Jazzitalia - Anders Bergcrantz : About Time
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Stunt Records 2007
Anders Bergcrantz
About Time


1. Dedication
2. Pavo
3. That's nice, don't stop
4. Chief sitting bull
5. About time
6. While my horn gently weeps
7. Cochise
8. solo/duo ad libitum
9. Runeberg

Anders Bergcrantz - tromba, filicorno
Vincent Nilsson - trombone, basso
Jacob Karlzon - pianoforte
Lasse Lundstrom - basso
Lennart Gruvstedt - batteria





N
on c'è che dire: Anders Bergcrantz ha una marcia in più. Un valore aggiunto dato dalla sua corposa esperienza, dato dall'aria sincopata respirata in famiglia (padre e fratelli sono valenti jazzisti), ma soprattutto da un autoconsistente genio compositivo ed una particolare abilità interpretativa.

About Time è iridescente, solido, ben suonato, oculatamente muscolare. Uno spazio europeo nel seducente sound newyorkese che attraversa visioni armoniche allargate.
Nove composizioni orginali, quasi tutte a firma del trombettista di Malmo che, in due pagine, è affiancato da Karlzon e Gruvstedt, prima (About Time) e Nilsson, poi (Solo/duo ad libitum). Il climax si respira in ogni singolo brano, nelle rifiniture ed i voli sugli ottantotto tasti di Karlzon, mai squadrato, ma sempre pronto a gestire i flussi sonori e a rendere vivide le articolazioni dei fiati (Dedication) o ad impregnare di "classico" con tocco tristaniano (Pavo).

Bergcrantz suona "moderno" e con un tocco spiccatamente ritmico, supportato da una backline dall'intenso groove, ispirata ed elegante (le accelerazioni di Chief sitting bull e di Cochise, sono epifanici esempi).

In Bergcrantz serpeggiano Miles, Morgan, Hubbard, solo in trasparenza, quasi obliquamente. Il suo timbro è personale, scevro da fanciullesche imitazioni: un eloquio misurato ma incisivo. Il combo è assolutamente integrato, i cinque musicisti si trovano senza affanno; ed anche Nilsson emerge per intensità e virtuosismo, sia in umbratile periodare che nei dialoghi con Bergrcrantz (Solo/Duo ad libitum)

Un lavoro gustoso e ottimamente strutturato.

Alceste Ayroldi per Jazzitalia







Articoli correlati:
27/08/2017

Soulfully Yours (Anders Bergcrantz)- Alceste Ayroldi

03/01/2016

The Painter (Anders Bergcrantz Quartet & Norrlandsoperan Symphony Orchestra plays the music of Anna Lena Laurin)- Alceste Ayroldi

27/04/2014

JK3 ovvero Jacob Karlzon Trio: il meglio del crossover contemporaneo in scena a Essen: "...a prescindere da qualsiasi gusto personale sulla musica, questi tre signori la sanno veramente suonare con elegante perfezione, raggiungendo una, strana a definirsi, "semplicità complessa"..." (Monica Mazzitelli)







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.415 volte
Data pubblicazione: 14/03/2009

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti