Jazzitalia - Tesi - Evoluzione sociologica della Musica Jazz: Jazz tra ballo e subculture giovanili
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Evoluzione sociologica della Musica Jazz:
Jazz tra ballo e subculture giovanili

di Lavinia Caterina Bianca Testi

Il ballo è quel fenomeno sociale, quel "sogno e bisogno" che a partire dalla Rivoluzione francese e dal tramonto del Minuetto [1] diventa fenomeno di massa e momento di democrazia, coinvolgendo in un unico abbraccio abbienti e umili, personaggi blasonati e borghesi, capitani d'industria e operai, dando origine a mode universali e a polemiche furiose, a condanne e moralismi, a divertimenti e brividi d'amore. Ed ecco che i balli riempiono il lungo papiro di una storia che è la nostra storia: il Valzer degli Strauss si associa al fasto dell'Europa imperiale; la Polka e la Mazurka ai lunghi abiti delle nonne; il Tango a Rodolfo Valentino e alle immagini di una sensualità scandalizzatrice; il Fox-Trot ai capelli impomatati e alle punte fruscianti del frac; il Charleston ai gangsters, al proibizionismo e alle prime gonne corte; il Tip-tap alla raffinatezza di Fred Astaire e Ginger Rogers; il Boogie-woogie alla fine della seconda guerra mondiale e alla "scoperta dell'America"; il Rock and Roll alle brillantine di Elvis Presley e di una rivoluzione che continua; poi il Twist, il Surf, lo Shake dei Beatles, al sessantotto e alle minigonne…



Non sappiamo esattamente come e perché, agli inizi del Novecento, si sviluppò la moda della danza da s ala da ballo, sebbene si possa rintracciare una qualche orma nei suoi aspetti più commerciali e reclamistici: la prima "maratona della danza "nel 1910, la moda dei "thè danzanti "alla vigilia della prima guerra mondiale, le piccole sale da ballo nei sobborghi americani che, con modici prezzi, riuscivano ad incassare duemilacinquecento dollari alla settimana e altro ancora.

Tra i balli che interessano il ventesimo secolo, il Tango argentino è sicuramente il primo a giungere dal continente americano, ma lo si può quasi considerare europeo tanto è ricco di componenti latine. Sarà con la tratta degli schiavi che si verificherà il fenomeno del sincretismo: l'innesto delle nuove usanze sulle vecchie e il confondersi di entrambe, col permanere di determinate tradizioni, culti religiosi e riti. Le danze favorite dagli schiavi erano le Calinde e la danza Bamboula, basata sulle danze primitive della giungla africana, ma con importanti prestiti dalle contro-dances francesi. La mescolanza tra melodie africane e musica da ballo europea permettono, come già sappiamo, la nascita del jazz che, con la musica da ballo farà un lungo cammino. Le nuove danze si rifanno a quelle europee, ma le innervano di ritmo e di nuovo sapore. Così è per il cake-walk, che nasce a cavallo del secolo, nel periodo in cui i neri non sono più schiavi. Tuttavia questi non possono ancora entrare nelle sale da ballo dei bianchi: organizzano i loro ballroom [2] all' aperto, vicino alle loro case, nei ghetti. Il cake-walk non è né bello, né aggraziato (almeno secondo i tradizionali canoni vigenti all'epoca) ma è proprio il primo germoglio di una lunga fioritura di danze dal ritmo cadenzato e principio ispiratore di tutta la musica ballabile che sarà creata da allora in poi, fino ai giorni nostri. Prima fra tutte il fox-trot (che introduce nel ballo la voga di nomi animali)che si rifà al one-step e two-step, balli che somigliano al paso-doble spagnolo. Attorno al fox-trot si muove una galassia di balli ispirati agli animali: lo Shimmy, ovvero il Turkey-trot: trotto del tacchino; il Chikenwheel, o ruota della gallina; il Grizly-ber, o orso grigio...con lo Shimmy siamo arrivati agli anni Venti, a quelli che passeranno alla storia come i "Roaring twenties". Sono anni ruggenti per tutti: la guerra è finita e c'è in giro voglia di divertirsi. E quale ballo è più scatenato e divertente del Charleston? Ballo "mitico", poiché non c'è film negli anni venti degli Stati Uniti, sui gangster, sul proibizionismo, che non abbia come sfondo il Charleston, questa musica che già odora di "swing" ma è marcata dal suono di un nuovo strumento annesso alla grancassa, costituito da due piatti di metallo posti l' uno sull'altro e che un pedale fa battere insieme. Questo ballo si dice sia arrivato dalla Carolina del Sud e dal suo porto, dove i movimenti degli scaricatori di pelle nera avrebbero fornito la prima ossatura del ballo.

Centro di irradiazione del Charleston è Chicago, dove in quegli anni sono emigrati la maggior parte dei jazzisti neri di New Orleans e dove la delinquenza bianca la fa da padrona. L'altro polo di diffusione è ovviamente New York e quindi Harlem, il Cotton Club, il Savoy Ballroom, Il Peseo, dove i neri suonano Dixieland e diventano maestri di ballo.

Harlem soprattutto, con i suoi locali ed i suoi artisti era già di moda presso la high society bianca. I balli di quegli anni liberarono una gestualità inedita, una sensualità latente e venero adottati dai giovani come segno del loro anticonformismo. Non tutti hanno una fisionomia precisa e vengono chiamati col termine " Jitterbug" che da solo, significando nervi, nevrastenia, dice molto sul clima di quelle sale da ballo in quegli anni. Di questo gruppo fa parte il Lindy- hop, nato al Savoy Ballroom il 21 maggio del 1927, grazie alla fantasia del ballerino Shorty Snowden: è la notte nella quale Charles Lindbergh arriva a Parigi col suo piccolo aereo Spirit Of St.Louis, dopo aver trasvolato (primo nella storia!) l'Atlantico in trentatré ore e mezzo. La leggenda vuole che in occasione di una maratona di ballo, durante le celebrazioni della trasvolata (balzo, salto…hop) di Charles Lindbergh (detto Lindy) e dopo aver eseguito uno dei suoi passi secondo uno stile già in voga in alcune sale da ballo di Harlem, Shorty disse che stava facendo il "Lindy".

Il Lindy-Hop fece in fretta ad uscire da Harlem e ad essere adottato dai danzatori di tutta America. Negli anni Venti, il pubblico era stimolato dai ballerini professionisti che usavano esibirsi sulle note delle più importanti orchestre Swing. Questo ballo era sicuramente lontano dall' idea di ballo come seduzione, abbraccio romantico, occasione di avvicinamento e scoperta sessuale: era invece dinamica energia. I ragazzi si lanciavano in passi acrobatici e movimenti coreografici permettendo di porre entrambi i partner allo stesso livello, favorendo la libertà improvvisativa e instaurando nella coppia un movimento liberatorio. L'agilità richiesta in pista favorì anche un abbigliamento meno formale, più casual e comodo, dalle camice aperte dei ragazzi alle gonne corte delle ragazze, che non escludevano comunque ammiccamenti sessuali.

I ballerini di Lindy riescono a diventare un vero e proprio fenomeno culturale-sociale che è in qualche modo riuscito a superare le separazioni e le discriminazioni dell'epoca (così sarà fino alla seconda guerra mondiale, dove verrà spazzato via dal boogie-woogie e dal rock and roll). Non a caso la ballroom dove il Lindy ballo nacque, era una delle poche senza segregazione, dove si poteva ballare insieme, seppur appartenendo a gruppi diversi, permettendo al suddetto ballo di mettere radici ed evolversi. Fu così che tra gli anni Trenta e Quaranta, bianchi e neri insieme ballavano la stessa danza (la qual cosa era vista da alcuni come l'ennesima appropriazione culturale da parte dei bianchi della cultura espressiva dei neri).

Inutile dire che le critiche a questi nuovi tipi di ballo, naturalmente non mancarono: conservatori e moralisti vi identificarono, la stessa volgarità, impudicizia, degenerazione che attribuivano alla musica Jazz. Un allarme venato di terrorismo venne ad esempio, dalle pubblicazioni religiose le quali, dopo aver "dimostrato" l'assoluta amoralità del ballo, si affidarono alla medicina come ultima spiaggia: il ballo è antigenico, può causare vertigini, nausee, creare debolezza muscolare e chi più ne ha più ne metta. Basti pensare che alcuni addirittura sostennero che, poiché questi balli (Charleston, Shag, Balboa, Lindy hop…) si "sviluppano" su tempi sincopati, potessero provocare delle disfunzioni "cerebrali", poiché il tempo su cui ci si doveva muovere era innaturale!
Tali critiche riflettono naturalmente un permanere, in alcuni ambiti della società americana, di pregiudizi e chiusura di fronte a questa musica ancora nuova e innovativa e a tutto ciò di cui essa è stata promotrice.

Nel contempo è impensabile che con la nascita di questa nuova corrente, musicale, culturale e sociale non si sviluppino anche delle nuove subculture giovanili, legate alla musica come al ballo, che esprimono i linguaggi e le tendenze giovanili, ma anche la frammentarietà, l'incertezza e la crescente crisi dei punti di riferimento che caratterizzavano la società contemporanea.

L'America si risveglia dalla Grande Guerra con un atteggiamento ambiguo. Da un parte propone divertimento e benessere come svago per dimenticare il periodo buio e opprimente appena passato, dall'altro si scopre puritana e proibizionista, cercando di bloccare il decadimento del consumo. I "Roaring twenties", vedono una popolazione ricca e benestante organizzare lussuosi parties all'insegna della sfrenatezza e del divertimento e dall'altra grandi organizzazioni malavitose vendere alcolici illegalmente guadagnando soldi a palate. La guerra mette in crisi la fiducia nel futuro e nel capitalismo liberale dell'America che l'avevano reso il paese dove realizzare un sogno. Sperare in un benessere che coinvolga tutti è assurdo e la ribellione a questa forzata disillusione si esplica in un forzato divertimento.

In questo periodo la donna comincia il suo cammino di emancipazione e sono proprio gli anni Venti a veder nascere le flapper jane o jazz babies, ragazze dai capelli e dai vestiti corti, truccate, libere, spregiudicate e frenetiche che adottano la nuova musica come parte del loro stile di vita e ballano tutti i ritmi che dai quartieri malfamati si spandevano a macchia d'olio sull'America intera. Questa nuova generazione nasce all'incirca dopo la prima guerra mondiale, in seguito all'accelerazione nello sviluppo dei movimenti femminili. Le donne diventano impegnate politicamente e attive in tutti i campi: le flapper rappresentano la "nuova donna liberata". Non tutti però sono di quest'avviso e per alcuni, queste ragazze che si dimenano a suon di Jazz, bevono, fumano e si vestono in maniera provocante sono un triste simbolo di decadenza.

Un'altra subcultura che si svilupperà più avanti è quella degli Hipster, la cui divisa è lo zoot suit [3], popolare tra i maschi neri delle grandi città del nord come Ney York, Chicago, Boston, messicani-americani a Los Angeles e tra i bianchi proletari che si atteggiavano a "sciccosi". Questa subcultura, nata nei primi anni Quaranta, è tipica dei giovani seguaci dello Swing e del bebop soprattutto, riconoscibili dal loro stile all'avanguardia nel vestire, dalla disinibizione sessuale e dalla propensione all'uso della droga. Lo stesso Cab Calloway [4] pubblicò nel 1939 l' "Hepster Dictionary" nel quale definisce gli hep cat (Hipster) come " ragazzi che conoscono tutte le risposte e si intendono di Jive". Con l'inizio degli anni Quaranta giovani ragazzi bianchi dalle lunghe giacche a spalle molto larghe e pantaloni a vita altissima, iniziarono ad interessarsi alla scena del jazz più underground, allontanandosi dal mainstream bianco con la sua segregazione razziale e il rigoroso moralismo sessuale, venendo descritti da alcuni come esistenzialisti americani, "annientati dalla guerra atomica e strangolati dal conformismo sociale".

Allontanandosi man mano dall'Era Swing e avvicinandosi sempre più a quella del bebop, i pionieri del genere si concepiscono come artisti seri, emancipati, intellettuali con opinioni politiche e culturali che riflettono il loro modo di pensare anche qui, nel modo vestire: scuri occhiali cerchiati, berretti firmati e abiti gessati; un modo di vestire fresco e sicuro di sé, "subculturale", fuori dagli schemi e scevro da qualsiasi imposizione della società.

Questo si sarebbe tramutato negli anni Cinquanta nello stile Beat, adottato da Bohèmien [5], scrittori e intellettuali (Jack Keruac, Paul Withman e Jackson Pollock). Beat come battito, come ritmo, protesta, il tutto condito da allucinogeni e alcool. I Beats vennero riconosciuti come un nuovo movimento estetico che esaltava i temi della riscoperta della libertà individuale attraverso l'istinto, l'occasionalità, il misticismo orientale, l'uso della droga e fissando un canone poetico in cui il discorso manifesta un rapporto viscerale con il linguaggio. Anche questo movimento artistico, politico, letterario e musicale è basato, inutile dirlo, su forti valori anticonformisti ed ideato sostanzialmente sul contrasto generazionale tra giovani anarchici e borghesi da un'educazione ferrea. La generazione Beat darà vita al fenomeno sociale degli Hippy, alle proteste dei '60 (del '68 in particolare), ai vari movimenti pacifisti, antimilitaristi e antinazionalisti e all'emancipazione del mondo afroamericano che si sarebbe espresso nel free jazz.

La "generazione perduta" di Hemingway e Fitzgerald, contraddittoria, spesso descritta come borghese e alienata e definita da Allen Ginsberg nel suo poema "Howl": " stanca, amara, insicura, dolorosamente consapevole delle storture e delle ingiustizie del mondo in cui è costretta a vivere", si è così trasformata nel secondo dopoguerra in una generazione, libera, consapevole della società e delle sue costrizioni.


[1] Danza popolare francese del XVII sec accolta in seguito dalla società aristocratica.
[2] Larga sala all'interno di un edificio, costruita appositamente per ospitarvi serate danzanti.
[3] Lo zoot suit comprendeva pantaloni stretti alla caviglia e molto larghi ai ginocchi; giacca con ampie spalline imbottite e vita stretta che arrivava alle cosce; il cappello a tese dritte (porkpie) e una lunga catenina portachiavi.
[4] Musicista, cantante e attore statunitense di spicco nella scena musicale jazz.
[5] Si riferisce al movimento culturale i cui membri, tendenzialmente giovani artisti, nell'attesa della notorietà, conducono una vita povera e disordinata, ma al contempo libera e anticonformista.







Le altre lezioni:
21/01/2018

LEZIONI (Storia): Dagli schiavi d’America ai nuovi Swingers: evoluzione sociologica della Musica Jazz. (Lavinia Caterina Bianca Testi)

12/01/2013

Bologna Jazz Festival 2012: La 4° dimensione di John Mclaughlin, il ricordo di Massimo Mutti da parte del Chick Corea Trio...(Eugenio Sibona)

12/01/2013

Intervista a Paolo Prosperini: "..rimaniamo un paese di nicchia, forse anche per cause geografiche, quindi comunque si fa fatica a crescere." (Eugenio Sibona)

07/04/2007

Gli SwingMatics al Blue Note: "...un organico insolito che nell'eccezionalità della sua struttura ha creato un fenomeno consueto nella musica jazz: l'originalità e l'importanza della timbrica come ricerca di qualcosa di diverso..." (Mario Livraghi)





Video:
Lino Patruno Jazz Show al Torino Jazz Festival [MM54-02]
Il chitarrista, banjonista Lino Patruno con la formazione del suo Jazz Show, il 1° Maggio in Piazza Castello Torino, per il TJF.Lino Patruno - ba...
inserito il 12/05/2012  da - visualizzazioni: 3414
Frank Vignola Duo & Joscho Stephan Quartet - "Minor Swing" - Eddie Lang Jazz Festival 2011
Minor Swing played by Joscho Stephan quartet w/Frank Vignola & Vinny Raniolo @ Eddie Lang Jazz Festival.http://www.eddielang.org/ Gardens of Pigna...
inserito il 10/08/2011  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3886
Scott Hamilton Quartet "A Beautiful Friendship" - Ueffilo Jazz Club Gioia del Colle - Ba
Scott Hamilton Quartet in "A Beautiful Friendship" by Donald Kahn (short excerpt), al Ueffilo Jazz Club - Gioia del Colle - BariScott Hamilt...
inserito il 01/04/2011  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3700
Scott Hamilton Quartet in Concert (Blues Improvisation) - Ueffilo Jazz Club Gioia del Colle - Ba
Scott Hamilton Quartet in Concert "Blues Improvisation" (short excerpt), al Ueffilo Jazz Club - Gioia del Colle - BariScott Hamilton sax,Pao...
inserito il 01/04/2011  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3710
Benny Goodman Orchestra - Sing, Sing, Sing (Hollywood Hotel) 1937
Benjamin David "Benny" Goodman (May 30, 1909 -- June 13, 1986) was an American jazz and swing musician, clarinetist and bandleader; widely k...
inserito il 14/02/2011  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3497
"CHANGE" - Klaus Bellavitis
Klaus Bellavitis - My Father's Smile - Teatro Nuovo MilanTune Title: "CHANGE"Lyrics, Music, Arrangement by: Klaus Savoldi BellavitisOrchestr...
inserito il 25/01/2011  da medianetsr - visualizzazioni: 2768
Florin Niculescu Quintet & Orchestra Sinfonica di Pescara (1 of 3) - Pescara Jazz 2010
Florin Niculescu Quintet con Samson Schmitt alla chitarra e l'Orchestra Sinfonica di Pescara diretta dal maestro Pasquale Veleno nel programma...
inserito il 07/12/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3218
Florin Niculescu Quintet & Orchestra Sinfonica di Pescara (2 of 3) - Pescara Jazz 2010
Florin Niculescu Quintet con Samson Schmitt alla chitarra e l'Orchestra Sinfonica di Pescara diretta dal maestro Pasquale Veleno nel programma...
inserito il 07/12/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3044
Florin Niculescu Quintet & Orchestra Sinfonica di Pescara (3 of 3) - Pescara Jazz 2010
Florin Niculescu Quintet con Samson Schmitt alla chitarra e l'Orchestra Sinfonica di Pescara diretta dal maestro Pasquale Veleno nel programma...
inserito il 06/12/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3653
Enrico Rava Quintet Standards "Doxy" - al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in Doxy (Sonny Rollins) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - SalernoEnrico Rava trumpet,Din...
inserito il 05/12/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3816
Enrico Rava Quintet Standards "Scrapple From The Apple" - Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - Salerno
Enrico Rava Quintet Standards in Scrapple From The Apple (C. Parker) excerpt, in Concert al Moro Jazz Pub - Cava de' Tirreni - SalernoEnrico R...
inserito il 04/12/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 3835
What A Little Moonlight Can Do - Rebecca Kilgore, Patruno
What A Little Moonlight Can Do - Rebecca Kilgore, Patruno***IF YOU LIKE THIS THEN PLEASE SUBSCRIBE***2008 Rimini Jazz & Swing Lino Patruno & T...
inserito il 27/11/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 2881
"The Nearness of You" Lino Patruno Randy Reinhart
"The Nearness of You" Lino Patruno Randy Reinhart2008 Rimini Jazz & SwingLino Patruno & The American All StarsRandy Reinhart (cornet...
inserito il 26/11/2010  da HandEyeFamilyMusic - visualizzazioni: 2992
Pennies from Heaven - GEORGE MASSO & LINO PATRUNO
George Masso (trombone), Carlo Bagnoli (baritone saxophone), Sante Palumbo (piano), Lino Patruno (guitar), Luciano Milanese (bass), Giancarlo Legnano ...
inserito il 02/11/2010  da ClassicJazzShow - visualizzazioni: 3314
Blues My Naughty Sweetie Gives to Me - PEANUTS HUCKO & LINO PATRUNO
Blues My Naughty Sweetie Gives to Me PEANUTS HUCKO & LINO PATRUNO "Peanuts" Hucko (clarinet), Lino Patruno (guitar) with Milan College J...
inserito il 01/11/2010  da ClassicJazzShow - visualizzazioni: 2933
The Man I Love - GEORGE MASSO & LINO PATRUNO
George Masso (trombone), Sante Palumbo (piano), Lino Patruno (guitar), Luciano Milanese (bass), Giancarlo Pillot (drums), Legnano (Italy), Nov.10, 198...
inserito il 01/11/2010  da ClassicJazzShow - visualizzazioni: 3377
S'Wonderful - BILLY BUTTERFIELD & LINO PATRUNO
Billy Butterfield (trumpet), Lino Patruno (bass) with Milan College Jazz Society: Gianni Acocella (trombone), Bruno Longhi (clarinet), Paolo Tomelleri...
inserito il 01/11/2010  da ClassicJazzShow - visualizzazioni: 3265
I Found a New Baby - Lino Patruno Jazz Show with Dan Barrett
...
inserito il 13/08/2010  da LinoPatrunoJazz - visualizzazioni: 3096
After You've Gone - Lino Patruno Jazz Show featuring Dan Barrett
...
inserito il 12/08/2010  da LinoPatrunoJazz - visualizzazioni: 3034
The Rosenberg Trio - Nuages-Hungaria
...
inserito il 03/08/2010  da MarioMaccaferriRules - visualizzazioni: 2795
THELONIOUS MONK -dans ' Ruby My Dear' en 69.flv
NOCTAMBLUES Jazz Bop BeBop Hardbop Cool west-coast Classic-Jazz Mainstream Swing Blues Free-jazz Avant-Garde Contemporain Fusion progressive Jazz-Rock...
inserito il 04/05/2010  da Majeur7 - visualizzazioni: 3892
DARY -GRASSO Quintet "Sunday"
Nicolas DARY:tenor saxLuigi GRASSO:alto saxPasquale GRASSO: guitarMathias ALLAMANE:bassPhilippe SOIRAT:drumsLive Caveau de la Huchette 21/02/2010...
inserito il 16/03/2010  da Majeur7 - visualizzazioni: 3139
Tommy Emmanuel - Nuages
...
inserito il 12/03/2010  da CPRArtists - visualizzazioni: 2875
Frank Vignola - Tears
...
inserito il 12/03/2010  da CPRArtists - visualizzazioni: 3213
Woodsongs - Tenderly
...
inserito il 12/03/2010  da CPRArtists - visualizzazioni: 2542
Woodsongs - Paper Moon
...
inserito il 12/03/2010  da CPRArtists - visualizzazioni: 2413
Woodsongs - Swing 39 Swing 42
...
inserito il 12/03/2010  da CPRArtists - visualizzazioni: 2496
Woodsongs - How High the Moon
...
inserito il 12/03/2010  da CPRArtists - visualizzazioni: 2111
Woodsongs - Caravan
...
inserito il 12/03/2010  da CPRArtists - visualizzazioni: 2285
Woodsongs - Tico-Tico no Fubá
...
inserito il 12/03/2010  da CPRArtists - visualizzazioni: 2571
Hampton Hawes Quartet 1958 - Crazeology
...
inserito il 07/03/2010  da JckDupp - visualizzazioni: 2473
Hindustan - Lino Patruno Jazz Show Live at Olympic Theatre
...
inserito il 31/01/2010  da LinoOlimpico1 - visualizzazioni: 2588
Hampton Hawes Trio 1955 - All The Things You Are
...
inserito il 13/01/2010  da JckDupp - visualizzazioni: 2259
2010 Grammy Nominated Roy Hargrove Big Band - Roy Allan (Jazz A Vienne Excerpt)
Purchase "EMERGENCE" at Amazon: http://www.amazon.com/gp/product/B002..., at iTunes: http://itunes.apple.com/us/album/emer..., , Filmed live...
inserito il 20/12/2009  da GroovinHighRecordsUS - visualizzazioni: 3164
Tribute to Freddie Green
Freddie Green (baptized Frederick William Green, March 31 1911 March 1 1987) was an American swing jazz guitarist. He was especially noted for his so...
inserito il 26/10/2009  da jirkakrbe - visualizzazioni: 2756
Stochelo Rosenberg Gypsy Jazz Guitar Lesson DVD Excerpt
...
inserito il 23/10/2009  da cminor7b5 - visualizzazioni: 3004
Rosenberg Trio - " For Sephora " Jazz Manouche Chord Voicing lesson DVD excerpt
...
inserito il 23/10/2009  da cminor7b5 - visualizzazioni: 2762
Gypsy Waltzes Featuring Stochelo Rosenberg DVD preview
...
inserito il 22/10/2009  da cminor7b5 - visualizzazioni: 2339
Rosenberg Trio plays Double Jeu in Hungary
...
inserito il 29/09/2009  da Djangodr0m - visualizzazioni: 2797
Diana Krall(HQ) Paul Keller Russell Malone Boulevard of broken dreams
Boulevard of broken dreams......
inserito il 13/09/2009  da weskoki - visualizzazioni: 2118
Count Basie - The Elder (Freddie Green Chord Solo)
Off the album Back with Basie., , One of the few times Freddie Green takes a solo. He doesn't use single note lines but instead adds little chordal fi...
inserito il 15/08/2009  da srv0308 - visualizzazioni: 1896
LINO PATRUNO JAZZ SHOW - Casa del JAZZ Roma - 5-ago-09
...
inserito il 05/08/2009  da jijiboogiewoogie - visualizzazioni: 2579
Oscar Peterson Jam - Ali & Frazer
Norman Granz's documentary "Improvisation" (part 12), , Dizzy Gillespie, Clark Terry (tp), Eddie Lockjaw Davis (ts), Oscar Peterson (p), Nie...
inserito il 01/07/2009  da OscarPetersonFan - visualizzazioni: 3142
EHUD ASHERIE and DUKE HEITGER, June 9, 2009, "TICKLE-TOE"
The Count Basie classic, reputedly in honor of a dancer, by Lester Young -- is brought into the light once again by Ehud (piano) and Duke (trumpet), s...
inserito il 14/06/2009  da swingyoucats - visualizzazioni: 2341
JAMMIN' THE BLUES (1944) !!!
RARE OLDIES VIDEO WITH THE FAMOUS SHORT FILM " JAMMIN' THE BLUES " !!! Jammin' the Blues is a 1944 short film in which several prominent jaz...
inserito il 11/05/2009  da JUSTASITTINANDAROCK - visualizzazioni: 2119
"Oh, Lady Be good" - Dee Dee Bridgewater & The Italian Big Band
***IF YOU LIKE THIS VIDEO, PLEASE SUBSCRIBE***Vocals: Dee Dee BridgewaterConductor: Marco RenziTrumpets:Dino TonelliSergio VitaleLuca FalconeAndrea Sa...
inserito il 04/02/2009  da Michaelsjazz - visualizzazioni: 3198
Horace Silver, Blue Mitchell & Junior Cook
Playin the blues....
inserito il 23/01/2009  da Michaelsjazz - visualizzazioni: 3653
Romane-Stochelo Rosenberg - Gypsy Guitar Masters - Double Jeu
...
inserito il 14/01/2009  da ifharmony - visualizzazioni: 2087
Tommy Dorsey - Marie
From the movie "The Fabulous Dorseys" (1947) with Janet Blair and singer Stuart Foster....
inserito il 10/01/2009  da miclu1960 - visualizzazioni: 2066
Oscar Peterson Trio - You Look Good to Me @ Amsterdam
The Oscar Peterson Trio performing the piece You Look Good to Me at Het Concertgebouw in Amsterdam, the Netherlands. I don't think the Oscar Peterson ...
inserito il 03/01/2009  da boasdubbelman - visualizzazioni: 3371
Dan Block / Ehud Asherie at Smalls Jazz Club Oct. 16, 2008
Reedman Dan Block and swing pianist Ehud Asherie stroll through "Thanks A Million," a pretty 1935 tune popularized by Louis Armstrong and cu...
inserito il 19/10/2008  da swingyoucats - visualizzazioni: 2693
COUNT BASIE Swingin' the Blues, 1941 HOT big band swing jazz
COUNT BASIE Swingin' the Blues, 1941, with drummer Jo Jones. (The beginning part is an excerpt from an unknown tune; thanks to Neal for investigating...
inserito il 15/10/2008  da that1940sguy - visualizzazioni: 2007
That's A Plenty - Benny Goodman 1980
"Aurex Jazz Festival", Sep.3,1980 at Budokan(Tokyo,Japan)cl:Benny Goodmanp:Teddy Wilsontp:Tony Terrantb:Dick Nashg:Eddie Duranb:Al Obidenski...
inserito il 28/07/2008  da SwingCla - visualizzazioni: 2949
Keith Jarrett Trio - On Green Dolphin Street
keith jarrett : piano , jack dejohnette : drums , gary peacock : bass , , SUN.JAZZ.PRAYER (Radio Streaming), http://79.94.32.168:8000, , Hitomi Memori...
inserito il 17/07/2008  da barkofink - visualizzazioni: 2099
Stochelo Rosenberg finds a 1947 Selmer Guitar
...
inserito il 31/05/2008  da MarioMaccaferriRules - visualizzazioni: 2025
Jazz Istruzioni per l'uso roberto gatto
...
inserito il 14/05/2008  da esomare - visualizzazioni: 5829
Rosenberg Trio - Rose Room
...
inserito il 09/04/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 2495
Stochelo Rosenberg - Limehouse blues
...
inserito il 04/04/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 2767
stochelo rosenberg
...
inserito il 17/03/2008  da harklu - visualizzazioni: 2053
Playing Around the Corners
"Playing Around the Corners" will offer glimpses into the dynamic life of Hal McKusick as a legendary musician, teacher, woods craftsman, pi...
inserito il 24/02/2008  da faywayli - visualizzazioni: 2383
The Rosenberg Trio - "Les Yeux noirs"
...
inserito il 20/02/2008  da MarioMaccaferriRules - visualizzazioni: 2265
Django Reinhardt Clip 1945
Django plays his guitar....
inserito il 05/02/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 2020
Stochelo Rosenberg - Improvisation
...
inserito il 05/02/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 1965
Stochelo Rosenberg - For Sephora
...
inserito il 04/02/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 2139
Stochelo Rosenberg - J'attendrai
...
inserito il 04/02/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 2114
Trio Rosenberg - Nuages
...
inserito il 03/02/2008  da Jacopoj - visualizzazioni: 2581
Bireli lagrene - donna lee - ( charlie parker)
bireli tocando en en jazz vienne festival, el tema de charlie parker donna lee, con gipsy project....
inserito il 16/01/2008  da alejandrojazzmetal - visualizzazioni: 3369
Rosenberg Trio - Caravan
...
inserito il 12/01/2008  da guitarro5 - visualizzazioni: 2434
Duke Ellington - It don't mean a thing (1943)
Duke Ellington and his orchestra playing this awesome tune in 1943., , "It Don't Mean a Thing (If It Ain't Got That Swing)" is a 1931 compos...
inserito il 03/01/2008  da bretodeau - visualizzazioni: 2233
WOODY SHAW: "To Kill A Brick" - Monterey Jazz Fest. (1979)
http://www.WoodyShaw.com...
inserito il 25/03/2007  da WoodyShawdotcom - visualizzazioni: 3309
Nick Brignola - "I'll Remember April"
...
inserito il 12/02/2007  da calism23 - visualizzazioni: 2108
Harry James - Concerto for Trumpet
...
inserito il 14/01/2007  da dshogan - visualizzazioni: 2217
[Swing 42] - THE ROSENBERG TRIO
...
inserito il 24/12/2006  da amazingbo - visualizzazioni: 2188
the Basie Rhythm Section - Twenty Minutes After Three
Count Basie , Freddie Green Norman Keenan , Sonny Payne dvd"SOUND OF SWING"...
inserito il 09/12/2006  da sukapura - visualizzazioni: 2057
Oscar Peterson Trio - Live in Italy 1961 - Part 1
With Ray Brown - bass & Ed Thigpen - drums....
inserito il 27/11/2006  da fopstra - visualizzazioni: 2295
the Count Basie Orchestra - Corner Pocket
trumpet solo. Thad Jones,Al Aarons, saxophone solo. Frank Wess, composed and arranged by Freddie Green, drummer Sonny Payne, dvd"LIVE in '62"...
inserito il 06/11/2006  da sukapura - visualizzazioni: 1969
The Death of Charlie Parker
Charlie Parker's death in 1955 was one of jazz's great tragedy's....
inserito il 06/11/2006  da flydguzmon - visualizzazioni: 2563
Bill Evans Trio - My Romance (tune3)
Iowa 1979. With Marc Johnson - bass & Joe Labarbera - drums....
inserito il 29/10/2006  da fopstra - visualizzazioni: 2893
Duke Ellington - Flamingo
Duke Ellington Orchestra with Herb Jeffries on vocals...
inserito il 27/10/2006  da janklompstra - visualizzazioni: 2301
Ray Charles & Count Basie - Ray Sings Basie Swings EPK
Ray Charles & Count Basie - Ray Sings Basie Swings EPK for the album due in stores 10/3/06....
inserito il 30/08/2006  da concordrecords - visualizzazioni: 2098
Count me in
Claude Thornhill and his orchestra "Count me in"...
inserito il 02/07/2006  da BIRDIE29 - visualizzazioni: 1636
Gene Krupa- Sing, Sing, Sing
...
inserito il 03/05/2006  da krispy432 - visualizzazioni: 2478
Stochelo Rosenberg & Biel Ballester Trio - Swing 48
...
inserito il 07/03/2006  da Graci - visualizzazioni: 2300



Inserisci un commento

© 2018 Jazzitalia.net - Lavinia Caterina Bianca Testi - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2018 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 52 volte
Data ultima modifica: 21/01/2018

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti