Jazzitalia - Omar Sosa: Afreecanos
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Otà Records 2008
Omar Sosa
Afreecanos


1. Prologo
2. Ollù
3. Nene La Kanou
4. Yeye Moro
5. Babalada
6. Light in the Sky
7. D'Son
8. Tres Negros
9. Mon Yalala
10. Tumborum
11. Why Angà?

Omar Sosa - piano, fender rhodes, vibrafono, marimba, percussioni
Julio Barreto - batteria
Childo Tomas - basso elettrico, kalimba
Stephane Belmondo - tromba, filicorno
Leandro Saint-Hill - flauto, sax alto
Lionel Belmondo - bamboo flute
Christophe 'disco'minck - ngoni, kamalengoni, sitar
Mola Sylla - voce, bamboo flute, xalam, kongoman, calebasse
Baba Sissoko - ngoni, talking drum
Mamani Keita - voce
Jorge Alabe - voce, rum, rumpi, agogo
Graca Onasile - voce
Làzaro Galarraga - voce, batà
Fanta Cissoko - voce
Oreste Vilato - timbales
Bill Ortiz - tromba
Michael Spiro - batà
Ali Wague - tambin
Ali Bouto Santo - kora
Mohamed Soulimane - violino
Oussenyou Piagne Epa - piano drum, zabar, dun dun

 





V
entuno elementi di particolare valore provenienti da diverse etnie. Mozambico, Brasile, Mali, Senegal, Marocco, USA, Francia, Guinea e, ovviamente, Cuba, terra natia del leader, polistrumentista dalle venate influenze monkiane. Musicisti accomunati da una sola immensa radice, da un solo colore e da mille rivoli sonori: l'Africa. Un lavoro in cui convergono tutti gli elementi della Natura ad evocare un animismo ancestrale. Un crogiolo in cui è racchiusa la storia, il senso ed il sentimento della "musica nera", la centralità del rapporto corpo-musica e l'energia vitale della dimensione religiosa che il suono ha per Madre Africa.

Undici brani caratterizzati da temi incalzanti che sembrano disporre di un respiro unico.

Omar Sosa funge da condottiero di un'orchestra policroma, alternando piano, fender, vibrafono, marimba (suo primo amore strumentale) e percussioni. Esplora, ancor di più, le radici della musica africana, senza preconcetti ma, da grande virtuoso, scandagliando tutti gli aspetti multiculturali del "continente nero".

Ogni singolo brano è un excursus storico bifronte. Storie nella Storia del Mondo, attraverso le parole, i segni e gli strumenti. Il panismo di Sosa è impressionistico (Nene La Kanou), mirato e consistente (Babalada). E' impregnato delle valenze timbriche cubane (D' Son) o delle concezioni blues (Ollù).

Un'opera di sicuro impatto, particolarmente elaborata. E forse questa è la sua unica pecca, aver ecceduto nelle ricerca della perfezione tanto da lasciar cadere l'elemento primario della musica afroamericana: l'improvvisazione.
Alceste Ayroldi per Jazzitalia







Articoli correlati:
24/06/2018

Correggio Jazz 2018: "Un programma basato sulle produzioni più innovative della musica improvvisata italiana dando spazio anche a ospiti internazionali di alto livello, scelti impostando un indirizzo o un minimo comun denominatore" (Aldo Gianolio)

31/08/2014

Nadzuti (Ivan Mazuze)- Nicola Barin

14/08/2013

Umbria Jazz 2013 - 40th Anniversary: Umbria Jazz 2013 40th Anniversary: "Tra l'algida Krall, i capricci di Jarrett e gli affollati concerti border-line, spiccano i duo Garbarek-Gurtu, Fresu-Sosa e Mirabassi-Castaneda". (Daniela Floris)

23/07/2013

Eggun (Omar Sosa)- Alceste Ayroldi

12/05/2013

Jazz Groove Ia Parte : Lo "stile contrassegnato dal ritmo" di Omar Sosa, il "dissacrante" Marc Ribot Ceramic Dog, il "pianismo percussivo, a tratti free" del New Quintet di Giovanni Guidi. (Giovanni Greto)

30/04/2012

Due concerti per pianoforte e tromba completamente diversi nella rassegna dei comuni del miranese "Ubi Jazz". (Giovanni Greto)

06/11/2011

Calma (Omar Sosa)- Gianni Montano

01/11/2010

Intervista con Omar Sosa: Pianista, percussionista e compositore cubano, intesse la filosofia sonora dei suoi ensemble e dei suoi piano-solo mutuati dalle radici africane, a quelle della sua terra di origine. In questo incontro: il "guru" Monk, il vino per il progetto con la Big Band, la religiosità afrocubana, la voglia di cambiare il mondo attraverso la propria musica, il suo rapporto con l'Italia...(Maria Giovanna Barletta)

22/08/2010

Omar Sosa, Paolo Fresu e Trilok Gurtu al Locus Festival 2010: "...un esperimento di word music ed ethnojazz molto ben riuscito...è sembrato che il paese si fosse fermato per qualche ora ad ascoltare il ritmo e i suoni del mondo. A Locorotondo è stata di scena la Musica senza confini." (Cristiano Ragone)

26/12/2009

Mulatos (Omar Sosa)- Gianni B. Montano

04/07/2009

Omar Sosa, "Musica ai Frari: "...il concerto fila via liscio per quasi ottanta minuti. Sosa esegue senza fermarsi dieci brani più due bis, prima dei quali dichiara che, fosse per lui, in un contesto simile e senza amplificazione di sorta, andrebbe avanti a suonare tutta la notte." (Giovanni Greto)

29/10/2006

Omar Sosa, Favata - Di Bonaventura - Gandhi, Enrico Rava con la New Generation dal DiVino Jazz Festival (Francesco Truono)

12/02/2006

Jazz & Wine of Peace, 8a edizione del prestigioso festival di Cormons con, tra gli altri, artisti del calibro di Dave Holland, Dave Liebman, Omar Sosa, Dave Douglas... (Giovanni Greto)

02/02/2006

Nuova gallery con le foto tratte da Jazz and Wine of Peace 2005 di Cormòns (Eleonora Viviani)

12/12/2005

Ritratti di Omar Sosa e Charlie Haden (Ziga Koritnik)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 3.166 volte
Data pubblicazione: 19/03/2008

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti