Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Steve Khan's "Within You Without You"/"Blue Jay Way"
(George Harrison)
as played on the '93 recording "Come Together"
 
di Steve Khan

Click here to read the english version

In occasione del compleanno del chitarrista dei Beatles, George Harrison, nato il 24 febbraio 1943, vorrei rendere omaggio alla sua vita, al suo lavoro, condividendo la partitura di un mio arrangiamento di un medley di due sue composizioni. Sono state registrate agli inizi del 1993 per un progetto molto speciale concepito e prodotto dal mio caro amico e spesso collega Mike Mainieri. L'album alla fine si è intitolato COME TOGETHER(A Guitar Tribute to The Beatles) ed è stato pubblicato dal Mike per la sua etichetta NYC Records. La registrazione include anche performances di alcuni dei miei chitarristi favoriti: John Abercrombie, Ralph Towner, Allan Holdsworth, "Toots" Thielemans e Adrian Belew. Ognuno interpreta uno dei brani favoriti dei Beatles. Per il libretto del CD, ci è stato chiesto di scrivere una breve riflessione sui Beatles e, in quel momento, ho scritto quanto segue:

"Negli ultimi anni, mia moglie Nancy ha spesso ascoltato l'album "SERGEANT PEPPER" a casa durante il lavoro, e il suo interesse è servito per risvegliare il mio, specialmente ascoltando il brano Within You Without You di George Harrison. Appena i Beatles sono giunti sulla scena agli inizi degli anni '60, mia sorella Laurie è stata la prima in casa ad impazzire per loro, e lei era l'unica tra le sue amiche ad essere totalmente persa per George. Pertanto, un medley di due canzoni mi è sembrato ideale, e Blue Jay Way tratto da "MAGICAL MYSTERY TOUR" è stato adatto alla mia bizzarra sensibilità musicale. In quello spirito, questa performance è dedicata alla mia bellissima moglie Nancy e alla mia meravigliosa sorella Laurie.....Vi amo entrambe!"

Inizialmente, ho sperato di poter registrare con il mio gruppo, ma quando Mike mi ha detto che avrebbe voluto registrare nella stessa giornata anche il brano di John Abercrombie, e che John avrebbe suonato con Marc Johnson al contrabbasso e Peter Erskine alla batteria, ho colto l'occasione di registrare con questi grandi musicisti. Ho chiesto a Mike se avessi potuto avere Nana Vasconcelos alle percussioni, poichè il mio arrangiamento sembrava richiedere fortemente la sua speciale presenza musicale. Mike ha accettato. Ricordo che arrivando allo studio ho ascoltato John, Marc e Peter che completavano la performance sulla splendida interpretazione di "And I Love Her". Quando John terminò alcuni ritocchi dell'ultimo minuto (l'aggiunta di una chitarra acustica), andai nello studio, all'RPM, e impostai la mia strumentazione. Mentre facevo ciò, avevo consegnato il mio spartito a Marc e Peter, e discutevo i concetti dell'arrangiamento con loro. Sapevamo che avremmo registrato senza Nana poichè non era disponibile pertanto avrebbe sovrainciso la sua parte successivamente.
Tra le molte ragioni per cui ho scelto "Within You Without You" c'è che la melodia può stare completamente da sola, autonomamente, in note singole e parlarmi meravigliosamente su qualsiasi cosa! Per me, questo particolare criterio è vero per qualsiasi standard dovessi scegliere di interpretare. Deve avere questa qualità, e "Blue Jay Way" ce l'ha. Rimango sempre colptio dalla bellezzadi uno dei passaggi dove il testo dice:

"Please don't be long
Please don't you be very long
Please don't be long
for I may be asleep
"

Questo passaggio è interpretato in accordi come si può vedere alla sezione [E].

Dopo aver ricevuto la telefonata iniziare da Mike Mainieri, ed aver pensato alla scelta dei brani che avrei suonato, ho lavorato sul dover far sì che la mia interpretazione diventasse un arrangiamento. E, avendo l'opportunità di suonare questi brani con un contrabbasso e specialmente con un grnade musicista come Marc Johnson, molte altre possibilità sembravano aprirsi ai miei occhi. E' stato in funzione della presenza di Marc che ho deciso che avremmo iniziato il pezzo con il contrabbasso che suona la parte melodica che effettivamente è nel mezzo e alla fine di "Within You Without You". Quindi, ciò che potete ascoltare all'inizio, nella sezione [I], che da il La a tutto ciò che segue, è l'interpretazione ritmicamente molto libera di Marc su questo testo:

"Try to realize it's all within yourself
no one else can make you change
and to see you're really only very small
and life flows on within you and without you.....
"

"When you've seen beyond yourself
then you may find, peace of mind, is waiting there.
And the time will come when you see we're all one,
and life flows on within you and without you.
"

Il intento originario era che il berimbau di Nana ci avrebbe fornito quell'atmosfera metallica e molto naturale che il sitar e il tambooura di George Harrison hanno fornito nella versione dei Beatles. Sembra come un po' uno spostarsi dall'India al Brazil, ma, se ascoltiamo il testo di George e crediamo, per un momento, che "siamo un tuttuno", allora ciò non è così difficoltoso da accettare.

Q
uando giungiamo alla sezione [I2] e il tempo comincia, ho dovuto far approssimare a Marc un pattern ritmico di berimbau in modo che avremmo avuto la sensazione di ciò che Nana avrebbe poi aggiunto. Se Nana fosse stato presente con noi, dal vivo, non ci sarebbe stata alcuna necessitò per Marc di asuonare una tale figurazione ritmica. Avendo in mente il mood ottenuto dal sitar suonato sull'originale, ho provato ad impiegare voicings che, per l'occasione, sfruttano le corde vuote della chitarra. La chiave originaria, o centro tonale, per la versione di George è Db(7). Quindi, ho cambiato la chiave a G(7) per poter sfruttare le corde vuote.
La melodia della sezione [A], come detto in precedenza, è sempre suonata a note singole dando una sorta di effetto a-la-sitar attraverso un movimento di glissing nel passaggio da una nota all'altra sulla corda di G (Sol), quanto più possibile. Dalla battuta 9 in avanti, la melodia è eseguita attraverso dei voicing, se avete familiarità con quanto ho provato a condividere nel libro "CONTEMPORARY CHORD KHANCEPTS", allora tutti questi colori ottenuto con gli accordi avranno senso.
Appena arriviamo alla sezione [B] e il solo della chitarra inizia, cambio l'armonia ad un suono Frigio essenzialmente suonando voicing di Fm7(9) sul pedale di Sol di Marc. Nuovamente, accoppiare ciò con l'uso della corda a vuoto di Sol, è il mio modo per ottenere l'elemendo di suono che richiama la musica indiana. Successivamente, al termine della sezione di solo, do un'"imbeccata" e torniamo indietro a suonare ciò che è nella sezione [A2]. Nel fare ciò, usiamo effettivamente l'intera area del G7 come accordo di quinta perchè abbiamo suonato "Blue Jay Way" nell'area di C major che, comunque, era la tonalità originaria usata da George Harrison e ciò ha funzionato bene per una versione strumentale. Dopo aver preso il secondo finale e giunti alla sezione [B2], siamo andati alla sezione [C] che è una sezione di transizione e sposta il centro tonale a 'C.' Qui, sfrutto il momento e riarmonizzo la melodia che accompagna il testo che dice:

"We were talking
about the space between us all
"

Inoltre, c'è un altro piccolo pezzo di questo frammento melodico che ho dovuto far suonare a Marc sul contrabbasso giusto 3 battute prima di arrivare alla sezione [D] e che "Blue Jay Way" cominci realmente.
La versione originale dei Beatles di questo brano dall'album "MAGICAL MYSTERY TOUR" ha un qualcosa di "torbido", più o meno cone un'atmosfera un po' funerea e ciò è ottenuto dall'uso di accordi diminuiti da parte di Harrison. Se aveva intenzione di catturare l'atmosfera del tipo "nebbia su L.A." allora ha fatto un grande lavoro, poichè il pezzo sembra come se si sta cercando di trovare la propria strada immersi in una fitta nebbia!!! Ad ogni modo, ho provato a rifarmi a quei suoni utilizzando queste qualità che esistono all'interno di ogni posizione dell'accordo C7(13b9) e ciò è ulteriormente rimarcato dai suoni più "vivaci" degli accordi major7(9). Come appena detto, da un punto di vista melodico per quanto riguarda questo brano, la mia sezione preferita è la [E]. E per la parte in cui George dice: "For I may be asleep", ho scoperto un modo di esprimerlo suonando, e mantenendo premuto C-Eb (con il mio primo dito) sulle corde E e G e poi consentendo a B-D di suonare su quelle due note suonate sulle corde B e D. Poi, ciò è fatto di nuovo suonando A-C (ancora col mio primo dito) sulle corde E e G consentendo alle note G-Bb di essere suonate sulle prime utilizzando le corde B e D. Il tocco finale è suonare F#-A sulle corde B e D consentendo quelle note di essere suonare mentre E-G sono a loro volta suonate sulle corde aperte!!! E' un tocco raffinato, e non ci allontana molto dall'atmosfera indiana!!! Chiedo scusa, ma ho bisogno di prendere un Polloal Curry proprio ora!!!

Anche se questa registrazione si supponeva fosse per chitarra ho intravisto l'pportunità di sfruttare il tremendo talento batteristico del mio caro amcio Peter Erskine, pertanto le sezioni [F] e [F2] sono state create per consentire a Peter alcune aree in cui suonare liberamente in cui ha fatto delle cose bellissime. Quando i fan di Eyewitness hanno ascoltato questo particolare pezzo hanno sottolineato come esso sembrasse come Brazilian Eyewitness a causa di Nana!!! Da un'imbeccata di Peter, abbiamo suonato nuovamente la sezione [E] e ci eravamo prefissati di concludere il pezzo con uno stop sulla battuta 8. Ma, sul primo take, siamo riapprodati ancora alla sezione [F] e a questo punto ho improvvisato si quegli accordi fino a rientrare di nuovo sulla [E] e temrinare come avevamo previsto.

L
a verità è che ciò che ora si può ascoltare sul CD è realmente un insieme degli unici due take che abbiamo registrato. Il primo take è durato circa 12 minuti che sarebbero stati ottimali per me. Ma Mike Mainieri era un po' concentrato su questo aspetto e così ci chiese di farne un altro provando ad esser un po meno "loquaci"... Quindi, anche se tutti noi preferivamo l'originale, sapevo di dover ridurre il tempo pertanto ho cercato di interpretare meglio le sezioni melodiche focalizzandomi su di loro. Pertanto abbiamo utilizzato il Take 2 dall'inizio fino al primo 'hit' della sezione [D]. Questo è il punto in cui abbiamo effettuato il taglio. Da questo punto in poi, si può acoltare il Take 1 con il solo originale di Peter. Editare in questo modo le versioni è una pratica molto rara ma richiede che vi sia un ottimo spirito tra i musicisti e il produttore. Per forutna qui eravamo tutti buoni amici e la sala era pina di rispetto reciproco, pertanto simili compromessi diventano poi piuttosto semplici.

Non sarebbe possibile continuare senza porre un'attenzione speciale al contributo davvero unico di Nana Vasconcelos. Se avesse suonato solo il bermibau e alcune percussioni, sarebbe stato sufficientemente magnifico. Ma, sapendo che egli è uno spirito libero di usare la sua voce come uno strumento e che ha una splendida voce nel parlare, gli ho chiesto di tradurre alcune frasi di George Harrison in portoghese e recitarle in vari spazi aperti all'interno del brano. Quindi, ciò che si può ascoltare, è Nana che dice: "We were talking....."; "Please don't be long".........a alla fine, "for I may be asleep." Naturalmente, non parlando portoghese, non posso giurare che questo è quanto sia stato effettivamente detto, ma so che vi è molto vicino. Il suo feeling per tutto questo è stato semplicemente meraviglioso. Anche se la mia oramai ex-moglie Nancy ed io eravamo già separati a quel tempo, ho comunque sentito Nana dire il suo nome durante la sezione [I2] come un piccolo "messaggio subliminale" per far s' che possa tornare. Una nobile idea, ma simili cose non funzionano spesso nella reealtà!!! Bel tentativo Steve!!!

E così, questa è la storia di ciò che è stato veramente una meravigliosa esperienza. Ringrazio Mike Mainieri per avermi incluso insieme a questi grandi artisti, e grandi chitarristi; e più di ogni cosa, ringrazio Marc Johnson, Peter Erskine, e Nana per aver condiviso il loro brillante e speciale talento con me, con tutti noi. Questa è una registrazione che non dimenticherò mai. A George Harrison, che ci ha tristemente lasciato, a sua moglie (Olivia) e suo figlio (Dhani), invio rispettosamente la mia personale gratitudine e il mio amore per quanto egli ci ha lasciato attraverso le sue meravigliose canzoni, il suo unico modo di suonare la chitarra, e la sua visione di come la vita potrebbe essere una migliore e più ricca esperienza per tutti noi. Riposa in pace George, sei amato e ricordato qui sulla terra da molti!

Within You Without You/Blue Jay Way 
page 1 - page 2 - page 2 - page 4

Audio File (MP3 2.2 MB)





Le altre lezioni:
19/11/2006

LEZIONI (chitarra): El Tacaño tratto dall'album Paraíso dei Caribbean Jazz Project (Steve Khan)

12/08/2006

The Green Field (Steve Khan Trio)

12/08/2006

LEZIONI (chitarra): Tratto dall'ultimo eccellente album, "The Green Field", l'analisi di "El Viñón" dedicato al grande Elvin Jones (Steve Khan)

17/03/2006

LEZIONI (chitarra): Sierra Madre solo tratto dall'album Sunshower di Dave Valentine (Steve Khan)

06/10/2005

LEZIONI (chitarra): Daily Bulls, tratto dall'album "The Blue Man" (Steve Khan)

01/10/2005

Intervista a Steve Khan: "...Fare in modo che la musica funzioni è la cosa che più importante per me! Non mi preoccupo quanto uno suoni veloce...La prima cosa per me è che la musica abbia groove, se c'è relazione tra la melodia, la batteria e il basso...Questo è quello che cerco..." (Alex Milella)

26/06/2005

LEZIONI (chitarra): Blue Zone 41 tratto dall'album "Public Acess" (Steve Khan)

30/01/2005

LEZIONI (chitarra): What I'm Said - uno "strano" blues dall'album Crossings. (Steve Khan)

09/11/2004

LEZIONI (chitarra): Charanga Sì Sì - un brano del Caribbean Jazz Project. (Steve Khan)

01/09/2004

LEZIONI (chitarra): Daily Village, un brano di ispirazione latina. (Steve Khan)

07/04/2004

LEZIONI (chitarra): Uncle Roy un brano emblematico della migliore fusion! (Steve Khan)

03/09/2003

LEZIONI (chitarra): Dr. Slump, un involontario "tributo a Jimi Hendrix" raccontato in tutti i suoi aspetti. (Steve Khan)

27/04/2003

LEZIONI (chitarra): Tightrope quarto brano di Steve Khan in esclusiva per Jazzitalia. Un brano fusion in 11/4 con un interessante "trucco" di arrangiamento...

08/03/2003

LEZIONI (chitarra): Descarga Canelón terzo brano di Steve Khan in esclusiva per Jazzitalia. Una brano Latin suonato da un grande gruppo.

25/01/2003

LEZIONI (chitarra): Anhelante secondo brano di Steve Khan in esclusiva per Jazzitalia. Una ballad suonata con la chitarra acustica. (Steve Khan)

22/12/2002

LEZIONI (chitarra): Avviata una collaborazione col grande chitarrista Steve Khan. Nelle sue pagine conosceremo ed analizzeremo insieme a lui la sua musica suonata sempre con grandissimi musicisti. Il primo brano è Got My Mental un blues originale inciso con Patitucci e DeJohnette.







Inserisci un commento

© 2002, 2004 Jazzitalia.net - Steve Khan - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 14.223 volte
Data pubblicazione: 23/04/2005

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti