Jazzitalia - Javier Girotto & Aires Tango: 10/15
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novità

Parco della Musica Records
Prodotto da EGEA MUSIC
Javier Girotto & Aires Tango
10/15


1. 10/15
2. Para Biagio
3. Alborada
4. Un Mundo Perfecto
5. Aramboty
6. Pasos
7. Buster Keaton
8. Coral I
9. Pasiòn Albiceleste
10. Il Mayo
11. Felliniana
12. Gili
13. Caida Lenta

Javier Girotto - Soprano and Baritone Sax
Alessandro Gwis - Piano and Electronics
Marco Siniscalco - Electric Bass
Michele Rabbia - Drums and Percussions

Tutte le tracce sono state composte e arrangiate da Javier Girotto



Presentato il 15 luglio all' Auditorium Parco della Musica di Roma, il disco celebra la lunga attività degli Aires Tango: dieci come gli album pubblicati, quindici come gli anni di attività. La band si è formata nel 1994 dall'idea di Javier Girotto e ciò viene ricordato con vibrante espressività dal sassofonista e compositore argentino, sostenuto dall' estro dell'ottimo pianista Alessandro Gwis, in linee melodiche avvolte in esecuzioni sicure e fluide di basso e batteria affidate, rispettivamente, a Marco Siniscalco e Michele Rabbia: una sperimentazione piena di passione e malinconia,nella quale il riferimento ad Astor Piazzolla, la cui estetica aleggia per tutto il concerto, lascia andare ad immagini di paesaggi dai confini indefiniti, immersi da sonorità che evocano i barrios e la pampa, pur restando vigorosamente vicini a movenze d'ensemble assolutamente contemporanee.

I
l quartetto torna a fare musica assieme dopo un periodo di distanza, durante il quale ognuno ha lavorato per conto proprio, per riproporre il sound atipico che li ha sempre contraddistinti, dal tango argentino all'improvvisazione jazzistica. Dalle dichiarazioni del band leader ben s'intuisce quanto sia stato voluto questo nuovo lavoro, quanto ancora senta di dar vita ad un evento musicale in cui proporre varietà timbriche in un cromatismo sfumato e cangiante, ora lieve e sognante, ora intenso ed incisivo. La sua carriera, documentata da una copiosa produzione discografica e da un gran numero di esibizioni dal vivo, è stata sempre all'insegna della ricerca personale che meglio riflettesse le esigenze espressive che di volta in volta prendevano luce nel corso della vita.

In questo contesto la variante latina è preponderante, ritmicamente perfetta per le virtuose evoluzioni blue di Girotto. Su questa base, con la sobria ma discutibile aggiunta degli effetti elettronici, si alternano melodie intense, sentimentali e rapide, riprodotte mantenendo un'articolata varietà di modulazioni che consentono di disegnare un filo conduttore e di arginare, pur non sempre riuscendovi, il rischio che l'insieme risulti ridondante. Qualche perplessità, specie nell'esecuzione live, circa gli assoli: le riflessioni sonore fra jazz e tradizione argentina, tra musica "colta" e spirito gaucho, offrono affreschi melodici suggestivi ma talora, a parere di chi scrive, non del tutto lineari da un punto di vista stilistico rispetto ai luminosi incipit, eccessivamente ampliati ad un'ipotetica sintesi tra free e stilemi inaspettatamente vulcanici che finiscono per recedere in toni dal contenuto evanescente nei quali si ha la sensazione che non esprima, con la libertà che vorrebbe, il proprio complesso quanto ricco mondo interiore.

In ogni caso, il disco si sviluppa e prende forma partendo dai temi malinconici ed i fraseggi determinati di "10/15" passando per la ballata "Para Biagio", tra i momenti quieti di "Corale I", i soli di puro tango di "Pasos" e l'arrangiamento romantico di "Pasion Albiceleste". il brano che sembra maggiormente distinguersi è "Buster Keaton", omaggio all'eccentrico e straordinario attore e regista statunitense, dove il ritmo frenetico dell' interplay trai piano e sax prende forma attraverso un tema originale e lo sfondo di una macchina da scrivere, nell'intento di rafforzare la ritmica della batteria.

Un disco personale ed evocativo, in definitiva, un' interessante rilettura di un genere che è la cultura di un intero popolo, amalgamato con originalità ad evocazioni jazzistiche, ma che non appare del tutto all'altezza delle prove cui Girotto aveva abituati.

Fabrizio Ciccarelli e Andrea Valiante per Jazzitalia

 






Articoli correlati:
18/09/2016

Sounds From The Harbor (Tindiglia, Sheppard, Kamaguchi, Rabbia)- Gianni Montano

27/08/2016

Roccella Jazz Festival - Rumori Mediterranei XXXVI: ""Sisong. Una canzone per Siso" il titolo dell'edizione 2016 dello storico festival calabrese, il primo senza la presenza del senatore Sisinio Zito, fondatore del festival deceduto dopo lunga malattia il 6 luglio scorso." (Vincenzo Fugaldi)

08/11/2015

Talos Festival 2015: "Il Talos edizione 2015 ha visto dei momenti nei quali l'arte dell'improvvisazione ha raggiunto livelli di creatività ineguagliabile." (Vincenzo Fugaldi)

11/05/2015

In Memoriam (S. Battaglia - M. Rabbia - E. Aarset)- Enzo Fugaldi

24/08/2014

Anything your little heart says (Triosonic (Rabbia, Maier, Battaglia))- Alceste Ayroldi

21/07/2014

Vinodentro (Paolo Fresu)- Alceste Ayroldi

13/07/2014

E sei arrivata tu (Emanuele Belloni)- Francesco Favano

06/01/2014

ParmaJazz Frontiere 2013 - IIa Parte: "Michele Rabbia ed Eivind Aarset, Franco d'Andrea Trio, Factor-Y Trio, Evelina Petrova Duo" (Nina Molica Franco)

28/07/2013

SPL (Fulvio Sigurtà)- Alceste Ayroldi

16/06/2013

Dokumenta Sonum (Michele Rabbia)- Enzo Fugaldi

28/04/2013

Blue From Heaven (Pierluigi Balducci)- Gianni Montano

10/03/2013

Israel Varela 4et: "Il quartetto, grazie alla sua energia e al suo spiccato gusto per la contaminazione, ha così aperto brillantemente la nuova stagione jazzistica al 'La Sosta'." (Francesco Favano)

24/02/2013

Sei domande a: L.Aquino, J.Mazzariello, A.Paternesi, E.Pietropaoli, M.Rabbia, F.Sigurtà, E.Zanisi: "L'insegnamento, gli spazi e i festival, il jazz europeo e americano, i media la discografia..." (Vincenzo Fugaldi)

17/02/2013

Il Caffè Delle Americhe (Angelo Valori & M. Edit Ensemble)- Gianni Montano

09/02/2013

Atina Jazz Winter 2013: "...in collaborazione con CamJazz e Jando Music, tre giornate interamente dedicate ad alcune interessanti realtà del jazz italiano." (Vincenzo Fugaldi)

24/06/2012

Voices (Paolo Di Sabatino)- Giovanni Greto

26/05/2012

IIIa Edizione di "Suoni Ritmi, Parole dal Mondo" e concerto di Riccardo Arrighini con la Filarmonica Sestrese (Gianni Montano e Andrea Gaggero)

08/08/2011

Südtirol Jazz Festival: "Il festival altoatesino prosegue nella direzione intrapresa dal direttore artistico Klaus Widmann, confermando e ampliando il suo ruolo di varco di comunicazione tra Italia e Europa, senza trascurare il grande jazz e le novità provenienti dagli Stati Uniti. La moltitudine di eventi che si svolgono nella stessa giornata su palcoscenici dislocati in numerose località del'Altoadige ci ha consentito di seguire un proprio itinerario di ascolti, iniziato il 27 giugno, che ha potuto coprire solo una parte di concerti." (Vincenzo Fugaldi)

06/03/2011

Luna Del Sud (Paolo Di Sabatino Trio with Horns)- Enzo Fugaldi

29/01/2011

Giovanni Guidi & The Unknown Rebel Band feat. Gianluca Petrella: "Un'interessante progetto proposto da una band che si impone a giusto merito come una delle realtà più gradite ed originali del panorama jazzistico italiano. Eccellente il lavoro del giovane leader nella guida dell'ensemble e nella costruzione delle strutture armoniche, dimostrando di avere tutte le carte in regola per poter diventare, in un futuro potenzialmente prossimo, un jazzista di livello internazionale." (Andrea Valiante e Francesco Tromba)

24/12/2010

#2 (Alessandro Gwis) - Alceste Ayroldi

24/12/2010

Closer (Wasabi)- Gianni B. Montano

07/11/2010

The River Will Carry Me (Pasquale Laino) - Alceste Ayroldi

05/07/2010

Lutte Berg Ensemble al Teatro Arciliuto di Roma: "Un jazz o piuttosto un etno-jazz che davvero va oltre i confini di ciò che siamo soliti collocare all'interno di questo genere, senza però lasciare mai l'ascoltatore spaesato." (Laura Mancini)

18/03/2010

Javier Girotto Jazz Quartet a Monopoli: "Ho riunito una squadra straordinaria, composta da musicisti di alto livello - ha dichiarato Francesco Angiuli - è stato molto emozionante poter ascoltare la loro 'voce interpretativa' nei brani di mia composizione, così come è stato molto stimolante suonare per la prima volta dei brani di composizione di Girotto, Gwiss e Smimmo, i quali si sono dimostrati molto professionali in tutto". (Pasquale Raimondo)

27/12/2009

Mazzeo - Grottelli - Gwis al 28 DiVino: "...musicisti di diversa estrazione che vantano ciascuno esperienze maturate all'interno di varie formazioni e un interesse affine per la sperimentazione ed il jazz elettronico." (Laura Mancini)

08/12/2009

Impatiens (Marco Testoni & Hang Camera) - Marco Buttafuoco

02/12/2009

Elisabetta Antonini presenta il suo album "Un minuto dopo" all'Alexander Platz di Roma insieme a Gabriele Coen, Alessandro Gwis e Paul McCandless. (Laura Mancini)

01/11/2009

The Unknown Rebel Band (Giovanni Guidi) - Vincenzo Fugaldi

25/10/2009

Un minuto dopo (Elisabetta Antonini)- Andrea Gaggero

21/06/2009

Bologna, Ravenna, Imola, Correggio, Piacenza, Russi: questi ed altri ancora sono i luoghi che negli ultimi tre mesi hanno ospitato Croassroads, festival itinerante di musica jazz, che ha attraversato in lungo e in largo l'Emilia Romagna. Giunto alla decima edizione, Crossroads ha ospitato nomi della scena musicale italiana ed internazionale, giovani musicisti e leggende viventi, jazzisti ortodossi e impenitenti sperimentatori... (Giuseppe Rubinetti)

19/08/2008

Reggio Top Jazz Festival 2008: "Il sondaggio fra i critici specializzati che il mensile Musica Jazz dedica da ben cinque lustri al meglio del jazz in circolazione, in questo venticinquesimo anno è stato per la prima volta incentrato esclusivamente sul jazz italiano. Da qui la nascita del Reggio Top Jazz Festival, che nella prima edizione ha schierato buona parte dei vincitori del referendum, durante quattro serate primaverili nella città di Reggio Calabria." (E. Fugaldi - G. Taormina)

22/06/2008

Downtown (Roberto Cecchetto)

21/06/2008

Tango Fugato (Francesco Venerucci)

09/05/2007

Told Notes (Alberto Iovene)

01/02/2007

Journey to Donnafugata (Salvatore Bonafede)

17/11/2006

For the time being (Salvatore Bonafede)

20/06/2006

Alessandro Gwis (Alessandro Gwis )

15/12/2005

Stravagario 2 (Stefano Battaglia e Michele Rabbia )

21/08/2005

Partenope (Antonella De Grossi – Marco Siniscalco)

31/08/2004

Antonello Salis e Michele Rabbia a Villa Guariglia: "...Musica della variazione, dove l'imprevedibile diventa la norma e i molteplici cambi di direzione mettono in campo una serie di "figure musicali" che sottintendono una logica quasi teatrale nella realizzazione delle frasi, negli sviluppi improvvisativi..." (Olga Chieffi)

24/04/2003

Stravagario (Michele Rabbia e Stefano Battaglia)





Video:
FUGA A TRE - LUTTE BERG ENSEMBLE
...
inserito il 29/09/2009  da Italclip - visualizzazioni: 2045


Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 2.685 volte
Data pubblicazione: 26/12/2009

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti