Jazzitalia - Tesi - Evoluzione sociologica della Musica Jazz: Jazz e Società
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Evoluzione sociologica della Musica Jazz:
Jazz e Società

di Lavinia Caterina Bianca Testi

La musica Jazz è spesso equiparata alla " musica leggera", dove l'aggettivo "leggera" viene usato in opposizione ad altri generi musicali "alti" già consolidati, come nel caso della musica classica o "colta".



Nel periodo che va dalla sua nascita alla metà degli anni Venti, il Jazz fu oggetto di dissenso e campagne ostili che videro contrapporsi tradizionalisti e modernisti che lo reputavano gli uni, selvaggio e non convenzionale, gli altri "democratico" e innovativo. Tra questi ultimi il compositore francese Edgar Varèse scrisse: " l'orchestra tradizionale è un elefante idropico. L'orchestra Jazz una tigre" (Bergoglio, 2010). Con queste parole cantò il requiem della musica classica-colta e nel contempo celebrò la modernità della musica jazz. Varèse rappresenta la musica classica come un animale tranquillo e pacifico ma incapace di proiettarsi in un futuro dinamico, nel mondo moderno. E' invece il Jazz che può farlo, dotato della capacità di incarnare il presente e interpretare il futuro, tant'è che verrà, dopo gli anni Trenta, paragonato al Futurismo [1]: il vitalismo, lo slancio verso il futuro e la centralità del modello urbano sono comuni tanto al Futurismo quanto appunto al Jazz.

Se già Simmel aveva sostenuto come la profonda connessione tra melodia, ritmo e armonia, definisca la natura dell'uomo e il suo vivere sociale, i futuristi non possono non interpretare l'energico "ritmo" del jazz come riflesso delle connessioni e dinamiche dei rapporti interpersonali nelle società moderne e nella vivace "armonia" della musica, sempre più articolata e composita, lo specchio della frenetica e complessa società che si va via via delineando. (Savonardo, 2010).
Anche il filosofo, sociologo e musicologo tedesco Theodor Adorno rivolge la sua attenzione alla musica colta e al Jazz, tema centrale di molti dei suoi scritti teorici. Questi può essere considerato il primo ad aver tentato di definire il campo della popular music che, secondo le sue teorie, comprende tutte le espressioni musicali destinate ad una fruizione di massa e che il filosofo sottopone per questo ad una severa riflessione critica (poiché la " massa" già di per sé sottende omologazione e standardizzazione).Tra queste rientra sicuramente il Jazz che corrisponde ad una forma di regressione popolare e "militare" della musica: il tempo musicale del jazz corrisponderebbe infatti al ritmo delle marce "ritmico-obbediente", richiamando così al tempo meccanico e sincronizzato del taylorismo, caratteristico della produzione capitalistica. Inoltre, sottolinea Adorno, nonostante il jazz si presenti come musica anticonformista, libera, emancipata e caratterizzata da elementi istintivi e sessuali, altro non è che un mero prodotto pianificato e diffuso dalle potenze monopolistiche dell'industria culturale e dell'intrattenimento; tutto il contrario della musica "democratica", termine che alcuni le attribuiscono. La massificazione dell'opera d'arte è il germe del suo stesso degrado e gli strumenti che ne permettono la riproduzione sono strumenti ideologici e, in quanto tali, avviliscono l'opera d'arte, deformandola e privandola del suo reale valore. Al Jazz perciò, non gli si deve, e non gli si può riconoscere alcun valore civile ed estetico in quanto esso è solo un prodotto confezionato indirizzato ad un consumatore ormai imbarbarito e livellato (Savonardo, 2010).

Sul piano della ricezione, il jazz rispecchia appieno la colonizzazione della cultura da parte dell'economia di mercato per cui il valore d'uso dell'opera è sottomesso al suo valore di scambio come merce. La gente non ascolta più la musica per "goderne", ma per rafforzare la propria personalità attraverso l'appartenenza alla comunità dei consumatori.
La critica di Adorno non è infatti riferita al genere musicale in quanto tale, ma all'uso consumista cui è destinato, che ha provocato un appiattimento del potenziale "critico" della musica.

Non lascia stupiti dopo ciò, scoprire come egli sia uno dei fondatori, nonché uno dei maggiori esponenti, della Scuola di Francoforte. Scuola che critica il depauperamento culturale della "massa", da imputarsi alla classe dominante capitalistica che crea un apparato culturale, svuotato ormai della sua componente critica e riflessiva, riducendo tutto a mero e semplice intrattenimento. Adorno parla a proposito di razionalizzazione e standardizzazione[2],sottolineando come il monopolio dei grandi gruppi industriali selezioni e conformi i prodotti culturali al gusto dei consumatori.

Tra le varie critiche che vengono rivolte al pensiero dello studioso, vi è la mancanza di empirismo nelle sue tesi, la limitata conoscenza del fenomeno, la focalizzazione sul solo periodo dello Swing e la sottovalutazione della forza dell'improvvisazione. Ve n'è anche una inerente al suo "carattere elitario", la vera arte, per Adorno, non può essere per tutti e, se lo è, non è vera arte.

Dopo la prima guerra mondiale si apre un dibattito tra critici di destra e di sinistra: Adorno, filosofo collegabile a quest'ultima corrente, condanna il Jazz in quanto arte stereotipata e funzionale al sistema. Benjamin, anch'egli esponente della Scuola di Francoforte, è di idea diversa. Studiando il jazz da un'altra prospettiva, sostiene come questa nuova musica può divenire veicolo di contenuti nuovi e rivoluzionari (Bergoglio,2010).

A pensarla così è anche il professore e critico Eric J. Hobsbawn, appassionato studioso e amante del Jazz. Questi ha più volte descritto e analizzato il paradosso interno a questa musica: un linguaggio popolare di una classe subalterna che si eleva al rango di arte popolare universale, seppur di minoranza; un quadro che stravolge completamente gli schemi di alta e bassa cultura, di pubblico di massa e di élite.

Indubbiamente la storia del Jazz ha fatto sì che il suo approccio sia stato percepito in maniera diversa in America ed Europa.
Appena sbarca in Europa si innesca subito un processo di fascinazione reciproca che interessa il Jazz e gli intellettuali. Oltreoceano il Jazz non è mai diventato una vera e propria musica di massa ma è sempre rimasta una musica d'élite, più o meno allargata a seconda del periodo storico esaminato. In Europa fioriscono i jazz club, veri e propri circoli per iniziati dove i musicisti dilettanti e gli appassionati ascoltano e si entusiasmano sui primi e rari vinili disponibili. Parigi in particolare è la capitale europea del jazz; qui trovano rifugio molti musicisti di colore in fuga da un'America razzista, che non considera il jazz un'arte, mentre nei club della capitale francese, i giovani intellettuali e artisti sono affascinati dalla musica afroamericana. Boris Vian, Jean-paul Sartre, Simone De Beauvoir, Juliette Gréco, frequentano i fumosi locali dove oltre a far cultura si suona jazz. Testimonianze di questo interesse sono in molte opere letterarie del tempo. La pittura, la letteratura e le avanguardie di quel periodo sono intrise di musica jazz.

Nel momento in cui la musica cambia, diventa "difficile" e richiede uno sforzo di ascolto e comprensioni maggiori, il pubblico cambia repentinamente, sia in America che in Europa. Gli esistenzialisti francesi che amano il jazz non sono poi così distanti dai poeti e dagli scrittori della Beat Generation e sia in America che in Europa le giovani generazioni di intellettuali riconoscono nel Jazz la sua qualità di musica anticonformista. Hobsbawn fa notare come già gli allievi della Austin School di Chicago, tra cui Bix Beiderbecke, Pee Wee Russell, Bud Freeman e Dave Tough, erano rampolli della buona borghesia americana (intuibile dall'assenza di cognomi italiani o slavi), impegnati politicamente, istruiti, colti, che si ribellavano alla "rispettabilità" della classe media e condividevano l'idealizzazione del "nero" e un sostanziale rifiuto dell' American way of life.

Andando al di là delle distinzioni borghesia/proletariato, musica d'élite/ musica di massa, bianchi-neri, il Jazz ha sicuramente compreso un pubblico eterogeno e spesso scolarizzato, dove una fetta importante è sempre stata costituita da giovani ribelli e intellettuali anticonformisti. Hobsbawn spiega come il Jazz fino alla seconda guerra mondiale abbia riscosso un consenso unanime non tanto per le sue qualità intrinseche ma in quanto simbolo della modernità e, conseguentemente, di rottura col passato: era un nuovo manifesto della rivoluzione culturale.

Il Jazz risultava scandaloso agli occhi della piccola borghesia tradizionalista e dei conservatori più rigidi che, attuando un paragone con la musica "alta" europea, autoproclamatasi superiore e rivolta ad una minoranza, lo vivevano come musica di una " razza" inferiore, volgare, deviante e perversa. Per questo il Jazz si viene a trovare in una posizione antitetica alla cultura dominante, il che ha permesso la formazione, attorno ad esso, di una compagine variegata di avanguardisti, giovani ribelli e oppositori di tutti i regimi.

Entrano qui in gioco le critiche al genere che provenivano da destra, secondo cui il Jazz era pernicioso e, in periodo di guerra, antigermanico e "pacifista". Il Jazz alla moda negli anni Venti, subisce così negli anni Trenta gli attacchi dei regimi nazionalfascisti, ma non per questo scompare ed anzi, da arte popolare quale è, si tramuta in musica di protesta.

Fu soprattutto dopo il 1933, quando il Jazz (insieme ad altre melodie di compositori tedeschi ebrei) venne bollata come Entartete Musik, ossia musica degenerata e diseducativa e venne proibita, che divenne ancor più popolare. Facendosi portavoce dell'anticonformismo della gioventù che non si sentiva nazista, unificò i giovani europei sotto il segno dell'antifascismo. E' proprio in questo periodo che gli apprezzamenti al Jazz da parte dei futuristi vengono meno, in ossequio ai diktat sempre più serrati del regime fascista.

Il jazz è dunque un manifesto del "populismo", a cui sicuramente è da imputare la creazione di un ideale dell'arte nella società, più vasto e socialmente più sano, di quello di una cultura riservata ad una minoranza. Ha consentito ad esecutori ed ascoltatori di "fare" arte, di provocare interesse e discussioni artistiche tra un pubblico, cosa che le arti ufficialmente riconosciute non sarebbero mai riuscite a fare. Lo stesso studioso Richard Dyer riprende la tesi di Hobsbawn secondo cui il Jazz è stato capace di abbattere tutte le barriere di classe: è un universo aperto al diverso, forse perché la sua forza creativa è data dalla estemporaneità dell'ispirazione o forse perché conserva nel suo bagaglio culturale l'origine di espressione di una popolazione oppressa. Per questo suo retaggio è una musica tenacemente antirazzista e lo è stata non solo nell'Europa nazista che condannava la musica dei neri perché selvaggi e inferiori.

In America proprio lo Swing venne elevato a scudo della democrazia contro il nazifascismo, venendo incorporato nell'immaginario nazionale e andando a rappresentare sia i valori della sinistra più accesa che quella dei liberali, moderati e la modernità della gioventù delle grandi città. Il Jazz si è sempre presentato come musica "rivoluzionaria" affiancandosi poi alle proteste del popolo afroamericano, alle lotte per i diritti civili o le manifestazioni contro le guerre (il Vietnam).
Nonostante ciò la sinistra di inizio secolo muove da un'analisi critica al jazz, associato all'idea di bella vita, ai ricchi che folleggiano nella notti parigini o berlinesi in un'età del Jazz all'europea, ricca di fasti e dissolutezza. Il Jazz approda in Europa come moda esotica e non in qualità di musica dei neri per i neri. Altri ancora, come il musicista francese Jean Wièner, anti-elitario per eccellenza, rimettono le cose a posto, definendolo come accessibile a tutti, musica "di cuore, di gambe e di circolazione sanguigna". Un genere quindi davvero poco etichettabile.

Nata in ambienti proletari urbani e suonata da persone ai margini della società, è diventata via via oggetto di fascinazione collettiva, se non di culto, da parte dell'upper class, di avanguardisti ed intellettuali. Una musica continuamente sospesa tra il popolare e l'accademico e per questo straordinariamente unica ed innovativa.

[1] Avanguardia storica di matrice italiana, nata all'inizio del Novecento, caratterizzata dall'esaltazione della modernità e dall'impeto del fare artistico.
[2] Secondo il filosofo tedesco la società occidentale è caratterizzata da un progressivo processo di "razionalizzazione", che finisce col sacrificare l'individuo, condizionato dalle moderne tendenze della produzione e del consumo che subordinano gli attori sociali ad un processo di massificazione alienante; nel corso di tale processo, l'arte si chiude in sé, si isola e tende così all'estraneamento della società. Profondamente legato al processo di razionalizzazione è quello di "standardizzazione", cioè quel processo tramite cui le musiche vengono realizzate in base a regole compositive standard, quindi convenzionalmente stabilite e largamente adottate(Adorno, 2010, p.45).






Le altre lezioni:
21/01/2018

LEZIONI (Storia): Dagli schiavi d’America ai nuovi Swingers: evoluzione sociologica della Musica Jazz. (Lavinia Caterina Bianca Testi)

12/01/2013

Bologna Jazz Festival 2012: La 4° dimensione di John Mclaughlin, il ricordo di Massimo Mutti da parte del Chick Corea Trio...(Eugenio Sibona)

12/01/2013

Intervista a Paolo Prosperini: "..rimaniamo un paese di nicchia, forse anche per cause geografiche, quindi comunque si fa fatica a crescere." (Eugenio Sibona)

07/04/2007

Gli SwingMatics al Blue Note: "...un organico insolito che nell'eccezionalità della sua struttura ha creato un fenomeno consueto nella musica jazz: l'originalità e l'importanza della timbrica come ricerca di qualcosa di diverso..." (Mario Livraghi)





Video:
Lino Patruno Jazz Show al Torino Jazz Festival [MM54-02]
Il chitarrista, banjonista Lino Patruno con la formazione del suo Jazz Show, il 1° Maggio in Piazza Castello Torino, per il TJF.Lino Patruno - ba...
inserito il 12/05/2012  da - visualizzazioni: 3509
Frank Vignola Duo & Joscho Stephan Quartet - "Minor Swing" - Eddie Lang Jazz Festival 2011
Minor Swing played by Joscho Stephan quartet w/Frank Vignola & Vinny Raniolo @ Eddie Lang Jazz Festival.http://www.eddielang.org/ Gardens of Pigna...
inserito il 10/08/2011  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3970
Scott Hamilton Quartet "A Beautiful Friendship" - Ueffilo Jazz Club Gioia del Colle - Ba
Scott Hamilton Quartet in "A Beautiful Friendship" by Donald Kahn (short excerpt), al Ueffilo Jazz Club - Gioia del Colle - BariScott Hamilt...
inserito il 01/04/2011  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3780
Scott Hamilton Quartet in Concert (Blues Improvisation) - Ueffilo Jazz Club Gioia del Colle - Ba
Scott Hamilton Quartet in Concert "Blues Improvisation" (short excerpt), al Ueffilo Jazz Club - Gioia del Colle - BariScott Hamilton sax,Pao...
inserito il 01/04/2011  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3792
Benny Goodman Orchestra - Sing, Sing, Sing (Hollywood Hotel) 1937
Benjamin David "Benny" Goodman (May 30, 1909 -- June 13, 1986) was an American jazz and swing musician, clarinetist and bandleader; widely k...
inserito il 14/02/2011  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3583
"CHANGE" - Klaus Bellavitis
Klaus Bellavitis - My Father's Smile - Teatro Nuovo MilanTune Title: "CHANGE"Lyrics, Music, Arrangement by: Klaus Savoldi BellavitisOrchestr...
inserito il 25/01/2011  da medianetsr - visualizzazioni: 2851
Florin Niculescu Quintet & Orchestra Sinfonica di Pescara (1 of 3) - Pescara Jazz 2010
Florin Niculescu Quintet con Samson Schmitt alla chitarra e l'Orchestra Sinfonica di Pescara diretta dal maestro Pasquale Veleno nel programma...
inserito il 07/12/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3272
Florin Niculescu Quintet & Orchestra Sinfonica di Pescara (2 of 3) - Pescara Jazz 2010
Florin Niculescu Quintet con Samson Schmitt alla chitarra e l'Orchestra Sinfonica di Pescara diretta dal maestro Pasquale Veleno nel programma...
inserito il 07/12/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3086
Florin Niculescu Quintet & Orchestra Sinfonica di Pescara (3 of 3) - Pescara Jazz 2010
Florin Niculescu Quintet con Samson Schmitt alla chitarra e l'Orchestra Sinfonica di Pescara diretta dal maestro Pasquale Veleno nel programma...
inserito il 06/12/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3725
Enrico Rava Quintet Standards "Doxy" - al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in Doxy (Sonny Rollins) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - SalernoEnrico Rava trumpet,Din...
inserito il 05/12/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3887
Enrico Rava Quintet Standards "Scrapple From The Apple" - Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in Scrapple From The Apple (C. Parker) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - SalernoEnrico R...
inserito il 04/12/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3907
What A Little Moonlight Can Do - Rebecca Kilgore, Patruno
What A Little Moonlight Can Do - Rebecca Kilgore, Patruno***IF YOU LIKE THIS THEN PLEASE SUBSCRIBE***2008 Rimini Jazz & Swing Lino Patruno & T...
inserito il 27/11/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 2960
"The Nearness of You" Lino Patruno Randy Reinhart
"The Nearness of You" Lino Patruno Randy Reinhart2008 Rimini Jazz & SwingLino Patruno & The American All StarsRandy Reinhart (cornet...
inserito il 26/11/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3078
Pennies from Heaven - GEORGE MASSO & LINO PATRUNO
George Masso (trombone), Carlo Bagnoli (baritone saxophone), Sante Palumbo (piano), Lino Patruno (guitar), Luciano Milanese (bass), Giancarlo Legnano ...
inserito il 02/11/2010  da ClassicJazzShow - visualizzazioni: 3364
Blues My Naughty Sweetie Gives to Me - PEANUTS HUCKO & LINO PATRUNO
Blues My Naughty Sweetie Gives to Me PEANUTS HUCKO & LINO PATRUNO "Peanuts" Hucko (clarinet), Lino Patruno (guitar) with Milan College J...
inserito il 01/11/2010  da ClassicJazzShow - visualizzazioni: 2987
The Man I Love - GEORGE MASSO & LINO PATRUNO
George Masso (trombone), Sante Palumbo (piano), Lino Patruno (guitar), Luciano Milanese (bass), Giancarlo Pillot (drums), Legnano (Italy), Nov.10, 198...
inserito il 01/11/2010  da ClassicJazzShow - visualizzazioni: 3427
S'Wonderful - BILLY BUTTERFIELD & LINO PATRUNO
Billy Butterfield (trumpet), Lino Patruno (bass) with Milan College Jazz Society: Gianni Acocella (trombone), Bruno Longhi (clarinet), Paolo Tomelleri...
inserito il 01/11/2010  da ClassicJazzShow - visualizzazioni: 3320
I Found a New Baby - Lino Patruno Jazz Show with Dan Barrett
...
inserito il 13/08/2010  da LinoPatrunoJazz - visualizzazioni: 3138
After You've Gone - Lino Patruno Jazz Show featuring Dan Barrett
...
inserito il 12/08/2010  da LinoPatrunoJazz - visualizzazioni: 3086
The Rosenberg Trio - Nuages-Hungaria
...
inserito il 03/08/2010  da MarioMaccaferriRules - visualizzazioni: 2853
THELONIOUS MONK -dans ' Ruby My Dear' en 69.flv
NOCTAMBLUES Jazz Bop BeBop Hardbop Cool west-coast Classic-Jazz Mainstream Swing Blues Free-jazz Avant-Garde Contemporain Fusion progressive Jazz-Rock...
inserito il 04/05/2010  da Majeur7 - visualizzazioni: 3968
DARY -GRASSO Quintet "Sunday"
Nicolas DARY:tenor saxLuigi GRASSO:alto saxPasquale GRASSO: guitarMathias ALLAMANE:bassPhilippe SOIRAT:drumsLive Caveau de la Huchette 21/02/2010...
inserito il 16/03/2010  da Majeur7 - visualizzazioni: 3222
Tommy Emmanuel - Nuages
...
inserito il 12/03/2010  da CPRArtists - visualizzazioni: 2931
Frank Vignola - Tears
...
inserito il 12/03/2010  da CPRArtists - visualizzazioni: 3261
Woodsongs - Tenderly
...
inserito il 12/03/2010  da CPRArtists - visualizzazioni: 2595
Woodsongs - Paper Moon
...
inserito il 12/03/2010  da CPRArtists - visualizzazioni: 2470
Woodsongs - Swing 39 Swing 42
...
inserito il 12/03/2010  da CPRArtists - visualizzazioni: 2545
Woodsongs - How High the Moon
...
inserito il 12/03/2010  da CPRArtists - visualizzazioni: 2148
Woodsongs - Caravan
...
inserito il 12/03/2010  da CPRArtists - visualizzazioni: 2327
Woodsongs - Tico-Tico no Fubá
...
inserito il 12/03/2010  da CPRArtists - visualizzazioni: 2610
Hampton Hawes Quartet 1958 - Crazeology
...
inserito il 07/03/2010  da JckDupp - visualizzazioni: 2535
Hindustan - Lino Patruno Jazz Show Live at Olympic Theatre
...
inserito il 31/01/2010  da LinoOlimpico1 - visualizzazioni: 2639
Hampton Hawes Trio 1955 - All The Things You Are
...
inserito il 13/01/2010  da JckDupp - visualizzazioni: 2294
2010 Grammy Nominated Roy Hargrove Big Band - Roy Allan (Jazz A Vienne Excerpt)
Purchase "EMERGENCE" at Amazon: http://www.amazon.com/gp/product/B002..., at iTunes: http://itunes.apple.com/us/album/emer..., , Filmed live...
inserito il 20/12/2009  da GroovinHighRecordsUS - visualizzazioni: 3227
Tribute to Freddie Green
Freddie Green (baptized Frederick William Green, March 31 1911 March 1 1987) was an American swing jazz guitarist. He was especially noted for his so...
inserito il 26/10/2009  da jirkakrbe - visualizzazioni: 2815
Stochelo Rosenberg Gypsy Jazz Guitar Lesson DVD Excerpt
...
inserito il 23/10/2009  da cminor7b5 - visualizzazioni: 3055
Rosenberg Trio - " For Sephora " Jazz Manouche Chord Voicing lesson DVD excerpt
...
inserito il 23/10/2009  da cminor7b5 - visualizzazioni: 2820
Gypsy Waltzes Featuring Stochelo Rosenberg DVD preview
...
inserito il 22/10/2009  da cminor7b5 - visualizzazioni: 2383
Rosenberg Trio plays Double Jeu in Hungary
...
inserito il 29/09/2009  da Djangodr0m - visualizzazioni: 2859
Diana Krall(HQ) Paul Keller Russell Malone Boulevard of broken dreams
Boulevard of broken dreams......
inserito il 13/09/2009  da weskoki - visualizzazioni: 2154
Count Basie - The Elder (Freddie Green Chord Solo)
Off the album Back with Basie., , One of the few times Freddie Green takes a solo. He doesn't use single note lines but instead adds little chordal fi...
inserito il 15/08/2009  da srv0308 - visualizzazioni: 1939
LINO PATRUNO JAZZ SHOW - Casa del JAZZ Roma - 5-ago-09
...
inserito il 05/08/2009  da jijiboogiewoogie - visualizzazioni: 2626
Oscar Peterson Jam - Ali & Frazer
Norman Granz's documentary "Improvisation" (part 12), , Dizzy Gillespie, Clark Terry (tp), Eddie Lockjaw Davis (ts), Oscar Peterson (p), Nie...
inserito il 01/07/2009  da OscarPetersonFan - visualizzazioni: 3201
EHUD ASHERIE and DUKE HEITGER, June 9, 2009, "TICKLE-TOE"
The Count Basie classic, reputedly in honor of a dancer, by Lester Young -- is brought into the light once again by Ehud (piano) and Duke (trumpet), s...
inserito il 14/06/2009  da swingyoucats - visualizzazioni: 2379
JAMMIN' THE BLUES (1944) !!!
RARE OLDIES VIDEO WITH THE FAMOUS SHORT FILM " JAMMIN' THE BLUES " !!! Jammin' the Blues is a 1944 short film in which several prominent jaz...
inserito il 11/05/2009  da JUSTASITTINANDAROCK - visualizzazioni: 2153
"Oh, Lady Be good" - Dee Dee Bridgewater & The Italian Big Band
***IF YOU LIKE THIS VIDEO, PLEASE SUBSCRIBE***Vocals: Dee Dee BridgewaterConductor: Marco RenziTrumpets:Dino TonelliSergio VitaleLuca FalconeAndrea Sa...
inserito il 04/02/2009  da Michaelsjazz - visualizzazioni: 3269
Horace Silver, Blue Mitchell & Junior Cook
Playin the blues....
inserito il 23/01/2009  da Michaelsjazz - visualizzazioni: 3735
Romane-Stochelo Rosenberg - Gypsy Guitar Masters - Double Jeu
...
inserito il 14/01/2009  da ifharmony - visualizzazioni: 2145
Tommy Dorsey - Marie
From the movie "The Fabulous Dorseys" (1947) with Janet Blair and singer Stuart Foster....
inserito il 10/01/2009  da miclu1960 - visualizzazioni: 2101
Oscar Peterson Trio - You Look Good to Me @ Amsterdam
The Oscar Peterson Trio performing the piece You Look Good to Me at Het Concertgebouw in Amsterdam, the Netherlands. I don't think the Oscar Peterson ...
inserito il 03/01/2009  da boasdubbelman - visualizzazioni: 3440
Dan Block / Ehud Asherie at Smalls Jazz Club Oct. 16, 2008
Reedman Dan Block and swing pianist Ehud Asherie stroll through "Thanks A Million," a pretty 1935 tune popularized by Louis Armstrong and cu...
inserito il 19/10/2008  da swingyoucats - visualizzazioni: 2754
COUNT BASIE Swingin' the Blues, 1941 HOT big band swing jazz
COUNT BASIE Swingin' the Blues, 1941, with drummer Jo Jones. (The beginning part is an excerpt from an unknown tune; thanks to Neal for investigating...
inserito il 15/10/2008  da that1940sguy - visualizzazioni: 2050
That's A Plenty - Benny Goodman 1980
"Aurex Jazz Festival", Sep.3,1980 at Budokan(Tokyo,Japan)cl:Benny Goodmanp:Teddy Wilsontp:Tony Terrantb:Dick Nashg:Eddie Duranb:Al Obidenski...
inserito il 28/07/2008  da SwingCla - visualizzazioni: 3000
Keith Jarrett Trio - On Green Dolphin Street
keith jarrett : piano , jack dejohnette : drums , gary peacock : bass , , SUN.JAZZ.PRAYER (Radio Streaming), http://79.94.32.168:8000, , Hitomi Memori...
inserito il 17/07/2008  da barkofink - visualizzazioni: 2137
Stochelo Rosenberg finds a 1947 Selmer Guitar
...
inserito il 31/05/2008  da MarioMaccaferriRules - visualizzazioni: 2082
Jazz Istruzioni per l'uso roberto gatto
...
inserito il 14/05/2008  da esomare - visualizzazioni: 5952
Rosenberg Trio - Rose Room
...
inserito il 09/04/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 2560
Stochelo Rosenberg - Limehouse blues
...
inserito il 04/04/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 2851
stochelo rosenberg
...
inserito il 17/03/2008  da harklu - visualizzazioni: 2089
Playing Around the Corners
"Playing Around the Corners" will offer glimpses into the dynamic life of Hal McKusick as a legendary musician, teacher, woods craftsman, pi...
inserito il 24/02/2008  da faywayli - visualizzazioni: 2421
The Rosenberg Trio - "Les Yeux noirs"
...
inserito il 20/02/2008  da MarioMaccaferriRules - visualizzazioni: 2309
Django Reinhardt Clip 1945
Django plays his guitar....
inserito il 05/02/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 2068
Stochelo Rosenberg - Improvisation
...
inserito il 05/02/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 2014
Stochelo Rosenberg - For Sephora
...
inserito il 04/02/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 2190
Stochelo Rosenberg - J'attendrai
...
inserito il 04/02/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 2155
Trio Rosenberg - Nuages
...
inserito il 03/02/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 2634
Bireli lagrene - donna lee - ( charlie parker)
bireli tocando en en jazz vienne festival, el tema de charlie parker donna lee, con gipsy project....
inserito il 16/01/2008  da alejandrojazzmetal - visualizzazioni: 3435
Rosenberg Trio - Caravan
...
inserito il 12/01/2008  da guitarro5 - visualizzazioni: 2489
Duke Ellington - It don't mean a thing (1943)
Duke Ellington and his orchestra playing this awesome tune in 1943., , "It Don't Mean a Thing (If It Ain't Got That Swing)" is a 1931 compos...
inserito il 03/01/2008  da bretodeau - visualizzazioni: 2272
WOODY SHAW: "To Kill A Brick" - Monterey Jazz Fest. (1979)
http://www.WoodyShaw.com...
inserito il 25/03/2007  da WoodyShawdotcom - visualizzazioni: 3369
Nick Brignola - "I'll Remember April"
...
inserito il 12/02/2007  da calism23 - visualizzazioni: 2149
Harry James - Concerto for Trumpet
...
inserito il 14/01/2007  da dshogan - visualizzazioni: 2260
[Swing 42] - THE ROSENBERG TRIO
...
inserito il 24/12/2006  da amazingbo - visualizzazioni: 2230
the Basie Rhythm Section - Twenty Minutes After Three
Count Basie , Freddie Green Norman Keenan , Sonny Payne dvd"SOUND OF SWING"...
inserito il 09/12/2006  da sukapura - visualizzazioni: 2091
Oscar Peterson Trio - Live in Italy 1961 - Part 1
With Ray Brown - bass & Ed Thigpen - drums....
inserito il 27/11/2006  da fopstra - visualizzazioni: 2333
the Count Basie Orchestra - Corner Pocket
trumpet solo. Thad Jones,Al Aarons, saxophone solo. Frank Wess, composed and arranged by Freddie Green, drummer Sonny Payne, dvd"LIVE in '62"...
inserito il 06/11/2006  da sukapura - visualizzazioni: 2010
The Death of Charlie Parker
Charlie Parker's death in 1955 was one of jazz's great tragedy's....
inserito il 06/11/2006  da flydguzmon - visualizzazioni: 2618
Bill Evans Trio - My Romance (tune3)
Iowa 1979. With Marc Johnson - bass & Joe Labarbera - drums....
inserito il 29/10/2006  da fopstra - visualizzazioni: 2925
Duke Ellington - Flamingo
Duke Ellington Orchestra with Herb Jeffries on vocals...
inserito il 27/10/2006  da janklompstra - visualizzazioni: 2343
Ray Charles & Count Basie - Ray Sings Basie Swings EPK
Ray Charles & Count Basie - Ray Sings Basie Swings EPK for the album due in stores 10/3/06....
inserito il 30/08/2006  da concordrecords - visualizzazioni: 2140
Count me in
Claude Thornhill and his orchestra "Count me in"...
inserito il 02/07/2006  da BIRDIE29 - visualizzazioni: 1664
Gene Krupa- Sing, Sing, Sing
...
inserito il 03/05/2006  da krispy432 - visualizzazioni: 2531
Stochelo Rosenberg & Biel Ballester Trio - Swing 48
...
inserito il 07/03/2006  da Graci - visualizzazioni: 2351



Inserisci un commento

© 2018 Jazzitalia.net - Lavinia Caterina Bianca Testi - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2018 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 159 volte
Data ultima modifica: 21/01/2018

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti