Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

El Viñón
from the album "The Green Field"
 
di Steve Khan

Photos of Jack Dejohnette, Steve Khan and John Patitucci byy: Richard Laird @ Avatar Studios, May 23rd, 2005

Click here to read the english version

 

Che ci crediate o no, ho effettivamente avuto il "germe" fondamentale di questo pezzo, che è presente nella sezione [I] sin dal 1984, dopo aver registrato "Casa Loco". Non ho alcuna idea del perchè non sono mai riuscito a terminare la composizione di questo brano fino al 2005. Tuttavia, al rientro a NY da un tour europeo nel marzo di quell'anno, sapevo che avrei dedicato ogni momento da sveglio al completamento dei miei brani originali e all'arrangiamento degli altri. Photos of Jack Dejohnette, Steve Khan and John Patitucci byy: Richard Laird @ Avatar Studios, May 23rd, 2005Così, ero fiducioso del fatto che questo brano sarebbe finalmente stato completato. Ho scelto di far rientrare il tutto all'interno di un contesto di blues minore, ed ho anche utilizzato alcuni "solo changes" che hanno delle reminescenze armoniche tipiche di Wes Montgomery. Ovviamente, è un brano dedicato, con tutto il massimo rispetto, al grande Elvin Jones! Quindi, "El Viñón" è così nata. E' stata progettata per dare risalto ai rilevanti musicisti che l'avrebbero suonata e per fornire a Jack Dejohnette un'opportunità di esprimere se stesso. Come per tutto ciò che scrivo e suono, la cosa più importante per me è che debba avere mood e personalità!!! Questi due elementi arrivano immediatamente con l'introduzione di base della sezione [I]. Se seguite lo spartito, vedrete che questo 'groove' è realmente l'elemento fondamentale e tutto vi gira intorno.

Penso che sia un po' ironico il fatto che il brano termini in Eb minor, che è la stessa tonalità in cui ho suonato "Uncle Roy". Non è meno ironico che, nel momento in cui cominciammo a sviluppare quel brano, le mie "istruzioni" a Steve Jordan furono: "E' sottinteso che sia qualcosa che si rifaccia ad Elvin!" Naturalmente, Steve mi ignorò, e tirò fuori qualcosa di realmente suo. Allo stesso modo, l'unica cosa che ho detto a Jack è stata che è un brano dedicato ad Elvin, nulla di più. Ricordo, dopo aver registrato il brano, di essere andato nella sala controllo e di aver chiaramente sentito il suono del fischietto tubolare di Manolo Badrena e di aver pensato tra me e me che sembrava avessimo terminato di registrare un tipo di "tema" spaziale e tenebroso per uno di quei "Spaghetti Westerns" di Clint Eastwood. Ancora, un altro piccolo dettaglio che ha molto contribuito al mood. Si può notare che John Patitucci è stato libero di ignorare la piccola linea di basso, scritta solo per dargli un'indicazione del punto in cui partire. Principalmente, gli ho solo detto di mantenere un approccio "bluesy" mentre comunque suonava ciò che ritenesse ideale per lui.

Sebbene i soli sono su una struttura di 12 battute di blues minore, la parte relativa alla melodia si discosta un po'. Ho semplicemente fatto quello che mi sembrava più "giusto". Vi è l'accordo im7, seguito dall'accordo ivm7, e un ritorno all'accordo im7, ma nella sezione [C] c'è un turnaround che fornisce alla struttura un look molto differente. E' in questa parte che sono state inserite le uniche sovraincisioni. Qui ho utilizzato la mia ESP Strat, unitamente al pedale del volume, con un suono molto più luminoso e l'utilizzo della barra del tremolo per creare come una tinteggiatura acquerellata dei colori armonici. Sugli accordi suonati ho aggiunto, letteralmente, B-C-E su F#m7b5 e G-A-B su A7(9). in ogni caso, è stato così creato un cluster di note molto più interessante.

Quando scrivo o arrangio una nuova composizione, cerco di non soccombere mai alla tentazione di creare un "caso di genialità". In altre parole, è la tipica mania di voler cercare fortemente di rendere la musica costantemente nuova e interessante. Ciò che voglio conseguire è far sì che ogni cosa sia in un flusso veramente elementare, ma, ovviamente, anche di mantenere un grado di sorpresa e interesse. Pertanto, le varie soluzioni di break su cui dobbiamo tutti concordare sono somiglianti l'una con l'altra, ma alcune variano rispetto quelle di base, e sono presenti alla fine della maggiorparte delle sezioni [I]. La prima piccola deviazione si ha durante il secondo finale della [I] giusto prima la [B]. Nella bar 4 di [C], la figurazione sui beat 3 e 4 rispecchia ciò che verrà nel break e che precede il break del solo di chitarra, e l'arrivo alla sezione [D]. L'ultimo punto di interesse è la figurazione del break finale, che appare due bar prima della sezione [F], e funge da "propulsore" per il solo di Jack Dejohnette, un suo personale saluto a Elvin.

Un altro dettaglio molto piccolo a cui siamo giunti durante le prove e che abbiamo raffinato prima della registrazione, appare in due punti simili durante l'esposizione della melodia. Con un rimarcato accento sul beat 4 della bar 4 di [A], individuabile sul quarto rigo della pagina 1, ho notato che sarebbe stato meglio se John ed io lasciassimo il beat 1 vuoto sulla prima bar di [I] al rigo 5. Pertanto, tenete questa cosa in mente se state eseguendo il brano. La stessa cosa appare nuovamente a pagina 2, appena dopo l'ultima bar della sezione [B2]. Prima di pubblicare queste pagine, ho apportato alcune modifiche in modo da renderle più rispondenti a quanto abbiamo suonato. Tutto ciò mi ricorda una cosa che mi è stata detta tempo fa su Stravinsky che, alla domanda retorica: "Qual è la parte più importante della matita?", pare abbia risposto:
"La gomma!!!"

Ciò che è rimasto di così rilevante, che non è cambiato ne' potrebbe, sin dal '96, quando abbiamo registrato insieme "Got My Mental", è l'incessante fuoco, la creatività, l'energia che sia John Patitucci che Jack Dejohnette portano in ogni performance. Quando si deve assumere il ruolo dell'artista e del produttore, è un gran sollievo sapere che queste sono qualità che si possono sicuramente ottenere nel momento in cui sei a lavorare con tali musicisti, poichè è certo che essi daranno il massimo. Loro sanno anche che io non sono uno di quelli che abusa di questo privilegio chiedendo più del necessario. Come il nostro precedente disco insieme, la maggior parte di ciò che si ascolta è di solito registrato nel primo take. "El Viñón", per qualche motivo, ha richiesto invece 3 takes, ed è stato molto difficile scegliere tra gli ultimi due a causa dell'incredibile modo di suonare di Jack. Tuttavia, si deve sempre "fare l'interesse del brano" pertanto, il Take 3 da questo punto di vista è stato eseguito meglio.

Recentemente, durante la preparazione di qualche potenziale lavoro live, ho deciso di affrontare l'inevitabile e di comporre un vero finale per questo brano. Pertanto, se si vede a pagina 4, si può notare il segno [Tag], che rappresenta un nuovo finale. Come faccio normalmente, il finale include ed estende un frammento della [A] che fornisce un solido, forte e definitivo finale. Questo, per me, è meglio di un lungo, protratto accordo. Quindi, per coloro che hanno intenzione di suonare questo brano col proprio gruppo, ora avete un finale. Divertitevi!!

La raffinata arte dello stabilire la sequenza di brani di una registrazione non è mai facile e non esiste una scienza esatta in merito. In termini generali, solitamente si desidera iniziare con un brano che sia adeguato rappresentante del lavoro e traini l'intera registrazione. Di solito si desidererebbe scegliere qualcosa con un tempo brillante e una melodia coinvolgente. Quando è stato terminato "The Green Field", e tutte le tracce erano state scelte in modo da non superare i 78 minuti complessivi, è iniziato il processo di selezione. Alla fine, ho sentito che "El Viñón" era la scelta migliore, anche se non rispecchia le qualità che ho appena menzionato. Tuttavia, è un brano ricco di altri elementi, e certamente mood e personalità sono i principali. Comunque, in aggiunta a ciò, sembra essere il più serioso dei brani per come è venuto e questo, per me, è diventato un punto chiave.
Circa il titolo, devo anche aggiungere che questa pronuncia del nome di Elvin è realmente una delle cose più preziose che conservo tra i ricordi del mio lavoro a New York. A quel tempo, ho avuto il privilegio di lavorare con "Chino" Pozo, e ricordo che una sera mi invitò per andare a vedere "Elvin Jones at the Village Vanguard." Tutto ciò che posso raccontarvi è che, a causa delle mie orecchie non molto educate, quella frase pronunciata con accento spagnolo, non la compresi in modo nitido. Così, il modo in cui il titolo è pronunciato rispecchia, più o meno, il gran periodo in cui ho lavorato con "Chino." Egli è veramente uno dei grandi, grandi personaggi sulla scena di NY. Non ha mai effettivamente affittato un appartamento, ha sempre vissuto al centro di Manhattan, in una piccola stanza di un hotel, con una cucina. Penso che credesse al tempo naturale delle cose. Era anche un grande cuoco. Grazie fratello!!!

File Audio

Pagina 1 - Pagina 2 - Pagina 3 - Pagina 4


Steve Khan Trio
The Green Field






Le altre lezioni:
19/11/2006

LEZIONI (chitarra): El Tacaño tratto dall'album Paraíso dei Caribbean Jazz Project (Steve Khan)

12/08/2006

The Green Field (Steve Khan Trio)

17/03/2006

LEZIONI (chitarra): Sierra Madre solo tratto dall'album Sunshower di Dave Valentine (Steve Khan)

06/10/2005

LEZIONI (chitarra): Daily Bulls, tratto dall'album "The Blue Man" (Steve Khan)

01/10/2005

Intervista a Steve Khan: "...Fare in modo che la musica funzioni è la cosa che più importante per me! Non mi preoccupo quanto uno suoni veloce...La prima cosa per me è che la musica abbia groove, se c'è relazione tra la melodia, la batteria e il basso...Questo è quello che cerco..." (Alex Milella)

26/06/2005

LEZIONI (chitarra): Blue Zone 41 tratto dall'album "Public Acess" (Steve Khan)

23/04/2005

LEZIONI (chitarra): Un tributo a George Harrison con il medley di "Within You Without You/Blue Jay Way" (Steve Khan)

30/01/2005

LEZIONI (chitarra): What I'm Said - uno "strano" blues dall'album Crossings. (Steve Khan)

09/11/2004

LEZIONI (chitarra): Charanga Sì Sì - un brano del Caribbean Jazz Project. (Steve Khan)

01/09/2004

LEZIONI (chitarra): Daily Village, un brano di ispirazione latina. (Steve Khan)

07/04/2004

LEZIONI (chitarra): Uncle Roy un brano emblematico della migliore fusion! (Steve Khan)

03/09/2003

LEZIONI (chitarra): Dr. Slump, un involontario "tributo a Jimi Hendrix" raccontato in tutti i suoi aspetti. (Steve Khan)

27/04/2003

LEZIONI (chitarra): Tightrope quarto brano di Steve Khan in esclusiva per Jazzitalia. Un brano fusion in 11/4 con un interessante "trucco" di arrangiamento...

08/03/2003

LEZIONI (chitarra): Descarga Canelón terzo brano di Steve Khan in esclusiva per Jazzitalia. Una brano Latin suonato da un grande gruppo.

25/01/2003

LEZIONI (chitarra): Anhelante secondo brano di Steve Khan in esclusiva per Jazzitalia. Una ballad suonata con la chitarra acustica. (Steve Khan)

22/12/2002

LEZIONI (chitarra): Avviata una collaborazione col grande chitarrista Steve Khan. Nelle sue pagine conosceremo ed analizzeremo insieme a lui la sua musica suonata sempre con grandissimi musicisti. Il primo brano è Got My Mental un blues originale inciso con Patitucci e DeJohnette.







Inserisci un commento

© 2002, 2006 Jazzitalia.net - Steve Khan - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 6.217 volte
Data pubblicazione: 12/08/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti