Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

...Steve Grossman
di Danilo Memoli

Click here to read the english version

Inizialmente, la richiesta fatta da Jazzitalia di scrivere qualcosa sulla mia attività nel quartetto del sassofonista Steve Grossman mi ha lasciato un po'... stranito: ho pensato che a scrivere "di" musica non dovrebbero essere i musicisti, ai quali spetta invece di scrivere (e suonare) "la" musica...

D'altro canto, riflettevo, vi sono cose che il giornalista, il critico o l'ascoltatore non possono recepire dell'intimo, appassionato, contraddittorio e dinamico mondo della musica suonata, sudata, amata e sofferta, notte dopo notte, chilometro dopo chilometro da chi, attraverso di essa, in fondo altro non fa che esprimere la sua intima umanità.

E poi, ho pensato che mettendomi a raccontare qualcosa sull'avventura musicale con Grossman avrei potuto almeno in parte contribuire un pochino a far conoscere una persona che alla musica da sempre, costantemente, senza risparmiarsi, il massimo di se stesso, cosa che (come con altri musicisti, del resto) a volte non viene tenuta in debita considerazione (anche se l'ascoltatore "puro", cioè quello che non sa granchè di "semiotica applicata al linguaggio musicale" o di "sviluppi estetici della creazione estemporanea" continua imperterrito ad apprezzare, spellandosi le mani, la generosa profusione di swing che emana dalla campana del suo vecchio Selmer).

Non credo però di dover ricordare a chi legge che il nome di Steve Grossman occupa una parte importante nella storia concertistica e discografica del jazz: nei primi anni '70, quando suonava con Miles e poi con Elvin (assieme a Liebman), e quando fondò con Gene Perla il trio "Stone Alliance" - Steve aveva davvero inventato un linguaggio sassofonistico (sia sul tenore che sul soprano) originale, di grande impatto stilistico ed emotivo, che se formalmente prendeva le mosse da alcuni grandi modelli di un passato neanche così lontano ('Trane era morto nel '67 - pero' Steve ha raccontato di aver più volte sentito il quartetto con McCoy, Jimmy Garrison ed Elvin........ m'immagino lo shock: aveva 13 - 14 anni!), ne era una proiezione in avanti, armonicamente e ritmicamente sofisticata e moderna, e allo stesso tempo radicata nella tradizione; e piena di forza, di una forza quasi belluina, una forza che ancora oggi abbiamo la fortuna di poter cogliere nel suo suono, aggressivo e al tempo stesso romantico, e però mai sdolcinato.

Steve gode di grande considerazione da parte dei mille musicisti che ha conosciuto, anche di quelli con cui non ha avuto contatti professionali. Lessi una volta che sia Bob Berg che Michael Brecker, intervistati su chi fosse, secondo loro, il sassofonista che più contava fra quelli della loro generazione (oggi sono tutti più o meno cinquantenni) rispondevano senza esitare "Steve Grossman!".

Dagli anni '80, Steve ha girato mezzo mondo, dal Sudamerica - dove ha vissuto per parecchio tempo - al Giappone, soggiornando molto spesso in Europa per poi tornare puntualmente alla sua città natale, dove risiedono gli anziani genitori e i suoi due fratelli: New York - la culla delle arti del '900, la fonte straordinaria di un'energia creativa unica (consiglio a tutti i musicisti di soggiornarvi un po0 - io l'ho fatto nel '97 e nel '98, ed è un viaggio musicale - ma non solo - emozionante, per me difficilmente descrivibile).

Così, girando di tournèe in tournèe per i vari paesi, ha suonato ed inciso con musicisti di riconosciuta statura artistica (ad esempio: McCoy Tyner, Chet Baker, Sal Nistico, Tom Harrell, Elvin Jones, Art Taylor, Barry Harris, Cedar Walton, recentemente con Michel Petrucciani e con Johnny Griffin), ma anche con tantissimi altri bravi accompagnatori meno noti, e non di rado con ritmiche "locali", fatte da giovani musicisti ansiosi di fornirgli il loro appoggio in cambio di un'esperienza che senz'altro ha dato loro l'opportunità di crescere, musicalmente ed umanamente. E la cosa bella di Steve è che anche lui non smette mai di imparare: ti ascolta, ti segue, e impara; Steve vuole suonare con te e per te, e quando si è sul palco il dialogo comincia, a volte anche in maniera inaspettata: può capitare di essere improvvisamente sorpresi dalla rapidità, quasi felina, che Steve ha nel reagire a ciò che sente e nell'interagire con te. Capisce quando sei teso, quando sei felice, quando sei rilassato oppure insicuro... e allo stesso modo, ti fa capire senza mezzi termini i suoi stati d'animo.... già perchè se fai qualcosa di buono Steve te lo dice sempre, ti dà entusiasmo; e se invece fai una cazzata? Si fa vivo ugualmente, e - oggi molto bonariamente, ma sempre con carattere - ti annuncia che ha capito l'errore, un po' ti sfotte e un po' ti stimola a far meglio... in definitiva, è una persona molto sensibile, cosa questa che rende il suonare con lui un evento ogni volta particolare e diverso; un evento che spesso trascende la musica in senso stretto, e si trasforma in un fatto etico.

Da musicista serio quale è, egli ha un rispetto ed una conoscenza profondi della tradizione musicale; dal Duca a Count Basie, da Tatum a Bird, Powell e Monk, da Sonny a Mc Lean e a Ornette, da Elmo Hope all'ultimo Coltrane, da Joe Henderson a Woody Shaw..... tutti i grandi musicisti del jazz, quelli che hanno fatto la storia ufficiale ma anche quelli che non hanno potuto o voluto farla, sono nella mente e del cuore di Steve: ecco perchè quando suona una ballad, o un blues, o una qualsiasi altra cosa, chi ascolta sente nel suo suono la presenza non di vari stili, ma di un unico mondo che tutti li comprende: quello del jazz, appunto. Ecco, Steve è jazz! Non importa se suoni un blues lento, un veloce brano modale su tempo latino, un intricato giro armonico del be-bop, una canzone degli anni Venti. Lui il jazz non lo conosce, lo è.

Ogni tanto scrive musica sua, brani spesso semplici, e belli; suona il pianoforte, e dicono che sia anche un bravo "drummer" - io non l'ho mai sentito, ma ci credo: ha un "time" eccellente, e un rapporto sempre intenso con il batterista (ogni tanto, nel mezzo di un solo, si gira e guarda Max (ndr. Massimo Chiarella) negli occhi, incrociando le spade con lui per un energico duello di idee; così io e Stefano (ndr Stefano Senni) - il contrabbassista del quartetto - capiamo: è il momento di lasciarli soli, hanno le loro cose da raccontarsi, noi ascoltiamo in silenzio, e quando la discussione è finita BUM! si riparte...

Da circa quattro anni Stefano, Massimo ed io abbiamo il privilegio di suonare nel quartetto "italiano" di Steve (ma andiamo anche all'estero, quando è possibile), e il rapporto musicale/umano si va consolidando gradualmente; il repertorio si va affinando, l'intesa cresce; abbiamo appena pubblicato un disco (il mio primo) con parecchi brani originali e dove suona anche il fantastico trombonista italo-americano John Mosca, un vecchio compagno di studi di Steve. Per me è stato bello sentire quest'ultimo suonare a prima vista alcune parti a fianco a John Mosca, che a differenza di Steve suona in sezione d'orchestra praticamente tutti i giorni. Recentemente ho ringraziato Steve per averlo fatto, e lui mi ha risposto laconico "beh, sono un musicista, che altro dovevo fare?". Verissimo. Però, ascoltando il disco a mente fredda nei giorni scorsi (è uscito da poco anche se fu registrato nel '99), capisco che lo stesso pathos di sempre era lì, anche quando per la prima volta leggeva lo spartito di un brano mai sentito prima. Questo, per me, vuol dire fare musica con il cuore, non solo con la testa. Di questo, e non della sua professionalità, lo ringrazio.

Chi fa jazz sa che non è facile tenere unito un gruppo, perchè spesso i musicisti lavorano con diverse formazioni, il che di per se è bello perchè permette di fare nuovi e stimolanti incontri. Quindi, l'affiatamento è una conquista lenta ma gratificante: con pochi concerti al mese, magari separati da giorni e giorni, non è semplice; quando ci capita di avere ingaggi continuativi, come al Chet Baker di Bologna che ci fa suonare per tre giorni consecutivi ogni sei settimane, i risultati si sentono.

Sono sicuro che ai molti musicisti che lo hanno incontrato Steve ha sempre regalato qualcosa di importante: un consiglio, un a-solo, un suono, un po' di fiducia, una provocazione fatta a bella posta..... tutte cose che formano sia il carattere personale che la musicalità di chi con lui ha avuto, o avrà, la bella ventura di poter suonare.
Danilo Memoli
 


Invia un commento

© 2000 - 2002 Jazzitalia.net - Danilo Memoli - Tutti i diritti riservati

© 2000 - 2017 Tutto il materiale pubblicato su Jazzitalia è di esclusiva proprietà dell'autore ed è coperto da Copyright internazionale, pertanto non è consentito alcun utilizzo che non sia preventivamente concordato con chi ne detiene i diritti.


COMMENTI
Inserito il 5/6/2008 alle 0.54.32 da "kapuzzella"
Commento:
Praticamente straordinario ho avuto il piacere e l"onore di conoscere Steve personalmente e la sua comunicabilità è praticamente unica ogni sua esibizione è qualcosa di irripetibile
 

Questa pagina è stata visitata 26.039 volte
Data pubblicazione: 16/04/2002





Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti