Jazzitalia - Romano, Sclavis, Texier, Le Querrec: African Flashback
versione italiana english version
 
NEWS
Bookmark and Share Jazzitalia Facebook Page Jazzitalia Twitter Page Feed RSS by Jazzitalia - Comunicati Feed RSS by Jazzitalia - Agenda delle novit�

Romano, Sclavis, Texier, Le Querrec
African Flashback


1. Berbere - 4:39
2. Derriere le sable - 3:51
3. Harvest - 2:26
4. Entre Chien et Loup - 2:33
5. Three Children - 4:02
6. African Panther - 2:21
7. Surreal Politik - 5:39
8. Viso di donna - 3:39
9. Fo lion - 5:20
10. Le long du temps - 5:20
11. 55 Wheels - 4:36
12. Look To The Vobis - 4:32
13. Dieu n'exist pas - 4:13

Aldo Romano - batteria, chitarra
Louis Sclavis - clarinetto, sax soprano
Henri Texier - contrabbasso
Guy Le Querrec - Leica





Non saremo pochi, fra critici, fotografi ed addetti del settore a nutrire un benevolo sentimento di invidia per il fotografo francese Guy Le Querrec, dell'agenzia Magnum, autore di una felice intuizione, quella di formare un gruppo insieme a tre musicisti apprezzati in tutto il mondo, Louis Sclavis, Aldo Romano e Henry Texier. Unire quindi la musica, il jazz, all'arte della fotografia ed ecco la sua prestigiosa Leica produrre immagini fonte d'ispirazione per i tre musicisti. I quattro partono insieme per un viaggio in Africa centrale nel 1990 e da quella esperienza nasce nel '95 un cofanetto Carnet de routes contenente un libretto di foto scattate durante il viaggio e un cd con musica scritta ed ispirata dallo stesso viaggio ma registrata in studio.

Nel 1993 l'esperienza ha una replica, anche se questa volta la meta è l'Africa occidentale e nel '99 il frutto di quella esperienza diventa Suite africane, ancora foto e musica. La trilogia si è chiusa (almeno credo) lo scorso anno con la pubblicazione di questo African Flashback, contenente ancora registrazioni in studio e foto tratte dalla preziosa collezione di istantanee scattate durante i tanti reportage che Le Querrec ha realizzato nel continente africano. Un' opera importante e permettetemi di dire, imperdibile, come già le due precedenti, che contiene musica e immagini in stretta relazione.

La dimensione delle foto penalizza il contenuto delle stesse che, in rigoroso ma tenue bianco e nero, documentano il continente africano nei suoi innumerevoli aspetti, mentre la musica impressa nel dischetto argentato può essere restituita all'ascoltatore in tutta la sua magnificenza. E se l'obbiettivo ha puntato le sue preziose lenti su luoghi e genti africane, la musica non poteva non essere il jazz, linguaggio evoluto e universale interpretato con amore, partecipazione, rispetto, fantasia da Romano, Sclavis e Texier in 13 composizioni originali, quattro a testa per Texier e Romano e cinque per Sclavis.

L'ascolto scivola nel tempo in un baleno perché la musica è snella, affascinante e coinvolgente, il clarinetto di Sclavis disegna piroette entusiasmanti in Berbère e Three children, diventa lirico in Harvest, Le long du temps e Dieu existe, va a ruota libera in Derrière le sable e African panther 69. La sezione ritmica è perfetta, risponde per le rime, è determinante e importante, Texier sale in cattedra traccia dopo traccia ribadendo a chi lo avesse dimenticato il passo fiero e sicuro del suo contrabbasso. Dialoga da par suo con la batteria di Romano, drummer dal lessico tipicamente europeo ma anche latino. La sua Viso di donna, dove mette da parte la il suo strumento principale per imbracciare una chitarra acustica, sembra scritta da uno chansonnier francese, mancano è vero le parole ma è ugualmente struggente e delicata. Romano è un musicista a suo agio in ogni situazione o condizione, figuriamoci accanto ai due francesi, con i quali ha gia suonato e con i quali condivide quell'attitudine tutta transalpina verso la musica jazz.

Tutte le selezioni musicali sono di gran pregio e African Flashback nel suo insieme di immagini e suoni è realmente un flashback culturale e musicale sul continente africano, la sua musica è naturalmente fruibile e godibile anche senza l'ausilio delle libretto di foto, perché suonata con un profondo trasporto e grande sensibilità, farne a meno è un peccato imperdonabile.
Giuseppe Mavilla per Jazzitalia







Articoli correlati:
19/05/2018

Piacenza Jazz Fest 2018 - XV Edizione: "Il Piacenza Jazz Fest, fiore all'occhiello per la città, ha compiuto quindici anni festeggiati nei migliori dei modi, con una edizione ricca, varia e di qualità." (Aldo Gianolio)

26/06/2017

Ida Lupino (Giovanni Guidi, Gianluca Petrella, Louis Sclavis, Gerald Cleaver)- Vincenzo Fugaldi

08/11/2015

Talos Festival 2015: "Il Talos edizione 2015 ha visto dei momenti nei quali l'arte dell'improvvisazione ha raggiunto livelli di creatività ineguagliabile." (Vincenzo Fugaldi)

21/07/2013

Vittoria Jazz Festival Music & Cerasuolo Wine: Il festival diretto da Francesco Cafiso continua con determinazione a mantenere alta la fiamma del jazz di qualità in Sicilia, alternando star internazionali, nuove proposte europee e validissimi talenti isolani. (Vincenzo Fugaldi)

06/06/2010

Jazz in Italy in The 40s (Quintetto del Delirio - Pippo Starnazza) - Marco Buttafuoco

14/03/2010

Origine (Aldo Romano) - Alceste Ayroldi

25/08/2009

Lost On The Way (Louis Sclavis)- Gianmichele Taormina

15/03/2009

Live at JazzBo 90 (Rava, Urbani, D'Andrea, Tommaso, Romano)

15/06/2008

A New Conversations - Vicenza Jazz 2008 si distingue, tra gli altri, Ariel, un pianista di soli dieci anni: "Se si ascolta e si guarda allo stesso tempo, puo' prevalere a volte la tenerezza e lo stupore per le capacita' tecniche di un bambino. Ma se si chiudono gli occhi si capisce che non c'e' alcuna differenza con un pianista maturo. Padronanza ritmica, gradevolezza melodica, capacita' improvvisativa e soprattutto di scrittura..." (Giovanni Greto)

15/04/2007

L'imparfait des langues (Louis Sclavis)

05/01/2007

JAZZin': a photografic story by Luca Buti

16/12/2006

Enrico Rava, Aldo Romano, Joey Baron, Henri Texier, Dado Moroni...dalla rassegna Jazz&Wine of Peace 2006 (Luca D'Agostino - Phocus Agency)

01/09/2006

Il Bizart Trio a Bari in Jazz: "Elevati livelli di fluidità e coesione, impianti ritmici che vanno oltre la tradizione, sapientemente disegnati da Aldo Romano che ha mantenuto costantemente il drumming su quote di alta raffinatezza e poesia." (Alceste Ayroldi)

09/08/2006

Chante (Aldo Romano)

26/03/2006

Michel Portal Quartet feat. Louis Sclavis allo IUC di Roma: "...da un lato l'ascoltatore viene catturato dall'estasi di una poliritmia che rimanda all'Africa e dall'altro è invitato a seguire il corso di melodie suadenti cullanti..." (Daniele Mastrangelo)

19/03/2006

So Right (Maria Pia De Vito)

17/01/2006

Gallery fotografica dal festival di Ljubljana dell'Henri Texier Strada Quintet (Ziga Koritnik)

11/08/2004

Il doppio concerto di chiusura di Terniinjazz 2004 ha visto protagonisti il Karl Berger Quartet ed il Louis Sclavis Quartet che hanno suonato immersi nel suggestivo paesaggio dell'anfiteatro romano all'interno del parco. (Fabio Pibiri)

02/04/2004

Gianluigi Trovesi Ottetto special guest Louis Sclavis: "...la contaminazione tra generi musicali così diversi non diventa mai provocazione sonora, anzi ogni brano sembra costruito in modo che l'amalgama non risulti mai forzata, né tanto meno kitsch..." (Dario Gentili)







Invia un commento


Questa pagina è stata visitata 3.667 volte
Data pubblicazione: 21/10/2007

Bookmark and Share



Home |  Articoli |  Comunicati |  Io C'ero |  Recensioni |  Eventi |  Lezioni |  Gallery |  Annunci
Artisti |  Saranno Famosi |  Newsletter |  Forum |  Cerca |  Links | Sondaggio |  Cont@tti