Jazzitalia - Tesi - Lennie Tristano - Capitolo I - L'evoluzione stilistica di Lennie Tristano - 1.2 Il periodo 1945/1947
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�
INDICE LEZIONI

Capitolo I
L'evoluzione stilistica di Lennie Tristano
1.2 Il periodo 1945/1947
di Pierpaolo Principato

Tristano incide per la prima volta a suo nome nella prima metà del 1945 eseguendo, in piano solo, quattro improvvisazioni sui temi di "Yesterday's", "What is this thing called love", "Don't blame me" e "I found a new baby", alterandone i titoli, procedimento quest'ultimo che il pianista adottava spesso, essendo pienamente consapevole dell'importanza enorme che in ambito jazzistico ha l'esecuzione stessa, in quanto spesso e volentieri supera la composizione originale dalla quale parte. Si tratta di un suo personale stratagemma per contrastare il mancato riconoscimento ufficiale dei diritti di esecuzione2.
Già queste esecuzioni delineano una grande padronanza tecnica dello strumento ed una notevole maturità stilistica. Nel brano reintitolato "This is called love" Tristano non lascia trapelare nulla della composizione a cui si ispira se non le chiarissime armonie sottostanti, ma la cosa che colpisce maggiormente è lo sviluppo e la forza di questa improvvisazione.

Ad una breve introduzione fa seguito un'improvvisazione della mano sinistra accompagnata dagli accordi della mano destra che oltre a sottolineare le armonie si muovono rispondendo alla linea improvvisata nel registro medio/grave con interventi nei momenti di respiro in un perfetto equilibrio dialogico. Tutto questo dà la sensazione di una fase interlocutoria, carica di tensione e di attesa a cui fa seguito un ribaltamento dei ruoli tra le due mani. La mano destra prende l'assolo, la sinistra accompagna e si ha la sensazione dell'entrata in scena di un altro solista, quasi fosse un nuovo strumento. In questa seconda parte sembrano rivelarsi alcuni elementi dello stile pianistico di Art Tatum, soprattutto in certi fulminanti arpeggi e nell'uso delle 10e, alternate ed accordi più stretti, nell'accompagnamento della mano sinistra.
Insomma in questa esecuzione sembra di sentire l'impatto di un trio con basso e batteria realizzato con il solo pianoforte.

Anche l'esecuzione di "Glad am I" ispirata al tema di "Yesterdays" è ricca di pathos nel suo incedere pressoché accordale che denota una grandissima padronanza armonica di Tristano ed in alcuni spunti di carattere contrappuntistico si delinea già uno degli elementi delle successive registrazioni in trio.

Leonard Gaskin (August 25, 1920 – January 24, 2009)Dal settembre 1946 al maggio 1947 Tristano registra una corposa serie di esecuzioni in trio, con Billy Bauer alla chitarra ed alternando al contrabbasso musicisti sempre diversi, da Leonard Gaskin (August 25, 1920 – January 24, 2009) a Clyde Lombardi (February 18, 1922 – January 1, 1978), a Bob Leininger. Tali registrazioni sono di enorme valore ed importanza in quanto si realizzano in pieno periodo bebop ed anticipano fortemente una tendenza stilistica che si delineerà di lì a poco assumendo poi una sua fisionomia precisa tra la fine del 1948 e gli inizi del 1949: il cool jazz. Clyde Lombardi (February 18, 1922 – January 1, 1978)Sembra ormai abbastanza chiaro che questa nuova corrente non abbia avuto un carattere così univoco ma si sia manifestata in diversi modi attraverso diversi gruppi di musicisti e forse non è casuale che si indichino diversi padri spirituali di questo modo di intendere il jazz, da Tristano ai sassofonisti dell'orchestra di Woody Herman, a Dave Brubeck, a Miles Davis e Gil Evans.

Al di là del rifiuto di questa etichetta da parte di Tristano che rigettava il modo con cui l'establishment discografico-musicale tendeva ad etichettare i generi in maniera un po' superficiale, le premesse sono per lui quelle del bebop e non c'era nelle sue intenzioni quella contrapposizione ad esso di cui spesso si è sentito parlare.

E' Tristano stesso ad affermare che amava la musica di Parker e Gillespie ed il modo di suonare di Bud Powell e che la sua musica in quel periodo, era il frutto della sua particolare visione del Jazz e del bebop. Ciò che accomuna le diverse espressioni di questo jazz è l'approccio più pacato, l'utilizzo di vocaboli ricercarti e di dialoghi preziosi, e Tristano rappresenta la prima manifestazione cronologica di questa particolare visione.

In questa serie di registrazioni in trio fuoriesce tutto il background di Tristano, un musicista colto che ha studiato composizione in conservatorio approfondendo le conoscenze e le tecniche dei grandi compositori classici ed era forse inevitabile che la sensibilità acquisita verso l'universo classico confluisse nel suo jazz.

Dall'ascolto delle varie take di "Interlude", la versione di "A Night In Tunisia" di Tristano, si percepisce la matrice indubbiamente boppistica in una atmosfera di grande rilassatezza e vi si coglie pienamente l'utilizzo del contrappunto di matrice barocca. E' un contrappunto sia ritmico che melodico e senza dubbio inteso in una chiave moderna, a giudicare dagli intervalli utilizzati, contestualizzato nel jazz; e si sviluppa tra piano e chitarra come anche, a volte, tra le due mani del solo piano.

Nel brano "I Can't Get Started" oltre gli elementi contrappuntistici si coglie il grande lavoro sul piano armonico e su quello strutturale nei riguardi del rapporto di dialogo tra il pianoforte e la chitarra. L'alternanza tra citazioni tematiche, momenti di contrappunto e di assolo tra i due strumenti rende, assieme al grande lavoro di arricchimento armonico, particolarissima questa incisione. Sul piano strettamente armonico si coglie già il tentativo di forzare il telaio degli accordi attraverso brevi momenti che sembrano dirigersi verso l'atonalità sia in brevi frammenti all'interno del brano che, ancor più, nella coda.

Un altro bellissimo esempio delle sperimentazioni di Tristano di questo periodo è costituito dal brano "On a planet" dove il song "Don't blame me" viene reso in un'atmosfera rarefatta, un po' astratta, dai contorni dilatati. C'è un lavorio armonico intenso di Tristano che entra e fuoriesce continuamente dalla scala di riferimento sia con gli accordi che, ancor più frequentemente, con la linea melodica che risulta di grande astrattezza a causa degli intervalli dissonanti e di frammenti melodici per salti di 4a, piuttosto inusuali in quel periodo. Il gioco contrappuntistico è intenso e sembra coinvolgere persino il contrabbasso che questa volta partecipa attivamente al dialogo con il pianoforte e la chitarra di Bauer. In questo brano vi si coglie anche una rarefazione del ritmo che pur esiste ma diviene fortemente sottinteso e mai esplicito.

L'importanza del lavoro di Tristano di tutto questo periodo si pone ancor più in risalto per il fatto che tutto ciò avviene nel pieno dilagare del bebop che, pur se elaborato in maniera più istintiva, costituiva già di per se un grande rinnovamento del vocabolario jazzistico. Tristano vi aggiunge il peso della sua cultura e consapevolezza ponendosi già in una dimensione anticipatrice del futuro cool jazz se non addirittura di alcuni elementi di informalità che si delineeranno meglio nel successivo importante periodo Tristaniano.

2 Cfr. Fayenz/Brazzale, “Lennie Tristano il profeta incompreso”, pag. 23





Le altre lezioni:
22/12/2017

LEZIONI (Storia): L'evoluzione stilistica: La svolta del 1949. (Pierpaolo Principato)

31/10/2011

LEZIONI (Storia): Lennie Tristano: introduzione. (Pierpaolo Principato)

31/10/2011

LEZIONI (Storia): L'evoluzione stilistica di Lennie Tristano: le fasi principali. (Pierpaolo Principato)

12/04/2009

Omaggio a Lennie Tristano (Iacoucci-Cantarano )





Video:
Lennie Tristano - Descent into the Maelstrom
TRISTANO, LENNIE. Di origini italiane, perse la vista a nove anni. Studiò il pianoforte con la madre e numerosi altri strumenti in un istituto pe...
inserito il 14/10/2011  da fabriziowebmaster - visualizzazioni: 2891
Intuition - Lennie Tristano
Lennie Tristano and Wayne Marsh along with the rest of sextet invents free jazz in 1949, preceding Ornette Coleman by 10 years. The first and some of ...
inserito il 01/08/2011  da lennietristanojazz - visualizzazioni: 2829
Lennie Tristano plays I Don't Stand a Ghost of a Chance With You
rec. 1947...
inserito il 25/05/2011  da gullivior - visualizzazioni: 2481
Lennie Tristano Line Up.wmv
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 09/03/2011  da gioco1234 - visualizzazioni: 2180
Requiem
nessuna descrizione disponibile...
inserito il 09/03/2011  da gioco1234 - visualizzazioni: 2298
Lennie Tristano Darn That Dream
Live Copenhagen 1965...
inserito il 22/01/2010  da JATLOZ - visualizzazioni: 2137
Lennie Tristano Darn That Dream
Live Copenhagen 1965...
inserito il 22/01/2010  da JATLOZ - visualizzazioni: 2117
Lennie Tristano Live At The Half Note
Lennie Tristano piano - Lee konitz sax alto - Warne Marsh sax tenor - Sonny Dallas bass - Nick Stabulas drums...
inserito il 09/04/2009  da JATLOZ - visualizzazioni: 1971
Lennie Tristano Live At The Half Note
Lennie Tristano piano - Lee konitz sax alto - Warne Marsh sax tenor - Sonny Dallas bass - Nick Stabulas drums...
inserito il 09/04/2009  da JATLOZ - visualizzazioni: 2347
Expressions
...
inserito il 28/01/2009  da Gandalf71 - visualizzazioni: 2098
Lennie Tristano - WOW
From my 78rpm record collection.Lennie Tristano SextetteLee Konitz(as)Warne Marsh(ts)Lennie Tristano(p)Billy Bauer(g)Arnold Fishkin(b)Harold Granowsky...
inserito il 23/11/2008  da konidolfine - visualizzazioni: 2453



Inserisci un commento

© 2011 Jazzitalia.net - Pierpaolo Principato - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2018 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.

Questa pagina è stata visitata 1.481 volte
Data pubblicazione: 31/10/2011

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti