Jazzitalia: la musica jazz a portata di mouse...
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Prodotto da Wide Sound
Distribuito da IRD
Produttore esecutivo: Musicomania Editoriale
Registrato presso lo “Orange Bug” studio di Napoli da Salvio e Diego Imparto
Missato e masterizzato presso il “Soulfinger Studio” di Napoli da Enzo Rizzo
Foto: Antonio Esposito
Grafica: Antonio Esposito & Novasolution / Assenti Studio
Codice: WD152
Diego Imparato
70’s Soundtracks


1. Peaceful song (Diego Imparato) 5.55
2. Vomero (Diego Imparato) 4.44
3. Grey Sky (Diego Imparato) 6.58
4. Always with you (Diego Imparato) 4.19
5. Sunset in 70’s (Diego Imparato) 5.24
6. On the highway (Diego Imparato) 5.36

Diego Imparato - contrabbasso, Fender jazz bass, basso a 6 corde e basso fretless
Antonio Onorato - chitarre
(1, 2, 4)
Vincenzo Danise - Rhodes piano
Francesco Villani - Rhodes piano
(3)
Gianfranco Campagnoli - tromba e flicorno
Luca Gianquitto - chitarre
Gianluca Brugnano - batteria e percussioni
Sergio Colicchio - arrangiamento fiati
Nando Trapani - sax tenore
Domenico Guastafierro - flauto
Armando Puggioni - clarinetto basso




via L. Fioravanti 26
64020 Nepezzano (TE)
Tel./Fax 0861.558611
email:
info@widesound.it


Sulle strade del jazz
La scena musicale napoletana sta conoscendo una nuova era. Sono davvero tanti i giovani (ma solo dal punto di vista anagrafico) musicisti che stanno emergendo grazie al loro talento e creatività. Tra questi, c'è senza dubbio il bassista e contrabbassista Diego Imparato, qui anche nelle vesti di compositore. Questa premessa è doverosa in quanto "70's Soundtraks" è il suo primo album da solista, e rappresenta anche una delle possibili direzioni stilistiche che il jazz della scuola napoletana sta prendendo.



Se il jazz partenopeo si è, infatti, sempre contraddistinto per il suo essere fortemente contaminato con la cultura mediterranea, qui i punti di riferimento sono ben altri. E, più precisamente, il jazz modale e la musica americana degli anni '70. "Parlando di generi musicali, nel mio album c'è sicuramente il jazz come forma espressiva dominante. E del resto, tutti i musicisti che prendono parte al progetto provengono da questa esperienza. Ma sono il funky e la fusion ad assumere rilevanza sotto il profilo ritmico. Il titolo nasce, infatti, dalla mia predilezione per le colonne sonore dei telefilm americani…" (Diego Imparato)

Da sottolineare, a questo punto, la presenza di Gianluca Brugnano alla batteria, con cui Diego Imparato ha condiviso l'esperienza del Blue Note di New York al fianco di Marco Zurzolo e Antonio Onorato. L'interplay tra i due è semplicemente ottimo. Inoltre, se il bassista partenopeo, per il suo fraseggio, si avvicina al mondo dei chitarristi, il giovane batterista ha una rara consapevolezza armonica e un autentico gusto per la melodia. Proprio l'approccio ritmico, con il frequente spostamento di accenti, rappresenta l'elemento di maggiore modernità. Senza trascurare che la presenza di Luca Gianquitto alle chitarre, di Vincenzo Danise al Rhodes e di Gianfranco Campagnoli alla tromba - questa la formazione base - sono ulteriori garanzie della qualità delle esecuzioni.

"Con Gianluca Brugnano suono da sempre, sin dalle prime formazioni di jazz. Anche se la mia carriera musicale nasce molto prima. Provengo, infatti, da una formazione classica (è diplomato presso il Conservatorio di Avellino Nda). L'amore per il jazz è nato circa dieci anni fa, ascoltando Chick Corea e Pat Metheny. Da qui, la necessità di esplorare, anche sul piano compositivo, questa dimensione così affascinante. Per poterlo fare, avevo bisogno anche di circondarmi di musicisti che stimo moltissimo. Ecco la ragione per cui, in questo disco, vi sono anche Luca Gianquitto, Sergio Colicchio (che ha curato le orchestrazioni dei fiati), Francesco Villani e Vincenzo Danise. Senza dimenticare la partecipazione straordinaria di Antonio Onorato". (Diego Imparato)

Da queste parole è anche facile intuire che, pur trattandosi di un disco solista, grande spazio viene dato a tutti i musicisti. Ovvero, un disco corale che segue un percorso stilistico omogeneo. Adesso, veniamo ad uno sguardo più ravvicinato ai brani di "70's Soundtracks". S'incomincia con Peaceful Song, in cui si segnalano, oltre agli unisoni tra il basso e la batteria, anche un passaggio tra il basso elettrico e il clarinetto basso di Armando Puggioni e un solo di fretless decisamente molto melodico. Dall'augurio di una pace universale ad un luogo cui Diego Imparato è molto legato: Vomero (nome di una delle colline della città Napoli Nda). Qui, siamo in presenza di una fusion latineggiante con un ritmo in 7. Ottime le esecuzioni di Antonio Onorato, Gianfranco Campagnoli e Gianluca Brugnano.

"Il tema di Grey Sky l'ho scritto a 18 anni, ma solo oggi sono riuscito a dargli una forma compiuta." (Diego Imparato). Si tratta di un pezzo molto descrittivo ed è anche l'unico brano in cui viene suonato il contrabbasso. Da segnalare l'intro di Luca Gianquitto e il solo di Francesco Villani al Rhodes. In Always with you, ballad dall'andamento affine a quello del walzer, è estremamente riconoscibile lo stile chitarristico di Antonio Onorato. Da menzionare anche il solo di flicorno Gianfranco Campagnoli. I brani più cinematografici in assoluto sono gli ultimi due. Il primo, intitolato Sunset in 70's e ispirato al celebre Sunset Boulevard di Los Angeles, vede un Vincenzo Danise in splendida forma e in grado di eseguire un solo su un tappeto ritmico decisamente complesso. Il secondo, On the highway, è caratterizzato da un'incredibile immediatezza dell'ascolto e da un solo di basso elettrico a sei corde.

Consigliato a chi ha nostalgia dei "magnifici anni '70" (sperando che Gianni Minà mi perdonerà la perifrasi), a chi vuole conoscere il futuro del jazz napoletano e, soprattutto, a chi ama viaggiare. Difficile, del resto, trovare una colonna sonora migliore.
Massimiliano Cerreto per Jazzitalia







Articoli correlati:
28/04/2013

Angelus (Antonio Onorato)- Francesco Favano

31/03/2013

Talkin' About Mr Green (Carlo Ditta Trio)- Francesco Favano

02/09/2012

Jazz Tales (Carlo Mezzanotte Jazz Quartet) - Francesco Favano

03/07/2011

Breathing (Antonio Onorato)- Gennaro Pasquariello

05/12/2010

Charles & Joe (Gianluca Renzi All Stars Orchestra)- Elide Di Duca

09/05/2010

Emmanuel (Antonio Onorato)- Rossella Del Grande

06/06/2009

Double Exposure (Riccardo Fassi Quartet)

24/11/2008

A French Man in New York (Kekko Fornarelli)

30/10/2008

Panta Rei (Roberto Spadoni Nine )

16/08/2008

Third (Pippo Matino Band)

15/08/2008

Tell me the story (Solarino / Manzi QuartetQuintet)

15/08/2008

Un Lungo Viaggio (Gianluca Caporale)

20/03/2008

Tudo Azul (Antonio Onorato)

03/02/2008

Sound Advice (Andy Gravish, Luca Mannutza and Sound Advice)

22/10/2007

Speakin' 4 (Mandolini - De Federicis - Pesaresi - Desiderio)

23/04/2007

Be-bop buffet (Simone Zanchini - Frank Marocco)

10/03/2007

Lode 4 Joe (Max Ionata - Luca Mannutza)

17/12/2006

Trem Azul (Trem Azul)

31/10/2006

Portrait En Jazz Mediterraneen (Osvaldo Di Dio/Vincenzi Virgilito/Antonio Fusco )

14/10/2006

Double Rainbow (Rosalba Lazzarotto)

14/10/2006

I Can Fly (Gianluca Brugnano)

14/09/2006

Isole Lontane (Giuseppe Spagnoli)

08/06/2006

Mare Mosso (Bosso - Mannutza - Muresu - Volpe)

04/06/2006

Three-Dimensional (Gianluca Lucantonio Quartet)

03/05/2006

Don't Stop You Mind (Gianluca Renzi)

02/04/2006

Bends (Renzo Ruggieri)

25/09/2005

Plays the music of Sting (Angelo Canelli)

02/09/2005

Circular Thought (Kekko Fornarelli)

16/07/2005

The Voice Within (Fabio Morgera)

21/06/2005

Let Me Tell You... (Rita Cervellati)

02/04/2005

On a Misty Night (Francesco Palmitessa)

03/03/2005

Under Costruction (Furio Di Castri - Gianluca Petrella)

20/02/2005

Misconception (Ted Hogarth Collective)

20/12/2004

Faro (Terre di Mezzo Quartet)

31/07/2004

Together (Tres + Fabrizio Bosso)

24/04/2004

Looking for the right line (Gianluca Renzi)

24/04/2004

Ensemble (Lutte Berg)

22/04/2004

Conversation with a Big Man (Gianluca Esposito)

18/04/2004

Jazz Napoletano (Antonio Onorato)

15/02/2004

Mirto (Angelo Lazzeri Quartetto)

11/01/2004

Archivi Sonori (Maurizio Rolli)

28/12/2003

Napolitanìa (Aldo Vigorito)

24/08/2003

The Insider (Jim Gailloreto)

29/03/2003

Ricercando (Cristiano Arcelli)

29/03/2003

Jungle Trane (Daniele Tittarelli)

08/11/2002

Homage to Wayne Shorter (Ondina Sannino, Riccardo Distasi)

03/11/2002

Tonalità naturali (Alessandro Di Liberto)

03/11/2002

Spaghetti Time (Renzo Ruggieri)

26/09/2002

Tramburger Blues (Luca Alciati)

22/06/2002

Hand down jazz in Naples. I 3 chitarristi partenopei Pietro Condorelli, Antonio Onorato e Aldo Farias propongono un eccellente ensemble

25/04/2002

Moodswings tributo a Jaco Pastorius da parte di Maurizio Rolli con la A.M.P. Big Band.

28/03/2002

L'amo, CD d'esordio di Claudio Canzano con note di MAssimo Manzi.

23/12/2001

Di Terra di Cristiano Arcelli per la Wide Sound

18/12/2001

Double Face il CD del chitarrista Mauro De Federicis dalla...doppia faccia. (Wide Sound)

18/12/2001

Little Groove il CD di esordio del sassofonista Gianluca Esposito (Wide Sound)

30/11/2000

Accordion Voyage di Renzo Ruggieri





Video:
Quisisana Jazz Events 2010 Part2.mov
Quisisana JAZZ Events 2010 - Direzione Artistica Peppe De RosaPeppe De Rosa GroupGerardo Di Lella Bigband guest star Bob Mintzer (leader degli yellow ...
inserito il 13/10/2010  da totoderosafilmmaker - visualizzazioni: 3879


Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 3.565 volte
Data pubblicazione: 14/07/2006

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti