Jazzitalia - Claudio Guida - Massimo Testa One Plus One: Platform One
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

McCoy Tyner, icona del pianismo e del jazz, se ne è andato. Aveva 81 anni. .

Arriva a Roma dal 4 al 27 marzo "Inspirational Women": 27 artiste per la grande rassegna che unisce musica. Una grande rassegna che mette in scena valori, energie e storie ispiranti.

Ottava edizione del Torino Jazz Festival, un omaggio al jazz in tutte le sue declinazioni espressive. In cartellone, insieme ai grandi nomi internazionali, artisti di ricerca ed eccellenze del territorio. .

Grace DB lancia "Donna 3.0": Il suo primo album d'esordio parla del ruolo della donna nella società contemporanea, di scelte personali ed equilibri che si trasformano.

New Echoes. Rassegna di Nuova Musica Svizzera a Venezia (4a edizione) con realtà musicali che si muovono attorno ai linguaggi contemporanei del jazz, della ricerca multidisciplinare, dell'indie-rock e dell'elettronica..

Prospettive Sonore a Foggia: 5 eventi di Jazz Crossover, progetti inediti e di ricerca con, tra gli altri, Roberto Ottaviano, Tom Kirkpatrick e Brian Charette..

Addio a Giorgia Mileto, Con grande dolore apprendiamo della scomparsa della responsabile ufficio stampa del Saint Louis College of Music di Roma e di vari festival internazionali della capitale. .

Vic Juris, chitarrista jazz, noto soprattutto per il suo importante ruolo nella band di Dave Liebman, è mancato il 31 dicembre 2019. Era ricoverato al St. Barnabas Medical Center di Livingston, New Jersey..

Musica, poesia, racconti e tanto altro per la V Edizione di Case Ospitanti a Matera, una suggestiva iniziativa che riempie la città di cultura e di conviviale stare insieme..

E' morto Mario Guidi, uno dei più illuminati manager del mondo del jazz, padre del pianista Giovanni e titolare della MGM Produzioni Musicali, agenzia tra le migliori e serie a livello internazionale.

Bergamo Jazz: Maria Pia De Vito firma l'edizione del 2020 con un cartellone che rende la manifestazione tra le migliori per respiro e profondità a livello europeo.

Pianisti di altri mondi, 7 + 1 concerti dal jazz alle sonorità contemporanee. Tornano a Milano i concerti delle domeniche mattina in una rassegna ideata da Gianni Morelenbaum Gualberto in collaborazione con la Società del Quartetto di Milano e il Teatro Franco Parenti.

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Umbria Jazz Winter 2019: Cinque giorni di musica da mezzogiorno alle ore piccole, novanta eventi, sette location nel centro storico di Orvieto, trenta band, più di centocinquanta musicisti, una rappresentanza di altissimo livello del jazz italiano. .

Songwriting Camp. Il Saint Louis sostiene le idee di giovani artisti, musicisti e cantautori con un corso gratuito e a numero chiuso realizzato con il sostegno del MiBAC e di SIAE, nell'ambito del programma "Per Chi Crea"..

Sotto le stelle del Gianicolo, prosegue la terza edizione del Festival "GIANICOLO IN MUSICA 2019 con grandi protagonisti del Jazz.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

Storica decisione della ECM: la prestigiosa etichetta di Jazz e Musica Contemporanea rende l'intero catalogo disponibile in streaming sulle piattaforme digitali più diffuse.

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            ALESSI Piero (batteria)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            DILIBERTO Silvana (voce)
            DIMONTE Pippi (contrabbasso)
            FINOCCHIARO Franco (contrabbasso)
            GAETA Walter (pianoforte)
            INDRA (gruppo)
            LAVIANO Alfredo (batteria e percussioni)
            LEOFREDDI Antonio (viola)
            MAZZA Giovambattista (chitarra)
            MECENERO Maurizio (chitarra)
            RICCIU Daniele (sax)
            RIVA Marco (polistrumentista)
            ROBERTO Davide (percussioni)
            SILVA JOLY Raquel (chitarra)
            THE JIM DANDIES (gruppo)
Claudio Guida - Massimo Testa One Plus One
Platform One



denrecords.eu (2012)

1. Steps
2. Three secrets of a view
3. Monky Tonky
4. Saxobit
5. Norwegian mood
6. Michael's present
7. Promenade
8. Dub over
9. No sad title found
10. Liquid
11. Eclipse

Claudio Guida - saxophones & electronics
Marcello Testa - double bass.& electronics




Nelle note di copertina Claudio Lugo consiglia di prestare attenzione al "suono puro, concreto, fisico.." dei due musicisti più che ad altri elementi del loro linguaggio. In effetti questa raccomandazione si pone un po' in controtendenza durante l'ascolto del cd, poiché risaltano altri aspetti a determinare l'incisione. A cominciare dall'amore per la melodia di sapore folk-jazz vagamente spagnoleggiante di "Steps". A rinforzare il parallelo, in questo caso, provvede il contrabbasso di Marcello Testa con un fraseggio e un approccio che ricordano il modo di procedere di Charlie Haden, perlomeno nel lirismo secco con cui porge le note. In "Three secrets of a view", poi, si manifesta un uso competente dell'elettronica. Il sax arriva a somigliare ad una chitarra dotata di distorsore, ma il contesto è lontano dal rock o dalla fusion. Il basso archettato vira il pezzo, ad un certo punto, su un tema intriso di malinconia che il partner esegue a ruota con un effetto eco. Cambio di scena con "Monky Tonky", brano impregnato di swing, almeno inizialmente. A metà strada Claudio Guida si produce in un solo severo e piuttosto essenziale, dove il motivo è solo accennato e poi si procede per addizioni successive di variazioni tematiche e armoniche, ma con parsimonia. Il ritorno della formazione al completo ribalta il duo in un finale monkyano, citazione di refrain compreso. In "Saxobit" dopo un riff ossessivo del basso, ottenuto con una loop station probabilmente, la voce sovraincisa di più sax si sente in secondo piano, soffocata da una coltre di matrice elettronica. In "Norwegian mood", arguto gioco di parole sulla beatlesiana "Norwegian wood" si respira un'aria da Rainbow Studio di Oslo, il tempio delle registrazioni ECM. Qui il soprano si ispira al modello Jan Garbarek, storico collaboratore della casa tedesca e l'atmosfera in generale è vicina al target tipico dei dischi licenziati da Manfred Eicher, ma con qualche adattamento personale. "Michael's present" è una ripresa in puro stile cool jazz, rilassata e tesa in maniera adeguata. "Promenade" vede protagonista il suono dolente del sax soprano, che gira intorno ad un tema in modo essenziale e puntiglioso. E' un breve intermezzo funkeggiante, invece, "Dub over", anche se il titolo richiama un altro tipo di rimando. Si ritorna ad una melodia ben strutturata con "No bad title found" con Guida che fa cantare il suo sassofono con forza e sentimento. Testa, da parte sua, non è da meno nell'abilità con cui ricava uno spazio dove può ribadire il motivo con sentito afflato emotivo. "Liquid" è breve, ma nervosa e accidentata: i due si confrontano e scontrano trovando, comunque, giusti equilibri. Con "Eclipse" si concludono le tracce e, dopo un inizio proiettato apparentemente nello spazio intergalattico, c'è modo di apprezzare un'idea melodica, a cui succede un pregevole solo di basso punteggiato dal rumore di passi. Subito dopo si parte in coppia, ma per un Sudamerica (vero o inventato) con i ritmi latini a ipotizzare l'intenzione di fare festa....

Il disco ha molte sfaccettature e, in fin dei conti, ha delle ragioni Lugo quando mette in evidenza la cura meticolosa del suono e del timbro come momento unificante di tante modalità e riappropriazioni diverse, magari contrastanti di questo cd. Anche la qualità dell'incisione è eccellente. Non ci resta che "sdraiarci supini con il capo tra le fonti sonore", come ci suggerisce il musicista genovese e abbandonarci a questo flusso di musica, tanto varia quanto ben caratterizzata. Non si resterà delusi.

Gianni Montano per Jazzitalia







Articoli correlati:
01/09/2019

from the Alvin Curran Fakebook - The Biella Sessions (Curran - Schiaffini - C. Neto - Armaroli)- Gianni Montano

11/09/2011

Prayer And Request (Sergio Armaroli Axis Quartet)- Gennaro Pasquariello

22/11/2009

Not Really Jazz (Marcello Testa Trio)- Stefano Ferrian

21/11/2009

Intervista a Claudio Guida: "...per fortuna ho sempre avuto voglia di approfondire tutto quello che c'è dietro la parola "musica" e il sax è stato il mezzo principale per farlo." (Stefano Ferrian)

23/11/2008

An Ordinary Week (Marcello Testa Trio)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.349 volte
Data pubblicazione: 29/12/2012

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti