trio)

12/08/2006

LEZIONI (chitarra): Tratto dall'ultimo eccellente album, "The Green Field", l'analisi di "El Viñón" dedicato al grande Elvin Jones (Steve Khan)

17/03/2006

LEZIONI (chitarra): Sierra Madre solo tratto dall'album Sunshower di Dave Valentine (Steve Khan)

06/10/2005

LEZIONI (chitarra): Daily Bulls, tratto dall'album "The Blue Man" (Steve Khan)

01/10/2005

Intervista a Steve Khan: "...Fare in modo che la musica funzioni è la cosa che più importante per me! Non mi preoccupo quanto uno suoni veloce...La prima cosa per me è che la musica abbia groove, se c'è relazione tra la melodia, la batteria e il basso...Questo è quello che cerco..." (Alex Milella)

26/06/2005

LEZIONI (chitarra): Blue Zone 41 tratto dall'album "Public Acess" (Steve Khan)

23/04/2005

LEZIONI (chitarra): Un tributo a George Harrison con il medley di "Within You Without You/Blue Jay Way" (Steve Khan)

30/01/2005

LEZIONI (chitarra): What I'm Said - uno "strano" blues dall'album Crossings. (Steve Khan)

09/11/2004

LEZIONI (chitarra): Charanga Sì Sì - un brano del Caribbean Jazz Project. (Steve Khan)

01/09/2004

LEZIONI (chitarra): Daily Village, un brano di ispirazione latina. (Steve Khan)

07/04/2004

LEZIONI (chitarra): Uncle Roy un brano emblematico della migliore fusion! (Steve Khan)

27/04/2003

LEZIONI (chitarra): Tightrope quarto brano di Steve Khan in esclusiva per Jazzitalia. Un brano fusion in 11/4 con un interessante "trucco" di arrangiamento...

08/03/2003

LEZIONI (chitarra): Descarga Canelón terzo brano di Steve Khan in esclusiva per Jazzitalia. Una brano Latin suonato da un grande gruppo.

25/01/2003

LEZIONI (chitarra): Anhelante secondo brano di Steve Khan in esclusiva per Jazzitalia. Una ballad suonata con la chitarra acustica. (Steve Khan)

22/12/2002

LEZIONI (chitarra): Avviata una collaborazione col grande chitarrista Steve Khan. Nelle sue pagine conosceremo ed analizzeremo insieme a lui la sua musica suonata sempre con grandissimi musicisti. Il primo brano è Got My Mental un blues originale inciso con Patitucci e DeJohnette.







Inserisci un commento

© 2002, 2003 Jazzitalia.net - Steve Khan - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 16.405 volte
Data pubblicazione: 03/09/2003

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti