Jazzitalia - Tigran: A Fable
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Edizione Speciale, il nuovo album di Enrico Rava.

Si è spento all'età di 95 anni la grande icona della chitarra jazz Franco Cerri..

Annunciato il San Severo Winter Jazz Festival 2021, 7 concerti internazionali dal 29 ottobre al 1 aprile 2022..

Pubblicato "The Rising Sun" il nuovo e quarto album del chitarrista modern jazz Fabrizio Savino.

ECM: le novità in uscita della prestigiosa casa discografica tedesca. .

Open Day del Saint Louis Music School dedicato al Master in I livello in Music Business & Management. .

Al via il Premio Rota 2021. Un'edizione dove accanto alla consegna dei riconoscimenti vi sarà tanta musica dal vivo. .

Morto Don Marquis (4 maggio 1933 - 29 luglio 2021) indimenticabile storico del jazz e autore del volume “In search of Buddy Bolden: first man of jazz".

Ciao Paolo, musica e Jazzitalia in lutto per la scomparsa del sassofonista Pietro Paolo Mannelli. Aveva 84 anni..

Disponibile dal 2 dicembre per Adda Editore il libro "Paolo Lepore e la Jazz Studio Orchestra" curato da Alceste Ayroldi.

Pubblicato "Bass Way", il nuovo Metodo Didattico per contrabbasso classico e jazz di Marcello Sebastiani..

Esce Pentatonic Pyromania di Mimmo Langella, un manuale per arricchire tecniche e fraseggio per chitarra in ambito Pop, Rock, Jazz e Fusion.

Pubblicato un nuovo testo da Antonio Ongarello dedicato a Scott Joplin: "10 Rags for Jazz Guitar" (trascrizione di "The Enterteiner").

"The Great 78 Project", digitalizzate 25mila vecchie registrazioni, rese gratuite per il download.

Ultimi aggiunti:

            ADJÀ QUINTET (gruppo)
            BELLADELLI Antonio (voce e contrabbasso)
            BLASIOLI Simone (sax)
            CAGNETTA Mariangela (voce)
            CAPPI Andrea (piano, tastiere)
            CAPRARESE Cristian (pianoforte)
            CASSARA' Elio (chitarra)
            CRISPINO Luca (chitarra)
            CRISTOFARO Gaetano (sax e clarinetto)
            CUOCO Ramon (tromba)
            GADDI Piero (pianoforte)
            GHIDONI Davide (tromba)
            INDRA (gruppo)
            LEPORE Fabio (voce)
            MAZZA Cristina (sax)
            ROSSINI Giorgio (voce)
            TATONE Angelo (chitarra)
            VARAVALLO Luca (contrabbasso)
Tigran
A Fable



Verve (2011)

1. Rain Shadow 1’36
2. What the waves brought 6’32
3. The Spinners 3’00
4. Illusion 1’31
5. Samsara 5’36
6. Longing 5’08
7. Carnaval 2’47
8. The legend of the moon 5’34
9. Someday my prince will come 3’42
10. Kakavik (the little partridge) 5’57
11. A memory that become a dream 2’40
12. A fable 5’08
13. Mother, where are you? 2’26

Tigran Hamasyan - piano, voce

 


Tra i molti giovani musicisti che si affacciano alla ribalta, Tigran Hamasyan, classe 1987, ascoltato dal vivo quest'estate immersi nel parco di Villa Farsetti a S.Maria di Sala (VE), è forse colui che ci ha maggiormente convinto e impressionato per una sicurezza ed un bagaglio di idee che, spesso, vengono meno perfino in un musicista ed autore maturo e affermato. Nel disco, il quarto ma il primo in veste di solista, su tredici brani, ben nove appartengono alla sua scrittura. Il legame con la terra d'origine, l'Armenia, dalla quale a 16 anni partì assieme alla famiglia per gli Stati Uniti, continua nell'interesse per i canti popolari e religiosi della tradizione e per Georges Gurdjieff (ca.1866-1949), una delle maggiori figure spirituali del secolo scorso, nato come Tigran a Gyumri. Di lui nel disco esegue con vigore "The Spinners", un tema semplice, serio e delicato che si sviluppa con maestosità in un crescendo sonoro dinamico. Nel suo pianismo scorgiamo echi romantici di fine XIX e inizio XX secolo - si pensi ai francesi Erik Satie (1866-1935) e Claude Debussy (1862-1918) - che si manifestano nei due brevi schizzi "Rain Shadow" ed "Illusion". Il legame con la terra natale continua in "Kakavik", la piccola pernice, un canto popolare tra i molti collezionati da Komitas Vardapet (1869-1935), il prete e musicologo che valorizzò la musica liturgica della chiesa armena, trovandone le radici nel folklore e che è stato riscoperto dall'Hilliard Ensemble in "Officium Novum" (ECM). Dolcissima, simile ad una ipnotica ninna nanna è "Longing". Qui Tigran mette in musica e canta alcune liriche del poeta Hovhannes Tumanyan. Il pianista ci ricorda la vocalità di Pedro Aznar (polistrumentista per un periodo nel Pat Metheny Group), in "Carnaval" e in "The legend of the moon", che dopo un lento ed oscuro inizio cresce in vigore e volume per concludersi in un dissolvimento ad libitum alla maniera dell'esordio. Tigran rivisita con rispetto uno standard plurinterpretato come "Someday My Prince Will Come", dandogli nuova linfa. In "A memory that becomes a dream" il pensiero va ad un qualcosa così lontano nel tempo, che non si è sicuri se sia davvero accaduto. La scaletta si conclude con un inno religioso medievale armeno, "Mother, where are you?", in cui sentiamo l'amore e, chissà, la nostalgia per una terra che ha dovuto soffrire per un tempo troppo lungo.

Un bel disco, da assaporare ascolto dopo ascolto e di cui scopriamo in ogni traccia delle cose nuove. Il risultato è che non ci si stanca di inserirlo nel lettore, poiché è in grado di diffondere una freschezza che sembra non dover finire. Last but not least: per chi fosse interessato ad ascoltare qualcosa di più di Gurdjieff, segnaliamo una recente uscita ECM: The Gurdjieff folk instruments ensemble, "Music of Georges Gurdjieff".

Giovanni Greto per Jazzitalia







Articoli correlati:
24/06/2018

Correggio Jazz 2018: "Un programma basato sulle produzioni più innovative della musica improvvisata italiana dando spazio anche a ospiti internazionali di alto livello, scelti impostando un indirizzo o un minimo comun denominatore" (Aldo Gianolio)

09/07/2017

Requiem (Tigran Mansurian)- Alceste Ayroldi

02/05/2016

Jdid (Karim Ziad)- Enzo Fugaldi

25/08/2013

Tigran Hamasyan "A Fable": "...un pianismo delicato, malinconico, a volte strappalacrime, algido ed elegiaco, che ha mantenuto la platea in un religioso silenzio, interrotto soltanto da uno scroscio d'applausi alla fine di ogni brano." (Giovanni Greto)

18/08/2012

Liberetto (Lars Danielsson) - Alceste Ayroldi







Inserisci un commento


Questa pagina è stata visitata 1.306 volte
Data pubblicazione: 10/03/2012

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti